La Marmellata al Microonde

Must Try

Chia Pudding sì, ma alla zucca speziata

Conosci il chia pudding? Il buonissimo budino ai semi di chia; questa preparazione è possibile grazie al fatto che i semi di chia si gonfiano di ben dodici volte circa a contatto dei liquidi e grazie alla presenza di mucillagini si gelifica rendendo il tutto simile all’aspetto di un budino. Basta lasciare una notte in frigo i semi di chia con qualche bevanda vegetale e ritrovarsi un buonissimo budino al mattino. I semi di chia hanno tantissime proprietà interessanti e inserirle nella dieta è cosa buona e giusta; senza abusarne il sottotitolo sempiterno.

Dorayaki

Quando sento dorayaki penso sempre e solo alla Signora Toku (e mi commuovo, è inutile sottolinearlo). Le ricette della Signora Toku, tratto dal romanzo di...

Chelsea Bun alla ciliegia

Ma cosa sono? Creati nel diciottesimo secolo al Bun House di Chelsea, vengono arrotolati come i Cinnamon Roll ma a differenza di questi hanno un involucro non troppo zuccherato perché l’interno e la glassatura adempiono perfettamente a questo compito. Sono assolutamente perfetti per una colazione ricca e di festa ma anche un tè. Meglio se organizzato per bene con tovaglioli ricamati e teiere con tazze scompaiate subliminalmente. Ce lo meritiamo un tè elegante fatto di merletti e tazze. Ce lo meritiamo eccome questo momento. 

Rainbow Waffle. Ricominciare da un arcobaleno morbido

Si è capito che con i waffle ho un problema. Quella che segue non è una vera e propria nuova ricetta perché ho usato...
Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

Ebbene sì pure la marmellata al microonde.  Ormai dopo aver cotto in lavastoviglie quel dolcetto delizioso ( clicca qui se hai perso l’idillio della cottura nella lavastoviglie) e realizzato che davvero vengon fuori torte meravigliose dal micro ( questa è un esempio . La Black Cake al cioccolato ) non potevo non lasciarmi incuriosire dalla preparazione della marmellata nel microonde.

Che poi a realizzare marmellate ( come i curd del resto ) ci si impiegano davvero pochissimi minuti ma addirittura dimezzarli beh. Un sogno, no?

Marmellata di ciliegia/ribes/qualsiasifrutta: 1/2 chilo di ribes, 90 grammi di zucchero, 1 cucchiaio abbondante di pectina in polvere ( facoltativo. Io non l’ho adoperata, confesso).

Lavare e privare del nocciole le ciliegie e lasciarle  macerare per 24 ore in una terrina con lo zucchero (tutta la dose) e pochissime gocce di limone. Mettere quindi il composto nel micro e fare andare a 650 watt per 10 minuti mescolando per bene di volta in volta. L’operazione andrà ripetuta 3 volte intervallando con riposi di almeno quattro minuti l’uno. Unire quindi la pectina se si vorrà usare e lasciare cuocere (ugualmente se si aggiunga o no) per almeno altri 10 minuti a 650 watt. Mescolare per bene e se la marmellata non risultasse di una consistenza morbida e dolcemente morbida come come dovrebbe essere senza alcun tipo di problema prolungare la cottura perché il risultato non sarà compromesso. Schiumare leggermente se ce ne fosse bisogno e riempire i vasi pulitissimi e sterilizzati. Chiuderli e capovolgerli immediatamente dando giusto qualche colpo per assestare e per provvedere all’aria.

Semmai durante l’uso e la conservazione la marmellata dovesse indurirsi o semplicemente rimanere al fondo ancora una buona porzione difficile da recuperare sarà buona norma riscaldare il barattolo ( senza coperchio) giusto per qualche minuto al micro e abusare fino all’ultima goccia. 


Aggiornamento su Fashion Eater : clicca qui >>>>

Forse potrebbe interessarti leggere...

58 COMMENTS

    • Buongiorno Pani! Mi allungheresti un cestino di more, per favore? le adoro… come del resto i lamponi… le fragoline di bosco… il ribes…

      • è ancora presto…maturano verso fine giugno. Poi ho il mio posto segreto dove ci sono siepi alte 3/4 metri che sparano more gigantesche, da ottobre a novembre. Secondo me Adamo ed Eva venivano da lì

  1. Aaaaaaaaaahhhhhh! Ero la prima, ma appena ho spinto “invia commento” è saltato tutto, si è spento il pc, la connessione è andata a farsi un giro… qui qualcuno sta cercando di boicottarmi, ieri il postino, oggi il guasto… Max, non sarai mica tu?! 😉 Ma Giulia carissima, veniamo a noi… secondo te è proprio grave che io non abbia il microonde e non ne senta l’esigenza?! La marmellatina di ribes posso farla pure con il metodo tradizionale, che dici?! Baci a valanga…

  2. aMMMMora mia lo sai che io sono tipo il grillo di pinocchio vero?? hai scritto marmellata di ciliege e messo in doci il ribes 😀 stai fuori alla grandeeeeeeeeeeeeeee ma ti amo anche per questo io! <3
    e cmq questa la devo provare..io adoro le ciliege *_*

  3. Io il microonde cellò…Beh, devo svuotarlo dalle pentole e pentoline che stazionano lì sempre, perchè lo uso solo come soprammobile. E’ bello però eh!!
    Adesso lo svuoto, butto pentole e pentoline e poi lo uso. E faccio marmellate a fiumi! Ecco 😉

  4. io col microonde ci faccio i dolci in tazza quando ho voglia di un dolce veloce, scaldo tazze per farci il the, scaldo il burro per i dolci (e qua Iaia è stata una manosanta!), scongelo verdure, preparo cioccolate calde in inverno…

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

Gelato al burro d’arachidi salato

Il gelato viene sempre prima di tutto. È la cosa che mi piace di più in assoluto. Sempre e per sempre. Questo al burro d'arachidi non credevo potesse essere così buono.

Colazione dolce o salata?

Colazione dolce o salata? Un po' come essere o non essere? Che sia dolce o salata la colazione è necessaria per la tua salute.

Il terzo numero di Mag-azine

Il terzo numero di Mag-azine è dedicato ai profumi di Sicilia. Un'isola incredibile che non smette mai di farti sognare.

Crema salata agli arachidi

Una crema strepitosamente buona che ti lascerà senza parole a base di burro d'arachidi e salsa di soia. Perfetta per condire insalate, involtini primavera e vietnamiti con le cialde di riso.

10 Primi piatti siciliani che non puoi perderti

La pasta alla norma e quella col macco. Il riso con l'ennese che profuma di zafferano e l'immancabile pasta al pistacchio senza dimenticare "a muddica". Scopri i dieci primi piatti irrinunciabili che non puoi perderti se sei in Sicilia.

More recipes like this