Home / Brunch  / -23 a Natale e tutto va bene (è chiaramente un eufemismo)

-23 a Natale e tutto va bene (è chiaramente un eufemismo)

 E Buongiorno. Non siamo a -24 ma a -23. Essendo però stato scribacchiato ieri i conti dovrebbero tornare. O forse no, ma non riesco neanche con la calcolatrice di Hello Kitty ad elaborare una nozione matematica dopo una notte insonne (anche se avessi riposato, vabbè). Per cominciare a dire che il Calendario dell’Avvento Iaioso  è ufficialmente partito e che ogni giorno riserverà grandi ( si fa per dire) sorprese. Quella che tutti aspettano, ovvero che io chiuda il blog e la faccia finita, tarderà ad arrivare ahimè.

Considerato che settimana prossima avrò in casa la mia Cey  con Fab e dovremo anticipare giusto di qualche giorno la vigilia del Natale riproducendo in Toto albero-regali-cenonevigilia e considerato che  ci saranno uno o più post giornalieri con annesse ricette, scadenze inderogabili, disegni da finire, email a cui rispondere, Nani da Giardino da illuminare, PACCHI DA SPEDIRE (gravano sulla mia coscienza),  roba da scrivere e fotografare e cucinare ed sms datati ottobre ai quale urge una risposta immediata ( sarcasmo mode on), beh.

Beh considerato vagamente tutto questo posso con assoluta certezza confermare che sì. Semmai dovessi arrivare alla Vigilia conscia del mio nome e cognome e indirizzo civico, potrei già ritenermi più che soddisfatta.

E cominciamo.

Verso le undici ricevo sempre una chiamata. Mi diverto ad indovinare se è lei o lui. Sì, perchè noi tre dobbiamo necessariamente darci la buonanotte.

Il Nippotorinese la trova una cosa strana. Quando approdò in Trinacria rimase allibito dal fatto che io e mamma ci baciassimo per darci il buongiorno. Ci baciassimo durante l’arco della giornata per dimostrazioni di affetto varie ed eventuali (magari dopo aver litigato ferocemente per un’inezia a caso). Ci baciassimo prima di andare a fare la nanna. E vabbè la faccio breve.

( Stessa cosa con papà. Doverosa parentesi).

Certo è che io con i miei genitori sono di default una tipetta parecchio sbaciucchiosa ma è pur vero che a me è sempre sembrato assurdo il suo comportamento astioso nei confronti del bacetto. Per questo motivo ho indetto anni or sono “la terapia del bacetto”. Non ha sortito gli effetti sperati ma talvolta lo vedo porgere la guancia alla mia genitrice e lei, che rispetta le usanze dell’algido nord, solo allora lo sbaciucchia a dovere come si confà ad una matrona meridionale.

Questo per dire che l’altra sera avrei scommesso che fosse papà. Perchè mamma dopo le undici crolla al contrario di lui che dopo aver visto qualsivoglia programma politico e Sky canale 100 in preoccupanti loop continui. E invece era lei che sfogliava e risfogliava libri di cucina per trovare qualcosa che potesse intrigarmi. Dovevano quindi esserci dei requisiti fondamentali: assenza di carne, cotture a vapore, non troppi sapori complicati ma al tempo stesso stuzzicanti. Mi dice ” Ho trovato una ricetta per te! Ho trovato una ricetta per te!” con un entusiasmo tale che neanche una confezione da 125 ml di lexotan avrebbe potuto sedarla.

E in effetti il  titolo ” Carote con Coriandolo e Arancia” un piccolissimo rivolo di bava era riuscito  a farlo scendere  lungo il cuscino dei Nani da Giardino (perchè sì. Ho il cuscino con i nani da giardino, chiaramente).

Siamo riuscite solo a far passare la notte ( se avessimo dormito nella stessa casa saremmo già state in cucina a testare) che già l’indomani mattina eravamo con carote in mano e uvetta ammollata nel succo di arancia. Abbiamo fatto, come da copione qui in casa, le due versioni.

La versione per tutti e quella per Iaia. Nonostante ci siano giorni stressanti per tutti del tipo ” uh quanto sarebbe bello mangiare le stesse cose”, l’abitudine grazie al cielo lascia poco spazio a queste considerazioni e via.

Quella che  trascrivo oggi è chiaramente “la versione per tutti ” che sicuramente avrà note più forti e sapori più decisi. Questa ricetta, lo confesso, mi ha letteralmente stregato.

Ho avuto sempre poche certezze nella vita, una delle quali che l’uvetta era una roba schifidissima. Ero della fazione “pandoro con nutella/pandoro con gelato/pandoro con pandoro” ma se avessi mai dovuto ingerire del panettone per qualche malaugurata ipotesi sarei stata lì come una stupida a togliere minuziosamente ogni singolo chicco molle  come con i canditi, del resto.

Ed invece l’uvetta come il fico secco e la fava è una scoperta sensazionale che ti fa gridare “Eureka”.

E l’uvetta ammollata nell’arancia con il dolciastro della carota che contrasta con la forza dell’agrume e cipolletta diventa impareggiabilmente buona. Per quanto possa valere l’ho decretata l’insalatina dell’anno e dubito che riuscirò a farne a meno insieme ad Arancia e Finocchio, Iceberg e Mela e lenticchie e arancia e vabbè basta altrimenti continuo per ore.

Era da tantissimo tempo che  non vedevo quel sorriso di mamma.

Quello soddisfatto e generoso. Abbondante e trabordante. Mostrava i dentoni manco fosse un roditore continuando a dire con le mani sul fianco ” l’ho scoperta io ! l’ho scoperta io”

Eh sì. L’ha scoperta proprio lei, la mia mamma.

Che nel vedermela mangiare di gusto si è alzata da tavola e ha fatto il giro. Mi ha abbracciato forte forte e mi ha sussurrato ” ecco. Sono felice”.

La ricetta si trova pure su Le Ricette di Natale e Christmas Food.

Ingredienti per quattro persone circa: 500 grammi di carote, 1 arancia piuttosto grande, 50 grammi di uvetta passa, 1 cipolla, 2 cucchiai abbondanti di semi di coriandolo, olio extra vergine di oliva, sale.

Metti in ammollo l’uvetta nel succo di un’arancia. Taglia le carote a listarelle o rondelle, come preferisci. Ricava dall’arancia spremuta della scorza grattugiata e qualche listarella. Soffriggi la cipolla in olio extra vergine di oliva e quando è un po’ morbida aggiungi le carote e i semi di coriandolo. Cucina a fuoco moderato per almeno 5 minuti e dopo che sono trascorsi almeno venti minuti dall’inizio dell’ammollo uvetta-succo di arancia butta tutto in padella e cuoci per almeno dieci minuti fin quando il succo di arancia non sarà quasi completamente assorbito. Servi caldo.

Io l’ho servito con del roastbeef e un Chutney alla carota speziato che si sposava davvero benissimo ma generalmente con un arrosto o filetto dovrebbe davvero andar più che bene.

Una che disegna, scrive, cucina e fotografa ma non fa bene nessuna della quattro cose.

Review overview
31 COMMENTS
  • Wish aka Max 02/12/2011

    And again!

    • Wish aka Max 02/12/2011

      Nonostante fosse partito male recupera nel finale e si aggiudica anche Gara 2, praticamente un trionfo

      • Giulia 02/12/2011

        E pure 290348234823482348234 bacetti ! ( fingi di essere felice)
        Buongiorno Max.
        Se sopravvivo perfavorefuggiamoinsieme?

      • Wish aka Max 02/12/2011

        Quando vuoi. Your wish(!) is my command… Se riusciamo a sentirci prima di natale inizierò a pensare che forse i maya si sbagliano… 😀

  • PieceOfStar24 02/12/2011

    Io non sono minimamente reattiva =.= ora leggo eeeeeh. Buongiornoooooo pffff eeeee aaaaa ooooo uuuuu iiiii yyyy

  • pani 02/12/2011

    mmm…nonostante l’ora inadeguata (e dopo aver fatto un’abbondante colazione), sarei quasi tentato di assaggiarlo subito. Questo piatto CCA si accompagna bene anche con le posate che mi ricordano le braghe di un pagliaccio o di Obelix, anche se lui le ha a righe azzurre.

    E poi… finiamola di parlare di panettoni! Pan Doro !Pan Doro!Pan Doro!…

  • Mariangela 02/12/2011

    ma che dolci che siete in famiglia, dalle mie parti (berghem de sota) non si usa molto sbaciucchiarsi e sto cercano di immaginare mia mamma che abbraccia e bacia il mio fidanzato…
    …non ce la faccio nemmeno se mi sforzo 🙂
    lui avrebbe troppo un espressione da mammamiaequestaadessochevuoledamemachimelohafattofaredivenireatrovarestapazza!!!!!!

    -23 a Natale e forse quest’anno compro l’albero (forse!!), ormai sono tre anni che ho comprato casa da sola e sono talmente serena che per me è Natale tutto l’anno e l’albero addobbato non mi manca neanche un pò!!

    Baci bacetti e bacioni e abbracci a go go per te 🙂

  • PieceOfStar24 02/12/2011

    La prima volta che mi presentarono l’insalata di arance fatta di sole arance oliosaleglassadiacetobalsamico ho detto voi siete pazzi. Poi ne ho mangiati 35kg.
    Ora che sono diventata grande e mi fanno impazzire i piatti con la frutta mi lancerei su questa e non smetterei più.
    Quest’anno temo che sarà un Natale meno bello, ma ce la metterò tutta a farlo sembrare bello concentrandomi su quellO che di bello ho. Una di queste cose belle sei tu e la tua nuvola di cannellini 🙂

  • lacinzietta 02/12/2011

    io più che da bacetti sono una creatura da abbracci, sono una Cinziotta abbracciosa *___*

  • valebri 02/12/2011

    Stellina tesoro bella.
    Io non so se sopravviverò al Natale.
    Devo:
    – comprare l’albero
    -fare l’albero
    -andare dal parrucchiere
    -estetista
    -cucinare per vigilia & Natale
    -comprare regali per madre-padre-sister & Gion
    – comprare regali per n° 3 cugini + 2,5 consorti
    -comprare regali per n° 3 bambini
    -comprare regali per n° 6 cognati + nipotina
    -comprare regali per n° enne amiche
    -litigare con gion perchè anche quest’anno invece di comprare tutti sti regali potevamo andare a Bali
    -mandare a te 3485759347595 baci
    ciao

    ps questa me la stampo va, potrebbe servirmi…

    • Giulia 03/12/2011

      ahahahah
      ierihorisocomeunapazza leggendo ” questa me la stampo”.
      Ora però io voglio confessare una cosa.
      Ok i bimbi sono dei passerottini nanosi adorabili ma far loro i regali di Natale è la cosa in assoluto che mi infastidisce di più.
      Si moltiplicano come fossero gerini inuno stagno.
      Fai la lista e sono 20394823948239048 evvabbè.
      E poi diventano 21039482034820934820394829304820934823042304823
      ma comì sta storia ? cì ? eh ? com’ è ?!?!?!
      *_*
      tiamociao

  • Giuliano M. 02/12/2011

    Che spasso il tuo blog!! Scoprirlo all’ora di pranzo, senza avere ancora mangiato e avendo saltato la colazione, mi sta mettendo un certo languorino…
    Complimenti per la tua creatività!

    • Giulia 03/12/2011

      Giuliano piacere sono Giulia ma anche Iaia ma anche Gi ma anche chiamamicomevuoi.
      Grazie infinite *_*
      Un bacio e spero a presto *disse allungandogli una tonnellata di dolcetti di benvenuto

      • Giuliano M. 03/12/2011

        Piacere mio, Giulia! Ah, dimenticavo, per completezza dovrei aggiungere un aggettivo alla tua creatività: incontenibile 😀

  • Monica Ranieri 02/12/2011

    a parte qui non trovo il coriandolo neppure picchiando il fruttivendolo, posso fare una domanda? ma i semini li hai disposti te così perfetti sulle carote, vero??

    • Giulia 03/12/2011

      Asssolutamente sì come le brave psicopatiche.
      E ora andiamo a picchiare il fruttivendolo SUBITO !

  • valefatinaValentina 02/12/2011

    Carote coriandolo arancia. Niente scusa sto prendendo appunti perchè lo sai io sono quella del finocchioarancia e peranociformaggio e. Insomma. Ci siamo capite.

    Com’è che alla sera noi non ci telefoniamo mai? Molla il pelato e sbaciucchiamoci allegramente io, tu, Nanda e Turi. Occhei?

    • Giulia 03/12/2011

      Scrivo da trentamilaannituttattaccato e non rido mai . Sono serissima. Poi tu scrivi peranociformaggio ( e io ti immagino dirlo ) e scoppio a ridere sputando questo orrendo decaffeinato che mi sono confeazionata con le mie manine e ho scritto confezionata male e dovrei tornare indietro ma non posso.
      Insomma per dire che finocchiarancia è l’insalata di finocchiaranciavaleamoremio.
      QUi in casa e non si discute e se il pelato non la chiama così gli brucio la macchina.
      E’ che il maledetto l’ha venduta quando si è trasferito.FUBBO NO?
      e insomma per dire che.
      é vero ci sentiamo troppopocospesso e la cosa mi sta facendo arrabbiaretantizzimo.
      Sai che faccio adesso?
      Mi picchio.
      E questa carotearanciacoriandolouvetta è buonagiurochebuonamolto .
      Nanda ne sa a pacchi *_* c’è poco da fare.
      Un bacioENORMISSIMO

  • Te le butto a casaccio…..
    1) Se il natale e Iaioso allora ci si aspetta un bebè per Natale mica per forza umano. Basta che sia un nascituro…poi vedi tu se coinvolgerei il nippotorinese o il nano da giardino. Il mondo non noterà la differenza, salvo i capelli forse…

    2) Puoi dire al santo nippotorinese che sono con lui. Il Giammy la chiama “terapia del contatto”. Mi placa le braccia, mi solleva e comincia “bacio, bacio bacio” e io mi sposto.. destra, sinistra (si sembro un’anguilla ebbene si!).

    Alla fine non sono a casaccio, non ci riesco. Io sono una da bullet point. Che non so se l’ho scritto giusto, ma intendevo elenco numerato e non il fumetto (http://www.uomoragno.org/images/altre%20testate/100_bullet%20points.jpg) di cui non conoscevo l’esistenza.

    Uno cerca di limitare la propria scemaggine e poi becchi una tizia con dei nani in borsa e finisci per peggiorare, com’è?! (classica espressione piemontese… com’è? con la eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee neeeeeeeeeeee . Non arrivo alla perfezione di sua entità santa nippotorinese ma in fondo pur io sono nata a Torino anche se tendo a scordarlo).
    E così 1,2,3 stella! ahhaha sto già ridendo al solo pensarlo. Te che canti qualcosa di natalizio con accento torinese…ahahahhahahhha So che potresti farlo ahahhahah

  • Giulia 03/12/2011

    io piano piano ce la faccio a rispondere lo giuro *_*

  • Alessia_i 03/12/2011

    Iaiaaaaa, hai rimesso il -24 nel post del -23..ossignorenooo!! 😀

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi