Una bella Spaghettata pasquale

Must Try

Tutto sulle Colombe Pasquali

Marco Antoniazzi, Andrea Besucchio, Luigi Biasetto, Renato Bosco, Luca Cantarin, Vincenzo Tiri e Achille Zoia. Iginio Massari e mi fermo. Trascorrere la Pasqua con i grandi della pasticceria.

La Cassata Siciliana. Versione Originale e facilitata

Sua maestà la Cassata Siciliana, un dolce apparentemente semplice che in realtà cela segreti e cura. Uno scrigno di tradizioni arabe, greche, siciliane e spagnole che ti catapultano in un mondo antico fatto di fiabe e meraviglie tra canditi, profumo di zagara e arte.

La Pastiera Napoletana

Ogni famiglia ha la propria tradizione, segreti e ingredienti. Non esiste la pastiera perfetta ma perfetta per te. Oggi ti racconto questa storia e ancora.

Dolcetti al profumo d’arancia, Vegani

Un dolcetto vegan che ti conquisterà con un profumo incredibile. Puoi farci ciambelle, torte e forme, Sempre perfetta e molto morbida.
Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

Che siccome cihodafare ( e mi pare pure un bell’inizio) e devo discutere di pois, righe e texture con quella bellissima donna glamour della mia Cì (vuvuvu Aromadelcaffè puntocomme)  passerei subito ai fatti. Che ci abbiamo da conquistare il mondo noi due, e le sorti delle gradazioni di rosa nel mondo dipendono chiaramente dal nostro gusto. Su cosa sto delirando? Lo scopriremo alla prossima puntata ( avevo sempre sognato di dirlo, pardon).

Io direi che da oggi in poi e in avanti e per sempre fino all’infinito e oltre e okkbasta si confezioneranno solo ed esclusivamente spaghettini nido con polpette uccellino. Il Nippotorinese ha paura. Papà ha paura. Mamma ha paura. Tutti hanno, sottotitolo: e come dar loro torto, paura che io davvero non smetta di propinare siffatta meraviglia fino alla fine dei miei giorni. Francamente a volte mi viene lo sghiribizzo e dico ” e adesso faccio un figlio per fare uova pulcino e spaghetti nido! uova barchette e zucchine trenino! uova conigliose e topini di cioccolato!”. Poi penso che posso ugualmente fare tutto questo e non dovere cambiare il pannolino al saccente intellettuale pelato e mi ridimensiono. Aspetto un altro po’ che sia matura per diventare mamma e poi procederò. Certo è che con questa continua regressione infantile sarà difficile arrivare allo stadio supremo della maturità ma mi godo il mio inizio vecchiaia lontano dagli impegni che una donna a quest’età “dovrebbe” avere mettendo al primo posto del sano egoismo e dimostrandomi in tutta la mia fierezza per l’essere malvagio e cattivo che sono. Davvero qui non si è fatto altro che emettere gridolini, saltellare e dire evviva. Non mi è importato nulla che durante gli scatti fotografici  mi si dicesse” sono già tutti attaccati Gi, ti prego. Fammeli mangiare adesso” perché poco importava se le polpette diventavano marmo e gli spaghetti colla. Qui si doveva immortalare il grande momento del nido spaghettoso con uccellini polpettose. Adorabile pasto per i piccini e non solo in questro tripudio volatile pasquale. Se poi ci si vuole proprio spaccare il fegato con il secondo delle uova pulcino (clicca qui )  si potrebbe pure impazzire di gioia. Nelle polpettine non sarà difficile incastrare due granelli di pepe nero fresco e un becco di carota cruda e allo stesso modo non sarà difficile comporre una semplicissima corona di spaghetti dove poter adagiare due classiche polpettine di tritato finissimo e magro aromatizzato solo con un po’ di parmigiano. E non se ne ho parlato o meno ma nell’Artusi e in diversi ricettari antichissimi ( siculi soprattutto mi è capitato di notare) si consiglia di sfumare un po’ il ragù con qualche goccia di caffè. Altro che vino! E quindi sì l’ho fatto e le polpettine suddette le ho proprio sfumate con il caffè. Pare che il sapore non si distingua e non sia riconducibile alla droga legalizzata ma che confaccia un sapore davvero particolare e interessante. Potrebbe essere il segreto di questo piatto semplicissimo e di chiaro impatto scenico. Insomma per dire che sì. Lo confesso. Nei momenti grigi e bui ricorderò questo nido spaghettoso come la cosa più bella e semplice che possa esistere al mondo. E vi prego, ma sul serio vi prego eh, se avete dei nanetti in casa fateglieli. E se vi va di condividere foto, o semplicemente parole che verranno ( i nanetti in quest’occasione ne dicono di talmente belle che ci si potrebbe fare un’enciclopedia. Io ad esempio sto aspettando che Ale, il mio amore Miluveetoso torni con le magie di Hendrix per farne giusto una di 12 volumi enormi) io vi aspetto e vi ringrazio anticipatamente.

Forse potrebbe interessarti leggere...

35 COMMENTS

  1. mi ricordano i lavori a maglia che faceva mia nonna: un rotolone grande di filo, da infilare nelle braccia mentre lei lo raggomitola, e poi dei piccoli gomitolini di diverso colore

  2. Scenofraga culinaria….poeta della cucina….pittrice della pietanza….arte poesia pittura in ogni gesto.. ed in ogni gesto il sacro che e’ in tutte le cose… la piu’ piccola foglia…lo spaghetto appena cotto….ogni gesto parlato e ascoltato dipinto ed in fine assaporato….ogni attimo con te gustato o letto o visualizzato….e’ un dono da noi goduto….un piacere risvegliato …fine all’occhio ed al palato…il cuore di te non puo’ essere che innamorato…..

  3. Ci tentero’ a ricrearlo e propinarlo a Tobias.
    Ma vedo/immagino/sento/prevedo delle difficolta’.. nonostante sia italiano ci sono ancora problemi con gli spaghetti 🙁

    Ti faccio sapere in seguito

    • Ma santapizzetta Barbara fammi sapere se hai tempo e voglia sì *_*
      andrà benisssssssssimo
      Un bacio e grazie per essere passata di qui :*

  4. E con questo piatto Frugolino e’ definitivamente conquistato…sta già preparando le valigie perché vuole andare a mangiare dalla zia Iaia e dallo zio Nippo…spaghetti in bianco e polpette,non chiede di meglio!!! Se poi le polpette sono piccoli Pio Pio… E quando sarà davvero il momento, arriverà anche un cuginetto/a al quale spiegare proprio tutto su pulcini e coniglietti, camioncini e trenini… Anche oggi siamo un po’ di corsa, ma non può mancare il nostro consueto abbraccio con corredo di mille bacini!!! E un abbraccio a tutta l’allegra brigata di pazzerelli, che sia una giornata luminosa e calda!

    • Ma Frugolettoamoredellaziaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa costruirò 203948290489203480234829048029840928402938402934820934820934820347230497294 nidi e 923482904382904372943729374293472034729037420934702934720472034720374203472934723947243243 uccellinipiopiopolpettosi solo pettè e la tua bellissima mamma *_*
      e santo cielo amiamoci !

      • “Zia Iaia sei la mia cucciola” [testuali parole di Frugolino in un vortice d’amore per la zia… ]

  5. Ogni volta mi stupisci, non c’è che dire. Questa poi è davvero deliziosa.
    Io potrei Riproporre l’idea con dei canederli alle barbabietole: per virare decisamente la nuance rosa (che aimeè aborro) in un più deciso viola…Oddio ma come parlo?! Eppoi sappi che secondo me è proprio l’essere infantili che ci fa crescere bene i figli: quindi…
    Mi abbracci?
    Io si.

  6. Quasi tutte le ricette pulcinose le ho fatte con mia nipote, risate, cucina in disordine…. ma il sorriso di mia nipote che porta al padre le uova pulcino sode è indescrivibile!!! Ti amiamo grande streghetta regina di tutti gli gnomi
    ♡♡♡♡♡♡♡♡♡♡♡
    ♡♡♡♡♡♡♡♡♡♡♡♡♡♡♡♡♡♡♡♡♡♡♡♡♡
    ♡♡♡♡♡♡♡♡♡♡♡♡♡♡♡♡♡♡♡♡♡♡♡♡♡♡♡♡♡♡♡♡♡♡

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

Gelato al burro d’arachidi salato

Il gelato viene sempre prima di tutto. È la cosa che mi piace di più in assoluto. Sempre e per sempre. Questo al burro d'arachidi non credevo potesse essere così buono.

Colazione dolce o salata?

Colazione dolce o salata? Un po' come essere o non essere? Che sia dolce o salata la colazione è necessaria per la tua salute.

Il terzo numero di Mag-azine

Il terzo numero di Mag-azine è dedicato ai profumi di Sicilia. Un'isola incredibile che non smette mai di farti sognare.

Crema salata agli arachidi

Una crema strepitosamente buona che ti lascerà senza parole a base di burro d'arachidi e salsa di soia. Perfetta per condire insalate, involtini primavera e vietnamiti con le cialde di riso.

10 Primi piatti siciliani che non puoi perderti

La pasta alla norma e quella col macco. Il riso con l'ennese che profuma di zafferano e l'immancabile pasta al pistacchio senza dimenticare "a muddica". Scopri i dieci primi piatti irrinunciabili che non puoi perderti se sei in Sicilia.

More recipes like this