Home / Carne  / La Pancetta cinese

La Pancetta cinese

Si consolida sempre di più la mia amicizia con Angelo. Certo è che Angelo non si chiama ma ha scelto questo nome per l’Italia. Viene dal lontano Zhejiang ma il suo più grande desiderio è quello di essere ricordato come Angelo. A suo figlio del resto ha potuto dare un nome italiano e suppongo che Alfonso sia in Cina un po’ come Sharon in Italia. Esotico e accativante per qualcuno e ridicolo per altri.

Appartengo alla seconda fazione. Perchè pur credendo che scegliere un  nome corrisponda ad ascoltare la musicalità delle lettere insieme capaci di far scaturire una sinfonia o semplicemente un ricordo correlato ad esperienze, i nomi “eccessivi” vengono da me apprezzati pochissimo. Vivo già una lotta perenne interiore con Oscar. Pur rifacendomi a un’esperienza letteraria importante per me e per il Nippotorinese e pur non importandomene del fatto che con il cognome del suddetto sembrerebbe un mafioso italo americano residente a Little Italy, nutro forti dilemmi.

Questo per dire insomma, nella maniera più sintetica che conosco, che il mio amico cinese non si chiama Angelo ma così vuole essere chiamato. Quando andrò a casa sua pretenderò quindi di essere chiamata Lin. Che non sta per Lin-cletinata come simpaticamente ha asserito il poliglotta pelato che ospito in casa.

Si parlava giustappunto del Carnevale e di questa tradizione che non appartiene certamente all’Oriente.

Disquisendo delle ricette tipiche, del maiale e dell’usanza di cuocerlo in tutti i modi durante il Carnevale, Angelo ha attirato la mia attenzione con una ricetta facilissima e per nulla elaborata: la Pancetta fritta.

Pancetta fritta? Uhm. Interessante.

Ed è stato così che ho confezionato questo piatto che, a detta dei carnivori che lo hanno mangiato, è interessante e gustosissimo. Ho pensato di realizzarlo considerato che siamo (siete. gne gne gne) in pieno periodo bagordi. Mi ha colpito confesso l’entusiasmo del Nippotorinese che pur non conoscendo questa tradizione cinese di friggere la pancetta con note agrodolci lo ha decretato ottimo, senza rifletterci un secondo.

Naturalmente la qualità della pancetta occidentale è nettamente diversa da quella che si può trovare in oriente (ma i maialini hanno un colorito un po’ più giallastro e la conformazione del bulbo oculare diverso? sono queste le domande che mi tormentano) ma Angelo ugualmente la fa.

Usa una pancetta freschissima reperita dal macellaio e non certamente quella scadente da banco frigo perchè tenderebbe ad assumere le sembianze di una suola di scarpe, e accompagna sempre il tutto con qualche verdurina cotta nella salsa agrodolce. Io ho realizzato giusto qualche bastoncino di carota perchè quello avevo. 
Una ricettina davvero veloce e semplicissima che potrebbe entrare a far parte tranquillamente del bagaglio “idee celerisssssime per un pranzo/cena etnico”. E’ la classica elaborazione un po’ particolare che richiede pochissimi ingredienti e che può piacere alla stragrande maggioranza di amici-parenti-ospitiacaso.

Richiede pochissimi minuti e quindi in termini di tempo-costo-fatica diventa una fida alleata.

Ingredienti per 4 persone circa: 500 grammi di pancetta di maiale, 1 uovo, fecola di patate o maizena, 1 cucchiaio di salsa di soia, olio per friggere.

La salsa dell’agrodolce qualora si volesse fare: 1/4 bicchiere di brodo (facoltativo), 4 cucchiai e 1/2 di zucchero, 2 cucchiai di aceto, 1 cucchiaio di salsa di soia, 1 cucchiaino di sale, 1 cucchiaino di sakè.

Taglia la pancetta a fettine di 2-3 mm di spessore; sistema in un recipiente, versa la salsa di soia distribuendola in modo uniforme sulla carne. Sbatti l’uovo e versalo sulla carne e poi coprila con la fecola. Mescola bene tutti gli ingredienti della salsa qualora la volessi usare e cuoci a fuoco vivo insieme alla carne impanata. Se decidi invece di non adoperare la salsa agrodolce cuoci la pancetta con un filo di olio (puoi anche cuocere la pancetta con poco olio e versare poi dopo la salsa agrodolce).

Per le verdurine pensateci voi, miei prodi. In fin dei conti basta lavarle, tagliarle come si preferisce e farle saltare con un po’ di olio e aceto sfumando un po’ e qualche spolverata di zucchero ma senza eccedere altrimenti anche solo sfumate con sakè e salsa di soia saranno ottime.

Una che disegna, scrive, cucina e fotografa ma non fa bene nessuna della quattro cose.

Review overview
29 COMMENTS
  • Luci 19/02/2012

    Ciao

    • Luci 19/02/2012

      Prima!

      • Luci 19/02/2012

        E per il secondo giorno di seguito!

      • Angela 19/02/2012

        Ma brava stai proprio in una settimana vincente 🙂 compra un gratta e vinci 🙂

        • Luci 19/02/2012

          E se vinco scappiamo tutti alle Bahamas… E apriamo il chiosco dei nani da giardino x Giulia!!!

      • tittisissa 19/02/2012

        Ennò eh… ma la domenica la gara non vale 🙁

  • Wish aka Max 19/02/2012

    Podio…

  • Angela 19/02/2012

    Mannaggia

  • Valeria 19/02/2012

    Buongiorno!!

  • Luci 19/02/2012

    L’Ingeriminese ti ama ogni giorno di più…oggi gli brillano gli occhi e nuvole di colesterolo lo avvolgono… “l’ha pure impiattata nel piatto uguale al nostro, non puoi non farmela!!!” 🙂

  • Angela 19/02/2012

    Davvero una bella idea 🙂 davvero!!! Inserito nella lista della spesa 🙂 buona domenica Giulia!!! E voi tutti … Ora passo sul blog di Max 🙂

  • Pieceofstar24 19/02/2012

    Più volte ho valutato l’idea di riempire la vasca da bagno di salsa agrodolce e di infilarmici dentro e mangiarla fino a morire affogata.
    Ma non è questo il punto.
    Il punto è che la pancetta fritta potrebbe piacermi. Quando mammina fa la carne arrostita sulla brace mi lascia sempre su di più una fettina di pancetta perchè io la mangio solo secca e bruciacchiata e crocccante.
    Ma non è questo il punto.
    I nomi strani non li apprezzo quanto non apprezzo quelli comunissimi e banali, certo Oscar Melone penso che passerebbe davvero alla storia come il miglior nome di mafioso del mondo intero. E mi piace troppo XD

    Ma non è questo il punto. Ma allora qual è il punto? E boh, chi se lo ricorda u.u

    • Bibi 19/02/2012

      amò il punto è questo ——–> .

      • Pieceofstar24 19/02/2012

        Bwahhahahahah ci avevo pensato di scriverlo XD
        avrei dovuto metterlo prima un punto mh? XD

  • yliharma 19/02/2012

    pancetta + fritto + salsa agrodolce + roba cinese = GNAMMMIIIIIIII 😀

  • Katia Ostanel 19/02/2012

    Se non muoio per questa malededdainfluenza ggggiuro che la faccio la pancetta fritta. C’ho il fidanzato che mi sbava già su una spalla…In caso contrario,è stato bello conoscervi. Dando!TCIù

  • Wish aka Max 19/02/2012

    Ero lì lì per dire sempre la cosa della palazzina tua, ma oggi ho scritto un’ode a maghetta che non posso smentire così su due piedi. Approposito quando passi da quelle parti da’ un’occhiata…
    Una cosa che vagamente somiglia a questa pancetta cinese, ed è invece molto romana, è il guanciale all’aceto. In realtà lo preferisco al vino bianco, perché l’aceto è un po’ troppo forte. Si tratta semplicemente di rosolare il guanciale senza grassi in padella e sfumare con l’aceto/vino. Il risultato è meno grasso di quanto sembri, e paradisiaco. Detto ciò, stasera pancetta cinese fritta! (ma senza agrodolce 😉 anch’io ho i miei limiti)

    • tittisissa 20/02/2012

      Max, tu e treqquarti della palazzina tua. E’ troppo bello 😀

      • Wish aka Max 20/02/2012

        A me piace “ta ‘a magni te e quelli da ‘a palazzina tua”, è più ultimativo… 😀 è che insomma… non mi sembrava adeguato…
        e ok maghetta è sparita perché in altre faccende affaccendata… ma tu dove sei finita sissa? attendiamo con ansia tuoi commenti (parlo come otelma)… 🙂

        • tittisissa 20/02/2012

          Ciao Max… mi sono testè dedicata al tuo blog, mio caro 🙂 Il uichend di solito stacco un pò dal computer ed essendo stata in quest’ultimo parecchio impegnata, pur avendoti letto ieri, ed essendo l’argomento per me molto interessante e pieno di significati, ho volutamente deciso di risponderti oggi con maggiore calma e tutta l’attenzione dovuto. Mi sono quindi prodigata in un commento lunghissimo senza capo nè coda….è colpa tua non te la prendere con me!! 😉

  • kiakim 19/02/2012

    interessantissima sta ricettina! facile, veloce e succulenta!!!!

  • Selena 19/02/2012

    Mi ispira parecchio. Devo farla!

  • Bibi 19/02/2012

    ma che interessante.
    non ho il sake per la salsa, che ci metto? un po’ di filiferru secondo me funge bene u.u

  • la_zia 22/02/2012

    Macche’, i maiali di qua sono bianco-rosacei, poveretti. Dico poveretti perche’ spesso e volentieri li imbottiscono di tutte le cose piu’ strane (e chimiche, e tossiche) che si trovano sul mercato, per cui forse li preferirei con gli occhi a mandorla e il colorito itterizio che non belli, grassi e dall’aspetto apparentemente sano….
    Ciao Giulia, bellissimo blog! Un saluto dalla Cina 🙂

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi