Home / Pasqua  / Una Torta Pasqualina

Una Torta Pasqualina

Trascorro le giornate assordandomi con l’album High Violet di The National. Ci fosse una manopola nel Bose o Ipad o diavolerie elettroniche forzerei verso destra fortissimamente fino a spaccarla. Perchè non è mai forte abbastanza come vorrei. Anyone’s Ghost mi scioglie un po’ i muscoli indolenziti della spalla mentre svolgo sempre gli stessi identici movimenti. Inquadro. Metto a fuoco. Scatto. Dopo aver Impastato. Lasciato lievitare. Infornato.

Attratta da quel gazebo abbandonato all’inverno ho attraversato il gradino della vetrata respirando una primavera diversa dagli inverni passati. Uscita sulla terrazza, teatro di dondolii notturni e dimora di nani da giardini sagacemente nascosti, mi sono fatta una tirata di vita desiderando un po’ di nicotina. Ho raccolto fiorellini gialli da un vaso che dovrebbe illuminarsi se solo attaccassi la spina alla presa a stagna. Ho sempre pensato che fosse una presa immersa in uno stagno con fili elettrici composti da micro rane da 20 watt cadauna. Essendo cresciuta tra corti circuiti, lampade di emergenza e pozzetti incassati dentro i  muri trovo sempre analogie; è poi liberatorio immaginare me stessa come un’entità elettrica.

Sono un filo scoperto abbandonato in mezzo ad una tempesta. Fuoriescono dal mio cavo diversi fili colorati che attraggono per qualche strana ragione. Suppongo solo gli stolti perchè è chiaro. Si sa. Toccandoli il risultato non cambia in nessun pianeta: è la fine. Sono un filo scoperto abbandonato in una tempesta e basterebbe solo un po ‘di buon senso per capire che non bisogna avvicinarsi. Del resto non posso essere sia un filo che un  cartello “non avvicinarti”.

Un filo non può essere anche cartello. E’ un filo.

Buco uova nel lavandino, per colorarne i gusci,  e per la prima volta lo trovo.Trovo  un tuorlo nero come presagio di una tragedia che non riesce a colpirmi. La puzza schifosa aleggia in casa sporcando anche quella pochissima aria pulita e vera che era rimasta, conservata con cura. E’ la mia calma a sorprendermi. Non mi scompongo ed emetto gridolini da donnetta. Non spruzzo bombolette di oust nè mi gira la testa . Spingo piuttosto con l’indice il tuorlo verso lo scarico del lavandino. Con decisione. Tocco il lerciume e lo spingo via senza un minimo cenno di tachicardia.

Ho fretta del resto. Devo colorare uova, attaccare orecchie anche al termoarredo e capire dove procurarmi lo stampo per infornare la colomba visto che ho trovato le mandorle freschissime che cercavo.

Sono un filo scoperto abbandonato in una tempesta. Prima però mi preoccupavo di chi avrebbe conosciuto la fine toccandomi. Per questo cercavo di essere anche un cartello con su scritto “non avvicinarti”.  Adesso non me ne importa nulla perchè era semplice eppure non avevo capito che:

1) Se sei filo non puoi essere cartello

2) Se hai cercato la fine toccandomi, non è colpa mia. Ma tua. Del resto io sono solo un filo abbandonato in una tempesta. I presupposti dovevi conoscerli tu, mica io.

E il filo abbandonato nella tempesta oltre a ticchettare velocemente considerazioni mentre in forno ha budini dell’Artusi (quest’anno ricorre il centenario a proposito sempre di eventi ) continua incessantemente il suo impervio cammino pasquale. L’intenzione è quella di omaggiare (e profanare) le principali ricette regionali. Tradizione Italiana vuole che per la pasqua e la pasquetta si prediligano ricette a base di lievitati come pane, ciambelle dolci e salate da servire con salumi e uova. Lo stretto necessario insomma per cestini da portare durante gite fuori porta. Un tripudio di uova, pane e ricotta in tutte le versioni possibili e immaginabili.

Mi verrebbe quasi da dire evviva considerando che le uova e la ricotta mi sono sempre piaciute  quanto un coniglio in agrodolce arrotolato nel lardo di colonnata e i lievitati li evito come la peste bubbonica. Suppongo che il mio tofu e seitan a forma di casatiello faranno un figurone. Ed anche io non avrò nulla da invidiare a questo tripudio golosissimo (?)

La Regione Campania, mia perversione culinaria da sempre, non me ne vorrà se dopo la profanazione del Babà e della Pastiera (presto online. Ale mi odierà. E’ per questo temporeggio) c’è in arrivo una variazione che mi provocherà le antipatie dell’intero territorio. Che San Gennaro mi perdoni. Oltre l‘infornata di pani, focacce, torte salate e ciambelle  imbottite con cotechini e agnelli ci aspetta anche una discreta infornata di mise en place pasquale, giusto per condividere idee e quant’altro.

Oggi è la volta della Torta Pasqualina. Lievitato tipico ligure, nonchè regione preferita ( a parimerito con l’Emilia Romagna) del Nippotorinese. Il piccolo pelato difatti oltre ad essere semplicemente fiero confinante ligure associa l’idea di questa meravigliosa terra al mare, sole, vacanza, spensieratezze e credo proprio: primi baci e scorribande. Mi racconta spesso della sua casa in quel di Genova, dove vorrebbe portarmi per mangiare chilate di focacce. Momenti idilliaci interrotti dal mio innegabile romanticismo “oh però io voglio stare con Lisa!”. Perchè semmai dovessi mangiare questa benedettissima focaccia ligure sarà proprio con lei, che nel corso dell’ultimo anno ho avuto il piacere di conoscere. Con la sua eleganza, discrezione, cortesia e sconfinata bravura i fornelli. Se non seguite il suo spazio disdite entro 24 ore il vostro pacchetto internet giornaliero, grazie.

 In realtà volevo proprio chiedere a lei la ricetta originale della Torta Pasqualina . In ballottaggio c’era anche la ricetta della Sacra Dottoressa Suocera da Torino. Giusto per non profanare come mia abitudine sacri impasti ho pensato bene di affidarmi,  per iniziare a prendere giusto un po’ di confidenza, dall’enciclopedia Regionale italiana. Sia lodata Repubblica e il Nippotorinese. Questa enciclopedia è stata senza ombra di dubbio uno degli acquisti migliori fatti nel corso degli ultimi anni.

La Torta Pasqualina ligure visivamente rievoca quell’immagine di bimbi che corrono come scemi intorno agli alberi, adulti stravaccati sopra plaid imbottiti come tonni e nonne ubriache che rotolano lungo sentieri. Pure dei karaoke improvvisati e rutto libero ma la mia immagine sta per abbandonarsi ad un trash senza ritorno ed è meglio fermarla. Quella meravigliosa baldoria da pic nic. Quella spensieratezza di ingurgitare roba pesantissima forzando trachea ed esofago arrossati già da chilate di cioccolato. Solo una volta ho fatto uno psuedo pic nic; in effetti definirlo tale è come asserire che le inviate di Pomeriggio Cinque siano davvero iscritte all’albo dei giornalisti ma tant’è. Non c’erano nonne ubriache e bimbi scemi intorno agli alberi.

Ma c’era l’unica presenza che nel corso degli anni merita di essere ricordata: un cane. Un San Bernardo abbandonato. Ecco. Quello lo ricordo con affetto e lo reinviterei pure qualora dovesse ripetersi l’evento.

Ammetto senza troppi giri di parole che non sono proprio la tipa da pic nic. Le mie manie di igiene potrebbero farmi compiere un precedente sopralluogo con disinfestazioni. Le mie manie di organizzazione potrebbero farmi costruire piccoli gazebi con comode sedute e nel cestino (inteso come un tir a rimorchio a forma di cestino da vimini. Che dovrei fare costruire per l’occasione con netto anticipo)  da pic nic metterei pure i sottopiatti coordinati e almeno tre diversi tipi di bicchieri.

Un tempo lontano (grazie al cielo) ho apparecchiato anche con bicchieri e tovaglioli di carta, lo ammetto. Un outing che mi costa fatica adesso. Ero sprovveduta, giovane e ancora un filo coperto. Pronto a farmi toccare da chiunque. Ad essere disponibile e tollerante verso la plastica pur essendo predisposta alla ceramica. Ad essere disponibile e tollerante verso l’incapacità altrui di approcciarsi con me in maniera sbagliata.

Ma adesso no. Sono un filo scoperto. Chiaramente scoperto. Non mi nascondo da rivestimenti che non mi appartengono. Sono.  Senza preoccuparmi, giusto per ripetermi che iuvant, se vi è un cartello per i più sprovveduti con su scritto ” attenzione”. Sono un filo scoperto.

Sono diversa. E non devo giustificarmene più.

Chi vuole andare incontro alla fine avrà le sue buone motivazioni. Chi sono io per impedire un atto masochistico? Del resto l’importante ho capito:  E’ non ferire me stessa.

E un filo scoperto abbandonato in una tempesta non può ferirsi. Si è abituato al putridume dei tuorli neri. Che spinge senza paura verso lo scarico senza perdere tempo.

Perchè il tempo occorre per dipingere uova. Freschissime. E giocare con loro. Potrei fare giusto 46 nomi di Donne  e poco altro.  A loro va il mio grazie. Al resto va la mia totale indifferenza* disse scostandosi i capelli con fare molto antipatico.

  La Ricetta della Torta Pasqualina la trovi cliccando qui.

Note Finali:

1) Qualora qualche anima pia volesse poi fornirmi di ricette pasquali di famiglia (qualsiasi tipo. Dolce o salato) è chiaramente il benvenuto/a. Qualora infine non abbiate visto Misfits fareste bene a vergognarvi e provvedere immediatamente. Grazie alla mia Cey ( Posso immaginarti come un uovo freschissimo azzurro con un sorriso ibrido tra Stitch e Totoro perfavore?) ho avuto l’ennesima conferma che sì. Gli inglesi ci sanno proprio fare con le serie (quotato 9.1 come Scrubs su IMDB. Non aggiungo altro).

2) Sempre in tema di uova freschissime, giusto per non fare del femminismo ci sarebbe da dire che lo spazio di Cuoco Personale, nella fattispecie il suo nuovo blog andrebbe sponsorizzato e bene per giunta. Un’amicizia nata da pochissimo eppur divenuta importante. Ci sono pilastri talmente solidi come basi che non si può non essere molto più  che ottimisti. Spero in futuro  di avere l’onore e il piacere di poter compiere insieme a lui qualche azione culinaria in formato padelloso,  fotografico o qualsivoglia genere. Nonostante il tempo mi sia nemico purtroppo; perchè fosse per me comincerei sin da subito. Visto che è giusto divulgare il genio quindi, vi rimando allo spazio personale di quello che è un gigante della cucina e che ha tutta la mia stima.

Essendo allievo nientepopodimenissimoche di Gualtiero Marchesi e avendolo omaggiato pochi giorni fa con queste bellissime parole chiuderei anche io con una frase del grande Maestro:   “Un grande cuoco è solamente un bambino che gioca tutta la vita a fare un mestiere da grande”.

Matteo non sono nè mai sarò una cuoca ma amica di un grande cuoco bambino per tutta la vita, sì.

3) Potete far finta adesso di entusiasmarvi insieme a me per la neonata sezione Light, perfavore?

4) No. Non ho avuto ancora il coraggio di accendere il cellulare ma prometto che domattina provvedo. Credo.

Una che disegna, scrive, cucina e fotografa ma non fa bene nessuna della quattro cose.

Review overview
31 COMMENTS
  • elllisa 22/03/2011

    un commosso ben tornata per cominciare. ti vogliamo bene ( sempre per la storia che ripetere le cose…)

  • PieceOfStar24 22/03/2011

    Tocco il filo scoperto a mano aperta. Sotto la pioggia. E so che non mi farà mai male. So che lo proteggerò sempre, ma non sarò ne plastica ne ceramica.
    Sarò solo io, con le mie mani a ripararlo dalla pioggia.
    I tuorli neri vanno buttati giù per lo scarico con aria schifata com’è giusto che sia.
    E’ bello essere elettricità e non cartello. Piccole scosse colorate che regalano sorrisi.
    Niente cartelli, l’elettricità bisogna scoprirla a proprio rischio e pericolo.
    Niente avvisi. Si rischia. E poi c’è chi, come me, può osare toccarla sotto la pioggia perchè sa che non finirà.

    Ti mando la ricetta completa dei tortellini (anche in onore del nippotorinese,sì).

    Ti vogliamo bene Gi**

  • Selena 22/03/2011

    dio io amo la torta pasqualinaaaaa 😀 Ma senza le uova dentro…troppo pesante 😛

    Mi manchiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii :****

  • Valentina 22/03/2011

    Gì, piccolamia, sei un filo scoperto perchè quello che c’è dentro è persino più bello di quello che c’è fuori, e val la pena di essere visto e vissuto da chi si illude che starti accanto sia sufficiente. Ma lo è a malapena e non lo è mai abbastanza. Resta scoperta, sii fiera di esserlo, tu, che scoperta fai più bello il mondo. Resta scoperta e colorata come sei, un meraviglioso arcobaleno. Da qui non si può che amarti e farti riparo con mani piccole e pasticciate.

    Avrai presto mie notizie campane sotto forma di ricetta di pastiera e casatiello della mia mamma :*

    Che ti amo l’ho già detto, si?
    E quellollà lo sa, si?
    No, perchè se serve gli mando una pastiera con dei bigliettini dentro, così, giusto per chiarire (e per rovinargli la digestione).

    Tuppete. Semprissimo. :*

  • Cuocopersonale 22/03/2011

    Più che come un filo scoperto abbandonato nella tempesta io ti preferisco vedere come la tempesta che fa compagnia ai fili scoperti abbandonati…
    Hai lasciato senza parole me… e ce ne vuole.. da molto nei blog scrivo.. scrivo di cucina, questo si.. ma soprattutto scrivo…
    La scrittura fa parte di me, proprio quanto ne fa parte la cucina.. a volte penso di essere per 2/3 cucina e per 1/3 scrittura… niente di più…
    Leggere le tue parole, quello che hai scritto su di me (sei sempre troppo buona con il sottoscritto), la stima che hai nei miei confronti e la tua meravigliosa capacità di toccare l’anima di chi quel filo scoperto ha avuto l’accortezza di toccarlo (con i guanti e senza arroganza) è quantomeno supercalifragilsti ecc.. ecc.. è tutto così puffragoloso… *___*
    Ma tralasciando i puffi ( io preferivo i WUZZLES anche se non li ricorda nessuno… FARFORSA; APILONE; RINOBERT… ecc..) voglio davvero dirti grazie…
    Grazie perchè quando, come in questi giorni, non ti trovo, ti scrivo al cell e lo hai spento, ti scrivo in facebook e non apri facebook, ai commenti non rispondi.. beh.. è proprio in questi giorni che capisco quanto Iaia sia super… quanto questa donna possa davvero mancare… quanto ci siano persone speciali che a volte la vita ti pone davanti… e queste persone sono dei veri e proprio doni.. dei regali saltellanti, con il fiocco rosso e le unghie colorate… con il sorriso e le orecchie conigliesche.. con l’intelligenza, la bellezza (esteriore ed interiore) e la capacità di far sorridere sempre…
    Io non lo so se sei un filo scoperto o no.. so solo che se tu sei un filo scoperto voglio esserlo anch’io.. (il prossimo anno ci travestiamo da fili scoperti a carnevale?? si??? ti prego dimmi di si…)…

    Sai cosa ti dico cara la mia Giulia???
    Se è vero che ”Un grande cuoco è solamente un bambino che gioca tutta la vita a fare un mestiere da grande” io e te siamo entrambi due grandi, enormi, meravigliosi cuochi.. e chi dice il contrario beh.. lasciamo pure che lo dica…
    A noi deve interessare solamente il fluttuare nella tempesta… la tempesta dei profumi e dei colori che il cibo crea in chi adora quello che fa… la tempesta di emozioni che la matita di Iaia riesce a creare… la tempesta di lampi dei flash della macchina fotografica… la tempesta di amicizia che sta diventando meravigliosa oasi di pace…

    E Iaia.. come diceva sempre Edgar Allan Poe ” Coloro che sognano di giorno sanno molte cose che sfuggono a chi sogna di notte” e come diceva Henry David Thoreau “Se qualcuno non marcia al passo dei suoi compagni forse è solamente perchè sente una musica diversa”…

    Un abbraccio Gi… che più grande di così non si può…

    Matteo, ovvero Cuocopersonale…

    • elllisa 22/03/2011

      è che voi due insieme.
      cioè.
      io mi commuovo.
      belli siete. tutto qui.

  • Lisa 22/03/2011

    Focaccina mi commuovo! ;’-) io sono davvero felice di averti conosciuta e davvero aspetto il momento in cui mangeremo benedetta focaccia!
    Sai anche io ho imparato a non dovermi più giustifcare e mi rispecchio molto in quello che dici e dunque mai più ferire se stessi.
    La torta ti è venuta benissimo, si vedeno tutti gli strati sfogliati! ;-D bravissimissima!!!!
    Un bacione grande grande ♥

  • Trystan_o 22/03/2011

    Non sono solo belle le tue creazioni culinarie, sono anche squisite vero? 🙂

  • hendrixandme 22/03/2011

    non è serata. per me.
    Ma ci tengo a dirti solo che sei nel mio cuore, sempre.

  • Giulia 22/03/2011

    Ma ma ma io non sono tra le 46 donne di tonna moderna vuol dire che ti sono indifferente????
    Sono tristissima!!!!!

    :'(

  • Chià 22/03/2011

    Tesoromio…io ti penso, sempre. E vorrei solo trovare le parole per dirti che…ma faccio prima a scriverti un messaggio privato su effebì. Promettimi che proverai a leggerlo. Ti voglio bene, impiastrodisplendidaragazzachesei

  • Valentina Brida 23/03/2011

    Tesoro…. presto ti omaggggggierò anche io della torta di nonna…. (cielo celafarò peppppasqua???) Intanto io e gionlennonimperterritochenonmisposa ti salutiamo e ti mandiamo baci a iosa.
    e saluta Pier.
    ciau <3

  • Alessandra 23/03/2011

    Amore mio, io ti tocco ma non muoio. Ti tocco, mio bellissimo filo scoperto, e la scarica elettrica che mi dai mi riempie di vita.

  • Bibi 23/03/2011

    da piccola adoravo lavare i piatti.
    aprivo lo sportello in acciaio del sottolavello e ci infilavo i piedi, tenendomi in bilico, coi gomiti a farmi da puntello dentro il lavabo e lavavo i piatti. anche se avevamo una lavastoviglie a due piani e che era più alta di me.
    di fili scoperti dietro quella lavatrice dovevano essercene parecchi visto che una volta, girando la manopola dell’acqua presi la scossa.
    fu una sensazione strana, non riuscivo a staccare la mano dalla manopola e mi sentivo tremare le ossa.
    finchè la corrente non si staccò.
    scesi dal lavello. non dissi nulla, come mio solito.
    ma quella scossa non fu una sensazione brutta, anzi.
    per questo la ripeto: mi avvicino e ti tocco. e tremo.

  • iber 23/03/2011

    coperto o scoperto varrà sempre la pena abbracciare questo filo 🙂

  • maghettastreghetta 23/03/2011

    Ho appena letto e vi ringrazio di cuore.
    Al momento non ho neanche una connessione stabile. Domattina spero di potervi rispondere e sbaciucchiare come si deve.
    Un abbraccio fortissimo.
    E sempre grazie.

  • CleoFania 23/03/2011

    Mi sei mancata, qui come altrove.
    Ti ho pensata in questo periodo per me così nero.. ho pensato ai tuoi colori, a quelli che dipingi in giro senza accorgertene, a quelli che rovesci sugli altri come inciampata in una fila infinita di barattoli di vernice…
    Spero di ritrovarti presto. Di ritrovare quella scossa da filo scoperto che aiuta a star meglio.
    Un abbraccio, Iaia.

  • meravigliosa questa torta pasqualina…bella davvero tanto.
    volevo dirti che ti seguo, mi piace come ti sei presa cura del giappone e l’impegno che metti in quello che ti sta a cuore. ti seguo, silenziosa (e’ un periodo un po’ no) ma ti seguo, e ti mando un abbraccio enorme colmo d’affetto…

  • ClickMatto 25/03/2011

    di solito leggo.
    ma non lascio mai commenti.
    non sono abituato così.
    tante volte mi lasci senza parole. Quindi non riesco a sapere cosa scrivere, dirti, comunicarti. Preferisco tacere in certi momenti. Ho lasciato passare alcuni giorni prima di scrivere in questo riquadrino. E ora sono pronto:

    Io.
    ci.
    sono.

    un abbraccio.

  • Cinzia 26/03/2011

    1. non conoscevo i The National. Grave errore, chiedo venia, corro a documentarmi su iutub.
    2. apprezzo il tocco Ikea della tovaglietta. non oso pensare a cosa d’altro ti sei portata via da quel negozio.
    3. “Sono un filo scoperto abbandonato in una tempesta.” dicevi di non avere il dono della sintesi? eccolo, invece, il dono. ti sei raccontata in due parole. e lo hai fatto come solo una persona come te sa fare. profonda. speciale. unica.

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi