Home / Bento  / Il Primo Bento e la Pasta al Pistacchio

Il Primo Bento e la Pasta al Pistacchio

Non è affatto semplice il movimento. Lo storyboard e.

E non ho alcuna nozione tecnica e voglia di aprire un tutorial. Aninare Mag è la massima espressione del mio sogno. Le difficoltà sono immense perché in primis il tempo scarseggia. Sì, bisognerebbe abbandonare qualcosa mi dicono ma. Ma io non riesco a dirmelo. Quando accadrà e sentirò dalla mia voce il consiglio potrò valutarlo ma non prima. Da ieri lavoro incessantemente al movimento del cucchiaio dentro una pentola. Ho sempre chiamato Fermatempo la mia macchina fotografica e l’operazione è proprio quella. Cercare disperatamente di fermare il tempo in ogni singolo frame. E’ incredibile come, alla vecchia maniera e solo con la matita senza l’ausilio di programmi tecnologici e vettoriali, sia apocalitticamente pazzesco far muovere. In uno stop motion le idee. Solo che nell’iperuranio sono fisse. Immobili. E. Muoverle. E’ possibile?

Poi però quando la vedi, tutta bianca e nera, che comincia a stento a girare un cucchiaio. Ti fermi. Fissi il monitor dove nel nero dello sfondo ci sono io io riflessa con il mio pallore. E gli occhi fanno meno male. Proprio come la testa. Ma. Sono le dodici e dodici e qui si parla di cibo, ordunque si comincia.

Quando  il Nippotorinese è venuto ad abitare qui in Sicilia accoglieva con entusiasmo l’idea della Pasta con il Pistacchio. La prima volta un gran sorriso e conseguente abbuffata. La seconda volta un gran bel ritorno di gusto e di nuovo grande sorriso e abbuffata. La terza volta la lasagna al pistacchio ” ah pure la lasagna!” e la quarta con i cannelloni e prosciutto ” uh e pure i canneloni con il pistacchioi? “. Alla 230492’043920’4920’34920’4392’4.ma volta dopo la Sagra del Pistacchio a Bronte ancora non ne aveva abbastanza e sorrideva e.

Fino ad arrivare ai giorni nostri quando al solo sentire ” Pasta al Pistacchio?” la furia omicida si scatena incosciamente. E’ come la nenia che ascoltava l’assassino in Profondo Rosso. Bastava ripercorrere la violenza subita con quella determinata scala musicale e scattava nel subconscio la voglia di uccidere. Pasta al pistacchio è la colonna sonora che nel Nippotorinese fa scattare la molla: uccidi il siculo che ha proposto la Pasta con il pistacchio.

Oh perché noi non ce ne rendiamo mica conto ma con i cannoli, la cassata, la cuddura, la pasta con le sarde, la sarde a baccafico, l’insalata di arancia e tutte le preparazioni con gli agrumi HANNO STRAROTTOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO.

Basta santocielo Basta! BASTAAAAAAAAAAAAAAA (lexotan , please) 

Capisco per certi versi l’entusiasmo di far mangiare all’algido nordico delle cibarie autoctone ma santo cielo sono passati otto lunghissimi anni e il poveretto non ne può più. E’ come se ogni volta che andassi a Torino mi sfondassero lo stomaco con la finanziera, i baci di dama, il fritto misto alla Piemontese, le noccioline di Chivasso e le tegole di . Ok parto per Torino subito.

Escluso il fritto misto alla piemontese e la finanziera, che il cielo mi perdoni, io quasi quasi mi farei seviziare culinariamente da qui fino alla fine dei miei giorni ( no vabbè ma quanto sono buone le noccioline di Chivasso? e i Cri Cri? regia passami l’asciugabava!)

Con entusiasmo il nordico si cibava di pesce spada. Fritto, con limone, sulle foglie di arancia, a cotoletta, dentro il tramezzino, con i pomodoro di pachino, con i pomodori di Caltanissetta, con il sugo di portopalo, con la pasta alla trapanese, dentro il cannolo salato. Pure la cassata con il pesce spada  il pistacchio e con il condimento di mandorle di Avola. Pure la granita di pistacchio con il pesce spada e la cassata dentro il cannolo. TUTTO. Gli abbiamo propinato di tutto e i due alimenti in effetti più gettonati sono stati: pesce spada e pistacchio. Quest’ultimo infatti essendo portabandiera nel mondo ed essendo il prodotto locale nella zona del Catanese più d’elitè ( se si tratta naturalmente della specie suprema e non di sacchetto-salato-iraniano) lo si elabora in tutti i modi. Pure il sapone ci facciamo. Lo shampoo e la crema abbronzante.

( Quando ho letto Zeta mi sono sentita in colpa. In terra Elvetica a fare carne e pistacchio. E’ colpa miaaaaaaaaaaaaaaaa. Peddonami)

Per dire insomma che se prima al pelato piaceva il pistacchio e il pesce spada adesso solo a sentire le iniziali gli piglia male. A volte quando dico ” Pi….” indietreggia dicendo ” NOOOOOO PISTACCHIO NOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO” e incrociando le mani come fosse l’esorcista ed io Linda Blair.

“Pi….er. Stavo dicendo Pier”.

Che tenerezza. Quando ho preparato questo bento con la pasta al pistacchio perché mi sono ricordata che non vi era mica una ricettina velocissima con questa frutta secca, ha implorato un commovente ” no. Non ricominciamo con la pasta al pistacchio”.

Tutto è bene quel che finisce bene. Mamma si è immolata e l’ha mangiata per lui mentre il tenero forestiero si è cibato dei biscottini di frolla con la marmellata di limone che qualche settimana fa ho realizzato insaporendola in onore del Nippotoriense con della buonissima radice di zenzero fresco. Una vera leccornia, mi dicono. Ed io come faccio a non esserne entusiasta?

Per questo bento quindi propongo una semplicissima pasta al pistacchio di Bronte accompagnata da un uovetto coniglioso che per Pasqua non può certamente mancare e dei gherigli di noce antitumorali che fanno sempre bene.

Ma come si fa davvero la pasta al pistacchio? La catanese ( Cataniapeddonami!) poco doc ve  lo spiega male, tranquilli !

Beh ci sono diverse correnti di pensiero. Chi l’allunga con la panna e chi con la besciamella ( versione moderna) e chi come nell’antichità ( quanto mi piace dire “nell’antichità) frulla semplicemente dei buonissimi pistacchi di Bronte riducendoli in polvere per poi tostarli leggermente e allungarli pocopocopoco con dell’acquetta di cottura dove è stata tuffata la pasta. Certamente la versione besciamella-panna diventa può saporita e cremosa e anche un po’ gourmet ( dipende dai punti di vista) ma qualora si volesse proprio andare nel rustico siciliano beh  è una semplice spolverata di polvere di pistacchio. L’oro verde. Come si fa del resto nella classica preparazione famosissima siciliana della Pasta con la mollica; che manca pure in archivio e santapizzetta devo rimediare anche a questo. Ho usato i piccolini della Barilla che confesso ultimamente mi hanno conquistato. Le farfalline sono adorabili e si prestano benissimo ai disegni . Perché non è normale scegliere la pasta a secondo di come si presta all’obiettivo e all’elaborazione di disegni? Ma per favore. Riflettiamo, suvvia.

L’uovo coniglio vabbè. Mai più un uovo sodo che non sia nelle più disparate forme. In realtà avevo organizzato dei post con pseudo-spiegazioni veloci giusto per tre basi fondamentali sul bento, solo che mi riesce difficile in questo momento anche soltanto immaginare di infilar dentro la rubrica del bento. Il delirio Pasquale è in piena attività ed io stessa faccio fatica a seguirmi. 

Mi fermo davanti lo schermo e dico ” ah bella questa ricetta. Di chi è?” e sono su www.gikitchen.it . E poi continuo ” ma chi è questa cretina con le labbra protese e il cerchietto di piume che parla di nani e uova coniglio?”.

Dopo un quarto d’ora capisco, però. Roba da andarne fiera.

Il Primo Bento Pasquale ordunque è una semplicissima elaborazione con pasta al pistacchio, gherigli di noci giusto per salutare l’inverno e un uovetto coniglioso adattabilissimo al periodo. Si chiude poi con la frolla e la marmellatina fatta in casa di limoni di Sicilia e Zenzero dinonsodove.

I biscottini sono gli stessi di qualche post fa e per la ricetta basta cliccare qui >>>. Frolla tra l’altro che benedico ogni giorno. Si conserva benissimo nella latta e rimane friabile e gustosissima. Perfetta davvero per le formine e per basi crostatine.

La risposta alla domanda: ” primo bento pasquale? uhm. Perché ce ne è un altro?” . Eh sì. Ce ne è un altro ed esattamente alle 21:21 di oggi, in una versione conigliosa pink terribilmente kawaii.

Perché sì. Generalmente qui è tutto in bianco e nero ma non tarderà ad arrivare una primavera dalle nuance pastello accecanti. C’è voglia di colore. Tanta, davvero tanta.

La Rubrica CuciNano è partita ufficialmente sull’angolo nanoso www.gardengnome.it ; che non si dica io abbia abbandonato il grande progetto della mia misera esistenza. Resta da capire adesso che finitura esatta debba avere la corteccia e il gioco è fatto.

Resta da capire poi che lingua usare. Userei la la nanolingua ma non è comprensibile, ahimè. ai più.

Una che disegna, scrive, cucina e fotografa ma non fa bene nessuna della quattro cose.

Review overview
57 COMMENTS
  • gluci77 05/04/2012

    v

    • gluci77 05/04/2012

      v come varicella… quella con cui si è svegliato Frugolino stamattina!!!! Maaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaax?!

      • Wish aka Max 05/04/2012

        eccheddiamine, la benedizione pasquale è arrivata… ma voi l’avete avuta?

        • gluci77 05/04/2012

          Certo che l’abbiamo avuta la benedizione! Ma all’asilo l’hanno presa tutti, era rimasto solo lui… ha combattuto come un leone, ma… speriamo solo che la forma sia leggera… 🙁

    • Wish aka Max 05/04/2012

      Brava!! Onore alla vincitrice dal colpo di reni più sexy del campionato! 😉

      • gluci77 05/04/2012

        Grazie… :.-) battere almeno una volta il quasi detentore del titolo è come vincere 4-0 col Barcellona…

        • tittisissa 05/04/2012

          Ciao tesoro mio 🙂
          Oh oh cosa vedo qui?? Frugolino con la varicella? Ecco, appunto, ti mancava! Tanto per santificare la Pasqua allegramente 🙂
          Come sta? Povero pucciosissimo cucciolo di zia 🙁

          • gluci77 05/04/2012

            siamo solo alle fasi iniziali quindi il prurito è poco e la febbre molto bassa… ma il pediatra ha detto che sicuramente compariranno altre vescicolette… speriamo non troppe!!! Lui è tranquillo, gioca, canta…

            • tittisissa 05/04/2012

              Il prurito arriva dopo…..
              Speriamo sia contenuto altrimenti soffrirà povera stellina 🙁
              Tesoro se ti posso aiutare, sono qui non hai che da chiedere.
              Gabri l’ha fatta anche lui da piccolino, ma in forma leggera perchè gli avevo fatto fare il vaccino..

            • gluci77 05/04/2012

              grazie Titti, preziosa come sempre! :-*

      • gluci77 05/04/2012

        La tutina da corsa non mi sta proprio male… 😀

        • Wish aka Max 05/04/2012

          fishing out for compliments, huh? 😀 😀 😀 😉

          • gluci77 05/04/2012

            😉

          • tittisissa 05/04/2012

            Ciao campione! 🙂
            Hey tu…la smetti di fare il provolone con la mia amica Luci?! Eccheccosè!!!! Che è persona seria eh 😉

    • tittisissa 05/04/2012

      Iaia, chiedo scusa a Luci per l’invasione, ma ho pensato di scriverti qui in alto sennò non mi leggi.
      A proposito dell’animazione di Mag, che ti causa problemi, ho fatto vedere il tuo video a Gabri il quale mi ha detto che per lui animarla ed aggiungere la voce è semplice, quindi se ti occorre una mano, hai un tutorial da unmetroeottantasei tutto pettè pronto all’uso. E consenziente.
      😉

  • Wish aka Max 05/04/2012

    1

  • tittisissa 05/04/2012

    3

  • anche io voglio mangiare pistacchi fino ad odiarli..
    temporeggio da parecchio ma prima o poi lo compro quel coso per fare le uovaconiglio l’udienza è tolta.

    prendimi a schiaffi per favore ^-^
    http://kurokorecipe.wordpress.com/2012/03/17/minibento-uan-chu-plus-emitofu/

  • katiaostanel 05/04/2012

    Ciao a tutti!
    Ero qui, ma non son riuscita a gareggiare:c’ho da fare!!! Iaia aiuto!!!
    Bellissimo il bento, davvero davvero!

  • Hariel 05/04/2012

    gnam gnam la pasta al pistacchio…e qui la nostra Bea sverrà a vederla e all’idea che il nippo ormai la nausea..invece lei ci si farebbe il bagno!!! 😀
    sto indietro con il piano di marcia…devo fà per domenica: 1 colomba, 2 pastiere, e un paio di cuddure…e sto ancora qui con le mani in mano!! aehm no..ho finito la bavetta per la nipotuzza eh! ho pure torturato un uovo sodo coi pennarelli alimentari…ieri ho fatto la trippa…la sera prima i biscotti di frolla montata… eh beh…in effetti qualcosa l’ho fatta. Passami il bento con la pasta va…oggi non c’ho tempo per prepararmi il pranzo!!!! ah, no..l’ha mangiata mamma tua la pasta. uhm…ok oggi dieta!
    😛
    e tanti baciiiiiiiiiiiiiiiiiii

    • gluci77 05/04/2012

      Ciao piccola! Vengo a darti una mano?!

      • Hariel 05/04/2012

        ciao Luciiiiiiiiiiiiiiiii :-*
        eh…magari!!!
        mi sono appena accorta che ho finito la farina manitoba 😐 questo significa che dovrò uscire a comprarla….ma noooooooooooooo ufffffff
        ma nessuno inventa il teletrasporto???????????

        • gluci77 05/04/2012

          magari!!!

          • tittisissa 05/04/2012

            Eeeh, sarebbe bellissimo Hariel 🙂
            Pensa, basterebbe essemmesse con scritto “accorrete” e saremmo tutti nella tua cucina 😉
            oppure ad aiutare Luci con il Frugolino malatino 🙂
            oppure da Max a mangiare l’abbacchio pasquale eh! 😉
            Anxzi, ora che ci penso, io glielo avevo anche proposto a Max una volta di inventare ‘sto cacchio di teletrasporto ma lui ha fatto orecchie da mercante…mi sa che non gli conviene 😉

    • Beatrice Alvino 05/04/2012

      No Giusy ma infatti!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! NIPPO ALLA GOGNA SUBITO.
      Comunque volevo dire una cosa. A Roma i pistacchi di Bronte mica li trovo. Solo i sacchetti iraniani o giù di lì. Sto meditando di fare un ordine on line. Voi sicule avete suggerimenti?
      No comunque aiuto…IAIA ALLUNGA ‘STO BENTO DAJE!!!!
      Baci pistacchiosi un po’ per tutti 🙂

      • gluci77 05/04/2012

        Baci!!!

        • tittisissa 05/04/2012

          Bea!! Ti do una dritta : su faccialibro c’è la pagina del pistacchio di Bronte, lo so perchè ne vorrei acquistare anche io qualche tonnellata, e registrano anche gli ordini on line. Non so se. Però io te l’ho scritto 😉
          Baci a te e all’eletto

  • gluci77 05/04/2012

    Le pennette dei Piccolini Barilla le sto cucinando proprio adesso per il piccolo varicelloso… va a finire che trito un po’ di quei pistacchi che sono lì in dispensa… E me li mangio pure io! Se non fosse che la pasta mi fa un po’ male… Senti, facciamo che ai pistacchi e al pesce spada ci penso io?! Mi sacrifico volentieri per agevolare il Nippo… Un abbraccio ad entrambi, anche da parte di Frugolino degli zii!

  • Beatrice Alvino 05/04/2012

    Ahhh…Iaia…il cartoon con la tua voce mi fa troppo ridere!!!! (Ma lo sai che ho un piccolo trascorso di doppiatrice e speaker? Ti do ripetizioni se vuoi ahahahah! No mi sa che hai già il tuo da fare coi verbi intransitivi eheheh!

    (per chi volesse farsi due risate ed ascoltarmi http://www.facebook.com/video/video.php?v=1008891825335&saved)

    • tittisissa 05/04/2012

      Bea! Sono corsa a sentirti subito!! Tesoro se potessi di chiamerei tutte le sere per farmi raccontare da te la fiaba della buonanotte 🙂
      Bimbo fortunato il tuo eletto!!
      Hai una vocina bellissima!
      Sai che mi sarebbe piaciuto fare la doppiatrice? 😀

      • bea 05/04/2012

        Eh Tizi anche a me sarebbe piaciuto ahahah! (Lunga storia…)
        Grazie anyway (anche x la dritta!) E bacio

        • tittisissa 05/04/2012

          Bea… Adesso mi hai messo addosso una tale curiosità….se e quando ne vrai voglia, raccontami tutto! 😉

      • gluci77 05/04/2012

        ehi, ma anche a me sarebbe piaciuto!!! Bea, sei bravissima… per non parlare delle tue foto… complimenti!!!

        • Beatrice Alvino 05/04/2012

          grazzzz ragazzz!

        • Beatrice Alvino 05/04/2012

          bacino a frugolino malatino (qui abbiamo l’otite da due settimane, uff sbufff!)

          • gluci77 05/04/2012

            Oddio, l’otite è tremenda! Un abbraccio al piccino… che è una meraviglia, l’ho visto nelle foto del tuo blog!!!! 🙂

  • pani 05/04/2012

    certo che con dei piatti così, anche i bambini più schizzinosi cedono senza esitazioni. Manca solo che ci trovi la sorpresa in fondo.

  • tittisissa 05/04/2012

    Iaia cara, se il Nippo vuole la cittadinanza onoraria siculoatanese, deve dico deve immolarsi con il pistacchio di Bronte. E con gli agrumi ed il pescespada. E’ necessario addirittura essenziale 😉
    Io come mezza catanese non valgo un piffero perchè sono allergica al pescespada 🙁 Pero adoro il pistacchio e nella mia cucina gli agrumi non mancano maieppoimai!! 🙂
    Ti volevo dare infine questa informazione : Ho comprato a Coin un set completo di formine di coniglietti pasquali e vorrei preparare biscotti glassati come se non ci fosse un domani. La tua ricettina qui accennata potrebbe andar bene? Baci e abbracci a sazietà 🙂

    • gluci77 05/04/2012

      Titti… anch’io e Frugolino ieri abbiamo fatto i biscottini a forma di coniglio e di pulcino!!!!

      • tittisissa 05/04/2012

        Senti tu, la smetti di fare le stesse cose che penso io eh? La vogliamo smettere? 😉 E prima il sogno della doppiatrice, adesso i biscottini a coniglietto…. 😀
        Amore non ci crederai ma ti sto scrivendo la mail e indovina cosa scrivevo proprio ora?
        No, non te lo dico…quando la leggi capirai da sola 😀

  • pieceofstar24 05/04/2012

    oh ma è buona la lasagna al pistacchio *____* ;)))

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi