Home / 2011 / dicembre (Page 2)

 

Meno due giorni al Natale. MENO DUE.

Inspiriamo. Espiriamo.

Ebbene sì, sono impazzita e ho fatto il calendario.

Il calendario di Gikitchen ! ( finto entusiasmo)

Non per megalomania (quella si è capita da mò). Il fatto è che settimane fa ho mostrato nei vari social il Calendar-Iaia, ovvero un calendario che racchiude delle foto che ho fatto quest’anno con relative ricette (chi ha pensato che fossi io abbarbicata su uno scoglio in bikini può pure andare nell’angolo buio a ridere di se stesso).

E l’ho fatto per mia mamma così può pavoneggiarsi con nonna e zia dicendo “guarda quanto è brava mia figlia. E’ una cretina ma sa fotografare il pollo. Ti ricordi quando non sapeva condire l’insalata?” , e cose lusinghiere così.

L’ho mostrato perchè avevo provato il servizio Iphoto e piacendomi non poco condividere i servizi al fine di poter essere d’aiuto con lusinghe e critiche, nulla di più, mi sono ritrovata a dover dire “no. Non lo vendo”.

E perchè mai dovrei vendere un mio calendario? Essendomi stato chiesto però di pensarci io.

Ci ho pensato, eccome ed eccolo. Nessuna vendita, per carità.

Ho impiegato qualche oretta e alla meno peggio ho cercato di organizzare un calendario che troverete a risoluzione alta cliccando qui in formato pdf (clicca qui per il calendario )  e che qualora interessasse si potrà stampare e tenere sempre con sè (come se fosse una cosa bella, insomma). Confesso di aver bramato una versione fumettosa con “Maghetta Streghetta” ma il tempo tiranno non me l’ha permesso. Dovessi riuscire a fare anche questa notte in bianco però, potrei davvero cominciare a lavorarci su. Nel frattempo lascio qualche anteprima :

CALENDARIO GIKITCHEN>>>>

( per salvarlo clicca col tasto destro su ” CALENDARIO GIKITCHEN” e “Salva con nome”. Oh che non si sa mai eh. Mica si deve sapere per forza, uff!)

Per chi si fosse perso il Vincitore del Giveaway ( anche se in realtà trattasi di Vincitori), ecco il video con la proclamazione:

Mamma comincerà a friggere baccalà dal mezzogiorno di oggi sino ad arrivare a Santo Stefano. Ne deduco che rilassarmi facendo uno shampoo al bergamotto comprensivo di massaggio e crema ristrutturante dalle note di jojoba sia praticamente una perdita di tempo.

Odorerò di un meraviglioso olezzo baccalesco. Certo non viviamo nella stessa casa e questa operazione di friggitoria professionale la vedrò soltanto a fasi alterne e non perpetuate, ma dubito che qualcuno rimarrà indenne, dovesse entrare in casa di mamma anche dopo due settimane dal Natale.

Risparmierò questo tempo prezioso rinunciando alla fragranza di jojoba per dedicarmi alla manicure che voglio rigorosamente sobria. Dopo le strisce rosse e bianche con tanto di vischio e bianco neve credo che un bel glitter rosso fosforescente faccia proprio al caso mio.

Adesso che ho questa immagine di me con capelli unti e sporchi che odorano di baccalà fritto e una manicure sobria da far impallidire Lady Gaga, sono davvero più serena.

Il fatto è che il Baccalà fritto è un’istituzione al sud. Non vi sarà tavola imbandita durante la Vigilia (sì perchè qui al sud la Vigilia è ancor più importante del Natale blablabla) che non ne abbia almeno otto tonnellate. Una moria di Baccalà si abbatterà un po’ come i tacchini durante la festa del ringraziamento.

Andavo avanti e indietro su una passerella pericolante. Fumavo nervosamente con le cuffie nelle orecchie. Pur infastidendomi il volume che  a livelli preoccupante perforava quell'udito problematico che mi fa capire totalmente l'inverso di quello che mi si vuole comunicare. Accendino rosa ma non dupont come

READ MORE

[Ho avuto problemi con Vimeo e il Video. Per questo il vergognoso ritardo della pubblicazione]

Dovevo fare 20432094829048209482390482408 cose stamattina e poi ho deciso di farne una soltanto. Rilassarmi e parlare al telefono con Max. Un autoregalo che dovevo concedermi da troppo tempo. Rigenerata, felice e onorata di avere un amico (l’amico. Con articolo determinativo suona meglio) così speciale mi sono ricaricata. Neanche un’iniezione letale di tavor e lexotan potrebbe abbattermi in questo momento.

Ringrazio infinitamente tutti i partecipanti del Giveaway. Il video sotto mostra l’implacabile e severissima giuria composta dagli Elfetti Natalizi e dal Supremo Nano da Giardino Natalizio con la sua Sacra Bibbia (regalo di Max) durante la proclamazione. Il resto, cioè individuare il vincitore, è stato semplicissimo grazie all’elaborazione dati affidata al mio inviato di fiducia nonchè amicoprezioso nonchèregalatoredibibbie nonchèvabbè FA TUTTO MAX QUI! Io sono una comparsa, mi avete scoperto!

Per motivi chiarissimi di mancanza di tempo il premio verrà spedito subito dopo le feste natalizie ( vedo ridere Alessandra in fondo alla sala. Ti prego amore, contieniti) sperando che venga recapitato prima dell’inizio dell’anno nuovo.

1422 commenti validi….Enddeuinnerisssss….

Every move you make
Every vow you break
Every smile you fake
Every claim you stake
I’ll be watching you

Ogni movimento che fai, Ogni passo che fai, Io ti guardo, Io ti guarderò

(sì è per te, anche se tu non lo sai)

A sorpresa poi ho fatto una seconda estrazione, come accade sempre, ed è uscito il numero 1363 che corrisponde a *rulloditamburi* Azzurra Ginevra Turner che quando avrà tempo e voglia mi spedirà il proprio indirizzo per un pensierino da parte mia.

Lo stesso farà Sybil Biscuit perchè non contenta ho fatto anche una terza estrazione ed è venuto fuori il numero 961. Sybil, anche, vince un pensierino sperando che possa piacere.

Pressione psicologica ai massimi storici e invocazione dello spirito natalizio. La voglia di picchiare i passanti e far saltare teste in aria correndo via con il carrello della spesa infilando dentro robe a caso, è l’unico regalo che vorrei ricevere da me stessa.

Al supermercato finisco per essere alla mercè di tutti. Signore che al reparto dolci mi chiedono cosa sia esattamente la colla di pesce e perchè sono aumentati i fagottini al cioccolato della coop. E io quel cotechino neanche lo mangerò quindi perchè devo incontrare il tizio che mi consiglia quello fresco del macellaio. Lo so! LO SO MA NON CE L’HA!!!!

E mentre vorrei urlarglielo mi intrattengo elargendo sorrisi e spiegazioni. Senza sapere come, finisco a parlare dell’agar agar come sostituto naturale della colla di pesce e che i fagottini alla fine si possono pure fare in casa risparmiando un po’ fino ad arrivare a quanto deve essere buono il cotechino a Bra perchè me l’ha detto il Nippotorinese e io sulla fiducia gli credo.

Insomma per dire che nonostante mi ostini a volermi disegnare timida, riservata e apparentemente altezzosa, nella vita reale mi ritrovo ad abbracciare le vecchiette che non arrivano allo zucchero e a tenere in braccio bimbi sconosciuti mentre le mamme “un attimino prendo il pane”.

Una delle meravigliose teorie del Nippotorinese è sempre stata quella che il problema non fosse mio ma della geolocalizzazione. Al Nord tutto questo non sarebbe accaduto perchè si è un po’ più schivi e distanti.

Sono le 12.12. Il Giveaway è ufficialmente chiuso. E sono le 12.12 sicuro perchè questo Post è stato programmato alle ore 12.00 (mi piace essere precisa ma potrei evitare, sì).

No so come ringraziarvi. Ho letto tutto. Davvero tutto ( so della cavia anoressica, del succo di pera e di tutto, lo giuro. E ti amo Cey nondirescemenzeseimia).

( sfrutto il blog per scopi personali. E’ consentito dalla legge)

Per me però è stato impossibile accedere, oltre che per i vari impegni natalizi e lavorativi,  a causa dell‘assenza di Fastweb che da ben quattro giorni ha deciso di lasciarci (continuando a farlo tra l’altro sino a questo momento) nella disperazione assoluta. Munita di chiavetta, manco fossi stata catapultata nove ere zoologiche fa, è  difficile accedere-rispondere-partecipare ( contando che sono un tantinello frenetica e pretendo la velocità massima  di upload).

Spero, con serenità e calma, di poter sbaciucchiare follemente ognuno di voi. Nel frattempo questo pomeriggio stesso provvederò all’estrazione del vincitore filmando il tutto per correttezza. Grazie poi a Santo Max che svilupperà per me  ( Max tetoccaamoremioperdonami!) il formato excel con tutti i numeri dei commenti e blablabla, avremo in tempo reale ” de uinner is….” 

Tra l’altro anticiperei giusto un’altra sorpresa. Non si tratta di giveaway ma c’è un premio in regalo. Un progetto segretiiiiiiiiiissssimo che sto organizzando con i miei nani da giardino e che coinvolgerà tutto il mondo (no. Non sono esagerata. Davvero. Coinvolgerà tuttooooooooooooo il mondo).

Insomma. Andiamo per gradi ( ce ne sono ben dieci. E in Sicilia dieci gradi significa solo una cosa: moriredifreddononcisiamoabituaiti AIUTO!)

Il delirio dell’egocentrismo. Partiamo da quello.

Al Trentasettesimo posto per Iphone e ventinovesimo per Ipad in classifica il Gikitchen sull’ App Store.

Questo vuol dire che ho molti  più amici forniti di Ipad e che ci sono dati statistici assurdi. E che sì Signori la fine del mondo è davvero vicina ed io ne sono la causa. E’ ormai chiaro ai più.

Mi aggiorna Emanuele che insieme a me si fa grasse risate.Una su tutte: Sono in classifica, piazzata benissimo, in Thailandia e in Lituania .

Non smetto di ridere pensandoci mentre fisso il vuoto  perchè è  davvero inaspettato il successo dell’ applicazione Gikitchen all’ App Store. Ero certa che i miei amici anche solo per spaccarmi la faccia pigiando fortissimo il dito indice sul touch l’avrebbero scaricata ma addirittura balzare in classifica dopo 24 ore dalla nascita e star sù a delle App davvero meritevoli beh è già un bellissimo regalo.

Sto già tutto il giorno a infastidire blaterando ” grazie” ma sentendolo davvero questo ” grazie” chemifrega lo continuo a dire: GRAZIE.

Da ieri poi, giusto per essere una tipetta alla mano che non si dà arie,  ho ufficialmente ingaggiato un Englishbritisccc  Editor che si occuperà di gestire la sezione inglese non solo dell’App ma anche del progetto futuro:  nuovo sito e progetti qui al Gikitchen ( e anche lì ledisengentelmen Habemus Informaticam Professionistas: Giulia,  Pezzetto di Stella bellissima) .

La Santa Donna che mi supporterà (ma più sopporterà) è nientepopodimenoche*rullo di tamburi* Floooooooooooooooooooo! Che oltre ad aver avuto l’onore di abbracciare in Via Lagrange sorseggiando caffè da Gobino è una delle amiche più preziose che ho.

Il mio portavoce ufficiale però rimane Max; ecco va detto. Quando dovrò presentare in Lituania o in Thailandia il progetto segretissimo della lavatrice a forma di Nano da Giardino, Flo non me ne vorrà, ma andrò con Max (vieni pure tu eh. Che non si sa mai Flo! magari troviamo Poster di Nigella da appendere sulle pareti in  albergo).

Insommabbbbasta!

E’ una giornata difficilissima e finirò di lavorare alle tre del mattino se tutto va bene; direi quindi di procedere a qualche appunto in cucina.

Cosa rappresenta il gusto degli After Eight per me è stato già scritto qui  e credo ci sia davvero poco da aggiungere. Giorni fa guardavo il mio vecchio Blog trasferito da quella Santa Donnamore mio di Cri da Splinder a WordPress, dove risiede per essere sistemato e decespugliato giusto da qualcosina per ritornare magicamente online incorporato al Gikitchen (così è deciso l’udienza è tolta).

In un post datato 2006 che sembra un po’ un’era zoologica lontanissima ho trovato la mia strepitosa ricetta dei savoiardi con il dentifricio, ovvero un’alternativa valida nel far colazione senza avere la premura di lavarsi i denti. Insieme alla mente geniale di Mauro, che mi manca e pure parecchio, scribacchiavo circa l’utilità di questa ricetta che di certo avrebbe cambiato le sorti dell’universo.

Prima del consueto delirio da “appunto in cucina” ricapitolerei. Più per me perchè sto cominciando seriamente a confondermi e mentre ticchetto, cucino, fotografo e scrivo oggi è pure la giornata dell’impacchettamento selvaggio. Pur avendo eliminato la marmaglia di inutilità a cui donare pensieri e amore i regali sembrano essersi centuplicati.

Emozionatissima e con la grande responsabilità di essere sul  vostro Iphone, Ipad ( litigherò con le altre icone già lo so) mi attende una full immersion per la versione Inglese. Vorrei che Santo Max da Romamoremio fosse qui. Io potrei limarmi le unghie e preparargli tanti buoni manicaretti e lui capirci qualcosa di più tra cup, grammi, teaspoon e solo il cielo sa cosa.

Ci sarebbe poi pure il Giveaway Natalizio. Vi sto leggendo di corsa corsissima ( e rido come  una matta. Ma quanto siete adorabilmente folli?)e  dovessi pure impiegarci otto anni risponderò e ringrazierò come è giusto che sia. Il termine è previsto per domani alle 12.12 e per parteciparvi basta lasciare ottomilioni di messaggi a questo post ( clicca qui) 

Avrei voluto partecipare molto più attivamente questa volta ma non credevo che la Apple approvasse  immediatamente l’Applicazione Gikitchen come non credevo che una serie di eventi si sarebbero accavallati proprio questa settimana (dovevo prevederlo. Murphy docet)

Meno 5 giorni al Natale. Dico solo questo. E l’immagine riassume perfettamente.

Il bastoncino Natalizio. Ummamma quanto mi piace il bastoncino Natalizio ( umamma ne ha parlato pure Katia ! Voi lo leggete il Blog “Idee di Natale ” di Katia , vero?!) . Lo scorso anno avevo pure invaso l’albero con questo adorabile stecchetto e messo caramelle della stessa forma ovunque. Le stesse che continuo a trovare solo in rosa-bianco e mai rosso-bianco. Vorrei proprio parlare con il responsabile colore stecco natalizio caramelle di questa azienda per mollargli un ceffone, imbavagliarlo e poi con calma farmi spiegare le sue assurde ragioni per la scelta di questa ridicola nuance che mal si sposa con il periodo natalizio.

In questo periodo io posso tranquillamente ingurgitare colazione-pranzo-merenda-cena-dopocena-mezzanottespuntino due chili di mandarini, otto chili di arance e novemilachili di cedri.

Mi piace da impazzire il cedro come altrettanto il limone con il bicarbonato e sale. Non tutti apprezzano questo friccicorio del bicarbonato con il sale sul limone. Io continuo a trovarlo un sapore meravigliosamente e antipaticamente esilarante.

Mi ricorda però più l’estate il limone con il bicarbonato e il sale, mentre giustamente al contrario il mandarino queste notti davanti al forno di mamma e al camino. Perchè sì a casa mia, quella dove abitavo con i miei, oltre ad esserci un forno a legno dove quest’anno vorrei sfornare qualcosa come 342 tonnellate di biscotti che assumeranno di certo un altro sapore, vi è un camino bellissimo. Acceso troppe poche volte perchè Mamma ha  un rapporto con il camino un po’ simile a quello che ha con il freezer (chiunque si sia perso fortunatamente uno dei tanti deliri a riguardo e volesse però rovinarsi il Natale può trovare giusto qualcosina cliccando qui).

Il tappeto avrebbe potuto prendere fuoco e ci saremmo potuti addormentare bruciando vivi. Un lapillo feroce avrebbe potuto perforare la mia pupilla ed io cieca per sempre non avrei più potuto disegnare. Era necessario mantenere una distanza di sicurezza tale da garantire alle folte chiome di non incendiarsi al passaggio quando noncuranti tra una fetta di panettone e una di pandoro si sa, i capelli finiscono sempre nel camino per poi ustionare cranio e corpo del malcapitato che era meglio si fosse diretto vicino al tavolo delle noccioline, vicino la finestra.

 Il  Post del Giveaway, visto il periodo, non potrà essere messo in primo piano ma sulla destra c’è questa  iconcina maghettosa. Basta cliccarci su per essere catapultato al post interessato e lasciare quanti più commenti per vincere la Videocamera Tascabile HD. C’è tempo fino a Mercoledì 21 Dicembre fino alle ore 12.12.

Questa volta ho allungato un po’ più i tempi per dare  la possibilità di parteciparvicicivici.

La settimana cruciale è arrivata e da questo momento in poi siamo tutti autorizzati a dare i numeri. Chi, come me, li dà anche nei restanti 358 giorni ( ho dovuto prendere la calcolatrice, lo confesso) potrà godersi appieno questo rush finale respirando a pieni polmoni la deliranza.

Ieri ho provato il mio nuovo giocattolino al Porto, tra gabbiani impazziti e reti attorcigliate. La mia prima foto dinamica con la funzione  Motion Snapshot (clicca qui ) è stata un’esperienza mistica ai limiti del paranormale anche perchè l’aggeggino in condizioni di luce scarsissima riesce a fare queste cose qua (clicca qui) . E’ la volta buona che posso fotografare il cibo la notte? Mi agevolerebbe di molto il lavoro e non dovrei attendere l’alba.

Sogni irrealizzabili a parte mi attende una tonnellata di biscotti e panettoncini da sfornare e semmai dovessi sopravvivere non escludo che questo possa essere uno dei post giornalieri e non “il post”.

Post, questo,  Fotografico velocissimo per un’idea veloce.

Segnaposto, regalo, dolcetto chiudi pasto, colazione speciale, merenda, benvenuto a tavola su un piattino decorato e con nome, qualsiasi cosa.

Qualsiasi cosa, davvero.

Per la base dei cupcake non c’è che l’imbarazzo della scelta e possiamo scegliere tra queste ricette o qualsiasi altra si sia già provata.

Per la pasta di zucchero basterà seguire questa semplicissima ricetta. Clicca qui per il formato light stampabile.

Per la Glassa reale 100 grammi di albume con 600 grammi di zucchero a velo lavorati con lo sbattitore elettrico sino ad ottenere un composto liscissimo ed omogeneo che servirà anche da collante.

Per i coloranti alimentare è preferibile prediligere quelli in gel piuttosto che quelli liquidi. La Decora è un’ottima marca. La migliore che io abbia provato sinora e quella cui in assoluto mi affido .  Non me ne viene in tasca nulla; per dovere di cronaca, si sappia. Trattasi di pura informazione personale.

D’accordo che i piedozzi di Babbo Natale ( te li sei persi? clicca qui ! che scende da un camino di cioccolato e vaniglia sono stati fatti , ma un piccolo Babbo Natale stilizzato semplicissimo da realizzare vogliamo non farlo? Giammai!

La base è quella di un semplicissimo cucpcake alla vaniglia. Si può usare la ricetta base quattro quarti e la ricetta la trovi cliccando qui in formato stampabile, altrimenti un’altra base alla vaniglia semplicissima da realizzare che trovi cliccando qui in formato stampabile.

 La seconda sarà molto meno lievitata e più leggera della prima ma comunque io preferirei indiscutibilmente la quattro quarti*disse fischiettando.

La Ricetta della Pasta di zucchero la trovi cliccando qui >>>; mentre per la glassa, come è stato ripetuto fino allo sfinimento, basteranno 600 grammi di zucchero a velo  da sbattere con 100 grammi di albume pensando sempre che è una dose per almeno 24 cupcake di piccola-media grandezza più la copertura di un divano ( anche 1/4 di dose se non meno andrà bene per questi cupcake).

I coloranti alimentari sono sempre quelli in gel. Se si avesse la fortuna, che io non ho, si potrebbe pure reperire in commercio la pasta di zucchero già pronta e tadanrulloditamburi addirittura colorata.

La mia stupidità mi ha impedito di ricordare di fotografare le varie fasi della realizzazione “Babbo Natale”. Mi è stato chiesto più volte di farlo ultimamente. Dispiacendomi rimando.

Basterà però formare una piccola pallina per il volto, un triangolino per il cappello e uno per la barba. Infine un rettangolino per il corpo. Questi i quattro “pezzi” principali per l’assemblaggio Babbonataloso.

(Per il 2012 prometto solennemente di fare miriadi di video tutorial così da far percepire la semplicità di queste realizzazioni)

Chiaramente sono solo delle idee base su cui poi si possono realizzare davvero infinite varianti. Proprio come il cupcake che può essere sostituito con quello alla banana, cioccolato, agrumi, base alla vaniglia, allo zenzero e lime e la moltitudine di roba che ho accumulato in questo indice qui.

Perchè sì esiste un indice anche se solo con il quaranta per cento delle ricette eseguite qui al Gikitchen e lo puoi trovare nei bottoni in alto del sito o semplicemente cliccando qui.