Home / Dolce  / Graffe Siciliane – Le cugine sicule del Krapfen

Graffe Siciliane – Le cugine sicule del Krapfen

Colpo di scena: Non è una ricetta di Halloween. Non gioirei fossi in voi però perchè ho giusto due cose in frigo che scalpitano per essere fotografate. Non è vero perchè sono belli tranquilli che sorseggiano the verde giapponese fresco ma la finzione scenica bloggereccia mi ha sempre affascinato. Insomma un post in coda da pubblicare, nulla di più. Due giorni fa sotto esplicita richiesta di una mia carissima amica mi sono cimentata nella realizzazione della Graffa. Graffa, versione sicilianizzata del Krapfen (ma anche del bombolone, bomba o ciambelline nel resto d’Italia) si differenzia per la consistenza della pasta e/o dell’eventuale ripieno ma da quel ceppo ciambellafrittagenealogica proviene senza alcun dubbio. La Graffa fa parte della vasta gamma dolciosa della colazione siciliana. Ricordo ancora lo sconcertato nippotorinese alle otto del mattino davanti la vetrina di un bar con voce flebile  domandare “ma un semplice cornetto vuoto c’è ? “. E il cornetto vuoto no in effetti ma ci sono: l’iris al cioccolato/crema/pistacchio, bomba crema/cioccolato, cornetto marmellata/pistacchio/nutella/cioccolato/crema/cioccolato bianco, panzerotto crema/cioccolato, raviola alla ricotta e dimenticherò di certo qualcosa. Occorrerebbe fare uno schema completo dell’imbarazzante gamma di prodotti dolci e salati. In Sicilia infatti esiste una  netta distinzione tra pasticceria, gelateria, caffetteria, rosticceria, tavola calda , forno e lievitati e solo il cielo sa cosa. Prometto a me stessa di stilare questo abominio di calorie ad imperitura memoria.

Tutto questo per dire che la Graffa è sacra e viene venerata. Verrebbe quasi da dire “come è giusto che sia”. Soffice da far paura tanto quanto le centinaia di calorie che albergano in ogni millimetro quadrato,  negli ultimi periodi la si trova anche ripiena di crema come il classico bombolone o cosparsa di nutella. L’irriducibile della graffa storcerà pure il naso davanti a cotanto coraggio nel profanare la tradizione ma la realtà è che sulla graffa anche una fetta di mortadella o uno stinco di maiale ci starebbe bene.

Credevo che la ricetta fosse molto più elaborata e che non sarei mai riuscita ad eguagliare neanche lontanamente questo sapore antico che appartiene ai ricordi di tutti i miei corregionali. Un po’ la paura che mi ha assillato durante la preparazione delle Rame di Napoli. Mi sono dovuta ricredere  perchè credo di non aver mai ricevuto tanti complimenti. Condivido quindi con molto piacere queste dosi regalatemi da una signora davvero speciale che conservo già nel Sacro Libro di Bodrum.

Gli ingredienti per 20/25 graffe di media grandezza sono: 500 grammi di farina manitoba, 350 grammi di patate lesse (già lesse eh), 180 ml di latte intero, 3 uova intere di media grandezza, 40 grammi di zucchero semolato, 70 grammi di strutto, 22 grammi di lievito di birra fresco, 2 scorze d’arancia, pochissima cannella e un pizzico di sale. Olio di semi per friggere e zucchero semolato per decorazioni finale.

Dentro una planetaria mettere le patate lesse precedentemente passate o schiacciate insieme a tutti gli ingredienti. Il lievito di birra verrà sciolto in pochissimo latte tiepido prima di finirci dentro. Impastare per almeno dieci minuti a velocità moderata fino a che il composto cominci ad amalgamarsi per bene. Non è un impasto omogeneo, anzi risulta piuttosto appiccicosiccio. Appiccicosiccio è il termine più tecnico che mi viene in mente. Continuare ad impastare per altri dieci minuti buoni ma questa volta a velocità leggermente più alta. Controllare infine se qualche pezzetto di patata non si sia amalgamato perfettamente e nel caso rimuoverlo ( io ho trovato uno scoglio patatoso di due chili ad esempio). Coprire la planetaria con un panno e lasciare riposare l’impasto per almeno 40 minuti. Trascorso il tempo organizzare il piano di lavoro stendendo la carta da forno e formare la classica forma a fiocchetto della Graffa come nella foto qui sopra o delle semplici ciambelline. Un’altra ora di riposo fino a che il volume delle singole graffe aumenti.

Friggere in olio di arachidi o semi bollente e rotolarlo nello zucchero semolato appena tolte dal fuoco. E implorare il perdono divino dopo averne mangiate almeno cinque. Vado ad occuparmi dei tuoi tizi che sorseggiano il the verde adesso.

Una che disegna, scrive, cucina e fotografa ma non fa bene nessuna della quattro cose.

Review overview
22 COMMENTS
  • Marta 28/10/2010

    No.
    queste no.

    lecco il monitor

    • maghettastreghetta 28/10/2010

      Capita spesso anche a me di avere contatti preoccupanti con il monitor. Di solito quando spuntano dolcetti orientali.
      Le graffe lusingate da cotanto interesse mi pregano di invitarti qui per farsi autosgranocchiare.
      *_*

  • Andrea 28/10/2010

    Non è giusto perchè sono in ufficio. Non è giusto Giulia.

  • Lisa 28/10/2010

    *_______* e sviene alla vista di tutto ciò……………………………………………

    • maghettastreghetta 28/10/2010

      gelato…
      GELATO…
      ge..
      la….to………..

      *mano sulla fronte. cade. ma non sopra la sua focaccina. cade alla sua sinistra lentamente per poi risvegliarsi con lei e magnarsi tre chili di gelato yeppppaaaaaaa

      ( cielo quanto siamo organizzate? )

  • vee 28/10/2010

    o-s-a-n-t-o-c-i-e-l-o OçO
    amo, letterlamente, tutto ciò che bombolosamente cimbelloso, te non puoi farmi questo >.> sappi che per la sottoscritta l’unica volta all’anno in cui posso (cioè voglio, e bramo) mangiare questi bombi è per la festa de l’unità u.u ORA, tu me li friggi davanti al naso enononono non si fa xD [e dopo aver avuto un problema con lo stomachino stamattina, ahh che colpo di grazia questo]
    *s’aggrega a marta e lecca il monitor *ç*

    • maghettastreghetta 29/10/2010

      forse era questo il commento *_*
      l’icsfileciambellosofritto è stato risolto dalle nostre due eroine Gi e Vee al vostro servizio *indossando una tutina fucsia con mantello giallo sobrio dorato

  • vee 28/10/2010

    Avevo scritto un commento, ma non so che fine abbia fatto O.o
    dicevo – sinteticamente – che non puoi friggermi ‘ste bombe di fronte al monitor..ecco, che son stata male con lo stomaco stamattina e ora gorgoglia come il mare in tempesta (perchè c’ha fame, giustappunto), poi non ricordo più cosa avevo scritto perciò lecco lo schermo, quà e addio XDD

    • maghettastreghetta 29/10/2010

      A volte anche me capita Vee di scrivere dei commenti particolarmente lunghi e di perderli nell’etere
      nel mio caso credo sia una censura dovuta perchè dopo un tot di idiozie il signor internet non regge. la rete cade. i neuroni esplodono. si perde tutto per salvare l’umanità.
      non nel tuo caso dove si sarà semplicemente verificato qualche intoppoipertecnologicoanoisconosciuto.
      ovviamente ucciderò qualcuno adesso per scaricare la rabbia .
      cosa stavo dicendo? ah sì.
      Prometto che durante la proiezione di Halloween 1 come ti dicevo nell’altropostlassù ti rimpinzerò di graffe con la nutella nei momenti più orrorififffffiiiiciiiii
      ( un bacione!)

  • sasetti 28/10/2010

    mi hai fatto venire l’acquolina in bocca!!! bastarda…..

  • MariO 28/10/2010

    mi vuoi sposare?

  • Claudia 28/10/2010

    o mamma…ma non vale così! Un motivo in più ai 100 che ho per andare in Sicilia!
    Slurp…

  • Carla 29/10/2010

    …. sto prenotando un volo….arrivoooooooo

    • maghettastreghetta 29/10/2010

      La domanda è : Sei la mia Carla spososa? *abbassando gli occhiali per vedere meglio ( ma io non ho gli occhiali vabbè)

      *corre in aeroporto con il nippotorinese con la banda sicula per accoglierla degnamente

  • Lookia72 06/11/2010

    Maghetta, Giulia, non so come dirtelo: sono ingrassata di mezzo chilo al solo leggere la ricetta: credi che dovrei anche farle? Sei bravizzima ecco. Scappo a rotolarmi nello zucchero semolato. Ecco

    • maghettastreghetta 06/11/2010

      Lookia *l’abbracciafortissimo*
      in effetti la graffa è leggermente (eufemismo) pesantuccia (uccia uccia) ma se si fanno piccolepiccolissime . SOlo per un assaggggino ino ino..
      potrebbero non essere nocive come quelle pallazze che vendono in giro.
      Roba che una è grande quanto il mio cranio.
      E giuro che il mio cranio è grande (non c’è nulla dentro ma è grande) . Ho una testaccia enorme. non sono certo mingherlinaminuta.
      Ma detto questo che non c’entra nulla.
      Io dico di sì.
      Se ti trovi una patata bollita avanzata dico che dovresti provarla perchè davvero è buona.
      Certo non può competere con quelle di pasticceria ma questa ricettina mi ha dato delle soddisfazioni e quella che l’hanno assaggiata sono rimasti piacevolmente colpiti.
      Fossimo vicine te la farei già adesso uffa
      Un bacio enorme.
      Posso rotolarmi nello zucchero semolato anche io ?

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi