Home / Bambini  / Il Dodici dodici alle dodici

Il Dodici dodici alle dodici

Domani è il dodici dodici e alle dodici compirò dodici anni per due più qualcosina in più ma santo cielo meno di un decennio. Insomma sono nel mezzo del cammin di nostra vita.

Se la memoria non mi inganna sapete quindi finalmente quanti anni ha questa cariatide sulla destra con il fiocco rosso in testa che dovrebbe sostituire il tutto con un ridicolo cappello natalizio e non escludo che a breve questo tocco di poca originalità arriverà.

Insomma la febbre è quasi passata ma chi se ne importa. Nonostante i 39 nessuno è riuscito a sedarmi e ieri ho sfornato qualcosa come quattro chili di Gingerbreads. In primis perchè non è natale senza il pan di zenzero,  poi perchè credo proprio che dovrò spedirne un po’ alla mia Cri che non ne ha più da appendere o semplicemente appoggiare, mamma docet (il test del dna è fissato per lunedì. Anticipazioni della puntata? si scoprirà che sono la sorella gemella morta in un incidente casalingo resuscitata grazie all’aiuto di Jack il pan di zenzero morto in circostanze misteriose. Chi è Jack? inspira-espira fatti coraggio e vai avanti amore mio)

 

La notizia strabiliante ( fingete entusiasmo ve ne prego) è che provando una ricetta dei Macaron alla quale davo pressochè zero fiducia sono venuti fuori dei macarons talmente perfetti che dovrò giustificarmi perchè nessuno crederà che li abbia fatti io. Entusiasmo che ho condiviso con Carolina , proprietaria di uno tra i pochissimi blog che venero come l’effigie di Frank Further e che sconvolgentemente ho avuto l’onore di conoscere in rete pochissimi giorni fa. Semplicementepeperosa , e non servono di certo presentazioni. Non avevo neanche mai osato commentare il suo spazio per paura di profanare un tempio. 

 Ridere inebetita davanti al forno guardando la superficie liscia e quel coso tutto riccioloso sotto (termine tecnico) tipico dei macarons, sempre senza far invecchiare gli albumi e fare chissà quante manovre assurde mi ha fatto passare mal di testa e i primi chiari acciacchi di questa decadenza fisica in corso pre compleanno. Nulla togliendo alla Dea Nigella con i suoi macarons al pistacchio  quest’ultima versione mi rende entusiasta a dir poco. Lunedì quindi posterò la ricetta e vi tedierò con quell’esaltazione posticipata che non si sarà certamente affievolita per vostra sfortuna . Anzi. Centuplicata. Sperando infine  di poter essere d’aiuto anche a Elfaba. Sembra tutto al posto giusto, ecco.

L’anno scorso mi ero cimentata nella realizzazione dei Gingerbreads usando una ricetta della Gigli credo. Un post piuttosto sbrigativo l’ho giusto trovato qui. Erano bei tempi quando indaffarata in altre faccende sbattevo tre ingredienti e amen. Era un bel periodo lo so. Vi vedo commossi annuire. Ma! La pacchia è finita e questo raggruppamento deliri/fumetti/etti di fumo/soloilcielosacosa è una sorta di punizione che dobbiamo infliggerci giornalmente per mantenere alto il tasso del nostro masochismo. E’ la volta quindi del pan di zenzero di Montersino *inchino*

Lo stesso che ho usato per la casetta di Marzapane ad Halloween e per la sorpresa a Cey. Lo stesso con la quale vorrei tappezzare il divano, auto e vicino di casa.Lo stesso con il quale ho deciso di costruirmi una casa con tanti alberi di macarons accanto. Lo stesso dove è avvenuto il tragico e misterioso omicidio di Jack come mostrano le raccapriccianti diapositive qui sotto.

 

 Avremo modo di indagare e seguire le indagini non preoccupatevi (sì. sto esagerando me ne rendo conto. Sinteticità come regalo di compleanno dovrei chiedere). Domani altissime probabilità statistiche mi vedranno assente da questi schermi; febbricitante o no trascorrerò il giorno non so dove perchè pare che ci sia in atto una sorpresa sorprendente. Ed io odio le sorprese, cominciamo bene mi verrebbe da dire. In anticipo quindi mi scuso perchè il ritardo imbarazzante si moltiplicherà all’ennesima potenza  avendo in questi due giorni accumulato mail e messaggi ai quali rispondere. Inutile dire che sapete già: lentamente. Ce la farò (sto mentendo. non ce la farò mai).

Pur facendolo spesso e singolarmente mi rendo conto che non sia mai abbastanza e pur rischiando di essere insopportabilmente ripetitiva:  Grazie. In risposta a tutte le manifestazioni d’affetto smisurate, le attenzioni, i consigli, gli incoraggiamenti ma soprattutto la vostra preziosa amicizia e compagnia. Grazie di cuore a tutti. Mi avete fatto il regalo più bello e non sono mai stata così seria (godiamoci questi 20 secondi di serietà fissando il monitor in silenzio perchè quando sono seria generalmente scrivo/parlo poco. “Un sogno” , sì. 1…2…3…20. Ok finiti. Si ricade nell’oblio dell’idiozia)

Oh. Se non mi chiede in sposa neanche quest’anno mi sa proprio che. E’ davvero l’uomo della mia vita.

Che sia un dodici dodici alle dodici bellissimo anche per voi. Che poi ogni anno vi tedio con la storia del. Ma lo sapete che sono nata il dodici dodici alle dodici e il mio nome e cognome sono formati da dodici lettere? E che sono la dodicesima nipote? E che tra due anni -2012- girerò posseduta roteando la testa con un rottweiler per sterminare i neuroni sani dell’umanità intera ? La fine del mondo è vicina, sì.  Perdonate la regia ma è di default.

Pan di Zenzero di Montersino: 360 grammi di zucchero di canna grezzo, 110 grammi di zucchero semolato, 360 grammi di burro, 10 grammi di cannella in polvere, 25 grammi di zenzero in polvere, 90 grammi di uova intere, 25 grammi di latte intero, 720 grammi di farina, 10 grammi di lievito chimico, 2 grammi di sale

Per la Glassa Reale rimango fedele a quella della Gigli: 600 grammi di zucchero a velo e 100 grammi di albumi.

Procedimento per il pan di zenzero: Frullare i due tipi di zucchero con il burro , la cannella, lo zenzero e il sale con uno sbattitore elettrico fino ad ottenere una crema spumosissima e burrosissima. Unire a filo le uova leggermente sbattute, il latte e infine la farina setacciata insieme al lievito. A questo punto si metterà da parte la lavorazione con lo sbattitore elettrico e si procederà manualmente fino a quando non si otterrà un composto compatto. Non c’è bisogno di far riposare l’impasto ma io per problemi logistici ho dovuto farlo e ammetto che quella mezzoretta è giovata per rendere l’impasto ancor più lavorabile. Ho steso con il mattarello l’impasto a piccole dosi e ho ritagliato tutti i miei omini fino all’esaurimento dell’impasto. E il mio. Esaurimento, sì. Ho invaso praticamente casa perchè la dose era oggettivamente esagerata e lo sapevo già. Ma come avrei fatto altrimenti a invadere un po’ anche l’albero di Natale? Mi permetto quindi di darvi il consiglio ( pur odiando dire “darvi un consiglio”, cielo) di optare per metà dose che già metà basta (perchè non riesco a scrivere bene una ricetta? eh? perchè?).

In forno a 170 per 20-25 minuti e i vostri omini di pan di zenzero sono pronti per prendere vita.

La Glassa reale è semplicissima e mi piace da pazzi pulire poi tutta la cucina, devo dire. Perchè mentre monto gli albumi molto intelligentemente lancio lo zucchero a velo come se piovesse non prestando molta attenzione e mi ritrovo sempre i capelli un po’ alla Einstein (che Albert mi perdoni per questo impietoso paragone), innevati  e successivamente gonfi. Sono sicura che nelle lacche ci sia una componente di farina perchè sui capelli dona quel volume inaspettato che neanche la L’Oreal ha osato tanto con “lacca capelli gonfi 34 ore no stop”. E’ giunto il momento più bello. Quello in cui mi dileguo nel nulla e vi lascio in pace.

Ebbene sì. E’ finita, finalmente.

Adesso dobbiamo solo capire quale malvagia mente abbia terminato la vita del buon caro vecchio Jack. Non so perchè ma mi sento di puntare la lampada da tavolo sul volto di un Nippotorinese. Un Nippotorinese a caso eh.

Una che disegna, scrive, cucina e fotografa ma non fa bene nessuna della quattro cose.

Review overview
51 COMMENTS
  • Lisa 11/12/2010

    Focaccina *_____* meraviglia e stupore e guarisci mi raccomando!!!

    • maghettastreghetta 11/12/2010

      Lisa mia grazie <3 (ti stavo rispondendo su face. che cosa meravigliosa. siamo tonne multitasking)
      103801238 baci
      Febbre ancora qui ma tengo duro !
      insomma, vabbè etciu'

      • Lisa 11/12/2010

        ;-* un bacino guaritore!!! (multitasking siempre!)

  • Flo 11/12/2010

    Io lo so. E’ stato l’uomo focaccina.

    • maghettastreghetta 11/12/2010

      Umamma è stata Focaccina ? *_*
      E’ stata LISAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA?

      • Lisa 11/12/2010

        io nn essere più donna? °_° *batte la testa contro il muro per rientrare in sè… non si sa se ce la farà…….
        NO FERMI TUTTI!
        Se esiste un uomo focaccina io lo voglio *__*

  • Paola 11/12/2010

    ma il tuo albero è divino!!!!!!! con tutti i biscottini appoggiati/appesi e i fiocchetti rossi…io quest’anno niente…il nuovo padrone di casa (Sirio il distruttore, detto anche Folletto gattoso) lo farebbe a pezzetti in 5 minuti netti… 😀 poi con gli omini di zenzero, considerando che è goloso….oddio….no….è stato lui!!!!! è lui l’assassinooooooo! dobbiamo trovare prove che lo inchiodino…ci aggiorniamo dopo…

    • maghettastreghetta 11/12/2010

      Paolaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa *_*
      FOLLETTO GATTOSO? indossava per caso un trench in pelo rosa e magenta e un paio di occhiali da sole a forma di cubo con lustrini allaeltongionannisessanta con dei ghirigori optical?
      insomma era sobriamente abbigliato con un colbacco verde pistacchio come i macaron di nigella?
      e soprattutto è normale che io adesso voglia Folletto gattoso qui conciato in questo modo a devastarmi tutto l’albero?
      eh?
      possibile?
      *_*

      amiamoci.
      E aggiorniamoci sì ti prego.
      Indizio:
      Jack aveva bevuto succo di arancia la sera prima.
      Arancia rossa di norvegia.
      La famosissima arancia rossa di norvegia, sì.
      Credo sia un indizio fondamentale *si tocca il pizzetto

      • Paola 11/12/2010

        ah ma allora lo conosci anche tu??? ecco vedi??? l’identikit è completo!!!! ora lo vado a smascherare mentre dorme a pancia all’aria su un letto (che non è il suo) e per punizione lo sbaciucchio abbondantemente!!!!! sappi che farò giustizia di mister Jack…e che l’idea di vestire il folletto di rosa e verde pistacchio è stranamente allettante… 😀 😀

  • laChiari 11/12/2010

    Intanto AUGURISSIMI!

    Secondopoi, oggi Csaba, per servire caffè e tartufi al cioccolato ha usato FAZZOLETTI DI CARTA!

    Aaaabooooominiiiiioooooooooooooo

    Bacetto

    • maghettastreghetta 11/12/2010

      No.
      Non ci credo.
      Hai chiara_mente la febbre come me.
      E vaneggi.
      VANEGGIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII
      ( se oggi la tizia non mi da i cosi della decora o meglio riformulo . Se oggi la tizia non da a sick che va per me i cosini della decora IO GLI INCENDIO IL NEGOZIO. cosi’ . per affrontare la cosa con la calma che mi contraddistingue)
      23282 baci
      tirchia, tzè.
      bacetto.
      almeno un bac_chilo uff.

  • blackzun 11/12/2010

    Leggendo questo meraviglioso post, ho scrutato un nome che mi fa venire il prurito: Valentina Gigli. Poi un flashback: nella pubblicità di non mi ricordo cosa su Alice, si vede la personaggia fare un dolce a forma di cartella da tombola come quella che hai fatto anche tu e pubblicata in data seididicembreduemilaeddieci (6/12/2010). ALlora, la situescion è codesta: se la Gigli ha copiato la tua cartella da tombola, prendo l’aereo, il treno, la bicicletta, il monopattino o il primo mezzo di locomozione che ho sotto mano, vado in quel della Urbe e intimo alla romana Valentina di chiederti i dirittidautore. Ok?
    P.S. Porterò con me il Gattaccio malandato e se si ostinerà a negare la cosa, glielo scatenerò contro *-*
    Valentina avvisata….
    😉

  • Alessandra 11/12/2010

    Tu domani non scriverai e io oggi mi rifiuto di farti gli auguri perchè propio non si fa il giorno prima!
    Allora domani ti postero gli auguri, discreti, semplici e sotto tono, ma specialmente sintetici, che mi contraddistinguono!
    A domani cucciola!

  • pani 11/12/2010

    a vederli così, questi biscottini, tutti allineati come soldatini, mi è venuto in mente il video di m.jackson. Cos’era, Thriller?
    Non è che li hai anche fatti ballare a suon di musica, vero?

  • La sposa cadavere 11/12/2010

    Sono capitata qui per caso,qualche settimana fa,e ci torno giorno dopo giorno.In questo momento,pervasa dalla voglia di white russian(non faccio parte degli alcolisti anonimi,tranquilla,è solo un tipico sabato sera padano)ho deciso di farti sapere che ti leggo,e che mi piaci,molto.
    Mi piace tutto.Il modo in cui scrivi,le tue ricette, i fumetti,le foto.Complimenti.Aspetto con ansia bambinesca la ricetta dei macarons colorful e proverò a farli subito.Neri ovviamente.Ti abbraccio.

  • Carolina 11/12/2010

    Non saprei da dove iniziare…
    Credo che sia buona educazione farlo ringraziandoti, ma io sono così stupidina che quando mi fanno i complimenti il cervello mi va completamente in pappa e l’unica cosa che faccio (oltre ad arrossire) è ridere. Stop. E finisce che mi scordo sempre quel “grazie”. E che faccio discrete figure.
    Ma! Qui ho avuto il tempo di, in ordine, leggere – arrossire – modalità cervello off – … – … – … – modalità cervello on – oddio devo ringraziare ‘sta meraviglia di ragazza.
    Quindi grazie di cuore per quelle dolcissime parole che stamperò, incornicerò e appenderò sopra un frigo in quel di Londra.
    Non vedo l’ora di vedere i macaron… 🙂
    Un bacio e un abbraccio stretto stretto.

  • Selkis 12/12/2010

    Tecnicamente è già 12…. tantissimi auguri ad un raggio di sole in forma di donna (e donna figa, tra l’altro!)
    Considerati mangiata di baci!!!

  • Alessandra 12/12/2010

    E’ il 12!
    E’ ufficiale! E’ il tuo compleanno e io ho per te il cuore colmo di gioia!
    E’ ovvio che ti auguro solo le cose belle che desideri, è ovvio che non avrò mai parole abbastanza profonde che non siano state già scritte da menti eccelse e migliori della mia. Così, mentre pensavo a cosa scriverti mi è venuta in mente una poesia bellissima di Martha Medeiros che è un vero e propio inno alla vita. E rileggendola ho pensato a te, alla tua immensa capacità di creare, sognare, stravolgere, vivere “oltre il semplice fatto di respirare”…e TU sei l’augurio che ti porgo perchè non potresti che essere migliore di così, con tutti i tuoi difetti, le tue manie che danno vita alla tua animabella, “sei una stella danzante” e “cigolio della brezza”, sei una nuova amica cara, sei un tesoro preziosissimo!
    E questa è per te:

    Lentamente muore
    chi diventa schiavo dell’abitudine,
    ripetendo ogni giorno gli stessi percorsi,
    chi non cambia la marcia,
    chi non rischia e cambia colore dei vestiti,
    chi non parla a chi non conosce.

    Muore lentamente chi evita una passione,
    chi preferisce il nero su bianco
    e i puntini sulle “i”
    piuttosto che un insieme di emozioni,
    proprio quelle che fanno brillare gli occhi,
    quelle che fanno di uno sbadiglio un sorriso,
    quelle che fanno battere il cuore
    davanti all’errore e ai sentimenti.

    Lentamente muore
    chi non capovolge il tavolo,
    chi è infelice sul lavoro,
    chi non rischia la certezza per l’incertezza per inseguire un sogno,
    chi non si permette almeno una volta nella vita, di fuggire ai consigli sensati.

    Lentamente muore chi non viaggia,
    chi non legge,
    chi non ascolta musica,
    chi non trova grazia in se stesso.

    Muore lentamente chi distrugge l’amor proprio,
    chi non si lascia aiutare
    chi passa i giorni a lamentarsi
    della propria sfortuna o della pioggia incessante.

    Lentamente muore
    chi abbandona un progetto prima di iniziarlo,
    chi non fa domande sugli argomenti che non conosce,
    chi non risponde quando gli chiedono qualcosa che conosce.

    Evitiamo la morte a piccole dosi,
    ricordando sempre che essere vivo
    richiede uno sforzo di gran lunga maggiore del semplice fatto di respirare.

    Soltanto l’ardente pazienza
    porterà al raggiungimento
    di una splendida felicità.
    (Martha Medeiros)

    Avrei potuto mandarti una mail privata ma è giusto che si sappia, che anche le pietre sappiano, che oggi la mia amica festeggia il suo compleanno e che, a km di distanza, c’è una persona che le vuole bene!
    Auguri Iaietta!

    • Wish aka Max 12/12/2010

      No. Non ci credo. Stamane, intorno all’ora nella quale tu (Ale) stavi postando questo bellissimo scritto, io stavo scrivendo a maghen un’email privata (nonostante l’apparente faccia tosta, ho delle difficoltà ad esprimere in pubblico tutti i miei sentimenti). In questa email, al di là di una serie di cose che (come giustamente, cara Ale, dici tu) sono “state già scritte da menti eccelse e migliori della mia”, le ho allegato questa stessa poesia. Insieme con un altro scritto, di Giovanni Mosca, che, se sarai così cortese da inviarmi il tuo indirizzo email su massimilianof@yahoo.com, sarò lieto di condividere con te.
      Sono veramente esterrefatto.

      • Alessandra 12/12/2010

        e’ però, oggettivamente, una delle poesie più aderenti alla mitica Gi! Lei è un’ode alla vita!

      • Wish aka Max 12/12/2010

        Ellosò!!! Ed è per questo che mi è venuta in mente… quello che mi lascia a bocca aperta è che un’altra persona abbia pensato la stessa cosa alla stessa ora… E io sono uno di quelli che è fermamente convinto che nulla accade per caso.

      • Wish aka Max 12/12/2010

        Ah dimenticavo… l’altra cosa che mi ha colpito è che hai citato correttamente l’autrice della poesia, scrittrice e giornalista brasiliana. Sul web questa poesia viene spessissimo erroneamente attribuita a Neruda.

  • Marco 12/12/2010

    Auguri bellissima (dentro e fuori ) Giulia !

  • pani 12/12/2010

    tuppete! Con un’ora di anticipo mi unisco agli auguri!

  • Andrea 12/12/2010

    Che dire? Un giorno bello come te ! Auguri !!!

  • Marty 12/12/2010

    Alle dodici quasiiiiiiiiiiiiiiiii
    :-))

    Auguri Giulia!
    come si fa a non amarti?

  • vee 12/12/2010

    nel caso non si veda: tanti auguri zietta-mia-sicula-preferita. e unica. ♥
    (23148638731836baci che son d’obbligo *la strizza tutta <3)

  • olivietta 12/12/2010

    Ti adoro!!
    TANTISSIMI AUGURI E UN PERFETTO 12/12!!!
    Fatti coccolare a più non posso! (oggi e sempre!)
    E se non lo fanno.. beh.. chiamami che lo faccio io!!

  • Vale 12/12/2010

    eppi bordei tu iuuuu, eppi bordei tu iuuuu, eppi bordei maghettastreghettaaaaa
    eppi bordei tu iuuuuuuuuu
    tante angurieeeeee 😀

  • Wish aka Max 12/12/2010

    In tutta questa sorpresa e attonitiscenza (tanto in questo blog inventare le parole non è reato) per le affinità elettive con Ale stavo quasi dimenticando il motivo fondamentale per il quale sono venuto qui. Il motivo è semplice, è quello di scrivere una banalità apparente (perché dietro questa banalità c’è un intero mondo di emozioni).

    Tanti auguri, Giulia.

  • Aisha 12/12/2010

    Iuiù, non è la prima volta che sei febbricitante… la vogliamo smettere i darla vinta a questi virus e rincalluzziamo un pò questi anticorpi??????

    sgrunt!

    non si può passare l’eveto + atteso dell’anno con la febbre!!!

    doppio sgrunt!

    ebbene…

    auguri stamattina via sms… auguri nel pomeriggio su FB… e non potevano mancare gli auguri serali sul tuo blog…. vedi? ti ho portato nei miei pensieri per tutto il giorno!

    BUON COMPLEANNO!!!!

    millemila kissssssssssssssssss

  • Marco 13/12/2010

    In ritardo NOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO

    AUguri Giulia dolcissima (e bellissima) !!!

  • Try 13/12/2010

    Su twitter ieri non si è parlato d’altro 🙂

    Auguri Giulia! Ti vogliamo bene
    Grazie per tutti i sorrisi che ci regali quotidianamente

  • Linda 13/12/2010

    Mi dispiace per il ritardo ma tanti sinceri auguri Giulia e grazie per quello che mi dai ogni giorno !
    Sei splendida

  • Mary 13/12/2010

    Domenica non mi collego mai ma ti ho pensata!
    Alle dodici virtualmente ti abbracciavo . AUGURI BELLISSIMA GIIIIIIIIIIIIIIIIII!

  • Edina 13/12/2010

    Ti ho pensata ieri ma ero fuori !
    Auguri stupenda creatura!

  • maghettastreghetta 13/12/2010

    Non so come ringraziarvi. Siete splendidi.
    Domattina visto che oggi non sono arrivata a fare un decimo di quello che mi ero ripromessa sarà la prima cosa.
    Ancora grazie grazie grazie. Un bacione a tutti

  • spazillimiti 14/12/2010

    Sappi che li proverò ^_^ seguendo il consiglio dose dimezzata hehe.. o forse no.. chissà.. in fondo non ho soldi e regalerò biscotti a tutti, tsè!
    sappi anche che.. ho trovato uno stampino a forma di vespa (lo scooter, hihi) per il mio omino vespista.. prometto foto dei biscotti vesposi ^_^
    tanto ammore.. ricordando che non mi verrano mai così bene sigh e non potrò decorarmi (sono scarsa ioooo 🙁 )

  • Elfaba 15/12/2010

    Sono adorabili questi omini di pan di zenzero..
    Dove posso trovare o fare la polvere di zenzero?
    =)

  • Elfaba 17/12/2010

    Li ho fatti ieri seguendo la tua ricetta…..*____* sono splendidi e buonissimi!!!!!!!!

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi