Home / Autunno  / Volpini rapiti per ovvie ragioni e contorni di castagne e mele

Volpini rapiti per ovvie ragioni e contorni di castagne e mele

Un Fast Post velocissimo? Di quelli che piacciono a Max dove dico ingredienti, abbinamenti strani e via? Eccolo! *ridacchiava bevendo putrido decaffeinato. E soffocò.

 Una piccola e seria premessa devo farla. Qualora non mi si vedesse in rete per un po’ di giorni non c’è da preoccuparsi. Ho intenzione di rapire il volpino della vicina e chiedere in riscatto almeno tre dei suoi cappottini rosa con ciondoli glitter, semplicemente perchè mi piace parecchio l’ultimo piumino acquistato per il fortunato quattro zampe. Vorrei indossarlo per le occasioni natalizie che si presenteranno a breve. Non avendolo reperito in alcun modo, neanche online,  va da sè che l’unica soluzione sia la rimozione forzata del peloso essere.

Bene, adesso posso blaterare su idiozie perchè l’importante è stato fatto. Dicevo ? ah sì.

Una passione smodata e improvvisa per le castagne. Questo non dimenticherò del 2011. Santocielo il subconscio è già con il ragioniere che procede a “chiusura anno.fatturazione pensieri-accadimenti-giovamenti”. Dove defalcare le cose da dimenticare e scaricare l’iva dell’ansia.

Sono sempre stata lontanissima da questo frutto. E’ sconvolgente confessare di non averle assaggiate fino a questo anno tanto quanto il fico l’anno scorso. Il 2010 viene quindi caratterizzato da una violenta passione per il suddetto nella versione secca e ipercaloricissima, mentre questo corrente 2011 dal primo assaggio delle caldarroste.

Ecco, su queste avrei qualche riserva perchè non mi hanno convinto del tutto. Dopo tre assaggi ho decretato senza margini di possibilità alcuna che no. Non sono cosa per me.

L’esatto contrario è avvenuto invece con la versione bollita e salata. Estasi pura.

Sarà che la mia alimentazione non è vastissima e i sapori sono sempre quelli, ergo all’assaggio di qualcosa di nuovo comprensibilmente ho due tipi di reazione: odio smodato o amore smisurato. Nel caso della castagna è stata la seconda senza ombra di dubbio alcuno. Condivisa per altro con Isa, alla quale sogno di preparare castagne a forma di cuoricino. Grazie a un suo preziosissimo consiglio ho intagliato chili e chili di castagne e le ho congelate per i periodi bui in cui non ci saranno. Nonostante io e il freezer non abbiamo un buonissimo rapporto ho cominciato a sperimentare un po’ fidandomi ciecamente delle parole di Isa.

Sale e Pepe di Ottobre proponeva questo contornino davvero particolare insieme ad altre ricette davvero sfiziose con le castagne. Dopo aver preparato le lasagne alle castagne, la panna cotta con granella di castagne, il castagnaccio muffin e la versione originale, e diverse altre preparazioni, mi sono detta che non poteva in alcun modo sfuggirmi Castagne, Mela e Pancetta.

Non avendo la pancetta in casa ho dovuto usare del buonissimo prosciutto di Parma (pensando alla mia Selena), regalatomi dal mio papetto. Certamente la pancetta avrebbe svolto il suo compito in maniera migliore ma di necessità si fa virtù; giusto per cadere nel meraviglioso qualunquismo dei luoghi comuni.

Il risultato è stato sorprendente ed è andato a ruba. La castagna con la mela si sposa benissimo e una versione vegetariana, esente dalla carne, si può preparare senza dubbio alcuno. E il mio pensiero volge ad Isa che come me non mangia la carne.

Adesso non mi resta che provare la torta salata con castagne ed erbette aromatiche facente parte sempre del suddetto interessantissimo articolo. E tutte le altre. Ebbene sì, credo che non resisterò affatto.

Per quattro persone circa: 20 castagne, 1 mela rossa, 80 grammi di pancetta, 1 cipolla, rametti di timo fresco o rosmarino, 1/2 bicchiere di vino bianco, olio extra vergine di oliva, sale e pepe in grani.

Priva le castagne del guscio e lessale in acqua bollente salata per venti minuti circa. Lasciale intipiedire ed elimina la pellicina marrone che verrà via facilmente. Sbuccia la cipolla e tagliala a dadini. Fai la stessa operazione con la pancetta e la mela. Rosola in padella con un cucchiaio di olio la cipolla e aggiungi poi bagnando con un po’ di acqua i tocchetti di pancetta. Bagna dopo cinque minuti con un altro po’ di acqua e quando ve ne è bisogno. Aggiungi quindi, quando il tutto sarà quasi cotto, le castagne spellate e rotte e prosegui la cottura per almeno dieci minuti bagnando con il vino. Unisci infine la mela sbucciata e tagliata a dadini e aggiusta di sale e pepe. Se ti piace l’idea un po’ rustica puoi anche mettere la mela con la buccia. Abbassa un po’ il fuoco. Metti i rametti di timo o rosmarino come preferisci e servi ben caldo.

Le mie ultime 24 ore su Instagram

Una giornata di foto mi attende e la luce incredibilmente grigia mi riempie di gioia. In sottofondo il volpino inferocito che latra e l’umidità mi ha reso i capelli incredibilmente afro style. Essendo il mio umore direttamente proporzionale alla stiratura dei capelli intuisco con non molta arguzia che detesto già fortemente questo Martedì. Com’è che dicono i giuovani?

Enjoy!

( e a me enjoy fa pensare alle fruit joy. Di conseguenza canticchierò lo strepitoso jingle fino alle 23 di stasera se non più. No. Non posso farcela. E voglio quel maledetto piumino con i fronzoli glitter del Volpino! )

Una che disegna, scrive, cucina e fotografa ma non fa bene nessuna della quattro cose.

Review overview
17 COMMENTS
  • pani 15/11/2011

    eh eh, la giornata si vede dai capelli. Non so chi l’ha detto ma l’ho letto qualche settimana fa, forse su un periodico.
    Io che sono un castagnaro, questa delle castagne con il sale o con le mele non l’avevo mai sentita. Urge provare.
    Però, vuoi mettere il profumo delle caldarroste? A mio parere, nella mia città l’hanno perfino brevettato e lo spruzzano in piazza o proprio sopra le caldarroste per renderle più invitanti.
    Ed infine, propongo la fondazione del Fronte Nazionale Liberazione Volpini della Vicina.

  • valebribri 15/11/2011

    ma qual è la canzone, “alle morbide frugioi, tu resistere non puoi devi devi devi devi devi, masticar! Frugioi, le nuove gommose alla frutta, nessuno resiste senza masticarle”????

  • valebribri 15/11/2011

    e io di castagne potrei suicidarmi.

  • lacinzietta 15/11/2011

    pensa che io le castagne da bimba me le mangiavo crude *__* non penso ne sarei più capace oggi.

  • Wish aka Max 15/11/2011

    E’ la prima volta che una #robastrananondellatradizione mi intriga. 🙂

    Mi sa che ‘sta cosa me la provo…

    (oddio le fruit joy vanno a braccetto col delfino goloso… con quel deficiente giocatore di basket grande grosso e giuggiolone -grandgroseciula direbbe il nippotorinese- che si mangia la maledetta caramella e mastica con aria soddisfatta e contrita allo stesso tempo… mammamiamammamiamammamia quasi peggio del discorso di Cicchitto…)

    (riapro parente, per chiedere timidamente se sarebbe possibile avere una fotina di maghen con capelli afro…. *si nasconde sotto la scrivania per evitare il portacenere di cristallo da 3 kg lanciato a palla di fucile*)

    • valebribri 15/11/2011

      SEI IL N°1 MAX. ANCHE SE TI SEI DILEGUATO CON I REGALI DEL NOSTRO MATRIMONIO.

    • Wish aka Max 15/11/2011

      Sono semplicemente custoditi in un luogo sicuro in attesa che tu finalizzi i contratti con:
      – parrucchiere
      – estetista
      – sarta
      – fotografo
      – agente di viaggi
      – wedding planner
      – fioraio
      – gioielliere
      – artigiano mastro ceramicaio per le bomboniere
      – autonoleggio auto d’epoca
      Tutti costoro hanno già redatto almeno tre offerte seguendo il tuo capriccio del momento, e sono disponibili a seguirti ancora, ma vorrebbero… come dire… concludere!
      I parroci delle 27 chiese nelle quali hai messo una put option sono già stati tutti ricoverati in manicomio (curioso che abbiano reagito così appena al quindicesimo cambio di data).
      Insomma nell’attesa che si compia la beata speranza, e venga lo spirito santo ad illuminarti per prendere una decisione, ho affittato un box e ho stipato lì tutti i regali. Ho anche mandato email a tutti per dire che non appena avremo notizie farò un comunicato stampa che sarà diramato dalle principali agenzie e rilanciato da una selezione di blogger e twitteri in modo da avere la massima diffusione. In alternativa potrei comprare una pagina di Repubblica e una di Libero (così becchiamo l’intero arco costituzionale in pieno delirio Montiano) e annunciare all’intero Bel Paese.
      Siam qui che ti si aspetta, pazienti.

      • valebribri 16/11/2011

        mi sto sentendo male Max.
        Comunque non ho ancora deciso. Non mettermi fretta.

  • Bibi 15/11/2011

    appena risorgo ti racconto delle castagne <3

  • Alessandra 15/11/2011

    Ma le castagne una volta non erano il pane dei poveri??? Qui ora le vendono dal gioielliere!!! 🙁

  • Ninphe 15/11/2011

    Io mi ricordo che dal caldarroste in giro per il Duomo di Milano…ti chiedono 10€ per 5 caldarroste se hai un gran chiulo!!!! Non vedo l’ora di ingozzarmi di caldarroste. caldine e buonine. :3

  • Pieceofstar24 15/11/2011

    Venero le caldarroste come se fossero fragole.
    Le castagne bollite invece non mi fanno impazzire, quindi caldarroste a me e castagne a te 🙂 facile no?
    Io vorrei provare una ricetta interessante di tortelli alle castagne, se sono buoni ti passo la ricetta.
    E c’è pure una cosa di tradizione ferrarese con la farina di castagne che adoro e mi ricordano la mia piccolitudine 🙂 si chiamano mistocchine e non sono altro che farina di castagne impastata con acqua e cotte sulla piastra.
    Ok l’angolo del sapevatelO è finito, si può partire con il coro “esticazziiii”
    Bacettiiiiiiu

  • Katia Ostanel 15/11/2011

    UHHHH!!!!
    Iaia che congela!!!!!!!!!!!!
    Cosa leggono i miei occhi!!!!???
    E si, assolutamente: rapisci il volpino.
    Non tanto per il cappottino in sè, ma quanto perchè il volpino, per antonomasia, è il cane più fastidioso del pianeta Terra.
    E tu devi assolutamente farglielo capire, che lo sappia, che si rassegni.
    Baciiiiii

    • Wish aka Max 15/11/2011

      Sono totalmente d’accordo sul volpino. La perfida genitrice possiede un bastardino simil-volpino, che io chiamo “er sorcio”.
      LI ODIOOOOOO 😀

  • Mariangela 21/11/2011

    Ciao Giulia,
    sono passata per lasciarti un bacetto :-*

    A presto 🙂

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi