Cheesecake di Zucca e Unghie Sobrie

Must Try

Cheesecake Cioccolato e Marshmallow

Per caso te ne sei accorto che non ho mantenuto la promessa di dedicarmi anima (venduta in saldo) e corpo (nessuno lo avrebbe comprato...

Cheesecake di riso con yogurt e mele

Ingredienti per 8 persone circa 1 litro di acqua 1 bacca di vaniglia 100 grammi...

Ma un’altra Cheesecake la facciamo?

Per la base: 130 grammi di burro, 240 grammi di farina, 30 grammi di zucchero, 2 tuorli e un cucchiaio generoso di formaggio spalmabile. Per...

Schwarzwälder Kirschtorte ? No, tipo una Cheesecake Foresta Nera

Non è propriamente la Foresta Nera. Che tutti i Tedeschi (zia Luci Amore mio!) mi perdonino per questa rivisitazione cheesecakkeccara (si dice così suppongo. Ho pochi dubbi a riguardo). Schwarzwälder Kirschtorte o semplicemente Schwarzwald è una bomba meravigliosa di pan di spagna al cioccolato con tante ciliegie, panna montata come fosse un vulcano innevato e zampilli di ciliegie. La mia Etna catapultata a Monaco, insomma. Questa cheesecake non ha proprio niente della vera e unica Foresta Nera ma la ricorda parecchio proprio per gli ingredienti principali che la compongono. Per una sicula come me Foresta Nera è completamente un altro dolce; anzi rettifico: per una catanese come me perché sicuramente non in tutto il triangolo della Trinacria, come spesso accade, sarà conosciuta così. Ricordo che piaceva moltissimo a papà e mamma e che la mangiavano praticamente ogni Domenica.
Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

Ed eccoci al secondo post di oggi. Non vi dimenticate di guardare la ricetta dei Cake Pops Halloween Version, vero? Oggi sono onoratissima ospite di Giulia su Amaradolcezza >>> clicca qui per la ricetta e il video tutorial >>>

—–

Da un po’ di giorni mi dico che Dicembre sta arrivando. Sarà che alla Metro ho avuto difficoltà a trovare gli articoli di Halloween perchè invasi dalle candele natalizie e dai panettoni.

( avete mica visto alla Metro l’impiccata alta 180 cm alla modica cifra di 108 euro? Così giusto per blaterarne su . Sulla scarsissima qualità di prodotto e cifra esagerata. Un po’ come le arzille donne attempate al banco frigo. E’ un’immagine che mi entusiasma a dir poco).

D’accordo che si parla di prova costume a Marzo e che ad Agosto i bambini devono già vedersi i diari per il rientro a scuola quando la maestra non ha loro consegnato il libro delle vacanze (finivo solo io il libro delle vacanze prima che cominciassero o ci sono altri psicopatici in sala?). D’accordo che tolte le calze della befana ci sono già le uova di pasqua e che se vuoi una maglietta nuova ad Agosto devi comprarti il maglioncino della successiva collezione autunno inverno e d’accordo pure che già sappiamo cosa si porterà nella primavera estate del 2014, ma santapizzetta i panettoni no!

E comunque sì, si viene influenzati e mentre mi aggiravo in cerca del calderone per infilarci dentro i pop corn e buttarmi con leggiadria sulla poltrona gustandomi come sempre il primo Halloween in onore di Michael Myers mi sono detta: Cacchio Fabrizio!

No perchè se ci sono i panettoni vuol dire che Natale sta arrivando. Se Natale sta arrivando vuol dire che il dodicidodicialledodici è vicino, ergo invecchio ancor più ( e qui una depressione cosmica al reparto formaggio durata venti minuti e interrotta perchè paralizzata dal freddo e portata a spalla dal Nippotorinese in salvo verso il reparto detersivi. E comunque ho dimenticato il brillantante, maledizione).  E quindi Cecilia e Fab stanno arrivando !

(fermi eh che ci arriviamo presto al collegamento. Celastofacendo)

E il dolce preferito di Fabrizio è il Cheesecake!

