Home / Biscotti  / Deu Seu Scimpra. Perchè io le nozioni basi del sardo le ben conosco e ne vado pure fiera

Deu Seu Scimpra. Perchè io le nozioni basi del sardo le ben conosco e ne vado pure fiera

Maghetta Streghetta, con conigli serial killer nell’abitacolo della sua auto, va in giro virtualmente per l’Italia a scoprire le tradizioni culinarie Pasquali.

Il Tour Culinario Pasquale, nonostante sia partito già da un po’, da oggi diventa una vera e propria missione. Voglio essere ricordata così: Mantello tessuto con pelo di coniglio consenziente alla “potatura”, orecchie di pannolenci, baffi lunghi e folti (per quello non c’è bisogno neanche di un posticcio peloso finto) . Moderna Eroina si accinge ad affrontare l’impervio cammino lastricato di uova di cioccolato sotto un cielo di colombe imbottite di canditi e cioccolato. Ma anche di caramelle, perchè anche per me e Chiari è Pasqua, santapizzetta.

All’attivo si hanno già: La Torta Pasqualina Ligure, La Stiacciata Fiorentina, La Pastiera Napoletana in versione classica, La Pastiera Napoletana al cucchiaio (che Napoli mi perdoni!), Il Bocconotto Calabrese e le Uova ciambellose Vegane e le Uova sode Colorate. Ad attenderci (fingete entusiasmo e non fatemi sentire sola ve ne prego) ricette prive di glutine in formato pasqualoso, super light , colesterolo esenti. Idee golose per i più piccini ed anche per chi deve fronteggiare Miss Insulina. Tante idee per una mise en place degna di nota ma anche per un pic nic veloce e improvviso. Farò pure i Tortellini di Giuli, giusto per farmi odiare dall’amata Emilia Romagna (Max ti prego dimmi cosa devo fare della regione Lazio perchè sono nel panico assoluto. E se facessi una Colomba taoista?)

Le Pasqualate pervaderanno questa stramba cucina tra cartacce di fumetti, odori di racconti non finiti e amenità. Un’oscenità pulciosa si riverserà su queste pagine facendo rimpiangere il Natale con l’albero broccolo e il pandorino che non era un pandorino (reperto fotografico numero 1, reperto fotografico numero 2). Una speranza però potrà darvi la forza per superare tutto questo. Dopo la Pasqua ahimè si può davvero festeggiare ben poco per un lungo periodo. Sì certo la festa della mamma, l’avvento dell’estate, il primo bagnetto. Qui faremo pure il 4 Luglio suppongo. Ma dopo la Pasqua la desolazione assoluta. Nessun preparativo particolare ed epocale. Potrei riposarmi e smettere ma sarei una persona ragionevole ergo. Non credo proprio.

Non demordo. Istituirò l’Estatate. Una festa nazionale di “breve” durata che inizia con la  fine della Pasqua e finisce con l’avvento di Halloween. L‘Estatate trova il suo culmine nel Ferragosto in modo da avere a disposizione, come tutte le tradizioni impongono, anche una serata sfavillante per la quale si è lavorato tanto. Tra preparativi e organizzazioni. Si istituirà altresì che il 15 Agosto non si debba cenare tra un falò e una chitarra bensì su una piattaforma che ognuno costruirà sul mare. Galleggiante con le candele intorno. Insomma questo progetto di facile realizzazione lo sento già molto mio.

Ma andiamo con ordine e non sminuiamo la Pasqua imminente. Già da un po’ la voglia di fare tutto il libro di ricette “Dolci in Sardegna”, prezioso dono di Iber,frulla nella mia mente. Ci sono tante di quelle bontà che vien voglia di tirarsi i capelli. La mia scelta è ricaduta sulle Casadinas perchè dolcetto tipico del periodo Pasquale sardo, ma non escludo che qui ci sia a breve un’ondata anomala di Arrubiolus, Galletinas, Callàu durci, Meravìglias e Tzìpulas. Qualche amico sardo se ha tempo e voglia mi spiegherà eventualmente le reali differenze tra Casadinas e Pardulas ma per quello che sono riuscita a leggere in rete pare che stia solo nel ripieno. Le Casadinas contengono il Casu e appartengono alla tradizione della città di Nuoro mentre le Pardulas una ricotta freschissima o un pecorino altrettanto fresco di giornata. L’augurio di Iber era quello che potesse nascere un Dolce Nipposiculosardo. Ametto che io nelle Caschettas un po’ di the matcha e quattro capperi di Pantelleria ce li vedo eccome. Del resto con Ale progettiamo Madeleine al Polpo e Mars quindi tutto è concesso. Cri (farò tanti Coricheddos pettè e per Ale) non me ne vorrà poi se dopo essermi trasferita in casa sua inventerò con Mat le Sebadas con orecchie da coniglio al sapore di carota e pecorino.

Insomma per dire che non sapendo se lanciarmi sulle Casadinas o Pardulas e soprattutto avendo girato come un’ossessa in cerca del Casu e ricevendo come risposta “machestaaddi’?”, manco fossimo a Roma centro, mi sono arresa. Ho messo sia del pecorino freschissimo sardo che la ricotta (Uno Strambo incrocio Casadinas-Padulas-Ripienocannolosicilianoricottoso) . Per la ricotta però ammetto di aver usato la classica siciliana pesante come i mattoni di cemento armato (essendo miniminiminicasadinaspardulas però risultava il tutto molto sopportabile. Così mi è stato detto e giuro non ho fan in casa. Tuttaltro) .

Che tutti i miei amici sardi si mettano in coda, prendano il numero e mi facciano pernacchie in maniera ordinata e distinta.

Posso essere perdonata per aver usato un miele freschissimo reperito sull’Etna aromatizzato leggermente al limone? No eh?! Capisco.

La Ricetta delle Casadinas la trovi cliccando qui>>>

Una che disegna, scrive, cucina e fotografa ma non fa bene nessuna della quattro cose.

Review overview
50 COMMENTS
  • cjnzja 08/04/2011

    prima!!!!

  • cjnzja 08/04/2011

    ahhaha almeno una volta DOVEVO farlo!! 😀

    • Wish aka Max 08/04/2011

      Come sarebbe almeno una volta?
      Qui non stiamo mica a grattare la pancia agli orsi bruni!
      E neanche ad asciugare gli scogli!
      Qui c’è un campionato!!!!!!!!!!!!!!
      😀

      • cjnzja 08/04/2011

        ehhh ma io… ma io… non sapevo!! 😀 migliorerò!!

  • Trystan_o 08/04/2011

    Ses Troppo roga filla mia ! :D:D

    detto da un Sardo di Casteddu (Cagliari)
    GiuVo !!! 🙂

    • maghettastreghetta 08/04/2011

      Non trovo conigli di plastica e mi dispero.
      Seriamente mi dispero.
      Nel frattempo posso spedire qualcuno mio?
      dimmi di sì 🙁
      Un bacio enorme!

  • cjnzja 08/04/2011

    io adoro le tue gif! mettine altre please 😛

  • ssandrici 08/04/2011

    bravissima son venute proprio bene e saranno buonissimeee !!! XD

    • maghettastreghetta 08/04/2011

      Ale abbiamo grandi progetti per te io e Cri*risata malvagia nonsoquelchedicoperdonami.

      Sai che Pi ha detto “buone” ? ecco. quando dice buone sto sempre tre quarti d’ora a dirgli ” giura. ma davvero. giura. dai giura”.
      Fino a quando dice.
      “no.scherzavo”.

