Home / Primi Piatti  / Una pasta improvvisata con la ricotta fresca, lo speck e le olive

Una pasta improvvisata con la ricotta fresca, lo speck e le olive

C’è talmente tanto vento che il tetto fa rumore. E fin qui nulla di strano. Solo che quando il tetto fa rumore sta venendo Satana. Siamo alle basi eh. Succede nell’Esorcista, per chi si è perso qualche puntata del manualetto dei fenomeni paranormali. Maggiordomo e signora preparano la colazione (e qui si è preparato la colazione dell’esorcista. Ve la ricordate? Ne vado parecchio orgogliosa e quando posso la rifilo volentieri con tanto di ghigno antipatico) mentre la mamma ignara del manicomio visivo che accadrà si domanda quanto devono essere grandi questi topi in soffitta per far tanto rumore.

Spiegaglielo che è una capra con delle corna enormi che si trasformerà in un signore bellissimo con tanto di mantello rosso e coda a punta e che poi diventerà un serpente. E insomma un illusionista trasformista.

Per dire che quando al Nippotorinese ho detto “non è il vento. E’ Satana” facendo la vocetta posseduta mi sarei aspettata che non capisse la citazione. Del resto io ne faccio di astruse riguardo il mondo horror e lui impegnate e intellettuali a partire da Kurosawa sino ad arrivare a unnomeacasodinicchia. Questo vuol dire che ci stiamo plasmando tra citazioni diverse e psicopatia generale. Luogo intriso e pullulante di parole che agevola il mio lavoro. Inaspettatamente il tipo pelato sfoggia con disinvoltura una fantasia razionale, che è musa. Siamo talmente impegnati in questo vortice di idee che anche se il tetto sta per venir giù, entra acqua e forse c’è una capra appassionata di Linda Blair, abbiamo davvero poco tempo da dedicarci.

Al massimo al caprone si offre un piatto di questa pasta. Improvvisata.

Questa pasta è un’improvvisazione a sorpresa riuscita di tre ingredienti in frigo che stavano per perire. Un pranzo velocissimo per il Nippotorinese che ha sentenziato “pensavo peggio”; mi sembra giù un moto inaspettato di ottimismo. Non ho il tempo per procacciare cibo e sorprendentemente per l’esatto contrario: farmelo procacciare. Non ho il tempo per redarre una lista soprattutto perché vorrei fosse ragionata. E allora mi sono ritrovata un pezzo di speck stanco di star lì avvolto nella pellicola e della ricotta freschissima dono della mamma. Un po’ di olive di quelle verdi freschissime sicule leggermente salate e cosa farci se non un primo improvvisato e apparentemente slegato? (o perlomeno convincersi che ci si potesse fare davvero un primo?)

E così è stato.

 

Ho usato un olio aromatizzato con della scorza di limone freschissima perché se c’è una cosa che mi piace fare ultimamente a parte aromatizzare l’aceto è proprio tentare di farlo anche con l’olio; solo che con il peperoncino e i classici abbinamenti mi snerva e quindi mi lascio guidare da una psicopatia fantasiosa senza ragione. Ad esempio è in programma l’olio extra vergine di oliva aromatizzato all’arancia.

Mamma adopera spessissimo la ricotta nella pasta e a dirla tutta qui in Sicilia è piuttosto in voga la conchiglietta con la ricotta freschissima, quella proprio calda calda con tanto di siero in vista. Quella che fa andare in visibilio Fernanda e che le fa spuntare due cuori lampeggianti al posto delle pupille mentre invoca “ricotta datemilaricotta”; fortuna che non state vedendo la mia faccia. Perché se c’è una cosa davanti a cui non riesco a controllarmi, è proprio la ricotta. Quando mi si para davanti è come vedere un enorme cosciotto di coniglio tutto per me. E chi mi conosce giusto pocopocopoco sa che è un’arma letale. Pensare alla ricotta e al siero mi fa contorcere naso-bocca-occhi. Riesco a fare un catalogo di smorfie nauseate davvero vergognose. Nonostante abbia manifestato sgomento e raccapriccio nei confronti di tutto il genere “formaggi” sin dalla tenera età, per la ricotta ho sempre manifestato un odio dichiarato.

(Coniglio alla ricotta? Santocieloaiuto).

ll tavolino tra i due divani pare essere il mio nuovo set fotografico e con la luce di questi giorni tutto è più semplice; nonostante non abbia il tempo neanche per alzare il contrasto o vedere se la luce può essere variata o no, il risultato mi piaciucchia e tanto basta. O forse ci si rassegna al fatto che non tutto può essere come si vorrebbe.

Il concetto dell’accontentarsi che sinora mi era sconosciuto, a quanto pare. Accontentarsi sì ma con moderazione, ecco. Guardando sempre di sottecchi il tempo e intimandogli di venire incontro alle proprio esigenze non sortisce gli effetti sperati. Ho cercato di minacciarlo, farmelo amico e portargli in dono anche bianconigli ma niente. Incorruttibile, imprescindibile e forsennato.

Un po’ come succede con la capra. Alla fine te la fai amica, la inviti a entrare e poi con calma. Quando pensa che tu sia sua.

La avveleni. E ci fai un altro primo improvvisato.

Su Style è uscito il mio nuovo articoletto con un’idea velocissima che è stata già pubblicata qui; trattasi di cremina con piselli, avocado e lime e l’idea appartiene a quella santa donna di Nigella. Se avete piacere di leggere potete cliccare qui >>>> e a me non resta che ringraziarvi, ecco.

Non è difficile intuire la discrezione. La si avverte dalla punteggiatura. Dalla presenza. Dalle parole nascoste e mai dette. Allo stesso modo non è difficile intuire quanti mondi ci siano dietro tutto questo. Ieri ho ricevuto a sorpresa un pacco che conteneva solo ed esclusivamente conigliosità e nanosità. Le parole, i messaggi segreti inseriti tra i cappelli a punta e tra le orecchie di cioccolato sono arrivati dritti lì. Dove dovevano arrivare per rincongiungersi poi con l’idea che non erroneamente mi ero  fatta solo guardando uno struzzo dentro l’avatar. Solo leggendo poche righe. Intuendo. Se avessi dovuto immaginarti lo avrei fatto esattamente così. Come quell’adorabile nanetto seduto su un tronco che legge. Composto, inforcando gli occhiali per non perdere un dettaglio e sorridente seppur serio e profondo. Che nasconde una geniale simpatia e bizzaria pronta a venir fuori ma solo nei momenti giusti. Senza esasperare o esagerare.

Avevo le orecchie da coniglio per girare l’insalata. Le avevo acquistate lo scorso anno e si erano rotte neanche il tempo di aprire il pacco. Quando le ho viste. Avvolte da nani con la gigantografia dello struzzo tra le mani ho piagnucolato qualcosa che so già avverrà: questa volta non si rompono.

Questa volta potrò girare insalata con orecchie da coniglio per sempre. E solo grazie a te. Infinitamente grazie ammiratore segreto, invece  amica,  che produce coriandoli di carta contenenti messaggi magici e  capaci di infiltrarsi ovunque. Anche nel cuore.

Adesso ho anche una spilla a forma di coniglio. Adesso sì che insieme al cerchietto con le orecchie potrò sfoggiare qualcosa di serio.

E’ bellissimo. Santo cielo è bellissimo.

Una che disegna, scrive, cucina e fotografa ma non fa bene nessuna della quattro cose.

Review overview
27 COMMENTS
  • gluci77 17/04/2012

    a

    • gluci77 17/04/2012

      primaaaa!!!!!!!!!!!!!!!

    • angyerry 17/04/2012

      No luci in mia assenza sei diventata un mostro di velocità …pofferbacco!!! Amica mia!!! Stai bene?!?!? Io sto un pó incasinatina… Se i km stradali si potessero accumulure in mille miglia potrei girare il mondo quest’estate!!! Ma ti penso sempre 😉 le altri ho modo di vederle e leggerle qua e la… Quindi tu mi manchi moltissimo 🙂 vado a leggere!!!

      • gluci77 17/04/2012

        Visto che roba?! Sto dando del filo da torcere a Max ultimamente! 😉 Anch’io ti penso sempre e sono felice che tu sia qui stamattina! Mi raccomando, abbi cura di te. un abbraccio. grande.

  • angyerry 17/04/2012

    Eccomiiiii

  • Mammamiachebuonalaricotta!

  • pani 17/04/2012

    Quando il pezzo di speck avvolto nella pellicola è stanco di star lì…è un affare serio. Come la capra sul tetto. Anche a me un tempo pioveva giù ed è stato bellissimo, mi ricordo ancora la musica che stavamo ascoltando in quel momento. E poi io che salgo sul granar e metto qualche pentola sotto i coppi. Caproni però non ne ho trovati.

    • Wish aka Max 17/04/2012

      La capra sul tetto che scotta… È per questo che fa casino poverina

      • tittisissa 17/04/2012

        Ma la capra non è sopra la panca? O sotto. Ma stare sotto no, non le conviene 😉

      • pani 17/04/2012

        e poi dicono che le capre stanno sotto o sopra le panche…

  • angyerry 17/04/2012

    Si amica mia,.. È tutto bellissimo 🙂 ti bacio e ribacio e strabacio!!!!!!!!!!************************

  • lacinzietta 17/04/2012

    Comincio a pensare che tu potresti fotografarmi anche un toast con la sottiletta dentro e mi faresti venire comunque l’acquolina. Posso dirti TVB?

  • elllisa 17/04/2012

    dovresti lasciarlo in soffitta quel nippotorinese là.
    buongiorno ehhhh

  • gluci77 17/04/2012

    Ancora buongiorno Giulia!!! Tu mi stai viziando… ieri le zucchine… oggi la ricotta… l’unico formaggio di cui mi cibi! Anzi, facciamo così… visto l’effetto che ti fa me la mangio tutta io. Mi sacrifico per te, ok?! 😉 Un abbraccio grandissimo, forte forte.

  • ђคгเєl 17/04/2012

    oh senti…io vengo a casa tua a fare le foto occheiiiiiii??? che i nani mi facciano spazio perchè sto ingombrante e se proprio si ostinano li corrompo con una bella nanetta!!!!!yeahhhh! è bella la luce delle fotine nel tavolo del momento!! sisisi…. la ricotta io..ehm..solo dolce. Per stavolta passo…non resto a pranzo…vabbbbbbbbbbbbbbbbbbene? oddio…potrei pur restare e non mangiare la ricotta…mandiamo subito via il nippo col boccone ancora in bocca e pasticciamo in cucina! tè! 😀

    • gluci77 17/04/2012

      Anch’iooooooooooooooooo!!!!!!!!!!!!!!!

      • ђคгเєl 17/04/2012

        😀 Luci tu sei “culona” e non ci entriamo tra i nani tutte e due eh!! ma mi sa che tu intendi..che vieni pure tu a pasticciare nella cucina di Gy 😀

        • gluci77 17/04/2012

          guarda che sono una tappettina… ci sto eccome tra i nani!!! 😉 e comunque, sì, vorrei tanto venire lì a pasticciare con voi… porto Frugolino, eh?

          • ђคгเєl 17/04/2012

            eccerto..lui corrompe il nippo e lo tiene lontano va!!!! 😀

            • gluci77 17/04/2012

              Possono discutere insieme di qualche argomento filosofico o citare qualche autore di nicchia! 😉

  • Bucaneve 17/04/2012

    Dolcissima…..

  • yliharma 17/04/2012

    ammore pure io odiavo la ricotta!!!! come il latte bianco…la mangiavo solo se condita con zucchero e cacao gnammme 🙂
    adesso che sono vecchia invece mi piace dappertutto, pure bianca, sulla pasta insieme a un po’ di cipolletta peperoncino e pinoli, e con la menta e il limone sempre sulla pasta, o nelle pizze salate, o dovunqueeeeeeeeeeee!!! mi unisco a Fernanda con gli occhi a cuore mormorando il mantra “ricotta ricotta ricotta”

    ps. a proposito di latte: ho provato il latte di riso: buonooooooo!

  • apity 17/04/2012

    Anche io voglio un paio di orecchie! *broncio*

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi