Home / Comunicazioni  / E non si conosce la crisi, qui. Purtroppo per voi.

E non si conosce la crisi, qui. Purtroppo per voi.

Il 22 Luglio è una data importante che viene annoverata nella storia dell’umanità. Proprio sotto l’inquietante titolo “Calamità naturali e Stragi improvvise”. Il 22 Luglio del 2004 decidevo nel pieno possesso delle mie facoltà mentali con annesse risate registrate di apportare anche io la mia inutilità al web. Nasce  il  Blog di Maghettta Streghetta, nella compianta piattaforma di Splinder; incomprensibile nei suoi meccanismi e amorevolmente detestabile con i suoi malfunzionamenti mi ha lasciato comunque un bellissimo ricordo. In particolar modo quando ho avuto il coraggio di passare a wordpress ma non credo sia questo il punto.

Essendo offline grazie al cielo non si può risalire a come tutto ebbe (tragicamente) inizio. Ci pensa il mio sadismo a rimediare.

Primo post 22 Luglio 2004 ore 12.00

“La sua mollettina per i capelli preferita nelle ultime settimane era stata l’unica compagna dei suoi capelli sciolti e disperati. Nessuno li ha accarezzati tranne lei. Due settimane che lei non vede il sole, ma e’ anche passato piu’ tempo in passato.

Gliela aveva portata mamma per legare un po’ di quel dolore. Li ha legati mentendo a se stessa; come se bastasse e compensasse quelle carezze mancate. Nel letto buio la mamma e’ entrata improvvisamente arrabbiata, ha aperto le finestre urlando quel “basta!” che ferisce ed il sole e’ entrato.

Quella molettina che lei pensava da due settimane essere con riflessi neri improvvisamente assume dei colori blu notte. Le lacrime scendono e capisce che al buio non vede bene la realtà. Che sono tutte bugie, e che un po’ di sole in effetti non le farebbe proprio male”

 Niente autocelebrazionifatemigliauguri, fatemiicomplimenti (e di che?), brindiamo (alla mia idiozia), ma.

Giusto per dire che sono sette anni e non vi è crisi alcuna. Che indosso un cerchietto rosa e ne vedo benissimo il colore (anche per questo continuo a chiedermi cosa stessi pensando in quel momento perchè è osceno a dir poco e fa tanto barbie girl) e i capelli sono sciolti. Non vi è nessun dolore da legare ma sogni fluttuanti da realizzare. Ma credo non sia neanche questo il punto.

Lo è il grazie. Sentito e infinito.

E adesso vado a finire quelle ventidue tavole che mi sono prefissata giusto perchè non mi piace esagerare. Disegnare del resto è ancor più facile se ti sei tranciata l’indice a metà.

 

 

 

Una che disegna, scrive, cucina e fotografa ma non fa bene nessuna della quattro cose.

Review overview
24 COMMENTS
  • pieceofstar24 22/07/2011

    e comunque prima, credo 😛

  • lacinzietta 22/07/2011

    :-*

  • Marta 22/07/2011

    Un abbraccio enorme !
    (complimenti!)

    Marti

  • bimbafragolaJelena 22/07/2011

    Ma buon Blogompleanno!!!!!!!!!!!!!!!!!

  • Sara Francesca 22/07/2011

    Anche io come te ho aperto il mio blog nel 2004, su iobloggo.
    E poi, come te, sono passata a wordpress. Niente crisi neanche sulla mia isola.
    Ho iniziato a scrivere perchè rinchiusa in una stanza dal quale vedevo solo alberi e cielo. Dal quale sognavo di crescere e fare cose. In quella stanza macinavo post (anche 5 al dì), cercando alle mie mani di trovare un’occupazione differente da quella di crearmi dolore.

    Il blog è cresciuto con me. Per chi nasce blogger vero (così ti ho trovata e così già ti scrissi, non so se ricordi), non può avere crisi nello scrivere.
    Tu fai fumetti (non sai quanto ti invidio dato che io non penso vedo immagini) e hai questo fantastico rapporto con la creatività e la dissociazione che nitrisca nelle persone creative…speciali.
    Ma penso che forse anche tu come molti blogger nello scrivere “vomitano” (mi piace usare questo termine perché rende appieno l’idea) quello che hanno dentro. E nel vedere il “risultato” a volte comprendono, magari non subito, ma alla fine fanno pace con il proprio io.

    Il blog è un piccolo animale di pezza mal concio che abbiamo trovato per caso, che abbiamo curato, cibato e pulito. Poi un giorno, per caso (come spesso accade), ci accorgiamo che quel blog si è cibato delle nostre esperienze, emozioni, immagini ed è diventato qualcosa di più di un animale di pezza. È un’accozzaglia di incoerenza e sensibilità che ci appartiene. È quella parte più vera ma anche la più nascosta.
    Ci stupisce, ci fa arrabbiare, ci fa riflettere…ma non possiamo che amare quel blog perché talvolta arriva dove noi non vogliamo o non riusciamo ad arrivare.

    Per me è così.

    Ti leggo da poco e vedo che scrivi di tante cose “tematiche” a fronte dei tuoi fantastici 12 progetti e scrivi della tua vita. Non so quanta distanza ci sia tra noi, camminatori che ci fermiamo con te a bere un cappuccio sul tuo blog, e la Giulia/Iaia “inzomma” la te medesima!
    Per me la distanza non c’è. Quando scrivo le mani scivolano, la testa si svuota e mi sento senza materia Forse è il motivo per cui i miei post non hanno un filo logico e che sono di difficile comprensione. Nel lungo percorso di post ho conosciuto altre persone che si denudando come me, ed è questa la forza dei blogger: trovare frammenti insignificanti che per te diventano la chiava di qualcosa che poi ti senti di condividere.

    Dico sempre, e concludo (ammappa quanto ho scritto!), “il blogger vero è in terapia e la sua sessione dura un post.”


    Ps. Scusa per il commento lunghissimo, avrei potuto semplicemente scrivere “hai un lettore in più ^_^”

    • maghettastreghetta 25/07/2011

      Perdonami. Sono giorni assurdi e corro come una matta ma ti ho letto e vorrei trovare il tempo adeguato per risponderti (anche solo tre minuti santo cielo. sembrano essere una chimera in questo momento)
      Non posso però temporeggiare.
      devo assolutamente dirti:
      grazie.
      è un onore avere un’altra amica (spero amica. e non lettore) in più.

      Grazie.
      Ti abbraccio forte

  • Francesco 22/07/2011

    E non ti avrebbero neanche potuto inventare se ci fossi. Occorrerebbe troppa fantasia.

    :*

  • Francesco 22/07/2011

    se non.

    😉

  • Marco 22/07/2011

    Il vecchio blog lo rimetti online?

    Complimenti Iaia. Sei formidabile!
    :*

  • valentina brida 22/07/2011

    amore. solo GRAZIE. 🙂

  • Bibi 22/07/2011

    eccolo il mio post! mio si, non preferito ma proprio mio.

    quello che mi catturò, mi fece piangere e graffiò il cuore. quello che quando lo lessi pensai lei è come me, quello che ogni virgola e ogni emozione mi sono rimaste tatuate addosso, nella memoria e nell’anima. quello che mi ha fatto restare con te tutto questo tempo. anche se eri su splinder 🙂

  • Menzogna 22/07/2011

    :***************

  • Caterina Di Pinto 22/07/2011

    Sono arrivata da poco cercando una coccinella su flickr
    e per me GG è quello che ho visto la prima volta, mi ha colpito una specie di imprinting .
    Succede con tutte le persone, la prima impressione è quella che conta;
    oppure come leggere le prime pagine di un libro e decidere se continuare oppure no.
    GG quando scrivi esprimi una parte di te, ciò che sei in quel momento ed è una cosa meravigliosa poter ricordare ciò che si era.
    Buon blogcompleanno.
    GG
    GG sei un ottimo

  • Selena 22/07/2011

    Ti voglio bene cucciolotta dalla criniera al vento :*

  • ireos 22/07/2011

    Augurissimi PrincipessaIaiaMia. E grazie a te di essere nella mia vita.