      🙁
      uff.
      (al mio papetto sono piaciute. ma gli sono piaciuti pure gli spaghetti scotti al kiwi e surimi e quindi non credo faccia testo)

  • iber 08/04/2011

    eh no, oggi il primo posto toccava a me 😛
    direi che come primo esperimento possa andare bene 😀
    il casu è un pecorino di primo sale, nn ancora stagionato, appena preparato.
    qui a cagliari comunque si fanno con la ricotta rigorosamente di pecora (e nn vaccina)
    baci pardulosi 😀

    • maghettastreghetta 08/04/2011

      Iber diciamo la verità la forma non è quella. Nel libro non c’era la foto e la cosa mi ha fatto incacchiare parecchio. Oh c’era la foto di tutte tranne che nella casadinas.
      *_*
      L’ho cercata ovunque e ovunque era bellisima. Ma di forme diversissime. Io ho optato per questa ma non so mica se è quella esatta. Ho capito debba essere una sorta di canestrelloscrignorialzatolateralmente ma non so quel che dico chiaramente.
      Ti prego illuminami *_*
      (spetta che prendo un faro da 500 watt)

      Oh è chiaro che per ricotta sicula io intendessi ricotta di pecora eh *_*
      chenonstiamomicappettinarlepecorenoieh (ma cosa diavolo sto dicendo? )

  • Bibi 08/04/2011

    ennò enno ennò Iber ti boccio!
    Casu = formaggio
    casu da solo non cheret narrere nudda.
    E quel che viene dopo il nome “casu” che lo differenzia.
    Casu marzu
    Casu axedu
    Casizzolu
    Su callu
    Sa merca
    ecc.
    Casadinas Formagelle e Pardulas sono la stessa cosa, la differenza è che le casadinas possono essere “di formaggio” o “di ricotta” e per formaggio (casu) si usa si il pecorino si ma appena fatto quindi fresco.

    • iber 08/04/2011

      io intendevo che il casu che si usa nelle casadinas è pecorino fresco, nn in generale, mi sono spiegato male 🙂

      • Bibi 08/04/2011

        sennò povera amore nostra la prendono davvero per scimpra andando a cercare il casu (poi magari gli vendono Pietro Casu hai visto mai)

      • maghettastreghetta 08/04/2011

        Ma Che casu stiamo dicendo ?
        muauahau.
        ok.
        non fa ridere, scusate*va via mogia mogia
        (fortuna che la sacra suocera da torino lo tiene incollato al telefono e non schiaccia play. forse stasera riesco a non sorbirmi la filippicanipponicaaaa)

    • maghettastreghetta 08/04/2011

      Io la so ! io la so ! *agitando la manina da secchiona
      Ho letto del casu.
      del pecorino.
      di nuoro.
      di cagliari.
      di tutto giuro di tutto.
      anche casu marzutipomuffosocomefossegorgonzola? (ditemi di sì vi prego)
      Ho detto a Pi che voglio fare pure u purceddusotterrandolointerrazzanellaiuola ( e solo il cielo sa che non sto scherzando)
      Pi.
      è preoccupato per questa mia passione regionale campana e sarda *_* sta cominciando a dare di matto.
      e qui in casa solo una persona può dare di matto e ha le giuste credenziali per farlo insomma.

      *_* ho messo metà percorino e metà ricotta per accontentare tutte leprovincie. è una cosa talmente romantica che la regione sardegna come quella campana dovrebbe .
      farmi.
      saltare.
      IN ARIA *_*

  • Francy 08/04/2011

    Che bontà! Qui a Bergamo come dolce si magna la polenta e osei (uccelli) (con gli uccellini di cioccolato eh!)…ne hai mai sentito parlare? Esteticamente è favolosa (anche se ovviamente è gialla e quindi un po’ troppo invadente, ma potresti usare i tuoi amatissimi coloranti alimentari….oddio, mai nessuno ha fatto una polenta e osei non giallaaaaaa!) e a te ti uscirebbe da dio!!!
    Un supermaega bacio!

