Biscotti e Sogni da appendere all’albero di Natale

Must Try

La Panna Cotta al tè matcha

Un dolce gustoso, facile e fresco caratterizzato dall'inconfondibile sapore del tè matcha. Perfetto per un dopo pasto ma anche per accompagnare un tè nero fumante caldo e avvolgente.

Semi di papavero e glassa di limone

Una delle preparazioni più buone mai preparate. Mi è sempre piaciuto moltissimo questo accostamento, quello dei limoni con i semi di papavero. Diversi dolci pasquali polacchi e dell’Est Europa hanno proprio i semi di papavero; anche il cozonac, per esempio, ha diverse volte il ripieno di semi di papavero. Il risultato -ma con una ricetta di Ottolenghi è facile- è sorprendente. Molto profumata, leggera e gustosa.

Tiramisù fragole e basilico e un dolce speciale

Un tiramisù molto profumato e fresco. Stupisce per leggerezza e freschezza questo dolce al cucchiaio di cui tutti sono ghiotti.

A brioscia co zuccuru – La brioche catanese più famosa!

La differenza tra la brioscia co zuccuru e quella col tuppo. È importante e non da sottovalutare.
Iaia
Una che disegna, scrive, cucina e fotografa ma non fa bene nessuna della quattro cose.

Lo scorso mese , dopo la segnalazione della mia adorata Katia,   a pagina 155 c’era con  somma gioia e sorpresa il mio facciotto con tanto di fiocco rosso su Casa Facile;  questo mese  ho l’onore di essere sulla prima pagina di Cucina Facile. L’illustrazione e testata principale del Gikitchen fanno da cornice alle parole del Direttore. Dire che ne sono onorata, lusingata e tutta una sfilza di imbarazzanti aggettivi  è riduttivo.

Ieri, oltre alle smisurate manifestazioni di affetto e sfilza di abbracci virtuali e non, mi è stato detto da più persone  ” e di che cosa ti stupisci Iaia?”

Mi stupisco sì.

Non perchè la falsa modestia sia una mia caratteristica principale. Lo è al contrario l’autocoscienza. Esistono persone meritevoli ovunque e molto più di me. Non per filosofeggiare inutilmente, anche perchè non ne ho il tempo, ma nella vita credo sia davvero importante riuscire a stupirsi.

Perchè non importa tanto quando e come accade. Non importa neanche se accadrà mai. Importa la voglia di riuscirci e perseverare.

Ero davvero molto piccola  quando mi è stato chiesto cosa volessi fare da grande.

 ” Disegnare. Che le persone vedano i miei disegni e sorridano”

E ogni giorno mi viene detto. E ogni giorno a mia volta sorrido. Stupendomi. E non smettendo mai di ringraziare.

Un Post velocissimo, giusto per non accumulare ancor più l’esorbitante roba dolce (e non solo) , che già da un po’ si sforna e smista tra sacchetti e pacchetti.

Sta per arrivare dalla casa di Hello Kitty ( ma ne abbiamo mai parlato? meglio di no)  la mia Cey dopo aver trascorso insieme il nostro primo e indimenticabile Finto Natale e una giornata ricca di impegni ci attende.

Insomma:

Il classico intramontabile dei biscotti appesi all’Albero di Natale. Un articolo nel catalogo dei sogni davvero immancabile; e oggi parlando di sogni mi sembra proprio adatto.

Lo scorso anno ho provato una semplicissima ricetta, neanche a dirlo riuscita ottimamente, di Nigella e le dosi con le foto e il post si possono trovare cliccando qui. 

Quest’anno giusto per saggiarne un’altra ho perseverato con una semplicissima frolla leggermente più aromatizzata  e  provato finalmente un’altra tipologia sulla quale non vedo l’ora di blaterare al più presto.

Ottimi e versatili sono i classicissimi biscotti adatti per la colazione e l’ora del tè sino ad arrivare ad essere un’ottima idea regalo per l’amica e collega. Un nastrino ricercato, un sacchettino e un bigliettino completeranno l’opera. Per chi è stanco ( come me, lo confesso) di queste idee ad alto tasso glicemico ci sarà modo di sbizzarrirsi tra varie proposte salatissime e particolari che presto si riverseranno al Gikitchen.


Ingredienti per una miriade di stelline ( io ho usato una formina davvero molto piccola e ne sono venuti fuori una quarantina ma sono anche belli doppietti): 250 grammi di farina OO, 100 grammi di zucchero a velo, 200 grammi di burro leggermente salato, 2 tuorli,  essenza di vaniglia o cannella come si preferisce (o anche entrambe chi se ne è importa?!)

A 180 anni preriscaldato per almeno 20 minutini fino a quando non compariranno dorati. L’impasto come da copione è sempre bene farlo riposare almeno 20 minuti in frigo dopo essere stato avvolto nella pellicola.

Forse potrebbe interessarti leggere...

23 COMMENTS

  1. sempre splendida :*
    (felice per Iaia, tanto….solo che adesso la piccola PieceofStar mi farà comprare sette numeri di casa facile. ed io non so se ce la posso fare, ecco XD)

    baciiiini

  2. “A 180 anni preriscaldato per almeno 20 minutini fino a quando non compariranno dorati.” ?????
    Hai bisogno di ferie?

  3. Super Iaia!! Io felicissima per te!!!!!
    Brava brava brava bravissima 😀

    Con cosa li hai bucati i biscotti? Va bene una cannuccia?

    Un abbraccio fortissimo e uno schioccante bacio sulla tua bella fronte!

  4. Ecco,tu mi fai piangere tipo cascate del Niagara.
    Mi adori e me lo sottolinei pure?
    Lo sai che queste cose mi fanno sbrodolare, mi riempono il cuore, quindi grazie.
    E basta, sennò diventiamo smielosamentesmielose!
    Brava Giulia, vedrai che questo è solo l’inizio, perchè sei una grande!

  5. è la prova imbarazzante che in Italia bisogna saper fare niente per finire in copertina 🙂

    ti ero mancato vero??? sono stato un pò alluvionato, ma come dice il detto :” la mal erba non muore mai!” ed io mi sono autoetichettato mal erba già da un pò 😀

  6. scherzi a parte….sono onorato di conoscerti……

    ora capisco perchè non mi saluti quando mi incontri….perchè io sarò sempre uno sgranocchiatore di noccioline arachidose e gran bevitore di birra (nazionale ed estera)…… ^__^

      • Scusami tu se ancora non ho provveduto al bonifico che ti avevo promesso … Purtroppo sono stato incasinato a ricercare Giulia in giro per il web.. Ma giuro che provvederò (prima di Natale) ?

  7. Sasettichenonmantienelepromesse, non fa nulla, però conosci la mia “situazione”, mettiti una mano sul cuore, non si potrebbe fare una permuta “bonifico/Reflex” 😀

    • ok allora diciamo che più di “accantoalcamino” potresti chiamarti “attendoalcamino” ….. che è anche più natalizia come cosa ^__^

      sasettiacasacheincartaregali…

Rispondi a sasettiinufficioarompersileballs Cancel reply

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

La frolla con i fiori

I fiori si possono ammirare, coltivare, regalare e mangiare. Sì, esistono dei fiori eduli perfetti per zuppe, insalate e dolci sorprendenti.

Il poolish

Il poolish, altrimenti detto biga liquida, serve per consumare pochi grammi di lievito di birra. Un altro modo per consumare meno lievito e ottenere dei...

(Japanese) Tulip Sandwich

Di rara bellezza spicca il Tulip Sandwich, che regala uno splendido tulipano all'apertura. Questo modo tagliare il sandwich è tipico giapponese anche nella versione salata.

Il Latte di mandorla Siciliano

Per noi siciliani è sempre stata la bevanda estiva. Quella che bevi ghiacciata sotto il patio nella bottiglia di vetro. Uno scrigno di ricordi e bontà.

Torta al cioccolato vegana (la più buona since 2012!)

Era il 2012 quando per la prima volta pubblicavo questa ricetta sul Blog. Ne rimane traccia però solo un vecchio post che non ricordavo....

More recipes like this