L’Epifania che tutte le feste porta via. Ma non era meglio l’Epifania che la caloria porta via?

Must Try

Risotto con miele di manuka e yogurt

La Ricetta Facilissima e di ridicola preparazione. Lascio dorare la cipolla nell'olio extra vergine d'oliva e quando è ora metto il riso a tostare. Aggiungo...

Le uova rosse per Pasqua

Che la Pasqua in Grecia sia molto sentita è un'informazione pressoché inutile perché lo sanno tutti. Viene onorata e celebrata ed elementi pagani e...

Il casatiello con un ingrediente a sorpresa

Il casatiello è immancabile nelle tavole pasquali dei napoletani ma la verità sai qual è? Che tutta la penisola se ne è perdutamente innamorata di questa ciambella salata deliziosa e ricchissima. Il casatiello è entrato ormai nelle case di tutti gli Italiani e non ha intenzione di uscirne (meno male!)

La “Torta Pasqualina” (senza ricotta)

Non è Pasqua senza la torta pasqualina ligure. Spinaci o bietole, uova e ricotta. Ma questa volta una versione più leggera senza ricotta. Gustosa e scenografica è una preparazione che lascia sempre il segno. E in regalo per te la scheda scaricabile!
Iaia
Una che disegna, scrive, cucina e fotografa ma non fa bene nessuna della quattro cose.

Ieri si è blaterato abbastanza circa Scopette da befana come stuzzichino in versione salata e dolce con il marzapane e il bastoncino del cioccolato. Tra pan di spagna a forma di calze, tartine a forma di pacco regalo e carbone di zucchero da preparare in pochissimi minuti, per questo giorno qualcosina da sgranocchiare possiamo metterlo nel panciotto. Lo stesso che da domani dovrà lavorare sodo per ritornare ai vecchi fausti, ammesso ce ne siano mai stati.

Ieri mamma smaniava dalla voglia di avere una befana tutta per lei (si evince da chi abbia preso la mia maturità?). Stanca delle solite calze, scopette e carbone mi ha fissato seria in volto e ha sentenziato “non mi muovo di qui se non fai una pizza befana tutta per me”.

Conoscendola sapevo già che non lasciava adito a fraintendimento (solo io conosco persone che dicono “alito a fraintendimento?”. Ecco perchè mi sento sfortunata in tal senso) e che davvero si doveva fare una Befanpizza e pure in fretta. Ho passato una vita a chiederle assurdità e me le ha realizzate tutte, vuoi che mi tiri indietro per una befanpizza?

Quello che ne è venuto fuori è frutto di qualche minuto di delirio culinario. Confesso di essere particolarmente orgogliosa della scopa che ho realizzato con degli spaghetti; i capelli  non sono altro che tagliatelle con alga nori  lessate precedentemente. Non avendo lievito di birra e comunque non volendo trasfigurare eccessivamente con la lievitazione la mia Befanpizza, mi sono affidata alla pasta brisè. Qualche rattoppo con prosciutto cotto (rat-topo, che meraviglia), occhi di olive, una spennellata di olio e sale macinato sul momento. A 180 già caldo per venti minutini e via.

Mamma era letteralmente terrorizzata all’idea di dover infornare degli spaghetti crudi.

Ero praticamente certa che si sarebbero carbonizzati conferendo  un color marroncino, che era poi quello che desideravo, ma quando ho tirato via dal forno e ho constatato di aver ragione (non accade tanto spesso), ho preteso un mega abbraccio corredato da un bacio lungo un quarto d’ora con applauso.

Una cosa sobria, insomma.

Sinora i regali che ho ricevuto sono belli da far perdere la testa. Se ne avessi una l’avrei insomma gia perduta. Oltre ad essermi arrivato l’Inkling, che per chi ama disegnare è come ricevere un Ferrari Testarossa portatile da tirar fuori a Dubai per una pizza tra amici (robetta così insomma), ho ricevuto quest’altra meraviglia maghettosa in versione befana. Mamma e SantasignoraPina continuano a sfornare meraviglie. Ricevendo parecchie richieste e commissioni di Maghetta bambolosa, mi sa proprio che le lancerò sul mercato. Le schiavizzerò relegandole nel mio ufficio di Hello Kitty (quello con il lampadario rosa, sì) e facendole cucire notte e giorno. E le nutrirò di befanpizza e ricette assurde come la scacciata con le patate e l’amatriciana con il mango.

Mamma non ha fatto altro che ripetere “è mia” tenendosela ben stretta e mostrandola al Nippotorinese e mio papà come fossero ladri di Befanpizza, tenendosi a debita distanza e guardandoli con fare sospetto. 

C’è tanto equilibrio mentale all’interno della mia famiglia.

Qui si fa il lungo ponte dell’Epifania e si tenta di rilassarsi un po’ giocando con l’Inkling e rotolandosi in copertine e avventure tra lapilli di lava e neve. Questo non significa che il Gikitchen non resti attivo. Altrimenti che stakanovista dell’idiozia sarei?

Qualora ieri ti fossi perso il post ti ricordo che ci sono anche altre idee velocissime per festeggiare in allegria la Befana (clicca sulle immagini per la ricetta).

I cappellini della befana al cioccolato

Il carbone di zucchero

Le scopette da Befana salate

Infine.

Non sono molto brava a pubblicizzare le mie iniziative perchè odio fare spam selvaggio e disturbare, ma vi ricordo che semmai voleste vincere una fotocamera e farmi felice impiegando due minuti a disegnarmi, c’è questo pseudo contest (non so come chiamarlo, santapizzettabefanosa). Le “regole”, scadenze e robe noiose le trovi cliccando qui >>>>

(vi dico solo che di Italiani ce ne sono pochissimi. E un po’ di orgoglio nazionale santo cielo! sotuttithailandesi!)

L’angolo “diamo i numeri”:

Siamo a più di 5.000 download della mia App Gikitchen. Dire che ne sono lusingata è davvero pochissimo.

Grazie infinite.

– Angolo dell’A-mag-cord e Tediosi aggiornamenti e comunicazioni che importano solo a me ( e non ne sono neanche tanto sicura).

Ho deciso di rimettere online il vecchio blog e incorporarlo a questo. Entro il 2012 tutto il mio materiale sarà visibile qui al Gikitchen; del resto i vari domini maghetta streghetta.net, .com, .org e blablabla sono ancora disponibili e hanno un redirect qui al Gikitchen. Sempre per l’angolo A-Mag-Cord una menzione va sicuramente fatta a P-Sick-o. Una terribile rivisitazione di Psycho. Un progetto al quale ho lavorato tantissimo disegnando come sempre solo ed esclusivamente con il mouse e realizzando la scena della doccia come in una sorta di “cortometraggio” solo che in formato gif. Un delirio. La scena della macchina e quella della doccia sono ricordi tremendamente bellissimi; come dimenticarsi Sick ( Il nippotorinese nel fumetto si è sempre chiamato così. E “come dimenticarsi” è una provocazione, sia chiaro) con il toupet mentre apre la tendina con le paperelle?  ( e Mag con la maschera canta Whitney Houston, ma lasciamo perdere) 

Forse potrebbe interessarti leggere...

18 COMMENTS

    • amò Nanda ci avrebbe messo pure la simmenthal.
      E visto che siamo da sole.
      E’ presto e tutti dormono e io sto per salire sul tapirulannn a sfinirmi di chilometri volevo dirti che stanotte ho sognato che eravamo in un ufficio e facevamo il template del tuo blog insieme a Vale(fatina) e Cri (bibibibibi) ( e perchè metto le parentesi se siamo sempre le stesse non lo so? santocieloridotroppo )
      e giuro.
      c’era cognata sobria che ci faceva il caffè.
      alle cinque quando mi sono svegliata ( ed ero andata a letto alle due ma sono dettagli) ridevo come una scema da sola nel letto.
      Perchè ho immaginato cognata sobria fare il caffè con una pelliccia di visone e il tronchetto dior 12.
      Ora cosa si evince da questo?
      che nella mia coscienza pesano e gravano molte cose.
      Tra le quali *_* il template.
      iotidicosolounacosaeteladicotuttadiunfiato.
      preparati.
      perchè noi CELAPOSSIAMOFARCELA

      ( non ricordo il colore dei nostri smalti. ecco. è la cosa che più mi disturba)

      • ora pretendo un risveglio caffèttoso con cognatasobria.

        omacacchio
        da quando c’è il commento al commento? (cioè il “dimmene 4…”)

      • Ora io dico, progetto più progetto meno, ma che stiamo aspettando ad aprire un blog a nanda, uno a cognata sobria e uno per raccontare i sogni fatti dalle 3 alle 5?
        Io comunque vi amo. E non c’è niente da fare. Siete spacciate. Soprattutto se mi lasciate da sola con il torinese a festeggiare i miei trentanni e a mangiare la torta rabbid (si, ho già un’incaricatapasticciera che farà per me una torta rabbid, sapevatelo, sono molto seria) da sola. Veniteassalvarmicacchio >-<

      • Ah, e niente, sappiate che sono diventata consulente del pizzaiolo d’asporto qua sotto (dopo avergli suggerito di aggiungere i friarielli alla pizza ortolana classica, son cose eh?) sicchè penso che andrò a proporgli la pizza nanda, pomodoro, mozzarella e tinsemal infornata e poi impanata e fritta per bene. Cheddite?

    • Amoruccie mie io vi amo. E propongo un header (mi serve solo l’header, non tutto il templare amore dontworribieppi) abbinato alle unghie. Cielo quanto vi adoro. Epppoi Cognatasobria ci farà il caffè vestita di Fendi (lei sostiene che Dior e’ tttropppppo commerciale dannazione) e con dei pigiami di seta la perla (che ha di Ogni colore, e quando dico di ogni lo saPete che intendo anche verde muschio sottobosco). Ve l’ho già detto che vi amo????

  1. Ciao BefanIaia!!
    Confermo che la befanpizza è una meraviglia, soprattutto la scopa di spaghetti 🙂 io non mi sarei fidata a metterli in forno crudi e se prendevano fuoco?!?!?!?!?!
    Un abbraccio forte fortissimo

  2. AHAHAHAHAHAHAH! GIURO CHE SEI DAVVERO SIMPATICISSIMA! MI STO SBELLICANDO DALLE RISATE! 😀
    COMUNQUE L’IDEA DELLE CALORIE L’AVEVO PENSATA ANCHE IO…MMHHH…MAGARIIII! TI ABBRACCIO!

Rispondi a Mariangela Cancel reply

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

La frolla con i fiori

I fiori si possono ammirare, coltivare, regalare e mangiare. Sì, esistono dei fiori eduli perfetti per zuppe, insalate e dolci sorprendenti.

Il poolish

Il poolish, altrimenti detto biga liquida, serve per consumare pochi grammi di lievito di birra. Un altro modo per consumare meno lievito e ottenere dei...

(Japanese) Tulip Sandwich

Di rara bellezza spicca il Tulip Sandwich, che regala uno splendido tulipano all'apertura. Questo modo tagliare il sandwich è tipico giapponese anche nella versione salata.

Il Latte di mandorla Siciliano

Per noi siciliani è sempre stata la bevanda estiva. Quella che bevi ghiacciata sotto il patio nella bottiglia di vetro. Uno scrigno di ricordi e bontà.

Torta al cioccolato vegana (la più buona since 2012!)

Era il 2012 quando per la prima volta pubblicavo questa ricetta sul Blog. Ne rimane traccia però solo un vecchio post che non ricordavo....

More recipes like this