Home / Biscotti  / Tanti Nani, qualche cuddura e servizi di argenteria

Tanti Nani, qualche cuddura e servizi di argenteria


Sono di mise en place in questi giorni. Provo accoppiamenti, coordinati e rispolvero pezzi di argenteria di mamma che è ben felice di cedermela per ritrarla come sfondo attraverso l’obiettivo ( nel frattempo mando scatti a Max per avere consulenze visive).

E dopo l’albero di Pasqua  vaneggio sui centrotavola, boccali e uova colorate mentre infilzo piccoli nanetti nelle piante. Su Etsy, la mia ultima passione preoccupante che mi crea attacchi di shopping compulsivo, ho trovato questi adorabili “segnapiantine”  dove trascrivi le erbe aromatiche o il nome della pianta e che cosa hanno in cima? Un nanetto da giardino!

Dire che ne sono entusiasta è riduttivo. Un progetto nanoso poi mi sta impegnando davvero tantissimo e conto di realizzare questo “sogno”, perché di questo si tratta, nel minor tempo possibile. Pur cercando di coinvolgere il Nippotorinese senza sortire alcun effetto mi arrendo all’evidenza che sarà un percorso solitario. E confesso, non vedo l’ora di mostrarlo sperando che possa essere di ispirazione ( fingete, nel caso) per trascorrere serate da fiaba sotto le stelle (uhm troppo criptico. Devo procedere velocemente e svelare tutto mi sa). 

Sono piena di progetti da realizzare. Mentre disegno meticolosamente dettagli e trascrivo funzioni tra orecchie di coniglio e cappelli di nano lui mi guarda e mi dice che devo fermarmi. Che devo disegnare meno. Che devo scrivere meno. Che devo correre meno. Che devo cucinare meno. Che devo stare da sola meno. E che poi devo fare di più tutte le cose che faccio di meno. Solo che mi confondo e non lo ascolto. Lo fisso e in preda a “eureka” mi invento seduta stante un altro progetto. Mi piace perché poi mi sorride. Mi abbraccia e dice: sì. E’ bellissimo.

Sulla cuddura siciliana ho giusto blaterato lo scorso anno qui (clicca qui per delirio e ricetta). E’ impossibile che sulle tavole siciliane manchi questa istituzione in formato ciambelloso. Non vi è alcuna speranza fortunatamente di non osservarla lì. In tutto il suo misticismo filosofico che risiede nel guscio e contenuto dell’uovo. Nel senso stesso della vita. Lo scorso anno dicevo che nella cuddura c’è il senso primordiale dei miei ricordi e lo raffrontavo mettendomi allo specchio davanti al mio papà. Come più volte ho sostenuto una delle più grandi difficoltà per me è rileggermi. Tempo fa quando ascoltavo le interviste non capivo il perché qualche attore sostenesse di non volersi rivedere.

Credevo fosse giusto un modo per destare interesse e aumentare un qual certa enfasi. Nella mia incommensurabile stupidità credevo fosse impossibile non voler rivedere il proprio operato passato. Adesso, forse con un po’ più di esperienza perché definirla maturità proprio mi farebbe sentire al capolinea, comprendo che non è così assurdo non volersi rivedere, rileggere e osservarsi. Lo si può fare per diverse ragioni tra le quali credo ci sia la paura. Se a farmi pensare inizialmente che fosse proprio questo il problema per me, a ben rifletterci credo sia più la voglia di scoprirmi piano piano. Non mi conosco ed è questa la verità. Sto imparando a farlo sperando di comprendermi in un percorso pubblico che rimane paradossalmente privato.

Dalle foto intuisco che nell’intreccio della cuddura vi sia la sostanziale differenza e spaventosa uguaglianza tra me e papà. Potrei scommetterci, mi dico mentre sorseggio caffè. Come fosse una sfida. Come se poi tra qualche anno quando sarà il tempo di rileggere questo post e quello dell’anno precedente potrò darmi ragione magari dandomi una pacca generosa sulla spalla a mò di incoraggiamento.

Sono sicura che io abbia scritto quello e lo sono nella misura in cui credo di non esserlo. Del resto la coerenza e anche il cambio di idee e di ricordi con il trascorrere del tempo non è necessariamente menzogna. E’ una realtà, la stessa, vista da diversi punti di vista. Ed io voglio godermi tutti i punti di vista in base alle esperienze che ho vissuto in questo cammino.

Ci sarà quindi una cuddura il prossimo anno e quello seguente sino a quando ci sarà un riassunto di cuddure e ricordi. Non si tireranno somme e se non ci fossero pacche sulle spalle andrà bene lo stesso ma sono i colori delle codette a importarmi. La varietà del mio essere. Per questo motivo una cuddura non è un biscotto. Nasce come pane e poi è diventato un biscotto, come papà giusto l’altro giorno mi raccontava di come si “inventarono” questi biscotti con l’impasto che rimaneva. In realtà erano semplici e tondi ma la mia nonna, che portava la treccia avendo i capelli lunghissimi, li aveva pure fatti così. Solo che lei le codette colorate le ha scoperte quando quella treccia era più bianca che nera. Non era particolarmente entusiasta di queste cose moderne ma si sa le nonne fanno sforzi immani e si superano in modernità pur di stare al passo con quel tempo che non può appartenere loro. Per amore. Come nell’intreccio della vita e del sangue. Non hanno il sapore della cuddura della nonna queste trecce e non lo avranno mai. Papà quando mi guarda e dice “buoni. amore mio sono buoni. meglio di quelli della nonna” so che mente. Lui sa che so che mente e mentiamo. In quel modo profondamente vero che odora di incoraggiamento e cannella. In quell’abbraccio che ti dà la forza di andare avanti e che credo sia poi il concetto di famiglia.Io non ho una famiglia che non sia mamma, papà e il Nippotorinese. Avevo una famiglia ben più grande ma le codette si coloravano peggio e vedevo confuso. Gli intrecci erano troppo giudicati e messi sotto esame. E io che in un esame perenne vivo ma pretendo il colpo di scena, ho deciso che fosse un bene scegliere l’abbraccio di una famiglia e non mischiare troppi impasti che pur provenendo dalla stessa farina hanno consistenze diverse. E’ difficile affrontare la vita quando si è soli, mi dicono. E’ difficile non avere sorelle come è difficile non avere fratelli. Allontanarsi dalla famiglia e dagli amici. Dicono che sia difficile vivere come vivo io. Pensando a me e ai miei sogni. Eppure sinora io avevo fatto l’esatto contrario pensando prima agli altri e non a me e non solo era difficile davvero ma nessun sogno era in agguato o vagamente vicino.

E’ difficile essere una codetta impazzita ed esplosa nel forno. Colorata multicolor che decide di non attaccarsi all’impasto con uova e latte. Ma è necessario.

E’ necessario intrecciarsi e per fare una treccia occorrono tre elementi. Mamma, Papà e Pier. E poi arrivo io che sono una codetta multicolor impazzita a fare da contorno.

Con il tempo rileggendomi, semmai arriverà questo momento, potrò ridere. piangere. darmi una pacca sulla spalla. maledirmi. prendermi a ceffoni. darmi della stupida. complimentarmi.

Solo che quando accadrà potrò solo farlo con me. Non mischiando e intrecciando nessuno. E’ la scelta di essere coerente come una cuddura. Come quello che sei sempre stata e sarai. La ricetta della cuddura è semplicissima e occorrono davvero pochissimi minuti. Certo qui le uova non ci sono e rimangono dei semplici biscottini. C’è chi usa l’ammoniaca, ma a me non piace e c’è chi usa lo strutto al posto del burro. chi le scagliette colorate al posto delle codette e chi gli zuccherini tondi o fosforescenti. Per le versioni glamour pure le palline argentate e visto che ci sono quelle dorate mi sa da quest’anno pure quelle.

Ma la grande verità è che oggi una ricetta non c’è.

La ricetta sei tu.


Ma nel post dello scorso anno si parla di grammi di farina, zucchero, e uova e quindi nel caso basta cliccare qui>>>

Una che disegna, scrive, cucina e fotografa ma non fa bene nessuna della quattro cose.

Review overview
32 COMMENTS
  • Wish aka Max 23/03/2012

    e

  • angyerry 23/03/2012

    o

  • tittisissa 23/03/2012

    Ah maledetto Carter, questa volta mi hai fregato!!! 😀

  • pani 23/03/2012

    uhm…queste trecce sono quasi umane. Nella foto grande si vede: sembra un autoabbraccio o due persone che si abbracciano.
    Un peccato mangiarle ma se ne avessi una davanti in questo momento non avrei esitazioni

  • angyerry 23/03/2012

    Iaiiaaaaaaaaa!!!!…io trovo tenerissima l’evoluzione di te, che traspare da queste immagini….sei migliorata nella fotografia in un modo incredibile, la tua manualità è aumentata, e l’amore…l’amore che traspare da questa dolcissima treccia…io lo dico sempre…ma ogni giorno mi stupisco a provare dei sentimenti così sul tuo blog …con le tue parole. ti abbraccio…buon viaggio alla scoperta di te iaiia mia 🙂

  • tittisissa 23/03/2012

    Tesoro caro, questo post mi ha commossa non poco. Ripenso alla mia dolce nonna Elena che non c’è più e che la cuddura catanese la preparava per ogni nipote. Anche qui da noi in terra di puglia esiste una ricetta simile che viene chiamata “Scarcella”. E’ proprio la stessa, con le codette zuccherine e l’uovo al centro. Spesso viene sfornata a forma di gallinella, ma per lo più è rotonda ed intrecciata.
    Io che ho sempre avuto una famiglia atipica, piccolissima, vivendo lontano da nonni e parenti tutti ed avendo come unici riferimenti mamma, papà e mia sorella comprendo i legami. Gli intrecci. Ma sappi, mio tesoro pasquale, che per quanto difficile sia stato prima, adesso sei libera. Libera di coltivare i tuoi sogni e di emozionarti, libera di scegliere e di pensare a te. Inoltre non trascurare il fatto che qui ci sono tante sorelle e fratelli che ti vogliono un mondo di bene così come sei, senza giudicare e senza aspettarsi nulla in cambio. Non sei sola. Non lo sarai mai più 😉 Tua sorella Tizi.

  • pieceofstar24 23/03/2012

    Sai, non mi è mai piaciuta molto la cucina della nonna, forse perchè ho una madre che in cucina pare imbattibile. Però la nonna ogni anno me l’ha fatta una cuddura e l’ho sempre accolta con entusiasmo. Perchè la sua forma mi fa sorridere, perchè la sua premura di farmela ogni anno mi fa sentire a casa. Non c’è mai stato per me il meraviglioso rapporto nonni-nipoti, ma per me nonna è la cuddura.
    E insomma quest’anno lei sarà in Sicilia a Pasqua e io la cuddura vorrei farla per fargliela trovare al suo ritorno.

  • Wish aka Max 23/03/2012

    Ecco. Niente accade per caso. Io e te sappiamo quanto “tanto” ci sia dietro a quel “primoooo”. Ce lo siamo detti tante volte in tutti i modi bizzarri con i quali comunichiamo, a “spizzichi e bocconi”, come diciamo a Roma, ma seguendo un filo ininterrotto di pensieri. Mischiando pubblico e privato ma come ho già detto alla fine sempre privato. E non è un caso che io arrivi primo proprio nel giorno dove posti questo.
    Perché leggendolo ho sorriso in due punti. E te li quoto.
    “Non mi conosco ed è questa la verità. Sto imparando a farlo sperando di comprendermi in un percorso pubblico che rimane paradossalmente privato.”

    “ma sono i colori delle codette a importarmi. La varietà del mio essere”

    Giusto stamane, e a riprova che niente è per caso, dicevo che lo troverai il tuo tao, e che il cammino è iniziato e non finirà, perché (cfr Tao Te Ching, 44)
    “Un albero che a braccia aperte si misura
    nasce da un minuscolo arboscello,
    una torre di nove piani
    comincia con un cumulo di terra,
    un viaggio di mille li
    principia da sotto il piede.”

    Il viaggio di mille li è cominciato, Iaia. Non oggi, da un po’. Concentrati sul viaggio. E’ nel viaggio che imparerai a seguire il Tao. il TUO Tao.

    • yliharma 23/03/2012

      Max…. *__* grazie…servivano anche a me queste parole

    • gluci77 23/03/2012

      Ecco… leggi queste bellissime parole e non puoi non pensare… che quello che per noi non è che un gioco, per voi due custodisce un significato segreto tanto profondo e prezioso… vien voglia di scendere dalla moto, lasciar perdere la gara e stare lì, a guardarvi e ascoltarvi. Vi abbraccio entrambi…

      • Wish aka Max 23/03/2012

        luci io ho imparato una cosa. nel gioco ci si può trovare, nel gioco si può essere seri, nel gioco ci può essere tanta profondità. quindi continuiamo a giocare, tutti insieme…

        • gluci77 23/03/2012

          E io vi abbraccio più forte!!! 🙂

  • Beatrice Alvino 23/03/2012

    “incoraggiamento e cannella” 🙂

  • mariaverzi 23/03/2012

    Eh va bhe’…sempre lui…

  • mariaverzi 23/03/2012

    Ognuno di noi s’intreccia con poche “code”….le famiglie a volte esplodono e a volte implodono….e ci si ritrova…spesso…in pochi…o…soli…la confusione “dell’intorno”….e’ giusto un’illusione di chi vuol vivere fuori per non vivere dentro….e’ della nostra compagnia Giulia amore dolce, che abbiamo tanto bisogno….mia cara …sei cosi’ vicina che ti sento respirare…ognuno di noi respira ascoltando il tuo ritmo, com un metronomo, e riconosce una parte di se’ ….e non e’ piu’ solo….

  • gluci77 23/03/2012

    Anche oggi mi hai fatto commuovere… anche oggi mi sono sentita tanto vicina a te quanto nessuno potrebbe immaginare… vorrei dire tante cose… ma se fossi qui forse ti abbraccerei, semplicemente. Mazzini disse che la famiglia è “la patria del cuore”… sono d’accordo…

    • mariaverzi 23/03/2012

      Ciao piccola! Qui o ti fai faccialibro o non se ne puo’….ci stiamo organizzando per incontrarci w deliri d’amore e il tuo nome che manca….allora…stasera…prendi l’ingeriminese e sotto minaccia di fame….fatti aprire un account su fb.punto!

      • gluci77 23/03/2012

        Maria!!! Abbraccio!!! Abbiate pazienza… ci sto pensando… 🙂

        • mariaverzi 23/03/2012

          Tempo finito! Fallo! Ci manchiiiiiii!

        • Giulia 24/03/2012

          32423’4203’4982’034902’34902’492’039420’34902420’3492’03492’092’0392’3492’392’03492’340 bacioni !

  • Giu 23/03/2012

    Ciao GI.. che obiettivo usi per le tue foto? 🙂
    baci tua omonima

    • Giulia 24/03/2012

      Ciao GIu !
      Un bacio prima di tutto e benvenuta in questa gabbia di matti.
      Per le foto uso un macro fisso 90 mm generalmente *_*
      intendi foto cibo o ?
      *_*
      un bacio !

  • ... anymoR .. 23/03/2012

    … Buona sera…. Innanzitutto ti rinGrazio per la risposta e consigli per la cover …
    Per quanto riguarda la cuddura non vedo l.ora di tornar a casa e mangiare quelle gustose preparate dalla zia ….!!!!… 😊😊😊😊
    … Continuo a farti i complimenti per tutto ciò che rappresenti graficamente e sentimentalmente … Ognuno di noi ha un MONDO INCANTATO dove si sente protetto e amato e te senza “paura” lo mostri e lo condivi con tutti ….

    • Giulia 24/03/2012

      ti abbraccio fortissimo.

      Umamma la cuddura fatta dalla zia. Anche io ne avevo una che ne confezionava una versione che.
      Se ci penso.
      Sento l’odore e.
      E insomma estorci la ricetta alla zia ! *ahahahah risata isterica*
      ok la smetto.

      Paura. ecco quella.
      A volte, sì ma. Ma è sorprendente scoprire che forse può diventare ( seppur una minima parte) forza. Grazie per aver letto i miei pensieri ed essere qui. grazie dal profondo del cuore

  • antironquidos 06/03/2013

    certainly like your website however you need to check the
    spelling on quite a few of your posts. Several of them are rife with spelling issues and I to find it very troublesome to tell the reality then again I will
    definitely come again again.

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi