Home / Biscotti  / 20 Marzo ? Giornata dei Macaron. Egggggià.

20 Marzo ? Giornata dei Macaron. Egggggià.

Si è parlato di Macaron un bel po’ qui. Ed è sorprendente considerato il fatto che io non li mangio e il Nippotorinese li detesta quanto i calamari ( eh già. Il punto debole culinario del saccente intellettuale pelato di sinistra sono proprio i simpatici celenterati).

Abbiamo cercato di convincere la Sacra Cognata da Torino Piola con scarsi risultati e non in ultimo la mia mamma che ha sentenziato ” mangiateli tu questi cosi sbriciolosi nauseabondi che io mi mangio tre chili di crispelle dir riso con il miele, tiè” e il mio papà che con sguardo interrogativo (perché mai rifiuta dolcetti) ha esordito con  ” e vabbè in assenza di altro” per proseguire poi ” ma li posso intingere in una tazza di cioccolato caldo che così non sanno di niente?”.

E vabbè.

Però nel macaron c’è qualcosa che in maniera perversa mi attrae come una calamita. L’estetica. Quella maledetta e fastidiosissima estetica che mi conquista.  Nessuno è riuscito sinora (dal punto di vista visivo quindi perché quello conta per me)  ad equiparare Pascal Caffet a Torino. Con le gradazioni lavanda e glicine. Spaventosamente perfetti. Come in una gioielleria tutti  maniacalmente allineati. Un miraggio di beltà. Per non parlare delle praline multigusto e della selezione e signorilità con la quale vengono presentati i vari prodotti e scatolette. Potrei morire lì, insomma. Felice e senza rimpianti ( ma prima di perire infilatemi tutta la vetrina di praline in bocca, grazie).

Delusissima al contrario  in quel di Marsiglia da Meresse che in teoria doveva sconvolgere. Non vi era il cosino riccio perfetto e gonfio come sotto la Mole Antonelliana bensì la commessa che al mio ” posso fare una foto? “ ha creduto che volessi farmela con lei. Volevo i macaron, io. E ho una foto con la commessa dei macaron che mi abbraccia. A Marsiglia.  A volte ho paura. A VOLTE HO PAURA.

Insomma si attende di andare a Paris, patria indiscussa del macaron, per poter rimanere allibiti e farci due collanine con questi sbriciolosi biscottini. Sarà pure che a nessuno qui piacciano ma sta di fatto che in un modo o nell’altro riesco a rifilarli senza difficoltà. Certo è che quelli al cioccolato sono di facile smercio mentre ho difficoltà quando mi lancio in elaborazioni tipo litchi, zenzero e canditi e roba eccessivamente speziata. Solo che poi arriva il mio amato fruttivendolo con la pitaya e come posso io non infilarlo nella ganache del macaron o nella gelatina? uff. E mica è sempre colpa mia! Vengo pure istigata.

Un tempo per inspiegabili motivi (confesso di stare sondando e che attualmente in casa vi è una vera e propria indagine con tanti piccoli nani molecolari capaci di un fiuto strabiliante. Cosa sto dicendo?) non avevo problemi durante la realizzazione dei macaron.  Ero stata istruita da Einstein ( ricordate la lezione ? No perché santo cielo la lezione di Einstein sui Macaron fatta l’anno scorso chi se l’è persa ha davvero una carenza preoccupante dal punto di vista culinario ) sul cosino liscio liscio  e sul cosino riccio riccio. Seguendo le giuste proporzioni e la difficilissima tecnica della macaronità (altro che neutrini e gallerie che non stiamo mica qui a fare maccheroni con la salsa noi!) avevo raggiunto un livello che mi permetteva di pavoneggiarmi con le mie meringhette e imbottiture fastidiosamente inutili al palato ma accattivanti e ricercate.

Poi il crollo. Patapumpete.

Alla ricerca di nuove ricette per testare altre dosi, consigli e temperature. Mi  sono ritrovata con il grembiule sporco e i macaron esplosi davanti agli occhi a  sentenziare come una vecchia zitella acida ” chi lascia la vecchia per la nuova non sa cosa si trova”” chi lascia la vecchia per la nuova sa cosa trova . Non sa cosa”. ” Gallina vecchia fa buon brodo?”

Vabbè non sono mai stata brava con i proverbi ma il significato perlomeno credo di averlo capito (non ne sono sicura ma fingo benissimo). Sinora la ricetta (l’unica) che ha sortito i suoi frutti è stata solo ed esclusivamente la prima ( non a caso c’è di mezzo uno scienziato specializzato in messa in piega alternativa e dolcetti che vengon su dopo processi ai limiti del chimico).

Che tutti i nani da giardino pasticceri mi perdonino ma ho fallito pure con quella di Montersino. Luca, che il cielo voglia tu mi perdoni!

Le diverse elaborazioni che ho testato non solo non sono riuscite ma mi hanno demoralizzato a tal punto che credevo fossi io il problema ( dubbio comunque confermato a dirla tutta). E’ stato agghiacciante riuscire a fare i macaron con i pois. Vederli lì perfetti. Color glicine con i pois rosa e azzurri con i pois bianchi. E  BBOOOOOMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMM: Flosci, scoppiati e appiccicosicci. E pensare che avevo fatto anche un meraviglioso video che mi vedeva tutta esaltata e poi buttata in un angolino della cucina a piangere. Fortissimamente piangere.

In quel caso però ho adoperato la malefica teglia in silicone per macaron che al momento stanno spacciando come novità assoluta ed entusiasmante. Sì, è vero. Perfetta perché avendo una scalanatura ti da la concezione esatta della circonferenza. Non vi è bisogno quindi della  sac à poche o di chissà quale pazienza. Arrivi tipo carrarmato con “delicatezza zero”  e con un cucchiaio butti lì e la forma del macaron è perfettamente equilibrata ed esattamente uguale alle altre. Mica male al momento dell’imbottitura quando tutto sarà vergognosamente paralllelo, no?

Solo che durante la preparazione dei Macaron i grandi chef francesi non ti raccomandano altro che prestare attenzione alla temperatura. A non infornarli tutti insieme per non provocare shock termici . A sbattere la teglia. A fare la giravolta, saltare come una scimmia e seguire particolari ridi Vodoo  e insomma. Santocielo. No. Anche con la ricetta riuscitissima e collaudatissima con la quale ho sempre avuto ottimi risultati usando la teglia in silicone per macaron  è venuta fuori una schifezza colossale. Adesso capiterà qui il produttore della teglia in silicone per macaron e mi darà tante di quelle mazzate che mi farà gonfiare come una meringhetta francese e poi mi imbottirà ma.

Sicuramente è un mio limite ( e c’è poca ironia eh. Perché in uno dei libri più famosi sui Macaron si consiglia proprio la suddetta teglia, ergo sbaglio io ahimè) e ho un qualche sconosciuto problema con la siffatta meravigliosa creatura siliconesca. Perché oh l’idea era strepitosa ma sinora mi manca l’applicazione pratica. Ritenterò.

Ma perché blatero sui Macaron ? Non vi è un perché ma devo trovare un aggancio, uff.

Colpo di scena: oggi è  il 20 Marzo è  la giornata Mondiale dei Macaron. equuuuativolevo!

Che io mica blatero inutilmente ( vabbè ‘nsomma)! E per l’occasione non potendo presentare macaron flosci e pois esplosi avrei giusto provato per l’ennesima volta la ricetta base collaudatissima e tadan ! Cosino liscio e riccio riusciti ! In pratica mi innervosisco quando  riescono perché è sempre quella la ricetta e mi innervosisco quando non mi riescono perché non ne capisco il motivo. In qualsiasi modo la metta-giri-studi-sondi-indaghi-nonloso a me i Macaron strapiacciono visivamente ma mi creano turbe psichiche non indifferenti.

Essendo il periodo dei mirtilli e mangiandone solo dodici chili al giorno mi sono detta ” toh! macaron ai mirtilli?” e così è stato. La base del macaron è semplicissima alla vaniglia Bourbon e l’interno è una gelatina semplicissima di mirtilli alla quale appunto ho aggiunto un po’ di agar agar ( ma si può adoperare anche la colla di pesce) per renderla gelatinosa più che marmellatosa. In pratica sì, mirtilli sul fuoco-poco-zucchero-acqua quanto basta-agar-agar-giratina-raffreddamento e via.

Il risultato esteticamente mi ha convinto al contrario di quello che è trapelato poi in foto. Erano le sei del mattino ed io non avevo caffè. Avevo un appuntamento e dovevo pure passarmi otto chili di fondotinta terra di siena per avere un colorito vagamente umano e il mio vestitino preferito era a lavare. Come non abbia ucciso neanche il Nippotorinese per scaricare il nervosismo non mi è ben chiaro ( ah era sotto la doccia e mi mancava la parrucca di Norman Bates per essere credibile. Ma la comprerò su Ebay per la prossima volta).

L’imbottitura del macaron , che è poi una delle versatilità che mi ispira simpatia riguardo a questo dolcetto, è comodissimo. I macaron del resto possono essere conservati a lungo se protetti dall’umidità e quindi imbottiti in diverse materie. A maggior ragione se si sceglie una base neutra come quella alla vaniglia.

La scelta delle mandorle credo sia alla base di tutto. Pur avendo sempre scelto mandorle di ottima qualità ho riscontrato problemi a secondo di quanto abbiano stazionato nella scatola di latta dove erano riposte. In un momento particolarmente labile mentalmente ho fatto anche la preparazione dei macaron con le mandorle non spellate. Così giusto per provare una cosa che sai non riuscirà mai sin dall’inizio. Il cosino liscio liscio sopra era pure venuto bene ma del riccio riccio ahem… Regia c’è un vielo pietoso da stendere figurativamente? Grazie.

Credo fortemente che per la realizzazione di questi dolcetti ci si debba armare di pazienza infinita e trovare le condizioni giuste. Basta davvero pochissimo per commettere il pasticcio. Gli ingredienti sono pochissimi e si tratta infine di una semplice meringhetta perché altri non è che albume, zucchero e farina di mandorle ma i prodotti, mandorle soprattutto come dicevo, hanno un ruolo determinante. Considerato che la ricetta base  è stata data e si trova cliccando qui  con relativa lezione di Einstein e che vi sono diverse ricette all’interno di Gikitchen:

passerei solo alle considerazioni veloci di questa mia esperienza con i macaron.

Il TPT questo sconosciuto.

Il TPT è la polvere di farina di mandorle e zucchero a velo setacciate insiemte. TPT significa Tant pour Tant. Si trova anche in commercio seppur non sia facilmente reperibile. E’ la base della preparazione del macaron. Per far sì che il macaron risulti liscio e brillante ( cosino liscio liscio sopra) si deve prestare molta attenzione al TPT. Per farla breve insomma non si può neanche minimamente prendere in considerazione ” evvabbè che lo setaccio a fare.Cihofrettaio!” . Il TPT può essere preparato in anticipo senza problema alcuno ma deve necessariamente essere riposto in un recipiente con la chiusura ermetica e in un ambiente non umido. Averlo già pronto è un’ottima idea ma non può essere conservato per più di sei giorni. Massimo una settimana ma senza esagerare.

Si narra che l’albume perfetto per la preparazione dei macaron deve essere invecchiato. Significa che bisognerebbe tenerlo almeno 24 ore dentro il frigo dentro un recipiente prima dell’utilizzo. Alcuni chef addirittura consigliano 26-48 ore. Usando un albume appena tolto dal guscio e a temperatura ambiente si otterrà ugualmente un effetto sperato prestando attenzione al resto ma confesso che con l’invecchiamento si ha davvero tutt’altro risultato.

E’ importante davvero avere un termometro e misurare esattamente la temperatura dello zucchero. Qualche goccia di limone gioverà e sarà davvero importante non fare formare cristalli. Per interrompere la temperatura e non farla proseguire far raffreddare il pentolino dove ha caramellato lo zucchero giusto qualche secondo in un recipiente con acqua ghiacciata. Si fermerà instantaneamente la cottura. Non bisognerà neanche però far stazionare a lungo il pentolino perché si sortirebbe l’effetto desiderato inverso, ovvero quello di abbassarla la temperatura.

I coloranti in polvere sono in top per la preparazione dei macaron ma anche quelli in gel non deluderanno. E’ importante controllare sempre da quanto siano stati aperti però questi coloranti. Ho notato che con lo stesso impasto e usando dei coloranti nuovissimi e fiammanti e altri vecchiotti e aperti da qualche mese l’impasto è letteralmente sgonfiato. Con i coloranti liquidi è meglio neanche pensarci perché davvero è impossibile ottenere buoni risultati. Purtroppo per colorare i macaron con una gradazione convincente se ne dovrebbe mettere tanto da introdurre troppo liquido all’impasto. Con la polvere e il gel si ovvia al problema perché si parla davvero di minime quantità.

Il macaronage è il passaggio fondamentale della preparazione dei nostri macaron ed è praticamente quando tutto l’impasto si incontra e viene amalgamato. Se si lavora troppo è un male. Se si lavora poco è un male. Se si lavora male è un male. Bello no? Il macaronage potrebbe buttare allegramente al vento tutto il lavoro e gli accorgimenti sinora fatti. Non deve essere troppo liquido ma neanche troppo compatto. I macaron se il macaronage è troppo liquido risulterebbero piatti, sgonfi e senza il cosino riccio riccio che tecnicamente viene chiamato “collarino”. Il macaronage deve avere come risultato un composto omogeneo, che se colorato non deve in alcun modo avere parti sbiadite ma sempre e solo della stessa gradazione.

Il forno chicchesenedicasantocielo deve essere ventilato. Io ho provato pure con la cottura pizza, così giusto per dire (umamma devo fare la pizza macaron!).

E dovrei ancora dire un’altra milionata di roba eh. Ma so già che vi ho fatto passare la voglia di Macaron. Correte quindi chi può da Lauderèe o Pascal Caffet o dovevoletevoi, compratene un pacchetto e mentre li mangiate pensate a quella matta che blatera di macaron a pois, teglie di silicone, macaronage, temperature e albumi invecchiati.

E fatele/mi una sonora pernacchia al grido di ” scemaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa”. Che me lo merito tutto.

E insomma Buona Giornata di Macaron a tutti ! (cosa ho detto non lo so).

Essendo una giornata impegnativa a dir poco (credo che smetterò intorno alle 23.30 di dopodopodopodopodopodomani) io vado a disperarmi urlando e agitando i capelli. Chiedo perdono per non aver letto le email. Chiedo perdono per non aver risposto a nessuno. Chiedo perdono per non aver ancora spedito i regali della Tombola per anziani. Chiedo perdono per tutto ma davvero noncelapossofarcela.

Davvero eh*segue faccino triste e affranto*

Una che disegna, scrive, cucina e fotografa ma non fa bene nessuna della quattro cose.

Review overview
86 COMMENTS
  • pani 20/03/2012

    avanti le donne

  • tittisissa 20/03/2012

    Ops

  • tittisissa 20/03/2012

    Ciao Pani buongiorno!! Emmisà che abbiamo fregato il centauro stamattina 😉

    • pani 20/03/2012

      sì ma sei stata un po’ lenta, uff…Se dopo qualche minuto io non vedo nessuno mi dico: “boh…saranno tutti in giro a festeggiare o provare i motori” e allora parto

      • tittisissa 20/03/2012

        Non sai quanto hai ragione! Ma che ci posso fare se qui in ufficio il piccì è un diesel?? Ci mette quei buoni sette/otto minuti almeno a caricare la pagina! Potenza dei mezzi tedeschi di germania! 😉

        • pani 20/03/2012

          fallo cadere per sbaglio…plonf…”ops, è caduto!”

          • tittisissa 20/03/2012

            Sissì….sarebbe un sogno!! 😀
            Solo che poi a ‘sta velocità dovrei attendere almeno tre settimane la sostituzione, magari con un altro altrettanto lento!!
            E io nel frattempo come faccio a commentare? Ahem…volevo scrivere a lavorare? 😉

            • pani 20/03/2012

              dovresti iphonizzarti

              • tittisissa 20/03/2012

                Ellosò..non me lo dirmelo…cheggiàllosò 🙁

                • pani 20/03/2012

                  resisti. Io ho ancora un vecchio cellulare che riesce magnificamente a spedire sms e telefonare e la batteria originale è inesauribile. Quando morirà la batteria forse passerò ad uno smart. Forse

                • tittisissa 20/03/2012

                  Resisto!! 😀
                  Anche io ho un nokia che è praticamente indistruttibile. Finchè dura….poi si vedrà. Forse 😉

                • pani 20/03/2012

                  io ho un nokia 1100. Comodo, sta in tasca…

            • gluci77 20/03/2012

              io con l’Ipod non riesco più a commentare…

            • gluci77 20/03/2012

              Anche io ho un nokia della preistoria che è a dir poco fenomenale! se lascio in memoria più di 6 foto è già pieno e niente blutut, ma Frugolino ha tentato più volte di distruggerlo e lui è ancora qui, più forte che mai! 😉

    • Wish aka Max 20/03/2012

      TV… (che sta per ‘tacci vostri…) a parte che la dovete piantare di farmi ridere, ma poi ve ne approfittate che oggi sto facendo il tassista per quella povera disgraziata di mia figlia che, ahilei, je tocca partì. Una settimana. Sharm El Sheikh. So di poter contare sulla solidarietà del gruppo. So’ problemi, diceva un mio amico.

  • pani 20/03/2012

    questo è un post macaron con i fiocchi. E poi…il macaronage! Grande arte, da non confondere con quell’insulsa macarena che ancora oggi ci sparano nei timpani.
    Si, un viaggetto a Paris ne vale la pena. Lì, ma anche in provincia, i macarones sono esposti come gioielli e quando li compri ed esci dalla bottega devi stare attento ai borseggiatori, a Les Rapetou.

  • Beatrice Alvino 20/03/2012

    Porca pupazza io amo i macaron! Ma la mia pasticcera di fiducia non li fa più perché, dice, che li mangiavamo solo io e lei. E’ un’ingiustizia peròòòòòòò!
    E farli io…bè ho un po’ di ansia da prestazione eheheh!
    Però forse oggi provo i muffin di Bob!!! Che Bob mi assista! (dici che vado all’inferno se faccio i muffin nella giornata dei macaron?)
    Baci a destra e a manca!

  • gluci77 20/03/2012

    Buongiorno a tutti!!!! Scusate, ma questa settimana è davvero un macello… non riesco a gareggiare come dovrei… 😉

    • tittisissa 20/03/2012

      Ciao Luci cara 🙂
      Riposato bene? Frugolino come sta? E’ ancora con la congiuntivite povera stellina?

      • gluci77 20/03/2012

        Frugolo sta meglio e domani – ma non diciamolo troppo forte perchè ci sono virus e bacilli nascosti in ogni dove – dovrebbe tornare all’asilo… comunque qui a Rimini abbiamo una vera e propria epidemia di varicella, quindi ci stiamo già preparando… 🙁

        • tittisissa 20/03/2012

          Ma non ha fatto il vaccino il piccolo? :-O

          • gluci77 20/03/2012

            No, niente vaccino tradizionale… ha fatto una sorta di vaccino contro la bronchite oddio, è andata un po’ meglio dello scorso anno, ma gli ultimi due mesi sono stati un’ecatombe!

            • tittisissa 20/03/2012

              Qando il mio pupone era piccino ha fatto il vaccino contro la varicella. Se la prese ugualmente all’asilo, ma in maniera blanda. Giusto qualche macchietta e pochi giorni di febbre. 😉

  • tittisissa 20/03/2012

    Ahem..i macaron non li ho mai mangiati ma. Condivido il parere del nippotorinese e dei tuoi : molto ma molto meglissimo assai le crispelle di riso al miele 😉
    Sono belli i macarons non c’è che dire però non so..mi sembrano così difficili da preparare e di così complicata riuscita che mi demoralizzo a priori e neanche mi ci metto. Neanche!
    <3

  • pani 20/03/2012

    comunque sia, queste foto sbrodolose sono bellissime. Questi sanguinolenti macarones sprizzano vita e morte. E quelli in alto, quelli con il carapace crepato…
    nascita e morte di un macaron
    c’è da scriverci un libro

    • Wish aka Max 20/03/2012

      morte di un macaron viaggiatore

      • pani 20/03/2012

        🙂
        Nessuno scrive al Macaron

        • gluci77 20/03/2012

          Il Codice Macaron

          • pani 20/03/2012

            macaron verdi fritti fermi alla stazione del treno

        • tittisissa 20/03/2012

          Cronaca di una morte di un macaron annunciata 😀

          • gluci77 20/03/2012

            Se una notte d’inverno un macaron…

            • gluci77 20/03/2012

              Il macaron ai tempi del colera… cent’anni di macaron…questi sono per la Titti… 😉

            • tittisissa 20/03/2012

              Ma com’è che io ti adoro Luci mia eh? E’ ufficiale. Ti adoro!!
              😀

            • gluci77 20/03/2012

              Reciproco… :-*

    • apity 20/03/2012

      Molto forte, incredibilmente macaron, Dalla parte di Macaron, L’amico Macaron, Piccoli macaron crescono… Mi sto facendo delle risate!

      • pani 20/03/2012

        e L’ultimo dei Macaron, Ventimila Macaron sotto i mari, I Dolori del Giovane Macaron…

        • apity 20/03/2012

          Vado io a prenderli quei ventimila macaron sotto i mari. Il libro l’ho letto ed è bellissimo!

          • gluci77 20/03/2012

            sette piccoli Macaron?! Il buio oltre il Macaron?!I Piccolo Macaron?!

            • gluci77 20/03/2012

              i macaron della via Pal?! Il Macaron a Venezia?!

            • gluci77 20/03/2012

              Macaron non deve morire

            • gluci77 20/03/2012

              il macaron rampante… il macaron dimezzato…

            • apity 20/03/2012

              La coscienza di Macaron, Macaron e Castigo, Macaron e Pace, Via col Macaron, Cent’anni di Macaron, Il Don Macaron

          • pani 20/03/2012

            Tanto gentile e tanto onesta pare la Macarona mia quand’ella altrui saluta….

            • gluci77 20/03/2012

              ok, credo che una biblioteca così se la sognano in molti!!! 😉 Giulia, hai segnato? Li devi avere tutti!!!!

  • gluci77 20/03/2012

    Giulia!!!! Prima di tutto: STAI TRANQUILLA!!! Qui nessuno ha fretta, fai le cose quando puoi, senza ansia… le mail le leggerai, risponderai, spedirai… anche io e Frugolino dobbiamo spedirti qualcosa, speravamo per Pasqua, ma con tutte queste malattie non riusciamo ad organizzare quello che vorremmo… adesso fammi un sorriso e dammi una stretta, poi vai al tuo appuntamento! 🙂 Ehm… a me ‘sti macarons inquietano parecchio… non li ho mai mangiati, ma continuo a trovarli ovunque… nei blog di cucina, nelle riviste, nei programmi tv… sono lì, tutti perfetti nei loro colori pastello o in tinte fluo improponibili… mi intimoriscono, non mi sono ancora decisa a provare nonostante abbia accumulato decine e decine di ricette. Credo che non sia solo la preparazione… che sono fobica per le uova ormai si sarà capito… ok, schiaffeggia, le tengo in frigo… e l’idea di lasciare degli albumi ad “invecchiare” per 2 o 3 giorni (in una ricetta c’è scritto addirittura una settimana!!!) mi fa venire l’orticaria… ok, altro schiaffone… L’Ingeriminese mi ha promesso che quando andremo a Parigi (da quant’è che dobbiamo andare?! Eh, hai capito Ingeriminese?!) si sacrificherà e mi accompagnerà da Laudurèe… piuttosto che andare al Louvre (già visto 2 volte) per lui va bene tutto… e poi mi sono convinta che lui creda sia la versione parigina di un celebre ristorante di pesce che c’è qui, “Il Lurido”… 😉

    • tittisissa 20/03/2012

      Luci ma possibile che mi leggi sempre nella testa? Mi devo mettere un cono di carta stagnola, come in quel film con Mel Gibson, per evitare che mi leggi il pensiero eh?
      I Macarons, questi sconosciuti 😀 PAURA!!!!!

  • Katia Ostanel 20/03/2012

    Ecco.
    Prima di tutto ti voglio bene, giusto per non dimenticarselo,eh?
    Poi, si: compra la parrucca per la prossima volta che Nip è sotto la doccia, ci sta tutta.
    Poi, no: io i macaron non li farò mai e poi mai. Ho poche certezze nella vita, ma questa è una. Io la pazienza che hai tu non ce l’ho e se faccio una cosa e per due volte non mi viene, poi basta, ci rinuncio.
    Sai però cos’altro si può fare che assomiglia ai macaron ma magari è un pò più semplice? I baci!! Ci sono i baci classici, quelli di Alassio, quelli di Cherasco( tanto per stare sul piemontese)…che dici?
    Tanti baci a te e a tutti!

    • gluci77 20/03/2012

      Ragazzi fermi tutti… io sono specializzata nei baci di dama… mio suocero ne va pazzo, li mangia a chili (soprattutto di nascosto da mia suocera… hi hi hi…)

      • tittisissa 20/03/2012

        Spedire un chiletto/un chilettoemmezzo pliiis!!! 😉
        Io sono pazza dei baci di dama!!! 🙂
        Lo stavo giustappunto scrivendo a Katia.
        Ma perchè cimentarsi in un elaborato dolce dei cugini francesi (che tra l’altro sono pure antipatici) quando abbiamo certe meravigliose golosità nostrane?? A NOI ITALIANI I FRANCESI CI FANNO UN BAFFO!!! Anzi, un mustache 😉

  • gluci77 20/03/2012

    Ormai non puoi più fare nulla… sei fregata!!!!! 😉

    • gluci77 20/03/2012

      scusate, questa era la risposta per la Titti, mi si è spostata da sola… wordpress è la mia maledizione!!!!

  • Bibi 20/03/2012

    I Macaron mi tormentano dalla notte dei tempi (cioè dal giorno in cui ho scoperto che esistevano) ovviamente non ne ho mai mangiato perchè qui…blabla oramai lo sapete tutti.
    Quindi vorrei farli ma ho troppa paura di non farcela.
    E sopratutto ho paura che non mi piacciano, visto che hanno la farina di mandorle, visto che sono meringhe.
    Quindi preferisco vivere così, con il sogno che i macaron siano quanto di più godurioso esista sulla faccia della terra.

  • mariaverzi 20/03/2012

    Forza!

    • gluci77 20/03/2012

      Buongiorno splendore!!!

      • mariaverzi 20/03/2012

        Tu sei luce! Di nome e di fatto! Tra poco tengo la lezione e intanto ti strapazzo un po’ di baci va’!

        • gluci77 20/03/2012

          Baci baci baci…. 🙂

  • mariaverzi 20/03/2012

    Il mancaron si e’ fermato ad eeboli! Il manuale del mancaron della luce!

  • Manub81 20/03/2012

    Io amo i macarons e adoro prepararli. L’unica fase del procedimento durante la quale perdo completamente la pazienza è quando devo setacciare la farina e le mandorle tritate. Impiego un sacco di tempo e ogni volta sarei tentata di gettare tutto, anche perché non si ha mai la certezza che, dopo tutto quel lavoro, i macarons vengano bene. Io utilizzo albumi che ho lasciato invecchiare in frigorifero per tre giorni e devo dire che mi sono sempre trovata bene. L’unico mio problema è che non riesco a realizzarli della stessa misura. Ecco perché in un altro tuo post ti chiedevo dove poter trovare quella bellissima teglia in silicone. Ma, dato che tu non ti sei trovata bene, penso proprio che continuerò con il vecchio sistema. Forse continuando a provarci, riuscirò a prepararli di una dimensione decente. Ecco, lo sapevo! Ora ho voglia di macarons! è_é

  • pani 20/03/2012

    e il DeMacarone, dove lo mettiamo?

    • gluci77 20/03/2012

      e la Macaroniade?! 😉

      • pani 20/03/2012

        E questo:
        Macarona e i sette nani

        A Iaia dovrebbe piacere tantissimo, così come:
        Alice nel paese dei Macaroni.
        uhm…

        • gluci77 20/03/2012

          Macaronenstein?!

          • gluci77 20/03/2012

            La solitudine dei macarons primi?!

            • gluci77 20/03/2012

              il signore dei macarons…. Macaron Potter?!

            • gluci77 20/03/2012

              Il deserto dei Macaron?!

            • gluci77 20/03/2012

              Qualcuno mi fermi….

            • pani 20/03/2012

              Il giro del mondo in 80 macarones

    • tittisissa 20/03/2012

      NUUOOO questa è super!! 😀

  • yliharma 20/03/2012

    tu mi parli di Macaron (che tra parentesi non ho mai assaggiato…) e io domenica ero qui dentro http://www.dolcinonnavincenza.it/home.htm in un tripudio di mandorle, pistacchi di Bronte, noci e profumi di Sicilia…mi perdoni se ti dico che scambierei un TIR di Macarons per una cosa qualunque che vendono in quel negozio? 😀

  • unbiscottoalgiorno 20/03/2012

    ma avete un calendario per i giorni dei dolci? son sempre in ritardo io! ahah!

  • apity 20/03/2012

    Ma non è colpa tua! E’ colpa del forno!

  • apity 20/03/2012

    🙂 Scherzo, ovviamente

  • Lisa 21/03/2012

    Non ci penso proprio ad avventurarmi in tutta questa faccenda, con Pascal a mezz’ora da casa mia continuo a mangiare i suoi :o)
    A Parigi invece il massimo sono quelli e’ Pierre Herme, sublimi !!!!!!!!
    Ciao ciao
    Lisa

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi