Madeleine Ricotta e mandorle

Non ero mai riuscita a preparare delle Madeleines perfette; perché se di madeleines perfette si tratta occorre la gobbetta.

“Gobba? quale gobba?”.

I Segreti delle Madeleine

La famosa Gobbetta, in cui le madeleines devono il loro successo, si forma per lo shock termico cui viene sottoposto l’impasto che passa dal frigorifero al forno caldissimo. Sarà quindi opportuno, dopo aver sistemato le madeleines nelle formine di metallo o silicone, lasciarle riposare per almeno un’ora in frigo.

.Setacciando il lievito e la farina otterrete delle madeleines più leggere. Perché il “setacciamento” che più volte viene consigliato all’interno delle ricette non è una frase di default. Ha una verità talmente profonda e intrinseca che saltare questo passaggio potrebbe davvero compromettere tutto il lavoro. Scoccia un po’ setacciare ed anche io non faccio i salti di gioia ma è davvero opportuno farlo.

. Per enfatizzare i sapori ed esaltare i profumi è sempre consigliabile usare del burro leggermente salato, anche nelle madeleines dolci. Certo è che se non fosse possibile reperire la versione salata del burro, si penserà che un pizzico di sale possa risolvere l’inconveniente. Beh. Così non è. L’ho detto, ecco.

. In generale nella versione dolce possono essere degustate anche tiepide e non necessariamente fredde. In quella salata chiaramente la temperatura inciderà sul gusto. Ed è preferibile servirle calde anche se non troppo. La versione salata al curry, o al pepe nero e paprika che ho preparato quest’estate, è ottima anche se solo riscaldata leggermente.

Le madeleine, se servite con una crema inglese o chantilly, vengono particolarmente apprezzate. Ce ne sono infinite varianti e infinite ancora da produrre e inventare. Con la crema chantilly o  al pistacchio e cannella diventano una prelibatezza senza precedenti. Come Alessandra le madeleines, oltre ad essere spudoratamente belle, racchiudono in sè classe e un savoir faire incredibile. Oltremodo chic se accompagnate da creme, possono diventare perfette con qualche mousse al cioccolato.

Lo chef consiglia una crema (per 4 persone indicativamente) composta da  6 tuorli, 750 ml di latte intero fresco, 1 stecca di vaniglia Bourbon e 180 grammi di zucchero. Il procedimento è semplicissimo. Dopo aver inciso la stecca di vaniglia nel senso della lunghezza e raschiato i semi con la punta del coltello, portare a bollore il latte con la vaniglia dentro. In una ciotola sbattere i tuorli con lo zucchero finché il composto risulti soffice e quasi bianco nuvoloso. Stemperare il composto con il latte caldo, versandolo a filo, quindi mettere la crema su un fuoco molto basso mescolandola di continuo finchè non avrà raggiunto una consistenza vellutata (la crema non deve bollire). Servirsi di un frustino da pasticceria per rigirare sul fuoco la crema.

La Ricetta

Per 16 Madeleines alla ricotta e mandorle circa: 3 uova, 150 grammi di burro salato fuso, 150 grammi di farina, 150 grammi di zucchero, 1 cucchiaino raso di lievito chimico per dolci, 5 cucchiaiate di latte freddo, 120 grammi di ricotta, 40 grammi di mandorle in polvere, 1 limone non trattato.

Le mandorle si sposano benissimo con la ricotta e il limone e difatti sono la base per diversi dolci del sud. Come non menzionare dolci tipici siculi e partenopei come la cassata, la pastiera e il cannolo stesso? Per questo motivo essendo Ale napoletana ed io sicula inside, non ho potuto cimentarmi come prima versione proprio in questa aromatizzata con ricotta e limone.

Lavare e grattare la scorza di limone. Lavorare con un cucchiaio di legno la ricotta e il latte. Passare a setaccio la farina e il lievito insieme. Sbattere quindi le uova con lo zucchero fino ad ottenere un composto spumoso. Incorporare quindi la farina e il lievito precedentemente setacciati, le mandorle in polvere (se non avete la farina di mandorle basterà tritarle finissimamente con un mixer da cucina anche se lo chef consiglia di provarle anche con le mandorle tritate grossolanamente), la scorza di limone finemente grattugiata, la ricotta e il burro. Mescolare fino a ottenere un composto liscio e omogeneo. Lasciare riposare almeno una o due ore in frigorifero. Scaldare il forno a 270. Riempire gli stampini di silicone e infornare le madeleine per 4 minuti. Abbassare la temperatura a 210 e continuare la cottura per 4 massimo 6 minuti finchè risulteranno dorate.

Tirare fuori le madeleine dal forno e aspettare alcuni minuti per sformarle. Sono buonissime gustate tiepide al contrario della maggior parte dei dolci comuni.

 

Madeleines ai fiori di arancio con menta e quattro spezie
Madeleines al cappuccino
Madeleines con caramello al burro salato servite con crema di nocciola e gianduja (sostituibile con la classica Nutella)
Madeleine al Miele
Madeleine alle tre spezie

Prossimamente le versioni salate con le cipolle e il bacon ma anche con le noci e il roquefort; per non parlare delle speciali versioni al foie gras e fichi e al prosciutto di praga con olive verdi.

 

 

QUESTO POST È STATO PUBBLICATO IL: 

24 COMMENTS

  1. per il momento mi fermo alle foto. di un’eleganza pazzesca, come al solito. torno dopo lavoro per leggerti ancora. qui, lì e ovunque. un abbraccio al di fuori della comprensione umana.

    • promettimi solo che dopo il lavoro piuttosto che leggermi , passi a prendermi con l’elicottero e andiamo con gurolo.
      verso nuove avventure di evasione.
      catture.
      e gatti.
      santapizzetta sì. giuro che starei chiusa con te pure nella stanza.
      con il gatto.
      e gli orecchini gialli.
      e l’abbraccio Eli me lo pigliotuttotutto ma dovrai sopportarmi per ore.
      fattituoi*risatamalvagia sotto una pioggia di cuori
      (grazie infinite)
      ti voglio bene.

  2. ma…nella foto vicino a: “Lo chef consiglia una crema (per 4 persone indicativamente)”…c’è il cestino portamadaleine? Firmato?

    • ridocomeunapazza.
      e tu avrai la madeleine allamatriciana.
      e pure favepecorino.
      checiavevogiapensatoioperchimihaipreso?
      disse spupazzandoselotutto :*

  3. non ho ancora capito se mi piacciono i tuoi fantastici racconti, o le tue foto e le tue ricette :)) Di questo post mi piace proprio tutto, infatti amo le madeleines, ho lo stampo ma non le ho MAI fatte… mi sa che farò le tue e comunque quelle in versione salata mi intrigano parecchiooooooo :)) un abbraccio!!!

    • Luna ahem grazie*santocielomimbarazzodavverosempre.
      Grazie infinite.
      Le madeleines ti prego falle! Le ho fatte parecchie volte prima di ottenere quellagobbamaledetta(ok mi calmo)
      In realtà sui libri che avevo e le ricette non c’erano queste temperature e soprattutto questi tempi lunghi nel frigo.
      Finalmente mi sono rasserenata.
      Da quando è venuta fuori la gobbetta ho provato un senso di pace con me stessa (per 3 secondi poi è tutto finito 😀 )
      Insomma fammi sapere se le hai fatte, ti prego !
      Un bacio grande e un abbraccio forte.
      Grazie per la compagnia!

  4. W i video di Giulia !!! Io ci faccio gli inserti di panorama !!! Non amo halloween perché non ho la cultura di questa festa essendo americana. Però i dolcetti sono sempre Gnam! In compenso amo il cappuccino e il momento della colazione e tu cogli in pieno lo spirito che piace a me

  5. Oddio. E le parole che di solito eietto dalla bocca senza freno dove sono finite? Tu mi riporti ad un anno fa….ed io non mi riconosco quasi e, lo sai bene, l.unica cosa che mi dice chi sono é l’ amore per te. Sei punto fermo, tieni tu la mia mano ed hai saputo spaccarmi il cuore ed entrarci…gesto violento ma che hai compiuto con grazie e dolcezza. Ci sei come ci sei sempre stata e ti parlo, spesso, e ti racconto del nostro anniversario e delle celebrazioni in diretta su SKY…perché, santapizzetta, ce le meritiamo tutte. Sarà una festa di colori e pois e righe….di palloncini a cui legarci e volare e trovarci, a metri da tutto, a raccontarci che cosí, mano nella mano, cuore tuo nel mio, siamo andate avanti….tutto sotto è piccolo e perde senso. Noi abbiamo imparato as essere una l’ala dell’altra….sappiamo dove andare…ci andremo e ci prenderemo ció che è nostro! E poi no….insisto che il polpo e mars sarà la ricetta del futuro…e Montersino ci piegherà le mutande e le riporrà nei cassetti in gradazione di colore! E SEI….LUCE E VENE!

    • che siccome pure a me, e come ho detto sopra, Giovanni Mosca ha l’ossigeno fisso da mesi, poverino. è più di là che di qua (questa la capisce solo ale).

      • Cri, Max…mi siete mancati anche voi! Però ci sono…pian piano ritorno. Diversa da come sono partita…ma ritorno!
        Ora fatevi strapazzare di baci.
        E pioggia di cuori….immaginatela che da sto nanopc è già tanto se ci sono le lettere!

  6. Ma queste madeleine sono fantastiche! E’ possibile che siano così morbide, poetiche, profumate, belle, simpatiche, conchigliose?! Che dolcetto è mai questo? E’ davvero per noi, umani, schifosi, cattivi? E’ davvero per noi? Posso mangiarlo, annusarlo, gustarlo? Che cos’è questa meraviglia! Le tue foto rendono perfettamente l’idea… Perfettamente Giuli.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

Seguimi anche su Runlovers

Tutte le settimane mi trovi con una ricetta nuova dedicata a chi fa sport

MUST TRY