Tiramigiù: il dolce immancabile per Halloween

Tiramigiù nelle tenebre

La ricetta è della pasticciera Valentina Gigli. Faccio questa versione ormai da decenni apportando qualche modifica e devo dire che non ho mai cambiato perché ha sempre riscosso un incredibile successo.

Ingredienti

500 grammi di mascarpone, 500 ml di panna da montare, 8 tuorli (ma anche meno senza problemi perché la versione principali ne prevedeva tanti), 120 grammi di zucchero semolato bianco, savoiardi, caffè quanto basta. Se non vuoi adoperare la panna, monta semplicemente gli albumi.

Monta a neve fermissima la panna che hai messo precedentemente in frigo. Conserva sempre in frigo mentre prepari il resto. Nella planetaria (io lo faccio così ma puoi usare uno sbattitore elettrico o olio di gomito) lavora i tuorli con lo zucchero e quando il composto sta montando aggiungi un pizzico di vaniglia (facoltativo)  e pian piano incorpora il mascarpone senza fare smontare il tutto. Una volta che hai ottenuto un composto denso e compatto tira fuori la panna montata dal frigo e incorpora con movimenti dal basso verso l’alto. Il composto risulterà bello compatto e omogeneo. Conserva in frigo prima di usarlo.
Inzuppa i savoiardi nel caffè.

Procedi adesso alla preparazione classica del tiramisù: Strato di crema sotto, strato di savoiardi inzuppati e ancora crema. Tra uno strato e l’altro una spolverata di cacao amaro in polvere.

Decorazioni

Per le decorazioni ho usato dei savoiardi a metà intinti nel fondente per fare le lapidi. E poi ho scritto Rip con la classica glassa. E degli Oreo per i pipistrelli: le ali del pipistrello sono Oreo a metà e gli occhietti di zucchero li trovi facilmente in commercio praticamente ovunque (altrimenti su amazon)

QUESTO POST È STATO PUBBLICATO IL: 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

Seguimi anche su Runlovers

Tutte le settimane mi trovi con una ricetta nuova dedicata a chi fa sport

MUST TRY