    • cjnzja 08/04/2011

      la polenta e osei originale, quella con gli uccellini morti poverini bellini, è uno dei piatti più orrendi che io abbia mai visto. da film dell’orrore :(((

      • Francy 08/04/2011

        Hai ragione. Fa proprio impressione. Ma quella dolce è simpatica dai! =)

      • maghettastreghetta 08/04/2011

        maledizione telefono. mamma. torno subito. nel frattempo prima che mi dimenticosantapolpetta. Francy tu hai un account wordpress e se non ce l’hai pecchenonlofai?
        http://tonnamoderna.wordpress.com/
        potresti blaterare con noi. far parte di noi. senza impegnifrizzielazzi. e devo scriverti milioni di cose sì- e voglio tornare su sta storia degli usei di cioccolato.
        rido troppo.
        oggi rido troppo.
        mia nonna dice che chi ride troppo il venerdì piange il sabato.
        😀
        mi sa che domani piangerò a dismisura.
        machiseneimporta.

    • maghettastreghetta 08/04/2011

      Ahem Francymia prima di tutto baciamoci per tre quarti d’ora perchè in questo periodo maledettofrenetico non abbiamo avuto il tempo necessario per farlo. quindi fingi ilarità perchè ti starò incollatallecalcagneperrecuperare*fuggifincheseintempo.

      Detto questo.
      Ma la polenta e osei *_* santoosei quelloproprioquelloquellotradizionaledellatradizione?
      Ora vorrei raccontarti della mia prima volta con la polenta osei.
      Era la prima edizione del grande fratello. Quella che poi sarebbe diventata la vincitrice del grande fratello raccontava al ragazzo che purtroppo ebbe vita breve quanto fosse buona la polenta osei.
      Come quei piccoli uccellini fossero dolci e saporiti.
      E come fosse normale mangiucchiarli e poi togliere il becco piccolo e metterlo d aparte.
      Non ho mai saputo se stesse scherzando o meno. E’ stata una delle prime cose che ho chiesto a Pier quando l’ho conosciuto.
      Mi ha risposto seraficamente ” mica si fa polenta e ose da me. si fa la bagna caoda”.
      allora non sapevo la differenza tra polenta e pastiera napoletana ( non che adesso sia diverso eh. improvviso e fingo ) per dire .
      insomma che.
      Da allora non ho più indagato.
      Adesso tu mi servi su un piatto di argento uno dei dubbi amletici che ha turbato la mia infanzia ( non è vero. avevo gia’ 89 anni ma mi piace pensare di essere giovane).

      I becchi si sputacchiano davvero o no?
      rispondimi abbracciandomi.
      e stammi vicina.
      so già che la risposta potrebbe ugualmente traumatizzarmi.
      (quindi in tuo onore potrei preparare polenta e pulcinidicioccolato a prescindere?!)
      (e se facessi una torta a forma di borsacolomba?)
      (no. dobbiamo inventarci qualcosa santo cielo)
      (una polenta osei finta su un cupcake. un cupcake al sapore di polenta con un oseo senza becco di cioccolato sopra.insomma. domani so gia’ che avremo la soluzione)
      e ora.
      baciamocifortissimo *_*
      (ma è vera la storia degli osei di cioccoalto? cielo. tra il dubbio del becco e gli osei di cioccolato impazzirò. impazzirò)

  • Wish aka Max 08/04/2011

    Quando ho letto “Ad attenderci (fingete entusiasmo e non fatemi sentire sola ve ne prego) ricette prive di glutine in formato pasqualoso, super light , colesterolo esenti” gridolini di gioia hanno pervaso l’openspeis dove ho la sciagura di trovarmi, e molti occhi con sguardi di riprovazione si sono voltati verso di me. (basta per avere l’accredito? mando l’IBAN?)

    Per quanto riguarda invece la tradizione laziale, dai miei suoceri ho conosciuto le ciambelline al vino di magro, e una pizza pasquale che però francamente non so neanche da dove cominciare per descriverla. E’ una specie di ciambellone ma salato, con il formaggio nell’impasto per cui sa di formaggio ma non lo vedi, morbida e buonissima accompagnata con il salame anzi con la salamella pasquale. Uova sode completano il quadro.
    Dippiùninzò!
    (Peraltro penso che la colomba taoista sarebbe assolutamente fantastica)

    • maghettastreghetta 08/04/2011

      domani devo spiegarti di facebook.
      quanto ti voglio bene.
      e dedicarmiatte’.
      la fine del mondo è vicina.
      la pacchia è finita.
      amen.

    • maghettastreghetta 09/04/2011

      che siccome io sto sistemando nell’ipad tutti i contatti (3) importanti con via e email e telefono e tutto. Invece di aver tuttodisorganizzato (sì. sono maniacale ed ordinata nell’estetica e disordinata con gli affetti. ma sto giusto rimediando) .
      Non è che mi diresti poi la tua mail eh?
      ahem.
      perchè la sto cercando su quelstramaledettooutlookchemiostinoanontogliere.
      e mi sono persa.
      (sì. uso mac, ipad, frizzielazzi e poi uso outlookperlaposta. qualcuno mi deride. compreso il mio nano da giardino)
      ( e pure mio papà)

  • maghettastreghetta 08/04/2011

    Io uccido tre persone e torno qui a blaterare. Nel frattempo volevo solo dire una cosa importante:
    Maghettastreghetta sta piangendo. Nessuno , oltreallamoredicinziucciasuamoredicucciolacapibaraokbastamavogliocontinuarecosifinoallinfinito, ha detto niente.
    su mag.
    in macchina.
    con il coniglio.
    in giro per l’italia.
    una volta che mi piaceva una mia scemenza.
    tuttiesclusocinziamoresuoetuttaltiriterasopra.
    ha detto niente.
    NIENTE
    *andò via urlando

    • cjnzja 08/04/2011

      ma tesoro, è bellissima!!! altre gif, ti prego 😀 anzi un blog solo di gif tutte per me!!

  • maghettastreghetta 08/04/2011

    (Max torno che ti devo dire solo 230948293048230948203482304823048 cose e oggi caschi il mondo ti scrivo. finalmente ho pure risolto dilemmmi assurdi amletici.se non mi vedi su facebook non gioire. ora ti spiego. e la colomba taoista te lo giuro. LA FACCIO)

  • ilfastidio 08/04/2011

    ora….spiegami perchè l’hai fatto!!! e sono serio!!! come non lo sono stato mai!

    • maghettastreghetta 08/04/2011

      ed io come mai sarò seria nel risponderti:
      1) Pur escludendomi dalle ricerche pubbliche venivo trovata da persone che non mi faceva piacere mi trovassero (è chiaro che invece di impegnarsi a lavorare per portare decorosamente a casa la pagnotta, la gente aggiorna status e cerca maghetta streghetta per dirle ” che bello ti ho trovata posso vedere il nippotorinese in mutande!”)
      2) E’ chiaro che scrivendo nelle bacheche altrui “gli altri” mi vedevano ergo non ero libera di scrivere dove volevo senza vedermi arrivare richieste di amicizia. Ho addirittura non potuto aggiungere amici per non incorrere in incidenti diplomatici.
      3) Non gradisco “richieste di amicizie” continue solo perchè ho detto una battuta simpatica su una bacheca di uno/una che conosco. E’ maleducato. Invadente e assurdo. Capisco che ormai il meccanismo di facebook sia “infiliamoci tutti a caso” ma per quello ho altri social network. Twitter ad esempio.
      Volendo poi metterci anche foto di “amici reali” che non gradiscono particolarmente questo “mio lato pubblico” ero impossibilitata tra tag, pubblicazioni e amenità. Sono una persona discreta . E tu sai quanto io lo sia davvero. Una roba è farla finire a tarallucci e vino e prendere in giro me stessa e la mia idiozia . Una cosa è mettere la faccia degli altri.