  • ilfastidi0 22/07/2011

    “La sua mollettina per i capelli preferita nelle ultime settimane era stata l’unica compagna dei suoi capelli sciolti e disperati. Nessuno li ha accarezzati tranne lei. Due settimane che lei non vede il sole, ma e’ anche passato piu’ tempo in passato.

    Gliela aveva portata mamma per legare un po’ di quel dolore. Li ha legati mentendo a se stessa; come se bastasse e compensasse quelle carezze mancate. Nel letto buio la mamma e’ entrata improvvisamente arrabbiata, ha aperto le finestre urlando quel “basta!” che ferisce ed il sole e’ entrato.

    Quella molettina che lei pensava da due settimane essere con riflessi neri improvvisamente assume dei colori blu notte. Le lacrime scendono e capisce che al buio non vede bene la realtà. Che sono tutte bugie, e che un po’ di sole in effetti non le farebbe proprio male”

    e con sottofondo musicale “ci vorrebbe il mare ” di marco masini!!!!! hahahahhahah

    quanto era bello splinder….non questa porcheria di wordpress!!! Io il blog lo avevo aperto a marzo….quel 2004, a ripensarci, è stato davvero paranoico 😀

  • ilfastidi0 22/07/2011

    p.s.: noi non soffriamo la crisi del settimo anno vero???? Dimmidinodimmidino 🙂

  • Elisabetta aka Princess_76 22/07/2011

    Peccato per me conoscerti solo da due anni, (circa). Pochi i blog che riescono ad arrivarmi al cuore, il tuo ne è capace. Grazie!
    Buon blogompleanno!

  • Cey sloggata su un altro brownser 22/07/2011

    Grazie. a te, di tutto, sempre

  • Francy 23/07/2011

    Come si cambia eh. Anche se sei sempre tu. E’ favoloso. Sì, favoloso è proprio il termine giusto. Perché tutto è una favola e alle favole bisogna crederci. Tutti lo imparano. Prima o poi…
    Bacio
    P.S. Ti leggo eh, silenziosa ma ti leggo…
    P.P.S. Non puoi capire (no forse tu puoi capire) ma ho speso una follia in borse in una sola settimana! Cifre a 3 zeri in una settimanaaaaaaaaa!!! Che faccio? Sono malata? Devo iniziare seriamente a preoccuparmi vero? Perché esistono le borse??? Perché???!!!! Help me!

    • maghettastreghetta 25/07/2011

      tu non mi scappi-
      fammi ammazzare questi due passanti che minano al mio equilibrio (?) psichico e torno.
      e manchi.
      e no.
      non sei malata.
      *_*
      seilamoremioborsiferoooooevvvaiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii

      • Francy 27/07/2011

        Che poi ho visto il tuo meraviglioso acquisto borsifero QUERTY e sono rimasta inebetita per giorni. Volevo commentare ma così, a caldo (o si dice a freddo?), nessuna parola era adeguata. Certe meraviglie si meritano il silenzio, il mio di sicuro visto che sono quasi sempre fuori luogo. Togliamo il quasi dai.
        A me manca davvero il “sentirti” per sapere come stai, o cose del genere…

  • Wish aka Max 24/07/2011

    Come ho già detto per me questo non è un periodo meraviglioso. Anzi a dirla tutta è proprio un periodo di m.
    Però il buon compleblog te lo auguro lo stesso.
    Poi se hai tempo e voglia domani fammi uno squillo così ti racconto.

  • PieceOfStar24 24/07/2011

    Uno dei pochi blog che mi ha catturata. Sono partita da un tweet che parlava di un violinista che somigliava a tuo nonno. Sono passata per un viso truccato da jocker, per lo stesso che diventava regina bianca e regina rossa. Approdata qua.Andando a leggere tutto l’archivio, ridendo e piangendo. Rileggendo più volte lo stesso post.
    Affezionandomi sempre di più a quello che sei, al tuo modo di fare e di essere. Ed eccoci qua, un po’ di tempo è passato, ma senza iaia, senza maghettastreghetta, mai più.
    Buon blogmpleanno ziaiaia

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi