Il Pollo in Fricassea di Mildred Pierce

Must Try

Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

Ho sentito spesso parlare del pollo in fricassea. Essere mitologico questa preparazione. In diversi contesti cinematografici è presente e in molti libri. Di diversa provenienza e nazionalità questo pollo pare essere conosciuto proprio da tutti, anche se la maternità ufficiale credo vada attribuita alla Francia.

 Poi guardando Mildred Pierce, perché se ne era sentito parlare abbastanza bene, ho creduto che davvero fosse giunto il momento. Ne parla la Winslet  al Chiambretti Night, che vedo mal volentieri ma per una serie di ragioni quella sera aveva catturato la mia attenzione. Non che mi piaccia poco il proprietario del ristorante Birilli e dello Sfashion, anzi mi fa una discreta simpatia; del resto sono pure una sua cliente quando mi trovo nella mia seconda città ma per qualche inspiegabile ragione, che non cerco neanche di individuare, non riesce a catturare la mia attenzione alla conduzione del suddetto programma. La Winslet parla del suo rapporto con la cucina e con il pollo, indiscusso protagonista della storia e nel mio piccolissimo di questa settimana nel Gikitchen. La storia pareva essere davvero interessante e di quelle che “cinque puntate te le spari in endovena per una sera”. In realtà si è fatta davvero una gran fatica, e non solo da parte mia, per cercare di finire questa avventura rivelatasi un malloppone estenuante di quelli che “ma quando finisce?”.

Gli spunti alimentari, soprattutto in fatto di pollo, sono molteplici e interessanti; per non parlare delle torte meringate. Sta di fatto che Mildred Pierce apre un ristorante dove si serve solo pollo e l’idea nasce proprio dal fatto che generalmente questo tipo di carne riscontra il gusto della maggior parte delle persone, bambini compresi. In fondo il mito del pollo allo spiedo accompagnato dalle patatine fritte non è poi così difficile da individuare nei cassetti dei luoghi comuni.

 Mi si dice che il pollo in fricassea sia davvero buono nonostante la preparazione  semplicissima. Mi si dice, il nippotorinese, di essere riuscita a rendere minimale e pulito un pollo che generalmente viene servito turbando visivamente per quella poltiglia creata in cottura. Lo prendo come un complimento mentre accompagno la poltiglia in una ciotolina apposita per non creare turbamenti nel piatto e sorrido. Sorrido quando viene ben accolto anche da mamma e papà.

 

La fricassea del mio amato Maurizio Santin con tanto di video si può trovare cliccando qui >>>. Confesso di voler provare al più presto anche questa versione.

Io l’ho cucinato alla vecchia maniera e nella versione più povera e semplice e spoglia che ci sia. Impanato il pollo con pochissima farina e bagnato letteralmente nell’uovo sbattuto. Fatto rosolare in poco burro dove si erano appassite un po’ di carote tagliate sottili, cipolletta e sedano e allungato con brodo di pollo.  La salsina formatasi in cottura piuttosto che lasciata lì a navigare tra la cosciotta l’ho servita a parte. Insomma, niente di eclatante ma un’idea veloce e sfiziosa per la preparazione del pollo. O almeno spero.

Forse potrebbe interessarti leggere...

19 COMMENTS

  1. sto riflettendo sulla presenza di quelle due uova accanto ai resti del povero pollo. Quali significati reconditi può celare questa immagine?

  2. E facciamo pure questo perchè io col pollo vado proprio d’accordo… e scriverò un libro: “Mille e un modo per riuscire a far amare il pollo all’Ingeriminese”

  3. …no l’ho letto ora… Ma davvero mi ci hai fatto pensare tu ora… L’avrò sentito un milione di volte il pollo in fricassea ma non avevo idea che fosse fatto così e che ci fosse l’uovo!!!!Vi abbraccio tutti fortissimo!!!

  4. Il famoso pollo in fricassea! Che tutti nominano e nessuno sa mai cosa siaXD
    Se il tizio dei polli biologici prossimamente ne ha lo faccio, mi ispira davvero 🙂
    grazie per i tuoi bei post, li leggo sempre

  5. Il pollo, che io amo in tutte le sue forme, sembra assolutamente delizioso, il sottopiatto è meraviglioso, ma io la salsina non l’avrei servita a parte. Quella coscetta nuda nuda sul piatto candido mi mette un poco tristezza.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

More recipes like this