      non so più se stiamo a 4 o 5 vado troppo veloce.
      Se non accetto una richiesta di amicizia mi mandano una mail dove mi si chiedono addirittura spiegazioni. Talvolta mi arrivano delle scuse. Altre volte mi arrivano mail dove mi chiedono se ho letto quello che non ho letto. Mi ritrovo con ( e non scherzo) duecento email giornaliere oscurando quelle che mi interessano.
      Che possono essere le tue.
      Di Max.
      DI Giulia.
      Di Cristiana.
      Di quelli che mi interessano.
      Questo significa che per indole io.
      rispondendo a tutti. giustificandomi con tutti. spiegando bene a tutti.
      Mi ritrovo a trascurare chi realmente mi interessa.
      E non mi sta più bene.
      Non mi sta bene che io ti debba dire una cosa riguardo la chiavetta usb da due mesi ma per rispondere a tizi89 , a giuseppe44 e frizzilazzipippo23 perda tempo.
      Non potendo cambiare questo mio animo cerimonioso, maledettamente disponibile (nonostante ci stia lavorando e mi sia giusto “corazzata” un po’ di più) la decisione di chiudere.
      Complice il fatto che anche gente insospettabile se la sia presa perchè non avevo risposto. Facendomi un male assurdo e provocandomi conati di vomito imbarazzanti.

      perchè avevo risposto a x in bacheca e a lui no perchè veniva prima. perchè mi ha visto uplodare il link del blog ma non avevo risposto alla sua importantissima mail se è meglio fare un uovo in cocotte o fritto nell’olio di semi di soia (ma che cacchio ne so ! mica so cucinare! l’hanno capito o no?)
      ALLUCINANTE SA!
      ti posso dire solo ALLUCINANTE.

      Lo scrivo pubblicamente tutto questo. Tra l’altro. Perchè non ho nessun tipo di problema ad espormi. Ho tutte le ragioni. TUTTE. E giuro che darmi ragione è una delle ultime cose che faccio. Da quando sono nata. Maquandohoragionecacchiohoragione.

      Ci vorrebbe un esame di coscienza generale. Fermarsi e riflettere che davvero si sta rasentando la follia con sti cacchio di social network. Non voglio far parte più di questo sistema malato. Voglio adoperarlo COME DICO IO. Voglio assolutamente fare quello che mi diverte e non fa divertire gli altri.
      E questa smania di essere gentile con tutti dovrà passarmi. Gli altri non lo sono con me. Giudicandomi. Giudicandomi perchè rispondo ad una in bacheca e all’altro no. No dico ma siamo pazzi?
      Tra l’altro con me. Che sono una persona non discreta. NO. SONO MANIACALE. ti posso mandare un sms per chiederti se posso mandarti un sms scusandomi per averti chiesto se.
      Ma tu mi conosci.
      E sai.
      Sai che non sto sparando scemenze .

      Insomma.

      PEr certo so che poi dopo essermi beccata filippiche da ogni dove, passare per inaffiddddabbbile, essere rimproverata, mortificata e una sfilza imbarazzante ( tutto in privato eh. perchè poi pubblicamente sembrano tutti tranquilli) di ognisortadicosasssurda.
      Mi ritrovo a non fare una cosa per te.
      Per Max.
      precludendomi come ho gia’d etto: puro divertimento e amicizia.
      E’ diventato un lavoro. Era anzi. Era diventato un lavoro facebook.Su Flickr mi chiedevano come prima cosa dopo avermi aggiunta “come ti chiami che ti aggiungo su facebook?”
      “Ah ciao Giulia come è il tuo cognome che ti aggiungo su facebook? ”
      “Ah ti ho letto su Grazia. Ti chiami Guardo vero? ma non ti trovo!”

      Sono lusingata e commossa che si perda tempo per una cogliona come me. Lo giuro.
      MA BASTA.

      Entravo.
      Se aggiornavo lo stato : 100 messaggi privati. ” e ma allora ci sei”. ” ah sei qua”. “senti ma..”

      L’amico di x che aveva visto le mie labbra carnose e mi voleva aggiungere ( guarda. ho letto cose che mi fa schifo solo ripeterle e non ci riesco neanche ad ironizzare) epitetandomi “labbra a cuore” , “labbra carnose”.
      E la cosa assurda è che ad X non lo dico giusto per non farlo prendere a ceffoni.
      anche se dovrei.
      E insomma . SU FACEBOOK SI AZZERANO I NEURONI ANCORA DI PIU.
      Ti devi immaginare che Pier è già da un po’ che osserva basito quello che accade in privato. E più volte mi ha detto che la situazione stava diventando “pericolosa” e ai limiti della sopportazione.
      Se fossi maleducata come “loro ” potrei uscirmene con un semplice:
      “ma chi sei? ”
      “togliti dalle palle”
      “sparati”.
      Ma grazie al cielo sono diversa. Non sarò mai come “loro”.
      E quindi cancello l’account facebook.
      Lascio solo la pagina gikitchen .
      http://www.facebook.com/pages/Gikitchen/127489513985056
      che mi consente di comunicare amenità, mettere foto e parlare con chi ha voglia di parlare con me.
      E non visualizzo i profili privati degli altri come è giusto che sia. per par condicio non avendone uno io.
      Detto questo.
      Le foto sono su flickr e ne metto anche parecchie private, escluse qualcuna ma non credo che il mondo morira’ per questo.
      Qui sul blog racconto i cacchi miei a go go e quindi non cambia nulla.
      Facebook è un luogo meraviglioso se governato da te e da altri pochi ma diventa infernale quando ci si butta nella marmaglia.
      E davvero Sa è un discorso complessissimo ma ti assicuro che mi sento già MOLTO MEGLIO.
      Pier non disattiva Facebook ( non lo usa mai) solo perchè ha ritrovato dei suoi amici delle elementari e comunicano tutti in quel modo.
      Per me è leggermente diverso. Adesso.
      Ne parleremo in altra sede se vuoi ancora essere tediato . Purtroppo per te fai parte di quelli chesenonpuosfuggirmifacebookaparte*risata satanica.

      Non è uguale a twitter. Non è uguale a friendfeed. E’ innegabile che facebook sia diverso. Nasce veramente per altro. Per me rappresentava altro. Era una traslazione virtuale nel reale se vogliamo.
      Non volevo tutti li’.
      Come accade nei diversi tipi di account.
      Volevo i reali.
      E quelli che al momento erano virtuali ma sarebbero diventati reali.
      Proprio perchè ognuno ne fa un utilizzo che vuole io ho scelto che no.
      Facebook non fa più per me. Per questo tipo di contatto ho altri social network ( e negli altri tutti perdono pure meno tempo . perchè santocielo stanno tutti e dico tutti SU FACEBOOK)

      Mi stanno facendo diventare un’emerginata.
      scatto foto con le lomo.
      non ho facebook.

      se mi vedi con una borsa di tela e i capelli sporchi in un centro sociale.
      Dai la colpa a Pier.
      Occhei ? *ridocomeunapazza.
      ti voglio bene.
      mettila cosi’-. ora ho piu’ tempo per te. capisco che sei disperato per questo.
      prrrrrrrrrrrrrrrr

      • ilfastidio 08/04/2011

        una sola parola “immaginavo” e basta! mi spiace solo che siano questi “altri” a condizionare la tua vita….ma condivido la tua scelta e soprattutto non c’era bisogno di fare sta sorta di pergamena per spiegarmelo! non credo di meritare tutta la filastrocca qui sopra! ma va bene lo stesso! tanto come vedi è più facile di quel che sembra….cliccare su un pulsante e dire a tutti che non ci sei più (almeno su feisbuk) :-))))

      • maghettastreghetta 08/04/2011

        era più romantico se mi avessi abbracciato forte e detto ” tevogghiobenneassaje”.
        Avevo immaginato così il finale.
        Ma chiaramente devi sempre rovinarmi tutto.
        prrrrrrrrrrrrrrrrr

      • maghettastreghetta 08/04/2011

        che poi sei strano eh. prima mi chiedi le motivazioni serie e poi ti lamenti delle motivazioni serie.
        santocielo.
        santocielo.
        seipiucomplicatodiunatonna.

  • maghettastreghetta 08/04/2011

    Corro a preparare il gazpppacccho e tonno !
    ahem .
    e torno.
    non cazzpacchoo con il tonno.

    • ilfastidio 09/04/2011

      Giù…..scusami, ma dopo il terzo sbadiglio ho perso il filo del discorso….dov’eravamo rimasti??? eh eh eh…..

  • Marco 08/04/2011

    Secondo il mio modestissimo parere diventi ogni giorno più brava. Sempre più brava !
    Complimenti Iaia!

  • PieceOfStar24 08/04/2011

    Oooooh ma a me non hai risposto a dei commenti qua sul blog! Perchèêê?! Ah.
    Era da scrivere in privato? Ops XD
    Scherzo chiaramente e mi è piaciuta la pergamena su facebook. Da molto ho tolto tutto e lo tengo solo per il motivo per cui lo tiene Pier.
    E’ giusto così. Facebook è davvero il lugo della marmaglia e del “voglio spudoratamente farmiicazzituoi”.
    La gente non lo sa usare, è inutile.
    Detto questo…i dolci sardi *_* e quella gif è favolosa, la macchina è la stessa di Harold&Maude? 😀
    Guarda che se compri i tortellini di giovanni rana (che fan pure schifo) me ne accorgo eeeeeeh! Non fare la furbaaa!
    Ti abbraccio e ti do un sacco di bacetti ziaiaiaaa

    • maghettastreghetta 08/04/2011

      ahahah ti adoro.
      ti prego rimproverami ancora. e ancora. e ancora. e santo cielo tu dovresti sul serio.
      Tu sei troppo avanti cucciola della zia. E io che ti chiedevo perchè non si poteva scrivere sulla bacheca.
      Santo cielo si vede che so vecchia e non capisco.
      Ma arrivo eh. Con un po’ di ritardiannialucemarrivo.
      Detto questo perchè come dicevo a Cri , Pi sta per schiacciaresuplay e mi tocca una roba inquietante in bianco e nero.
      La macchinaè moltosimile a Harold e Maude e il fatto che tu.
      eccovorreiabbracciartiforte.

      Uffa. Sto cercando qualcuno che mi faccia i tortellini in casa in modo da spacciarli per miei e fare bella figura con te.
      E la tua mamma.
      Ora però se ti dico una cosa mi prometti che non mi fai vedere streghe?
      GIURO
      che io la mail con i tortellini non la trovo.
      Oggi su 786 ho fatto.
      seleziona tutto.
      cancella.
      😀

      ti prego.
      dimmi che me la rimandi . TI PREGO (promettodiattivaredavveroemailsegretaanzinoooooooooooooo)
      (anzinoooooooooooooooooooooooooocelhocelhotelamandosutwitterrrrocchei?)
      *risata malvagia.

  • PieceOfStar24 08/04/2011

    Santapazienza -___- babbè te la rimando! E giuro che se non li fai tu ti ammazzo di botte. O ti stritolo di abbracci, boh ci penso :p
    Vedi, te lo dissi che io non avevo la bacheca, lo sai che sono saggia *__*
    Bè Harold&Maude è un film meravigliosamente folle,il primo che mi hai consigliato e hai fatto un centro clamoroso.
    Ti rimprovero perchè non sai fare le proporzioni. Ecco. E già 3 volte te le ho spiegate 🙂 abbracciamisubito

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi