Home / Primi Piatti  / La pasta con la ricotta salata, sì

La pasta con la ricotta salata, sì


Pare che qui ci sia un import export di amore in formato pacco. Ogni volta che mi chiamano e mi dicono ” Iaia c’è un pacco per te che è arrivato in ufficio” a me viene un colpo. Forse si sa ed è per questo che in maniera dolcemente indolore e meravigliosa mi state facendo furbamente fuori.

Complimenti a parte per l’ingegno e ringraziamenti doverosi perché mai morte potrebbe essere più felice, c’è da dire che la difficoltà si sta centuplicando. Sono produttrice insana di parole e ticchetto giornalmente. Ovunque. Quando si tratta poi in privato di relazionarmi o cercare di mettere in fila quattro emozioni scoppia un mal di testa feroce e l’incapacità prende il sopravvento. Per quanto mi ostini a non arrendermi mi fa paura questa sensazione di delegare al futuro quando l’intenzione è esattamente il contrario. L’intenzione anche in questo caso è quella di infilarmi in macchina e andare ad abbracciare fortissimo Tizi e Gabri; non solo hanno avuto la premura di omaggiarmi di un libro che spero al più presto di poter far mio nell’anima ma addirittura di avere un pensiero anche per il Nippotorinese; inutile nascondere che l’uomo poco dotato di sentimento al momento di ” e questo è per te” ha subito un tracollo emotivo. Certo non come il mio che frigno manco avessi due anni ma riconosco l’occhietto languido dell’insensibile nordico. Già da stasera Tizi guarderò il cielo ma suppongo che ci siano pochi motivi per essere triste se ho un’amica come te che nonostante tutte le mie assenze vergognose e l’incapacità di spedire un pacco senza far danni, rimani qui. Incoraggiandomi. Con me. I grazie mi sa che non bastano più. Tocca inventarsi qualche altra cosa.

Max mi ha erudito circa la preparazione della Cricia Romana, la versione salsa esente della famigerata Amatriciana. Nessun romano mi picchierebbe perché mai mi sognerei di dire che occorre la pancetta ma ben so che di guanciale si tratta. E pure di Norcia.

Non mi sono ancora cimentata nell’elaborazione in bianco del primo piatto indiscusso de Roma ma in compenso ne ho fatta una delle mie (idiozie è sottinteso): la pasta alla  norma in bianco. Sì perché in effetti qui mai ho visto servire il piatto principe catanese in una versione bianca. Certamente non sono posseduta dal male supremo della spocchiosaggine indi per cui non metto neanche minimamente in dubbio che qualcuno la faccia abitualmente ma per quanto riguarda la mia memoria e conoscenze nessuno si è mai cimentato.

Questa Norma in bianco è anche più veloce da preparare a dirla tutta, perché non occorre preparare la salsa ma solo friggere le melanzane avendo cura di asciugarle un po’ in carta assorbente e mischiarle alla pasta caldissima mantecando un po’ con acqua di cottura e qualche foglia di menta. Manco a dirlo in olio extra vergine di oliva.

A chiudere della ricotta salata freschissima.

Ecco io qui sulla ricotta salata ( Luci dimmi che ti piace anche la versione salata ti prego!) ci farei un capitolo a parte; se avessi il tempo però (giornata fortunata per tutti ! senevasubitolapazza!). Possedendo una coerenza astrusa io che ieri blateravo circa la capra, il diavolo, il tempo e l’infida ricotta dovrei anche adesso storcere il naso e mostrare il catalogo di smorfie nauseate.

Ma di astrusa si tratta, appunto. Coerenza?

Ho sempre detestato fortemente i formaggi sì ma ce ne erano tre che per motivi a me sconosciuti avevano la mia stima più profonda. Mozzarella, ricotta salata e gorgonzola. Essere mitologico che preferiva essere accoltellata piuttosto che toccare e mangiare formaggio ma che poi con serafica innocenza ti diceva che “ricotta salata sì e pure gorgonzola ma pocopocopocounapuntina”.

Il Nippotorinese le prime volte credeva che scherzassi. Come si poteva detestare il formaggio e apprezzare il gorgonzola seppur pocopocounapuntina e la ricotta salata , entrambi dai sapori fortissimi e decisi? ( la mozzarella neanche la teneva in conto perché parlo non proprio di mozzarella fresca buonissima ma di Panetto Santa Lucia industriale. Che sono una gourmet io eh)

Tutte queste estrapolazioni di ricordi, nessi e collegamenti mischiati a quello che sono diventata. Questo studio antropologico visivo e di parole mischiato a sensazioni e condivisioni mi sta facendo comprendere moltissimo di me. Le parole che mi riservate e che mi fanno ragionare o perlomeno tentando di farlo , attraverso il sogno e la realtà è diventato un capitolo non solo fondamentale della mia esistenza ma di quella guarigione che non tarda ad arrivare perché è già arrivata. Ci si deve solo rassegnare, lavorare ancora di più perché è un’attività che mai potrà finire e rilassarsi.

Io ho capito che un giorno questo piattone di pasta me lo mangerò eccome. Ci ho messo la menta pure per questo. Vorrei farlo con te che leggi ogni giorno e che urli primo. Vorrei farlo ridendo in una tavolata mentre Mat si fa spiegare parole giapponesi da Pier. Mentre frugoletto tira il tavolo e viene tutto giù e scoppia una fragorosa risata. Mentre l’Eletto fa scoppiare microonde e mi sporca di salsa la borsa.
Mentre ci si abbraccia. E non ci sono calorie. Persone magre. Persone grosse. Persone alte. Persone basse. Persone ricche. Persone povere. Pers.

Ma solo persone. Che si vogliono bene.

Io voglio preparare la norma in bianco per voi. Giuro non faccio il caffè ma la norma in bianco ho deciso. Devo farvela.

Una che disegna, scrive, cucina e fotografa ma non fa bene nessuna della quattro cose.

Review overview
49 COMMENTS
  • gluci77 18/04/2012

    a

    • gluci77 18/04/2012

      primaaaaaaaaaaaa!!!!!!!!!!!! Beh, oggi ci tenevo…

      • angyerry 18/04/2012

        Auguri tesoro bello infatti 😉

    • ђคгเєl 18/04/2012

      tesoro auguriiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii
      me lo avevi detto che stavi per fare il compl ma non ricordavo la data ( che testa che c’ho!!!) anche perchè qui non hai un profilo mi sa :/ o si? boh! cmq….bando alle ciance…BUON COMPLEANNOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO…..smuackkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkk :-*

      • gluci77 18/04/2012

        grazie carissima….comincio a commuovermi… :-***********

    • katiaostanel 18/04/2012

      LUci!!!!!!!!!!!!!!!!!!
      tanti auguri
      tanti auguri tanti tanti tanti tanti tanti tanti tanti auguri con tutto tutto tutto tutto il mio cuore!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
      Abbraccissimi e bacissimi a profusione!!!!!!!!!!

      • gluci77 18/04/2012

        Grazie infinitamente… Siete tutte così carine… Un abbraccio!!!

    • spiessli 18/04/2012

      Tanti tanti, no: tantissimi auguri di buon compleanno!
      Mi spiace, non so proprio fare di meglio. Però sono sinceri e sentitissimi 🙂

      p.s.: certo se mi dai sei numeri buoni allora sì, gli auguri sarebbero conditi da un regalo niente male 😉

      • gluci77 18/04/2012

        Grazie carissima… sono auguri apprezzati, tanto! I numeri sono chiaramente 18 – 4 – 77

        • spiessli 18/04/2012

          prendo nota *scrib scrib*. Il nostro lotto però ha solo 45 palline, mi gioco il 35 allora vah 😛

          • gluci77 18/04/2012

            VADA PER IL 35… e fammi sapere! in bocca al lupo!!!!

            • spiessli 18/04/2012

              eeeeh ma non penserai di cavartela così! Che se ne azzecco 3 non vinco un fico secco! eh

        • pani 18/04/2012

          uh! Ma pensa un po’…
          credevo fossero le misure di qualche gnometta di Iaia ( ma ci sono gnome sul suo terrazzo…uhm…), invece…
          be’, tanti auguri, sei ancora un giovincella.

        • Giulia 18/04/2012

          LUCYYYYYYYYYYYYYYYYYYYYYYYYYYYYYYYYY MA IO NON SAPEVO NULLAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA SATNOCIELOSCUSAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAa

          datemi una tastiera subito!!!!!!!!!!!!!!!!

          devofarequaccosa.
          femmitutti *_*

          • gluci77 18/04/2012

            Grazie mille stellina! Giuro, mi sto commuovendo… siete tutti così carini… <3 … :-*

    • Amaradolcezza 18/04/2012

      Luciiiiiii
      ma auguriiiiiiiiiiii

      un bacione grande ma grande ma grandeeeeeeeeeee acccussì!!!

      ***********

      Giulia

      • gluci77 18/04/2012

        Grazie mille dolcezza!!!! :-******

  • angyerry 18/04/2012

    Aaaa

  • ђคгเєl 18/04/2012

    ohhhhhhhhhhhhhh ma come fateeeeeeeeeeeeeeeeeee

  • ђคгเєl 18/04/2012

    cioè…non ho ancora ricevuto la mail..sono venuta qui prima e aggiornavo di continuo…e mi avete fregato lo stesso!! mah!!!

    • angyerry 18/04/2012

      Massssggggiaaaaaaaa 🙂

  • angyerry 18/04/2012

    Anch’io lo vorrei iaia bella, anch’io 🙂 io dico anche che avverrà più prima che poi sai?! Ti abbraccio fortissimo 😉

  • yliharma 18/04/2012

    e noi aspettiamo con pazienza e un po’ di trepidazione quella tavolata senza pensieri 🙂

  • ђคгเєl 18/04/2012

    Gy…io e i formaggi non andiamo a nozze. Li mangio solo se sono di quelli poco “puzzosi” e cotti..quindi solo nella pizza,nelle lasagne,pasta al forno, polpette…insomma dove fonde! la ricotta proprio no..solo zuccherata (eh!) …a calcio sto messa male insomma 😀

  • gluci77 18/04/2012

    Giulia, stellina mia… la ricotta di cui vado matta purtroppo non è quella salata… ma se questa pasta la prepari tu io la mangio di sicuro… anche se ho qualche problema con la farina di grano duro… ecchissenefrega!!!! Io lo so che ci si ritroverà davvero intorno a quel tavolo, tutti noi, tutti insieme come lo siamo davanti al pc ogni giorno. Persone e basta. Come dici tu. Ma ognuno con il suo carico di esperienze, di sentimenti, di emozioni e di doni meravigliosi…. Oggi è il ,mio compleanno e sono felice di poter condividere questo momento con te e tutte queste persone eccezionali; ho la mia famiglia e gli amici di sempre, ma adesso ci siete anche tutti voi ed è il regalo più bello che potessi ricevere per i miei 35 anni… GRAZIE, a te e a tutti….

  • toccodizenzero 18/04/2012

    Sei una gourmet con i fiocchi tu cara Iaia 🙂
    Mi piace leggerti, stacco la mente e i pensieri e volo giù in Sicilia.
    Con questo piatto poi mi hai conquistata.
    Un abbraccio per tutto e anche di più
    :*

  • paola 18/04/2012

    io anche amo la ricotta salata (mentre odio quella normale) e anche le melanzane per cui non posso non amare questo piatto!
    però, non per fare la pignola, anche se non sono romana… ma credo che non esista la cricia, ma solo la gricia 🙂

    bacioni!!!

  • tittisissa 18/04/2012

    Ahem …. sono tutta rossa e vergognina per la citazione. Grazie tesoro per le belle parole 🙂
    Adoro la ricotta salata, sopratutto sulla pasta e sulle insalate e mi piace la pasta alla norma. Siccome ho qualche problema con la salsa, questa ricetta fa proprio per me, quindi apparecchia la tavola, io porto i dolcetti! Chi viene?! 😀

    • Daria* 18/04/2012

      iooooooooooooo e porto il vino ahahahahahahah 😛

  • katiaostanel 18/04/2012

    Che bella la tavolata con tutti noi,,,ci vorrebbe proprio!!!!!!!

  • Daria* 18/04/2012

    eh si eh…ed io me la voglio pappare tuuuutttaaa tutta tuuutttaaaaaaa!!
    ciao iaietta e grazie dei pensieri che hai per nooiiiii <3 <3 <3 ^_^

  • Beatrice Alvino 18/04/2012

    …e mentre fa scoppiare il micro fa anche il suono con la bocca: BUM!
    Perché lui lo fa.

    Ti bacio!

  • Bibi 18/04/2012

    e la faremo tutti insieme e noi la prepareremo per te
    <3

  • pani 18/04/2012

    Il nippotorinese ha subito un tracollo emotivo?? Qui urge un rimedio! Se crolla il nippo Iaia va in tilt.

  • Giulia 18/04/2012

    papà non c’è ed io devo far finta di essere una persona seria .
    e prendere decisioni importantissime.
    tipo ora sto decidendo se comprare a tutti i maxi bon o il cornetto algida e fare una chiusura in anticipo cosi’ posso andare a scrivere.

    per dire insomma che Luci non riesco a fare di meglio ma.
    beh.
    grazie per essere qui.
    per sopportare.
    e per esserci.
    evabbè non posso commuovermi santocieloognivoltauffa.

    Auguri Lucettina.
    perchè sei una luce, sì.

    • gluci77 18/04/2012

      Io non so cosa dire… se non grazie… è un regalo meraviglioso. Il disegno, le tue parole… tu, tutti… mi viene da piangere, ma sono lacrime dolci… GRAZIE! E adesso abbracciamoci… forte…

  • Amaradolcezza 18/04/2012

    amore mio
    adesso io non vorrei contraddire il maestro…
    ma che io sappia si chiama Gricia…

    adesso picchiatemi per la mia saccenteria e colpitemi forte con un mattone!
    😀

    • gluci77 18/04/2012

      Anch’io sapevo così… ma me la faccio sotto dalla paura… 😉

  • Wish aka Max 19/04/2012

    Ieri è stata una giornata di quelle.
    Gli auguri a luci però sono riuscito a mandarli. In privato.
    Oggi li rinnovo però.

    E devo porcapaletta fare un corso di dizione! Perché mi sono risentito e mannaggiallamiseriaccia quando dico g si capisce c… e così faccio fare brutte figure alle amiche più care… perché è Gricia, in realtà, non Cricia…

    E il motivo è che, siccome siamo in Italia e invece di sentirci appartenenti al Paese con la P maiuscola ci sentiamo di appartenere al paese con la p minuscola, accade che proprio di fronte ad Amatrice, da dove proviene la mitica amatriciana, esiste un paese che si chiama Griciano. Potevano i griciani esimersi dal mettere in discussione il primato di Amatrice? No, ovviamente! E quindi la pasta alla gricia… e ovviamente c’è fior di letteratura che dimostra che la gricia è nata prima dell’amatriciana, e tomi interi che dimostrano l’esatto contrario. E mentre si discute se sia nata prima la gricia o l’amatriciana, il Paese quello cui tutti dovremmo essere legati se ne va allegramente in vacca… Poi dice che Woody Allen ci prende per i fondelli….

    Chiedo scusa a Iaia per il refuso…

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi