Home / Appetizer  / La Pasta frolla salata di Montersino

La Pasta frolla salata di Montersino

Max sa che nessun altro tipo di regalo avrebbe potuto superare quello di ieri. “Cosa si regala a una che ha tutto?”, mi dice. E si risponde da solo ” Un’emozione”.

Sì, perchè a una come me non puoi che regalare solo questo per renderle  migliore la giornata.  Per abbracciarla a distanza e infonderle coraggio. E solo un vero amico lo sa. Come lui tutti quelli che ieri si sono premurati di correre a casa di Cri  per vedermi scartare il regalo. Quando ieri scrivevo  che era stato bellissimo sapere che a ottocento chilometri da me Max stava preparando una mia ricetta e che al supermercato c’ero io che spingevo virtualmente il carrello accanto a lui ( solo che io ero ferma al reparto giocattoli ” vediamo se c’è una tazzina piccola per i disegni” mentre lui davanti alle bottiglie di aceto e vino maledicendomi per “madovecacchioèlacetodisherry”) , non potevo minimamente immaginare che ad attendermi a breve distanza ci sarebbe stato un intero post tutto per me.

E’ una lusinga per me . Una lusinga continua, sapere che un uomo come Max si spogli della sua maschera e diventi bambino per giocare con me. Per farmi ridere incoraggiandomi. Come lo è, una lusinga per me, sapere che in questo girotondo di vite a diverse latitudini io possa tenere stretta delle mani che continuano a farmi volteggiare fortissimamente su un prato. E il suono è solo quello di risate. Tante risate. Sotto un sole cocente o una pioggia battente. Mentre i fulmini arrivano e l’arcobaleno scompare. E stretti a me, a tutelarmi e incoraggiarmi, ci siete voi. Disposti a far entrare nel girotondo chi vuole unirsi senza rompere equilibri. Senza forzare nulla e sforzarsi.

Per un’obesa adesso sottopeso, completamente in balia di un disequilibrio, voi siete stati e siete lo zero della bilancia di ferro 3. L’equilibrio mentale e la forza.

Max un giorno mi ha parlato di ying  e yang. Della luce e dell’oscurità. Del Taoismo e pure di fisica quantistica. Io quel giorno pur non capendoci assolutamente nulla, soprattutto al momento dei numeri primi, mi sono detta solo una cosa: è questa l’amicizia. Non capirci proprio nulla, capendo assolutamente tutto. Grazie per ieri. La confettura caramellata di cipolla con il suo contrasto dolce e salato è l’ennesima riprova che nel caos e nel disequilibrio c’è la nascita e la salvezza.

E di contrasti oggi si parla.

La pasticceria salata è la mia ultima passione che credo non potrà essere annoverata tra quelle passeggere. Ha uno ying e yang che ti riequilibra e riconcilia con te stessa e il mondo. Appago la voglia di pasticciare con mattarello e formine, impasti vari e farina sul piano di lavoro ma sforno prelibatezze salate che non solo stupiscono perchè il formato mignon ha sempre quel quid di tenerezza, ma diffondono anche un odore strepitoso. Forse ancor più dei biscotti normali. Non battono forse il pan di zenzero che profuma casa per giorni e giorni ma ci si avvicinano parecchio.
Ultimamente mi piace metter su un pentolino con dell’acqua e delle scorze di arancia e cannella. Lascio andare a fuoco basso per un po’ e aggiungo altra acqua quando evapora. Si sprigiona un profumo inebriante che non ha nulla a che vedere con queste stramaledette candele profumate che per qualche inspiegabile ragione continuano a non convincermi. Mi gira la testa un po’ come accade con la Fabergè. Ottima l’essenza ai semi di papavero e anche quella speziata al cioccolato ma proprio come il muschio bianco e i profumi di vaniglia comincio a manifestare malcontento dopo tre secondi netti.

Il malloppone sulla Pasticceria salata di Montersino è di una bellezza più unica che rara. Acquistato da Eataly la socia ed io lo abbiamo sfogliato in quel di Torino emettendo gridolini continui “e questo lo dobbiamo fare”, “e noooooo questo per forzaaaaaaaaaaa”, “no no prima questo”.

Tutte. Tutte le ricette. Non c’è stato bisogno neanche di creare una “To do List”. Ricopiare singolarmente una a una le ricette dell’indice sarebbe stato alquanto bizzarro. Ci si perde dentro meraviglie che mai avrei immaginato nella versione opposta al dolce. A partire dai bignè sino ad arrivare ai baci di dama per poi approdare ai Diamantini che avevo già provato. Quelli classici al cioccolato, si intende.

La mia prima scelta è ricaduta sulla Pasta frolla salata. Dopo aver trovato (con il vostro preziosissimo aiuto e soprattutto grazie ai consiglio del mio amore Valentinoso) l’inulina e il maltitolo, mi sono immediatamente fiondata nella realizzazione di questa prima ricetta base dela pasticceria salata di Montersino.

Il lavoro è pressochè nullo perchè fa tutto il robot da cucina. Si potrebbe insomma avere qualche difficoltà soltanto per il reperimento del maltitolo (ma grazie al cielo esiste lo shopping online). Il risultato è sorprendente e si può pure pensare di congelare e utilizzare al momento opportuno. Momento che suppongo non tarderà ad arrivare.

Le dosi del grande Luca spaventano sempre un po’ e strappano sorrisi perchè leggere mille chili di burro non è certo una cosa usuale nei libri da cucina. Si possono avere magari delle difficoltà nello scegliere esattamente la “giusta proporzione”. In generale il libro si basa intorno alle 120 porzioni per ricetta ed io dividendo quasi tutto per un ottavo non ho avuto problemi.

Questa pasta frolla salata, oltre ad essere  uno stuzzichino di per sè,  può diventare protagonista quando si servono formaggi e salumi, diventa un’ottima base per moltissime preparazioni.
Pasta Frolla Salata di Montersino (ingredienti per 4 chili di pasta frolla salata. Io ne ho fatto 1/8 della dose): 1600 grammi di farina 180 W, 175 grammi di Fecola di patate, 1000 grammi di burro, 350 grammi di maltitolo, 45 grammi di latte intero in polvere, 180 grammi di Parmigiano Reggiano, 350 grammi di uova intere, 270 grammi di tuorli, 30 grammi di sale, 1 grammi di noce moscata in polvere.

Impasta il burro morbido a temperatura ambiente con la foglia del robot insieme al latte in polvere, il maltitolo, il sale, la noce moscata e il Parmigiano. Aggiungi poco alla volta le uova intere e una volta assorbite aggiungi un terzo della farina. Lascia girare la macchina per almeno 15 secondi e poi aggiungi la farina rimasta. Lavora per bene fino a quando ottieni un composto piuttosto omogeneo e avvolgi nella pellicola trasparente. Conserva dentro il frigo per almeno 30 minuti e poi lavora aiutandoti con un mattarello e della farina in modo che la frolla non si appiccichi a questo e al piano di lavoro e dai la forma che preferisci. Inforna a 180 per 10-12 minuti circa. Dipende però dalla grandezza e altezza che avrai dato alla tua frolla. Controlla quindi la colorazione e quando vedrai un dorato appena accennato sforna e lascia raffreddare.

A ragà edamosenamossa! Il 12 Febbraio sta arrivando.

POST TAGS:

Una che disegna, scrive, cucina e fotografa ma non fa bene nessuna della quattro cose.

Review overview
29 COMMENTS
  • Wish aka Max 17/01/2012

    Prrrrrrrrrrrrrrrrrrimooooooooooooooooooooooooooooo!!!!!

    • Wish aka Max 17/01/2012

      The early bird catches the worm… vabbè oggi non c’è gara proprio… tutti sotto le pezze a ronfare eh? 😀 😀 😀

      • PieceOfStar24 17/01/2012

        Io già attraverso l’italia altrochè pezze :(((( giorrrrrrrrnooooo maxxxxxxx :)))

      • Wish aka Max 17/01/2012

        E mica è colpa mia se sei emigrante… 😀 😀 😀 😀

        Buongiorno a te, pezzo di stella!!! (‘sta push mail proprio niente eh?)

  • Wish aka Max 17/01/2012

    Una cosa semi-seria però te la voglio dire, Iaia. Visto che bazzichi tanti americani te lo dico in inglese: it’s a two way street, dear. E’ una strada a doppio senso, c’è totale reciprocità. Ognuno di noi ha problemi nella sua quotidianità (un bel po’ dei miei tu li conosci) e i momenti della giornata in cui si torna bambini sono quelli in cui riesci a “ricaricare le batterie”, perché in quei momenti non pensi alla pioggia che arriverà e all’arcobaleno che se ne andrà, pensi solo che sei contento di divertirti e di scambiare emozioni positive con qualcuno a cui vuoi tanto bene. E quindi continuiamo a ringraziarci a Vicenza, così almeno ci incontriamo a metà strada. 🙂

    Bisogna che scriviamo al signor Uordpress chiedendogli di mettere i cuori e le ambulanze (e anche le ballerine).

    • Wish aka Max 17/01/2012

      Dimenticavo. E’ difficile spesso condividere questo sentire con le persone che ti stanno accanto nella vita reale, perché al di là delle cose materiali è difficile spiegare le emozioni… e sempre più vale quanto detto tempo fa da qualcuno con impressionante acuità visuale rispetto alla situazione, e meravigliosa sintesi: “Boh, tra matti vi capite”. Ecco, appunto. Per molti continuerà a essere un boh. Ma non per noi.
      Tra matti ci capiamo.

  • PieceOfStar24 17/01/2012

    Boh è che fra matti ci capiamo anche senza dire niente di apparentemente sensato.
    Per me l’amicizia è esserci in mezzo alla nebbia o nel buio di una tana di coniglio lunga. È avere un mare di mezzo che non conta niente e spesso svegliarsi la mattina sognando di prendere l’aereo. È il sedersi su uno sgabello di una cucina virtuale e trovare tutti riuniti a mangiare matriciana al mango.
    È tirare il nodo della corda rossa che ti ho legato mentre a volte sembra che si sciolga.
    È trovarsi ogni giorno, come se fosse il primo.
    Tutti qua a sgOmmare al traguardo 🙂

    • Wish aka Max 17/01/2012

      Lo vedi che servono i cuori e le ambulanze? Scriviamo al sig. Uorpress!!!

      • yliharma 17/01/2012

        Max imparo ad apprezzarti sempre di più 🙂
        Con le signorine qua sopra ci ritroviamo quotidianamente e purtroppo di te ho solo questi commenti (che spesso per pigrizia non leggo…) e me ne dispiace davvero, ma ribadisco quello che ho detto ieri: Iaia attira persone interessanti come un pianeta con una forza di gravita altissima e queste persone interessanti non possono che capirsi, apprezzarsi e ritrovarsi, anche se solo “virtualemente”. Ho imparato che “virtuale” non vuol dire “finto”, ma anzi a volte vuol dire “più profondo”.
        E dove sono questi cacchio di cuoricini, eh??!?!! DOVE?!??!!!

  • pani 17/01/2012

    non solo non è come queste stramaledette candele profumate. NOn è neppure come quelle stramaledette essenze sintetiche che ti beccano il naso e lo strizzano fino a ridurlo in poltiglia

  • valeria 17/01/2012

    mi sa che sabato al super eravamo in tanti ……. comunque io gia mi aspettavo di non trovare questo caspita d’aceto qui a Vienna, è gia tanto se trovo quello balsamico. A scusa non mi sono presentata mi chiamo Valeria e leggendoti mi sembra di rivedermi “qualche anno fa”. Continua cosi sei SUPER.

  • CRI 17/01/2012

    Vabbe anche da Iph tramite app mi piaci.peccato che x scrivere questo commento ci sono dalle sei di stamattina

  • iber 17/01/2012

    ma se li mette all’alba certo che nn c’è storia 😛 io mica sono mattiniero 😀

  • Hariel 17/01/2012

    questa ricetta piena di burro farebbe impazzire il mio fidanzato! decimo le dosi pure io per provarla appena ho tempo!(santo cielo io e la matematica…uhm…vabbè ce la farò!!! 😀 eheh) …c’è pure da provare le “candele alternative” eh!!! ma se poi mi sccordo il pentolino suol fuoco?di sti tempi c’ho poca testa :/ però l’idea mi piace un sacccccchissimo! si si si 🙂 …bacio al volo Gyyyyyyyyyyyyy 😡

    • Hariel 17/01/2012

      Gyyyyyyyyyyyy ma perchè cliccando sul nome fa andare al vecchio blog???? 🙁 aiuto sono una frava con wordpress…non riesco a indirizzare automaticamente al nuovo blog 🙁 devo scriverlo io l’indirizzo giusto…ufffffffffffffff

      • Hariel 17/01/2012

        e pure la faccina non spuntaaaaaaaaaaaa!! l’ho messa (credo!) su gravatar…ma non appare! mah!!!!

  • luci 17/01/2012

    Buongiorno Giulia! Non posso esimermi dal provare questa ricetta… sembra perfetta per mio marito… che adora i gusti salati e Montersino (lui e frugolino lo chiamano “il Maestro”!!!). Guardacaso nel forno in questo momento ho proprio una bella torta di mandorle (io invece adoro i gusti dolci!!!) del Maestro…ma a volte ho dei dubbi che sia proprio sua perchè – udite udite!!! – non prevede uso di burro o olio!!!! Un abbraccio e un bacino, Luci e Frugolino

  • camillamikage 17/01/2012

    Maltitolo?!?! DEVO documentarmi. Sei una miniera di scoperte, fringuellina. Ti bacio.

  • Giulia 17/01/2012

    io vi leggo ehhhhhhhhh logiurochevilegggoooooooooooo
    e rido eh .
    vi giuro che ridoooooooooooooo e poi mi commuovo e poi rido e poi .
    e ce la faccio eh .
    giurochecelafaccio *_*
    ma a volte il Nippo mi toglie il pc, aiped, aifon e tutte le mie meravigliosecretinatemultitecnologiche e mi grida BASTAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA

    e questo è u no di quei momenti.
    mi ero seduta bellabella e mi sono detta orarispondoe.
    ( bella bella sefaperdì chesounmostroeh)

    e insomma *_*
    celapossiamofarcela !

    • pieceofstar24 17/01/2012

      daje 🙂

    • Wish aka Max 18/01/2012

      Dobbiamo iniziare a lavorare un po’ sulle doppie…

      si dice sefàPPeDDì, il raddoppio della d finale RICHIEDE necessariamente il raddoppio della P, mentre la f rimane single, e non convolerà mai a giuste nozze in questa frase, mentre lo farà e di diritto nella frase
      machestaiaFFà, lasciando la c con un palmo di naso e zitellina. La povera c rimarrà zitella anche in
      macheCCiai, guardando invidiosa la sorella che si sposa… 😀 Potresti farci un disegno con tutti questi matrimoni… 🙂

  • Hariel 18/01/2012

    ahahhah..c’ha pure ragione il nippo eh! 😛

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi