Home / Brunch  / Scolpire tulipani sui sassi è difficile ma possiamo farcela. Facciamo Gelsomini?

Scolpire tulipani sui sassi è difficile ma possiamo farcela. Facciamo Gelsomini?

Mai come oggi vorrei sedermi davanti al piano e accennare Chopin. Perchè solo quello potrei fare. Accennare. E nessuna pallina sul pentagramma avrebbe il suono che dovrebbe avere.  Quanti anni sono trascorsi da quando  ho lasciato il bianco e nero dei tasti sognando questo di bianco e nero? Di carta e tratto. Che dentro vibrava più di sette chiavi su cinque righe. Ma Chopin. Qualcosa riusciva a smuovere. Muovo le dita sulla tavoletta grafica e ricordo gli inizi di alcuni notturni e quasi ne sento la musica. Sono in un teatro. Ho sei anni e suono la Barcarola. Mamma applaude. Ad aspettarmi c’è solo il Bona e i solfeggi. L’elemento indispensabile della musica è il suono. Regola numero uno. E’ zucchero filato quel filo spinato oggi. E ci sono bagel per tutti. Perchè sono ebraici e non hanno ricetta oggi ma ricordo. E Memoria. Impacchettati con cura e legati per non farli mai andare via. La ricetta da seguire è semplice: Ricordare sempre di mangiare i bagel pensando che ogni seme di papavero è una pietra su una lapide. Perchè l’usanza non pretende fiori ma pietre. Come macigni sulle coscienze. Mescolare con cura nel cuore e fermarsi giusto un attimo prima di dire che è una brutta giornata.

E’ comunque una giornata da liberi. E no. Non necessariamente  è così per tutti.

 

Ieri abbiamo guardato Paolini sotto la copertina con il Topo sfogliando Maus, Sono figlia dell’Olocausto  e Sono stato un numero. E numeri infiniti di memorie. E non occorre mica deprimersi per forza ma ricordare sì. Quello sì. Ricordare. Imporsi di fare questo oggi. Afferrare forbici a caso e tagliare qualcosa che  lega e non libera. Buona giornata della memoria anche a voi.

 

 

Una che disegna, scrive, cucina e fotografa ma non fa bene nessuna della quattro cose.

Review overview
47 COMMENTS
  • sasettiinufficiochesirompelescatole 27/01/2011

    buongiorno! da quanto tempo 😛

    • sasettiinufficiochesirompelescatole 27/01/2011

      avevo pensato anch’io stamattina di pubblicare qualcosa su flickr….cosa che farò nel pomeriggio appena torno a casa! non ti facevo così impegnata…..è la prima volta che vedo vignette in tal senso! fuori sta piovendo, sfrutterò le condizioni avverse per piangere un pò ….

      • maghettastreghetta 27/01/2011

        Sasettino mio ti adoro perchè hai un’opinione di me splendida (sogghigno)
        In realtà mi piace molto nascondere la mia vera identità.
        Sono una persona intelligente, profonda e molto sensibile.
        Ora puoi rotolarti per terra e ridere 😛

        ti voglio bene scemo !

    • maghettastreghetta 27/01/2011

      Umamma un nuovo vincitore !

  • iber 27/01/2011

    per pochi secondi…. sigh

  • iber 27/01/2011

    Non dimentichiamo…

  • UnaZebrApois 27/01/2011

    Ogni tuo post è un calderone in cui idee, disegni ed emozioni che prendono forma e vita… è per questo che adoro leggerti!!

    questo post è vibrante di rispetto, di dolore e di una memoria che va perpetrata di anno in anno per ricordarci di tante vite sacrificate ingiustamente e per niente!

    le mie sono parole scontate e spero vivamente che restino tali, perchè vorrà dire che la gente ricorda queste indegne sofferenze…

    un bacio grosso e corro a passar parola…

    • maghettastreghetta 27/01/2011

      Zebretta, perdonami se ti chiamo così ma oggettivamente zebretta è una di quelle meraviglie alle quali non voglio sottrarmi.
      Se ti da fastidio però ti prego dimmelo dandomi anche una testata.
      Prima di tutto: grazie.
      E aggiungo un altro grazie giustappunto perchè non so davvero cosa dire.
      Emozionata e lusingata.
      E mi ritrovo a cercare spesso parole di ringraziamento per esternare quello che provo io leggendo voi e mai.
      Mai una volta riesco quindi un grazie.
      E un perdonami.
      Ti abbraccio forte.
      davvero forte.

  • PieceOfStar24 27/01/2011

    sono rimasta inebetita davanti a tutto questo. Davanti alle tue parole che si posano leggere come piume. Parlando di pietre, pietre che fluttuano nell’aria come piume.
    Il legame fra musica e disegno è davvero forte e c’è un filo sotttttttilissimo che li unisce. Ti capisco. Anche se purtroppo non ho mai avuto la costanza di imparare e non ho quel dono innato di musicista (nemmeno quello del disegno, ma lo sento più mio ecco.)
    Questa cosa delle forbici mi scioglie il cuore. Davvero.

    Grazie. E ricordiamo sempre, non solo oggi.

    (tanti cuoricini pettèèèè)

    • maghettastreghetta 27/01/2011

      Cucciola della zia credo anche io che ci sia un legame indissolubile .
      Che io ho cercato di spezzare e torna.
      e ritorna
      e tanti cuori per noi. più che per me, ecco.

  • Olivia 27/01/2011

    Apro twitter, clicco sul tuo link , leggo il tuo post e mi commuovo e le tue parole mi muovono qualcosa dentro.

    Grazie

    • maghettastreghetta 27/01/2011

      Olivia in realtà non sono le mie parole ma grazie al cielo esistono persone come te che hanno qualcosa dentro.
      e che si muove.
      perchè sembra qualunquistico ma così non è.
      non è da tutti e oggi suppongo sia davvero una minoranza quella che dentro ha sentito qualcosa.
      urla.
      e disperazione.
      e farne parte è un privilegio riservato a pochi ed è giusto tenerlo stretto e sopportarlo.
      perchè è giusto patire i ldolore in memoria di quello che è stato .
      Un bacio grande egrazie per aver condiviso questa tua sensazione ed emozione con me.

  • elllisa 27/01/2011

    bellissimo.

  • nonsodove 27/01/2011

    Anche io ho visto paolini ieri sera, mi è piaciuto molto….poi per puro caso ho da poco finito di leggere “il bambino con pigiama a righe”, insomma ero entrato nel tema in anticipo.
    Buona giornata…..e buon ricordo ( anche se di buono e bello non fa venire in mente proprio nulla )

    • maghettastreghetta 27/01/2011

      Il bambino con il pigiama a righe è una mia grave carenza che spero di poter rimediare al più presto.
      Maus al contrario è giusto venerarlo più volte l’anno.
      Un bacio

  • hendrixandme 27/01/2011

    Se riesco, oggi, ti racconterò una storia!
    E ti voglio bene amica mia! Tanto!

  • pani 27/01/2011

    vuoi dire che suonavi il pianoforte e l’hai abbandonato? Questo è imperdonabile.
    Ti riprendi i punti persi con Maus. Io lo leggo tutti gli anni, da dieci anni a questa parte.

    • maghettastreghetta 27/01/2011

      esami di solfeggi fatti e preparazione al quinto anno.
      Mollo tutto all’improvviso e uso il metronomo per far foto con conigli.
      Sono un essere spregevole lo so. Mi rimangono dita storte però , melodie in testa e la copertina del bono rossa bianca.
      un po’ stropicciata.
      Un petrof e un coso bianco.
      e ricordi sì.
      E Maus com edicevo giusto qualche riga piu’ su anche io lo venero piuu’ volte l’anno fosse anche per leggerne solo alcuni pezzetti.
      Un bacio.

  • Wish aka Max 27/01/2011

    Grazie per l’emozione, Iaia.
    Leggerti diventa ogni giorno più bello. Un appuntamento quotidiano per far fare un po’ di jogging al cervello.

    • maghettastreghetta 27/01/2011

      Stasera con molta probabilita’ Pier mi recapitera’ il mio pacchettino e non vedo l’ora. Come ti dicevo su twitter.

      Grazie a te Max.
      Un bacio grande.
      Grazie davvero a te.

  • Bibi 27/01/2011

    Solo tu avresti potuto fare tanto.
    <3

  • free music 27/01/2011

    i like it Scolpire tulipani sui sassi è difficile ma possiamo farcela. Facciamo Gelsomini? | GiKitchen at this time im your rss reader

  • essenzadifilo 27/01/2011

    Grazie Giulia, un abbraccione!

  • Francy 27/01/2011

    “Imporsi di fare questo oggi. Afferrare forbici a caso e tagliare qualcosa che lega e non libera.” Parole sante. Coraggio…

  • EssenzadiCannella 27/01/2011

    Le tue parole cara Giulia sono note calde che hanno un gran potere arrivano dritte al cuore…Non posso che condividere, anche se in ritardo, il tuo pensiero, che è un po anche il mio, si quello di tenere sempre presente, soprattutto nei momenti di sconforto, nei momenti un po grigi, in cui tutto sembra tingersi di nero, si di ricordare che sono “fortunata”, di saper guardare dietro, guardare a chi non avuto libertà in questo caso, e a chi ahimè sta veramente soffrendo. Un bacione e grazie per avermi ricordato di “ricordare”. Ale.

  • Lafloss 27/01/2011

    Prima non avevo capito, poi ho capito e ho sorriso con loro nel tuo disegno.

    C’era una manifestazione silenziosa questa mattina in piazza, un corteo, ero di fretta ma mi sono fermata e ho guardato, ho pensato, ho aspettato e ho ricordato anche io. Come se si potesse dimenticare.

    • maghettastreghetta 27/01/2011

      Sospetto che quello zucchero filato fosse davvero buono. Ne ho giusto mangiato un pezzettino piccolo per lasciarlo a loro ma.
      Avrei voluto mangiarne molto di più.
      Magari con te.
      Come avrei voluto vedere qualche manifestazione che qui non è avvenuta.
      Mi fermerò da sola .
      A fissare un coniglio a caso.
      Un bacio grande Flo.

  • Elisabetta aka la Princess_76 27/01/2011

    I tuoi post sono un piacere, li leggo, li guardo e come quello di oggi li sento dritti al cuore, grazie per questo post, per quelli che hai fatto e per quelli che farai.

    • maghettastreghetta 27/01/2011

      Eli grazie a te per esserci. qui , su twitter ed è sempre un piacere per me.
      Un grandissimo piacere.
      Non sai quanto mi fa felice e mi dia coraggio sapere che a tenermi compagnia ci sono persone come te.
      E il mio grazie va asssolutamente a te.
      E ora possiamo abbracciarci fino alle 21.34 di dopodopododpdpdodododododomani perfavore?

  • Chià 27/01/2011

    Poggio anch’io la mia pietra. E ti abbraccio forte. Forse un giorno, fra due che un tempo abbandonarono la musica su due tasti, metteremo su un duetto niente male. Niente male davvero :)))

  • lordbad 27/01/2011

    Bel Post! 🙂

    Un invito a riflettere sul vero senso della memoria anche su Vongole & Merluzzi … Spero avrai modo di ricambiarci la visita 🙂

    http://vongolemerluzzi.wordpress.com/2011/01/27/olocausto-amnesico/#comments

  • Lunny 28/01/2011

    Ho regalato Maus al mio ragazzo per l’anniversario, splendida l’idea di questo post :).

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi