Panini con Marco (Porco Rosso)

Must Try

Paccheri, melanzana, feta e menta

Una ricetta facile, veloce e gustosissima. Il profumo della menta esaltata dalla melanzana fritta e l'invadenza perfetta della feta. Un primo piatto che ti stupirà.

La frolla con i fiori

I fiori si possono ammirare, coltivare, regalare e mangiare. Sì, esistono dei fiori eduli perfetti per zuppe, insalate e dolci sorprendenti.

Il poolish

Il poolish, altrimenti detto biga liquida, serve per consumare pochi grammi di lievito di birra. Un altro modo per consumare meno lievito e ottenere dei...

Torta al cioccolato vegana (la più buona since 2012!)

Era il 2012 quando per la prima volta pubblicavo questa ricetta sul Blog. Ne rimane traccia però solo un vecchio post che non ricordavo....
Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

La bambina, mentre i titoli di coda scorrevano, si è avvicinata con il suo cappottino di paillettes viola alla mamma poco più grande di lei ed infastidita ha sentenziato “fa schifo porco rosso. SCHIFO!”.

Alla genitrice non è rimasto altro che annuire abbassando la testolina insieme al tizio accanto che ingordo manco fosse il padre di Chihiro all’entrata della città incantata davanti ai ristoranti deserti aveva spazzolato qualcosa come tre pacchi di pop corn. Non che conti i pop corn altrui generalmente ma a quanto pare riesco a conteggiare le quantità secondo il rumore emesso. Avesse bevuto anche della coca cola avrei potuto fare lo stesso con i rutti vista l’eleganza ma sono stata miracolosamente risparmiata.

Seduti lì nelle orecchie io sentivo Hana Bi. Seduti lì nel cuore io avevo un dolore fortissimo. Seduti lì  ho dovuto chiedere conferma che davvero nei titoli di coda ci fosse la Mole Antonelliana e che non la stessi immaginando. Seduti lì. In quelle scritte incomprensibili che a lui apparivano chiare ho cominciato a leggere anche io.

La mia vita senza di lui sarebbe stata quella. Non avrei fatto indossare un cappottino di paillettes ad una povera infante ma. Non ci sarebbe stata come colonna sonora dei nostri giorni Hisaishi. Ed anche se Porco Rosso non sarebbe stato comunque solo un film d’animazione. Al ritorno a  casa sarebbe rimasto quello però. Ed invece è stato ascoltarne le note in macchina. Di come Pagot sia un omaggio a dei fumettisti italiani. Di come un Arturo Ferrarin sia realmente esistito. Di come sia stato stupido mettere la traduzione nei titoli di coda sulla parte sinistra.

Ci spintoniamo con il braccio alla scritta Ghibli sul motore e ci commuoviamo abbracciandoci leggendo su un sito americano che. Che all’  Hotel Adriano nella scena finale forse qualcosa di rosso c’è.  Ci confidiamo che vorremo una bimba che chieda un fazzolettino quando la scia bianca degli aviatori sale su. Per sempre. E non ci chieda di comprare le patatine proprio in quel momento. Ma che ancora e ancora voglia  sapere. Sognare. Che non voglia diventare una cantante, una ballerina come in High School Music o un’amica fesciòn di Patty. Che si innamori della cattiveria pulita di Cartis per dirne una.

Tornando a casa ricantando Creep, io come la vecchia che canta di Victor Victoria e lui in quel suo inglese perfetto, si è deciso di trascorrere il nostro ultimo giorno prima che del prossimo week end omaggiando la visione. Mentre preparavamo l’impasto se ne è parlato ancora. Del mio vegetarianesimo. Perché c’entra proprio lui. Il maiale.

Sin da piccola mi rifiutavo categoricamente di mangiare il pollo. Gli altri bimbi urlavano “voglio la coscia! A me la coscia!” ed io quasi ipnotizzata seguivo questi pezzi di carne girare per la tavola. Amavo però  il salame. Un no categorico riservato per la coscia del pollo, tacchino, cavallo e il coniglio. Poveri Animaletti. Ma il maiale no. Il maiale era buono. Un po’ di salame nel pane caldo sì. Il mio preferito. E ancora e ancora. Tutti  graziati tranne lui.

“Panino con il salame?” .” sì grazie”. Entusiasmo. “Pollo e patatine? “-” santo cielo no. Le patatine sì però “. Tristezza. E’ quando ti fai le domande più semplici che si risolve un arcano. “Ma perché rispetto tutti gli animali tranne il maiale?”. Ed è stata la stupida considerazione di un adolescente alla quale sorrido con tenerezza oggi ticchettando veloce perchè un altro capitolo del libro oggi deve finire. Deve, scritto a carattere lampeggianti.

E’ un Panino con Marco. E’ un panino con il salame perché Gina gli dice che “finirai come un maiale arrosto” . E non è vero che “un maiale che non vola è solo un maiale” perché anche se lo fosse, solo un maiale, non sarebbe certo da meno. E tra i fornelli raccontando di cosce,  di maiale, di come ci fosse un’imbarazzante somiglianza con Costanzo, di corde rosse di Dolls e con Hisaishi seduto sul frigorifero che muoveva le dita sui tasti è stata la nostra domenica. Quelle che a volte abbiamo dimenticato. Ma gli sbagli servono a ricordare ed io non dimenticherò più.

Va preparata ascoltando questa altrimenti non riesce. Non abbiamo seguito nessun tipo di ricetta perché troppo presi dalle chiacchiere. Seguivamo delle indicazioni su di un libruncolo vecchio e datato su impasti e roba lievitata ma.

La Ricetta

Ingredienti per almeno 15 panini media grandezza: 480 farina OO, 120 farina manitoba, 200 grammi di latte, 1 cucchiaino di zucchero, 1 cucchiaino di sale, 100 grammi di olio di girasole, 100 grammi di acqua. Cubetti di salame (a piacere), 1 bustina di lievito (oppure un cubetto da 25 grammi di lievito di birra. Io avevo quello secco di Mastro Fornaio e domenica sera troppa poca voglia di uscire dopo essere rincasata dal cinema). 1 Tuorlo per spennellare la superficie dei panini.

Ho infilato tutto nella planetaria (e buonanotte. Sottotitolo), complice il lievito secco che non necessita di altro e fatto impastare a velocità moderata per almeno cinque minuti, preoccupandomi solo di inserire il latte e l’acqua a filo mentre il tutto giravagiravagirava. Messo a riposare per un’oretta e poi rimpastato ma questa volta aggiungendo i cubetti di Marco ahem. I cubetti di salame. Riposare per un’altra oretta (in teoria eh! perchè dandomi della scema l’ho infilato nel forno con la funzione “lievitazione” che dimentico sempre) e procedere alla realizzazione dei panini che andranno poi spennellati con il tuorlo e infilati nel forno a 200 gradi per almeno trenta  minuti ma dipende chiaramente dal forno.

E da Marco. Perchè lo si potrebbe pure risparmiare. Libera anche tu un salame! Libera anche tu un salame lasciandolo in un giardino pubblico. Lui volerà da solo verso l’Hotel Adriano. Perchè come sia andata la scommessa rimane un segreto lo so ma non si sa mai che si possa essere complici di un’inizio. Di una storia d’amore. Perchè non bisogna mai sottovalutare un maiale. Mai.

Vado a liberare un salame e un panino prima di cominciare seriamente a lavorare, ecco.

Forse potrebbe interessarti leggere...

28 COMMENTS

    • Ciao Francesco !
      Grazie !
      Puoi chiedermi quello che vuoi senza problemi.
      Allora io non sono una fotografa ma mi diletto in maniera approssimativa a quest’arte che richiede una conoscenza che francamente non ho.
      Mi piace da poco (neanche un anno) e mi sto davvero appassionando.
      Ma fotografa sta a me come al mio fidazanto pelato una folta capigliatura.
      Lavoro per conto mio. Do una mano ad organizzare robe varie. Da poco tempo disegno anche per alcune aziende .
      E insomma sono davvero fortunata. Ho aspettato tanto ma faccio finalmente quello che ho sempre sognato di fare.
      E non in ultimo in ordine di importanza . Sto avendo finalmente l’opportunità di poter scrivere un libro.
      Per questo motivo esiste questo blog

      Un bacio.
      Spero di rileggerti presto

  1. Meravigliosa canzone e stupendo Porco Rosso.. ma soprattutto che post magnifico il tuo.. Non riesco più a smettere di leggerti sai? Continua a vivere e scrivere ti prego!
    Una buona settimana a te e al tuo splendido compagno!
    Olivia

    • Olivietta quello che scrivi mi rende felice.
      E tanto sai?
      Perchè è innegabile e sarebbe assurdo sostenere il contrario che per una persona che ama come me scrivere.
      Sapere di .
      Insomma è la cosa più bella che tu potessi dirmi.
      E francamente mi emoziona.
      Davvero tanto.
      Grazie *le sussurrò all’orecchio

      Un abbraccio fortissimo.
      E spero sempre di leggerti . Quando hai tempo e voglia sono qui e scambiare due chiacchiere/due stupidate/due battute è sempre un piacevolissimo passatempo.
      A presto!
      (che sia una splendia settimana anche per te)
      (per quel tizio pelato credo sarà proprio una settimana da dimenticare. dovrà aiutarmi a fare il babà e la pastiera. mi odierà non poco mi sa)
      :*

  2. ;-/ marco ;°-( nn so se piangere o ridere, ho avuto cara focaccina mia anche io il mio periodo di vegetarianismo ;-| all’incirca intorno ai 16 anni ed è durato quanche anno, poi ho ceduto mi sa per via di marco oh qualche altro suo amico insomma… cmq ora come ora niente conigli e cavalli in assoluto, ma gli altri aimè ogni tanto.. ;-( son triste ecco.

    • Assolutamente ridere focaccina mia.
      Perchè non è una colpa mangiare un maiale. Lo è di più non rispettare un animale.
      Ed io so, seppur ci “conosciamo”dapoco(ma certe cose si avvertono pure), quanto tu lo faccia.
      E quanto amore hai messo. E sofferenza.
      Il vegetarianesimo a volte è una scelta estrema. Io per prima non condivido alcuni ragionamenti “di colleghi” 😀
      Assurdi a dir poco.
      C’è da dire che io non ho mai particolarmente amato la carne. Un po’ più il pesce ma privarmene non è mai stata una sofferenza.
      Lo è mangiarla.
      E quindi per questo sono felice. Perchè non deve essere una rinuncia. Non ci devono essere ripensamenti.
      Si può sempre rispettare l’animale in altro modo ed è davvero quello l’importante.
      E ora abbracciami e facciamoci insieme un pezzetto di tofu in nome di Marco !
      Un bacio enorme

  3. Mi ricordo la prima volta che ho visto Totoro (in giapponese coi sottotitoli, perché sono una puritana, amo le voci originali). L’ho amato così tanto che mi son presa gli altri film, tra i quali questo Porco Rosso.

    Non l’ho visto per tipo un paio d’anni (mi guardavo e riguardavo “la città incantata”, “Totoro”, “il castello errante di Howl”, “Kiki consegne a domicilio”, “Nausica della valle del vento” e il resto della mia collezione, ma Porco Rosso non mi era mai sembrato interessante.

    Un giorno mi decisi a vederlo….quanto mi sbagliai!!! Finii che piangevo come una bimba innamorata di questo porco gentiluomo come pochi.

    Dio Miyazaki che maestro. <3

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

Le polpette di melanzane di mamma

La mamma ha sempre ragione anche quando non ce l'ha. In cucina poi non ne parliamo. Se la mamma dice "a occhio" allora tu devi fare "a occhio", fine del discorso.

Il Cantalupo con la feta

Un piatto facile, veloce e strepitoso. La feta con l'anguria, da anni, è una certezza ma con il cantalupo hai mai provato?

Le Ricette di Mamma – Siciliane a base di pesce

Ti racconto alcune delle ricette siciliane che mia mamma prepara da sempre. Delle preparazioni che non sono solo piatti ma scrigni di ricordi, giorni e vita. Un tour tra cuore e tavola.

Le melanzane più buone! Come le fa mamma

Una delle ricette che amo di più e che mangio sin da piccola. Che sa di tradizione, amore e casa.

Crema salata agli arachidi

Una crema strepitosamente buona che ti lascerà senza parole a base di burro d'arachidi e salsa di soia. Perfetta per condire insalate, involtini primavera e vietnamiti con le cialde di riso.

More recipes like this