E crogiolandosi sull’interrogativo che ormai tormenta le mie notti ” LA cheesecake o IL cheesecake? ” ho deciso di confezionarne una giusto per allenarmi un po’. Questo dolcetto è in effetti sottovalutato molto in casa; semza un perchè tra l’altro. Una delle mie primissime ricette in assoluto è stata proprio una/un cheesecake (qui il post e lacrimuccia di commozione a seguire. Realizzata con la mia socia*)-

Di facilissima realizzazione e versatile in quanto si può davvero aromatizzare e preparare in svariate ed infinite forme non è poi così malaccio eh (sto cercando di convincere Cey, sì).

Non volendomi poi fare trovare impreparata anche se la più grande sfida sarà realizzare una Sacher in onore della mia Cey, ho lanciato la sfida a me stessa (così giusto perchè non lo faccio mai, ahem) ripromettendomi di farne decine prima del gaudio avvento. Fabrizio la finirà di mangiare cheesecake perchè nauseato dalle mie. Mi odierà come è giusto che sia e farà comunella con il Nippotorinese che francamente non vede l’ora di sfogarsi con un altro Santo che sopporta queste angherie culinarie in nome delfuddbloggging e della psicoatipadellefidanzate ( è una malattia che colpisce percentuali di donne sul web. Tenere lontani dalla portata dei fornelli).

Questa facilissima cheesecake alla zucca è al cento per cento Ammmmmerrricccana e le dosi sono quelle ufficiali di un sito ufficiale della cheesecake ufficiale di. Vabbè.

La consistenza è meravigliosamente soffice e formaggiosa e il gusto della zucca delicato come solo lei sa essere (immaginate anche voi la Zucca come una Signora elegantissima di Arancione Hermes vestita?) sotto una base croccantissima e non troppo leziosa di biscotti digestive che a ben pensarci potevo usare al cioccolato, uffasonoscema (sarà per la prossima volta).

(Al contrario ho usato quelli all’avena. Avevo quelli in casa e tant’è)

Le foto sono orrendamente scure e buie e schifose e bleah e . Perchè io davvero con questo stramaledetto tempo autunnale non riesco ancora bene ad organizzarmi con gli orari e se sto disegnando e guardando l’orologio : ore 14. Mi ritrovo a urlare davanti a ore 18.45. NOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO

In realtà la nuance dell’arancione è molto più accesa (come il vestito della signora Zucca, per intenderci)  e l’illuminazione in casa mia un po’ discutibile; che ha un po’ dell’inverosimile nel mio caso ma com’è il proverbio ? Lo scarpaio va con le scarpe rotte.

Cinquanta faretti e un tetto basso mal aiutano le mie operazioni di scatto. Insomma lamenti di una donnetta isterica a parte, per dire che esteticamente è stata una delle realizzazioni che più mi è piaciuta ultimamente e che per paradosso non sono riuscita a fotografare.

Un’idea veloce e sfiziosa per la Notte di Halloween che certamente non deluderà chi avrà la fortuna di passare questa deliziosa nottata mostruosa in vostra compagnia.

Sicuramente la riproporrò la notte del 31 magari facendo una ragnatela sopra di cioccolato fondente.

Per la preparazione della Cheesecake occorre la teglia con la cerniera.

Ingredienti per il ripieno: 145 grammi di zucchero semolato, 1 cucchiaio abbondante di cannella, 1/2 cucchiaio di zenzero in polvere, 1/2 di chiodi di garofano pestati finemente e un pizzico di noce moscata, 450 grammi di formaggio cremoso ( io ho adoperato il philadelphia), 3 uova, vaniglia, 240 purea di zucca filtrato.

Ingredienti per la base: 300 grammi di biscotti (io ho adoperato i digestive all’avena), 30 grammi di zucchero integrale aromatizzato alla vaniglia ( lo zucchero comune bianco andrà più che bene), 90 grammi di burro.

Comincia con la base del cheesecake. E’ semplissimo. Metti i biscotti e lo zucchero dentro un sacchetto di plastica e con violenza inaudita (aiutandoti con un martelletto da cucina o anche il manico di una posata) sbatti contro il sacchetto fin quando i biscotti saranno ridotti in polvere. Fai sciogliere il burro al micro per qualche secondo fin quando sarà liquido (non farlo cuocere eccessivamente però) e versalo in una ciotolina insieme ai biscotti. Gira per bene il tutto. Otterrai un composto bricioloso di biscotti e il burro servirà loro da collante.

Nel caso risultasse troppo liquido perchè i biscotti da te adoperati saranno diversi da quelli che ho usato io aggiungine un po’ sbriciolati. Al contrario se tutto dovesse essere eccessivamente compatto un altro po’ di burro liquido. Le proporzioni però dovrebbero essere esatte (parliamo di una teglia intorno ai 22 cm di diametro). Mettere il composto ottenuto come base in una teglia a cerniera ben imburrata e infornare a 180

preriscaldato per dieci minuti. Tirare fuori dal forno e lasciare raffreddare.

In un recipiente capiente metti il formaggio e lo zucchero e lavora per bene con le fruste elettriche. Aggiungi le spezie ( e la vaniglia) e un uovo. Dopo aver aggiunto il primo uovo lavora per trenta secondi almeno. Aggiungi il secondo uovo e lavora per trenta secondi almeno. Aggiungi infine il terzo uovo e lavora nuovamente per trenta secondi. Continua a lavorare e aggiungi infine la purea di zucca ( ti sarai premurata di strizzarla per bene affinchè non contenga eccessivamente dell’acqua).

Versa la crema sulla base di biscotti precedentemente cotta e inforna nuovamente a 180 forno preriscaldato per 30 minuti. Abbassa la temperatura a 160 e cuoci per altri venti minuti.

Durante la cottura metti una teglia qualsiasi di torta ripiena per metà di acqua. Questo farà si che la tua cheesecake non si secchi durante la cottura.

Io e le mie unghie sobrie ci accingiamo a passare un pomeriggio con Ipad e stylus in mano tra fornelli e schizzi di cioccolato. Nel frattempo vi va di dirmi (qualora impavidi foste arrivati fin qui?) cosa farete la notte di Halloween?

Forse potrebbe interessarti leggere...

36 COMMENTS

      • Ma Iaia colleziona horror da quando è nata e ama Michael Myers.
        Per il resto me ne importa una cippa lippa dei Halloween ( ma mi hai scritto? e se sì dove. e se sì sparami e se sì. ok basta)
        Una ricetta sciuè sciuè per il panetttun?
        Ma noi ce lo inventiamoooooooooooooooooooooooooooooo

    • Ahhhhhhh vedo che ci siamo svegliati spiritosi stamattina… 😀 😀 😀

      Ti ho pensato stamane, volevo mandarti una letterina via fb ma sono stato preso nel turbine. Ti devo dire un po’ di cose e vorrei un consiglio…

      Per terribilissimo che possa sembrarti Halloween la detesto. Credo semplicemente che non sia parte della nostra tradizione, e che sia stata importata solo per ragioni di bieco consumismo. Ma del resto odio anche il Carnevale e il Capodanno… a stento sopporto il Natale. E a proposito di Natale avrei una richiesta. Non è che posteresti una ricetta facile per il panettone? E’ una cosa che mi ha sempre intrigato ma la considero difficilerrima… se ci fosse una ricettina sciué sciué (chiedi ad Ale la traduzione :D) sarebbe il massimo…

  1. dimmi come ti sei fatta quelle unghieeee!
    vollllio sapere tutto io, ecco!
    eppoi commento qui, ma Amaradolcezza già la seguivo…Amaradolcezza+Iaia…si può volere di più? Siete stupenderrime!
    :*

    • Chiara prima di tutto permettimi 204820498239048203482348209348293 milioni di baci giusto per non esagerare.
      Sono molto fortunata ad avere un’amica come Giulia*rossarossa*

      è davvero un amore prezioso.
      Le unghie sono fatte con il gel e le ho realizzate insieme a una mia carissima amica ma le frankenstein nail sul web impazzano e ci sono anche videotutorial per farle con lo smalto. Sono semplicissime sai?!
      *_*
      una passata di verde e poi con il nero capelli e cicatrice.
      Bianco occhietti e via .
      *_*
      Ho visto un video di una ragazza americana che in pochissime mosse ti speigava come.
      Se vuoi lo cerco e ti mando il link.
      Grazie infinite per essere passata di qui.
      Un bacione grande !

    • E’ colpa del pennellino ! Il segreto è non usare quello in dotazione. Prova con un pennellino da acrilico o pittura in genere molto fitto con le setole piuttosto dure.
      Con quello in dotazione santo cielo è impossibile *_*
      Un bacione Ale !

  2. la notte di Halloween probabilmente giochicchierò con gli acquistini che farò domenica a Lucca Comics (le lenti rosse SARANNO MIEEEE!) e probabilmente, se l’acido lattico mi permetterà di muovermi, farò una foto profilo nuova nuova :3

    Ora sono appena tornata a casa dal lavoro e saltello (mentalmente perché son cotta cotta) per la gioia del ponte. 4 giorni a casa…evviva.

    • La foto profilo nuova sììììììììììììììììììììììììììììììììììììììììììììììììììììììììììììììììììììììììììì!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

      Ti auguro di passare 4 giorni di meritato riposo cucciola ! nel miglior modo possibile desideri.
      Aggiornami su Lucca se hai tempo e voglia .
      Su acquisti e su foto profili e insomma sono qui.
      Ti abbraccio forte forte :*

  3. La notte precedente ad Halloween ballerò la salsa vestita da strega insieme a mio marito (che si vestirà da zombi). Perciò la notte di Halloween la passerò in un campo di zucche ad aspettare il Grande Cocomero.

    • anche io voglio ballare la salsa *_*
      ma il nippotorinese non balla.
      e non si veste da zombie.
      Io la passerò tormentandolo *risatamalvagia*

      Un bacio grande !

    • Danbo è in ferie fino al 2 novembre *_*
      aveva necessità di andare a Tokyo per problemicartonosi personali.
      Pare che la sua lontana zia di cartone sia volata mentre stendeva i vestiti. Tutta la famiglia è in cercadellaziavolatamentrestendevaivestiti ( si chiamava proprio così . Una sorta di nominativocassandra)
      e.
      insomma ti confesso che sono moltissimopreoccupataassai *_*
      non ho sue notizie.

  4. Oggi Fabri ha il ciclo, in realtà è stizzito per motivi sensati ç__ç ovvero settemila ore nel traffico milanese per colpa di una torta che non riuscivo a portare in negozio in metropolitana [tragedie dello stare con una foodblogger], quindi gli lascio il post aperto per quando torna stanotte =) Grazie =) Mancano tipo un mese e qualche giorno =) è pochissimissimo =)

  5. Senti tu. Indovina io ed Hendrix dove saremo ad allouin?????
    E pure se non ci sei noi veniamo lo stesso. E ci sediamo sulle scale di casa ad aspettare che scenda. Lui farebbe di sicuro lo scivolo sul corrimano e ad ogni discesa gli direi sempre la stessa cosa. “Attento!”. Probabile che, a quattro anni, lui creda di essere stato registrato come Attento all’anagrafe. Da grande si presenterà come Dr. Attento Hendrix…ne sono certa. Questo per dirti solo che è la parola che gli dico più spesso. Eppure non sono apprensiva. La uso solo come fosse un muro capace a fermare quello che potrebbe far male. “Attenta!” è stata l’ultima parola che ho sentito gridare da non so chi prima di scoprire quanto fosse bello e doloroso volare. L’ho avuta nelle orecchie per molte ore dopo. Ora la dico come fosse una parola d’amore preziosa. Una carezza che non evita nulla ma scalda un attimo. E intanto lui salirebbe le tue scale almeno mille volte. Vestito da mago ma con una cicatrice in faccia per dargli quel tocco di vissuto che, alla sua età, lo trovi solo nella punta delle sue scarpe che si è consumata per aver troppo giocato a macchinine in ginocchio per terra. Non dovrei dirtelo ma lui ha preparato delle sorprese per te. Non posso svelarti il testo della poesia di 3616946132354391471mila strofe che ha imparato per chiederti dolcetti. Se non ti addormenterai prima della fine sull’uscio della porta sappi solo che recita anche un “pauuuuulaaaaaa” mimando un fantasma e camuffando la voce da mostro che, ti giuro, non si può guardare.
    Si è fatto cucire una specie di saccoccietta a forma di zucca che ha riempito di cose da portarti. Tutte sorprese. Lui non li vuole i dolcetti perchè preferisce il galbanone ma i tuoi li mangerebbe. Perchè sono i tuoi. Ed intanto aspettiamo ancora che scendi. Ho portato due grossi cuscini rigorosamente unoarigheedunoapois perchè, gioiamia, le scale tue so belle ma io con il leruàmerlen che c’ho avvitato dentro non è che mi posso sdrumare la colonnavertebrale… tanto più che Irina ormai sta al paese suo e me tocca camminà. Ho anche portato 36 lanternine di carta in cui accendere candele per farci luce. Se ci metti tempo, un pò alla volta, posso piantare qualche peonia giapponese. Sappi che vengono anche pesciocco e pescemo. Li ho sistemati in una meravigliosa boccia di Hermes serigrafata nei toni della maniglia della tua porta. Ho giusto in borsa anche un letto, la mia poltrona rossa delle albe e una macchina per il caffè. La stanza dei giochi del mago, ovviamente, l’abbiamo dovuta portare per forza. Mettici la mia scrivania uguale alla tua, la mia lampada uguale alla tua, la mia sedia uguale alla tua…e….mmmm….vabbè la scarpiera e l’armadio delle borse pure. Tu più ci metti noi più ci radichiamo sul pianerottolo. Per ingannare il tempo dipingeremo la tua porta. Faremo un trompe l’oeil. Senza gatti però perchè sai che non è che nutra profonda stima per loro….vabbè un micetto si che hendrix è bravo a disegnarli. Ma piccolo. Nell’angolo sinistro in basso sotto l’unghia della zampa del coniglio, sia chiaro. Perchè prevede un coniglio, si. E un polpo, ovviamente. E poi vedo…. altrimenti se ti dico tutto subito e che sorpresa è.
    Quando arrivi, se ci trovi dormendo e non riconosci la sua risata o non senti il mio “atteeentooo!” non svegliarci.
    Sarà bello sapere che sei tornata dal profumo di biscotti al mandarino che inonderà l’aria all’alba.
    “Attento Hendrix….svegliati…ziaIaia è tornata!”
    Si. Noi allouin lo passiamo così.

  6. Premetto che starei a leggerti per ore in quanto necessito grandemente di creparmi dalle risate ( e leggendoti mi parte automatica la risata con lacrima)…ad Halloween non faro’ nulla credo..ma mai dire mai..E poi potrei sempre cimentarmi con questa/o cheescake..
    Ps mi sento così banale con le mie unghie super sobrie!!!
    Buon lavoro e complimenti!!

Rispondi a Rotola di Zucca, ditini fantasmini e carta da regalo dei nani da giardino. Il bottino domenicale | GiKitchen – Una Cucina Psicola(va)bile Cancel reply

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

Le polpette di melanzane di mamma

La mamma ha sempre ragione anche quando non ce l'ha. In cucina poi non ne parliamo. Se la mamma dice "a occhio" allora tu devi fare "a occhio", fine del discorso.

Il Cantalupo con la feta

Un piatto facile, veloce e strepitoso. La feta con l'anguria, da anni, è una certezza ma con il cantalupo hai mai provato?

Le Ricette di Mamma – Siciliane a base di pesce

Ti racconto alcune delle ricette siciliane che mia mamma prepara da sempre. Delle preparazioni che non sono solo piatti ma scrigni di ricordi, giorni e vita. Un tour tra cuore e tavola.

Le melanzane più buone! Come le fa mamma

Una delle ricette che amo di più e che mangio sin da piccola. Che sa di tradizione, amore e casa.

Crema salata agli arachidi

Una crema strepitosamente buona che ti lascerà senza parole a base di burro d'arachidi e salsa di soia. Perfetta per condire insalate, involtini primavera e vietnamiti con le cialde di riso.

More recipes like this