35 Anni fa Mamma e Papà dicevano ” sì, lo voglio”

Must Try

Chia Pudding sì, ma alla zucca speziata

Conosci il chia pudding? Il buonissimo budino ai semi di chia; questa preparazione è possibile grazie al fatto che i semi di chia si gonfiano di ben dodici volte circa a contatto dei liquidi e grazie alla presenza di mucillagini si gelifica rendendo il tutto simile all’aspetto di un budino. Basta lasciare una notte in frigo i semi di chia con qualche bevanda vegetale e ritrovarsi un buonissimo budino al mattino. I semi di chia hanno tantissime proprietà interessanti e inserirle nella dieta è cosa buona e giusta; senza abusarne il sottotitolo sempiterno.

Dorayaki

Quando sento dorayaki penso sempre e solo alla Signora Toku (e mi commuovo, è inutile sottolinearlo). Le ricette della Signora Toku, tratto dal romanzo di...

Chelsea Bun alla ciliegia

Ma cosa sono? Creati nel diciottesimo secolo al Bun House di Chelsea, vengono arrotolati come i Cinnamon Roll ma a differenza di questi hanno un involucro non troppo zuccherato perché l’interno e la glassatura adempiono perfettamente a questo compito. Sono assolutamente perfetti per una colazione ricca e di festa ma anche un tè. Meglio se organizzato per bene con tovaglioli ricamati e teiere con tazze scompaiate subliminalmente. Ce lo meritiamo un tè elegante fatto di merletti e tazze. Ce lo meritiamo eccome questo momento. 

Rainbow Waffle. Ricominciare da un arcobaleno morbido

Si è capito che con i waffle ho un problema. Quella che segue non è una vera e propria nuova ricetta perché ho usato...
Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

D’accordo che i piedozzi di Babbo Natale ( te li sei persi? clicca qui ! che scende da un camino di cioccolato e vaniglia sono stati fatti , ma un piccolo Babbo Natale stilizzato semplicissimo da realizzare vogliamo non farlo? Giammai!

La base è quella di un semplicissimo cucpcake alla vaniglia. Si può usare la ricetta base quattro quarti e la ricetta la trovi cliccando qui in formato stampabile, altrimenti un’altra base alla vaniglia semplicissima da realizzare che trovi cliccando qui in formato stampabile.

 La seconda sarà molto meno lievitata e più leggera della prima ma comunque io preferirei indiscutibilmente la quattro quarti*disse fischiettando.

La Ricetta della Pasta di zucchero la trovi cliccando qui >>>; mentre per la glassa, come è stato ripetuto fino allo sfinimento, basteranno 600 grammi di zucchero a velo  da sbattere con 100 grammi di albume pensando sempre che è una dose per almeno 24 cupcake di piccola-media grandezza più la copertura di un divano ( anche 1/4 di dose se non meno andrà bene per questi cupcake).

I coloranti alimentari sono sempre quelli in gel. Se si avesse la fortuna, che io non ho, si potrebbe pure reperire in commercio la pasta di zucchero già pronta e tadanrulloditamburi addirittura colorata.

La mia stupidità mi ha impedito di ricordare di fotografare le varie fasi della realizzazione “Babbo Natale”. Mi è stato chiesto più volte di farlo ultimamente. Dispiacendomi rimando.

Basterà però formare una piccola pallina per il volto, un triangolino per il cappello e uno per la barba. Infine un rettangolino per il corpo. Questi i quattro “pezzi” principali per l’assemblaggio Babbonataloso.

(Per il 2012 prometto solennemente di fare miriadi di video tutorial così da far percepire la semplicità di queste realizzazioni)

Chiaramente sono solo delle idee base su cui poi si possono realizzare davvero infinite varianti. Proprio come il cupcake che può essere sostituito con quello alla banana, cioccolato, agrumi, base alla vaniglia, allo zenzero e lime e la moltitudine di roba che ho accumulato in questo indice qui.

Perchè sì esiste un indice anche se solo con il quaranta per cento delle ricette eseguite qui al Gikitchen e lo puoi trovare nei bottoni in alto del sito o semplicemente cliccando qui.

 

Adorabili esserini babbonatalosi ci salveranno da qualsiasi cosa. Segnaposto, regalo, benvenuto al tavolo e ricordo da portare via dopo una cena luculliana tutti insieme. Morbidezze profumate per farsi coccolare e amare. E visto che siccome diventano anche discretamente  dure le decorazioni in pasta di zucchero potrebbero tornar utili . Come?

Si possono tirare  addosso al parente che si detesta di più ” ops scusaaaaaa” (bel Natale, no?).

Devo solo capire quando fare partire il Giveaway Natalizio, organizzare le varie toooplllete (che “sorprese non mi piace proprio”), sfornare questi biscotti salati che continuano a moltiplicarsi dalle cinque del mattino e capire perchè la Nikon V1, mio ultimo gingillo fotografico,  sia così stramaledettamente bellissima. Colpa sua se perdo tempo a fare .mov e stop motion pure quando piego le lenzuola.

Forse potrebbe interessarti leggere...

19 COMMENTS

    • Monica Buongiorno ! *seguono 2094802482034803 bacetti !
      Ho una paura tremenda di aver scritto da qualche parte 600 grammi di albumi e 100 grammi di zucchero a velo come ho fatto con una mia amica.
      Sono disperata.
      Perchè è 600 grammi di zucchero a velo e 100 di albumi.
      Calcola che ne vien fuori tantissimaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa ma è davvero perfetta come dose( la fanno un po’ tutti così)
      E anche da colorare ( anche se con i coloranti liquidi perde un po’ di consistenza)
      Provala senza indugio e ricoprici pure l’albero di Natale *_* a me piace d apazzi e la conservo ( perchè si può conservare) anche un po’ in frigo. Ultimamente la metto pure sull’insalata ( sono esaurita)
      La tazza l’ho presa la bellezza di 99 centesimi in quei negozietti a tutto un euro . Ce ne era solo uno, uff.
      Avrei preso il set da 234024032849284 mila pezzi *_*

      Tuffiamoci nella glassa insieme *_*
      (perdonare? salvaguardati da me !leggermi con costanza provoca vuoti neuronali )

      Un bacio grande ! Buona Domenica !
      :*
      (ma che cucini a Natale? )
      (adoro questa domanda)

  1. aaaaaaaa *_* nello stesso post mi nomini giveaway, nikon V1 e cupcake. farò finta di niente. lo farò. Pf. buongiorno bellezza :*

    • Credevo fosse una stupidata ( avrei dovuto adoperare un altro termine che comincia per min e poi finisce per chiata ma ovviamente essendo un blogger fescion non posso. Cosa sto dicendo?)
      Per dire che credevo davvero che stessi facendo scemenza.
      Poi però ho capito che sì l’ho fatta a prescindere ma fa cose pazzesche questa cosina piccola (pesantissima) e che questi mini filmatistopmotionchenonlosomancoiocosasono sono di una bellezza inennararrabile.
      Ora ho saputo che perquelladatano.
      TI dico solo una cosa.
      (dovremmo dircelo in privato ma so che tu sai che io so che non ci arrivo ma che ti amo eblabla)
      se non vieni ti brucio la casa.
      la macchina.
      il cane.
      il gatto.
      il fidanzato me lo tengo come assistente cuoco che non si sa mai .
      e poi ti rapisco.
      U CAPISTI?!
      cerca di organizzarti .
      sei mia.
      punto *_*
      non ci piove ! ( e difatti c’è il sole)

      • è una bomba quella macchinetta li. una bomba.
        per il resto. per il resto.
        sai quanto vorrei che ti tenessi il mio fidanzato, no, ok. lo sai. lo sappiamo. lo facciamo, te lo giuro. qualsiasialtradata. qualsiasi.
        (le grandi famiglie romane sono molto legate alla befana, c’è tutto un rito ed una forte tradizione, più che a natale. ecco qui dunque)
        bacetto.

  2. Auguri a mamma e papà coppia 2012 direi. Sfido a trovare una coppia che conta 35 anni + immagino precedenti frequentazioni.
    L’unico neo è una figlia nanosa! ahahha (Scherzo!)

    Su tutte le tue ricette non metto becco, io non so manco fare un’arancia con il pongo. Prima o poi ti dovrà raccontare la mia storia della “Ma maestra come faccio a fare la frutta?”

  3. diosanto (posso dirlo si?)
    queste foto e soggetti sono divini. e non di vini per favore sii seria!
    e auguri a Nanda e Turi e grazie per averci regalato questa meraviglia di ragazza (ti piace che ti dica ragazza eh? ) 😛

  4. Iaia, ti scopro stamattina e già ti adoro. Sei già sul mio bloglovin e twitter, so.. ti seguirò. Bellissimi i post, bellissimi i cupcakes, ma, in fondo, esiste più comfort food delle zucchine bollite? 🙂
    Concordo, concordo.
    Mi piaci, ti seguirò. Baci bellezza! :*
    a

  5. secondo me a questi babbinatale hai anche dato un nome. Non posso credere che si chiamino tutti così, Babbonatale. Voglio dire, quando li hai messi in fila per la foto avrai dovuto richiamarli, avvertirli di stare fermi, in posa e dunque avrai usato dei nomi, che ne so, ” hei, tu Barba Punta, non ti muovere. Là in fondo, Cappello Floscio, un po’ di allegria…”

  6. io non avevo ancora letto qua. santocielo. pf. allora auguri Nanda e Turi, mi lancio sul givuai ma io il premio non lo voglio. io voglio solo le paste di mandorla e i cannellini *_*
    E pure un’altra cosa: l’etna con la neve. voglio l’etna con la neve. ora dimmi che non c’è neve sull’etna e io spacco tutto. E da domani inizio a fare dolcetti natalizi. e mo’ me so rotta di rimandare (anche perchè ormai è natale. Natale? chi ha detto natale? non è vero. Vado a letto eeeeeeeee)

    (ah cacchio, i bacetti…quasi me li scordavo. non tiro la corda che poi scorda e un trilione basteranno? CIAAAAAO 😀 )

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

Le polpette di melanzane di mamma

La mamma ha sempre ragione anche quando non ce l'ha. In cucina poi non ne parliamo. Se la mamma dice "a occhio" allora tu devi fare "a occhio", fine del discorso.

Il Cantalupo con la feta

Un piatto facile, veloce e strepitoso. La feta con l'anguria, da anni, è una certezza ma con il cantalupo hai mai provato?

Le Ricette di Mamma – Siciliane a base di pesce

Ti racconto alcune delle ricette siciliane che mia mamma prepara da sempre. Delle preparazioni che non sono solo piatti ma scrigni di ricordi, giorni e vita. Un tour tra cuore e tavola.

Le melanzane più buone! Come le fa mamma

Una delle ricette che amo di più e che mangio sin da piccola. Che sa di tradizione, amore e casa.

Crema salata agli arachidi

Una crema strepitosamente buona che ti lascerà senza parole a base di burro d'arachidi e salsa di soia. Perfetta per condire insalate, involtini primavera e vietnamiti con le cialde di riso.

More recipes like this