Le Meringhe di Maurizio Santin

Must Try

La Panna Cotta al tè matcha

Un dolce gustoso, facile e fresco caratterizzato dall'inconfondibile sapore del tè matcha. Perfetto per un dopo pasto ma anche per accompagnare un tè nero fumante caldo e avvolgente.

Semi di papavero e glassa di limone

Una delle preparazioni più buone mai preparate. Mi è sempre piaciuto moltissimo questo accostamento, quello dei limoni con i semi di papavero. Diversi dolci pasquali polacchi e dell’Est Europa hanno proprio i semi di papavero; anche il cozonac, per esempio, ha diverse volte il ripieno di semi di papavero. Il risultato -ma con una ricetta di Ottolenghi è facile- è sorprendente. Molto profumata, leggera e gustosa.

Tiramisù fragole e basilico e un dolce speciale

Un tiramisù molto profumato e fresco. Stupisce per leggerezza e freschezza questo dolce al cucchiaio di cui tutti sono ghiotti.

A brioscia co zuccuru – La brioche catanese più famosa!

La differenza tra la brioscia co zuccuru e quella col tuppo. È importante e non da sottovalutare.
Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

La preparazione di queste meringhe risale già a qualche tempo fa. Dopo aver visto quelle di Stellina-dagliocchiazzurri al secolo conosciuta come Bestia Bionda e dell’amoremio-matchoso Elisa con tre elle, mi ero ripromessa di cimentarmi anche io nella realizzazione di queste montagnette nuvolose di zucchero e sogni. Ora non è che ne ricordi esattamente il sapore ma so per certo che non mi piacessero poi così tanto o che non ne fossi particolarmente attratta altrimenti un bancale, giusto per assaggiarlo, lo avrei fatto fuori senza pensarci su tanto. Ricordo per le quantità ingurgitate insomma. Se non ne ho fatti fuori tir interi, due possono essere stati i motivi: non ne conoscevo il sapore (motivo uno), non mi piacevano per nulla (motivo due). L’opzione uno è quella che si verificava più spesso perché ho sempre avuto timore di lanciarmi nello sconosciuto culinario. Esattamente l’opposto di quello che accade, anche se soltanto mentalmente, adesso. Che è già un inizio, e via.

Incredibile come siano facili da realizzare e come ci si impieghi pochissimo tempo. Come incredibile è l’impatto scenico se servite con un buon tè nero amaro nero per smorzare l’incommensurabile dolcezza di questo albume e zucchero infornato. Ma la cosa più incredibile è che le meringhe santocielo non piacciono a nessuno; o per meglio dire a nessuno di mia conoscenza.

Parte quindi il megasondaggione: premi il pulsante con le orecchie da coniglio se ti piacciono! premi il pulsante verdebruttoschifoso verde muffa se non ti piacciono! Via al televotomeringa!

Devo trovare un modo per mettere in dotazione questi due pulsanti. Ecco perché sarebbero utili davvero e potrei stilare dei grafici con le preferenze. Se solo io e la parola grafico non avessimo litigato prima di conoscerci.

La meringa è adorabilmente carina e gnegnegne. E’ questa la verità. La immagino un po’ come la più carina della classe. Quella con le codine e l’abitino fru fru e la cartelletta rosa che anche se gioca nel fango non si sporca e che al sol passaggio miete vittime. Quella insomma cui offri le merendine e rifiuta. A me se offrivano merendine mangiavo pure loro e ci spalmavo su la nutella; ma non credo sia questo il punto. Il punto è che come luogo comune impone (sìììììììì lasciamoci anche noi avvolgere da quest’aura di qualunquismo): è bella ma non balla. E su “balla” cade forse il paragone perché la più carina della classe al saggio di danza balla benissimo. Se fosse vestita da meringa ballerebbe bene uguale?

Per dire che come sempre mi sono confusa. E tra la più carina della classe, bimbi che ti offrono la merenda ma di cui tu vuoi fare merenda con tanto di nutella e meringhe che ballano, la domanda è: cosa diavolo sto dicendo?

Il mio sogno è quello di fare un’introduzione intelligente. Scrivere con calma senza fretta sorseggiando tè e magari smangiucchiando un po’ di melone cantalupo perché se c’è una cosa che mi piace ingurgitare è proprio il melone cantalupo più per il fatto che lo immagino come un lupo a Sanremo che per altro. E. E poi avviene tutto il contrario e tracanno schifoso decaffeinato da me preparato quando la colf non c’è e scrivo talmente veloce che devo interrompermi perché le falangette stanno per cadere.

Un giorno riuscirò a sorseggiare tè, mangiare meringhe, fare introduzioni colte e descrizioni precise. Non metterò troppi ricordi e sentimenti e.

E devo trovare una controfigura.

Volevo affidarmi alla ricetta di Bestiabionda ed Elisa con tre elle (e già detta così si evince da quali meraviglie io sia attorniata) solo che poi guarda caso mi sono confusa e insomma: Santin.

Devozione e inchini al Maestro che amo come un piatto di fave e via. Erano due le scelte: Meringa Italiana e Meringa Francese. Il fascino del ph del tuorlo mi ha entusiasmato a tal punto che se ero confusa da 1 a 10 esattamente 23029302934, in quel modo sono entrata meravigliosamente nel pallone.

Procediamo con calma quindi:

La Ricetta

Per la meringa francese occorrono: 150 grammi di albumi, 150 grammi di zucchero semolato e 150 grammi di zucchero a velo mentre per la meringa italiana occorrono: 300 grammi di zucchero semolato, 200 grammi di albumi, 120 grammi di acqua.

La meringa italiana si utilizza per la preparazione di mousse e semifreddi, mentre quelle francesi, ritratte nelle mie foto, sono perfette servite così come dolcetto. L’utilizzo degli albumi invecchiati (oh questi francesi sono proprio fissati eh *risatina* come accade nei Macaron a dirla tutta) è un piccolo segretuccio da non trascurare. Santin però saggiamente *inchino* specifica che l’evaporazione parziale dell’acqua aumenta la concentrazione delle proteine e questo fa sì che il tuorlo diventi più alcalino. E. E santo cielo io Maurizio ti adoro ma è tutto troppo complicato per me.

Facciamo quindi che in religioso silenzio seguiamo (senza capire il motivo)  questa sua imprescindibile indicazione: prima di montare gli albumi strofiniamo le pareti del recipiente con mezzo limone (l’acido cidrico impedisce l’ossidazione di eventuali ioni metallici disciolti mantenendo così il candore della schiuma).

Che il cielo benedica questo genio.

Nella ciotola dello sbattitore versa gli albumi a temperatura ambiente (meglio se invecchiati due giorni in frigo dentro una ciotolina altrimenti fa nulla ma mi raccomando la temperatura) e a bassa velocità inizia a romperli. Aggiungi poco alla volta lo zucchero semolato continuando a lavorare a velocità leggermente più elevata. Una volta che il composto è montato incorpora lo zucchero a velo setacciato aiutandoti con una spatola per non smontare il composto. Inserisci il composto in una tasca da pasticceria munita di bocchetta (liscia, rigata, come più ti piace) e fai le forme che preferisci sulla carta da forno che hai posizionato sulla teglia.Cuoci in forno a 130 per 45 minuti e poi prosegui la cottura a 150 per 15 minuti lasciando lo sportello socchiuso interponendo un cucchiaio di legno o un telo arrotolato. Ecco io quando ho letto quella del limone nel recipiente e del forno socchiuso sono andata a prendere la mia foto con Santin e ho benedetto quel 12 Dicembre e il sant’Uomo del Nippotorinese che mi ha regalato quel sogno. Non mi vergogno a ribadire fortemente che io amo Maurizio Santin.

Le meringhe di Maurizio Santin, a dirla tutta, ballano. C’è poco da fare. Certo non ballano quanto il bruttarello della classe che nella fattispecie potrebbe essere un brownies senza speranze visive ma concreto nel suo io, ma balla.

E tanto basta.

Maurizio Santin ti adoro *applausi e inchini*

 

 

Forse potrebbe interessarti leggere...

24 COMMENTS

      • Se è per questo nemmeno io, ma sono morbide, vengono sempre bene in foto, hanno quel colore elegante, sono belle e complicate. La meringa è donna. E forse è per questo che un po’ mi ci ritrovo anche se non le mangio… Ah, le meringhe, con quel nome così intrigante!

  1. però non è vero che non piacciono a nessuno, il mio fidanzato avrebbe premuto il pulsante con le orecchie da coniglio 🙂
    io invece lo premo per la tazza cuoriciosa ♥♥♥♥

  2. io le chiamo spumiglie e sì, hanno proprio l’aria delle prime della classe, quelle che gnegnegne, punta delle dita sulle guance, ma sai, ma no! Uh! Grazie signora maestra.
    Però sono buone.

  3. schiaccio il coniglio solo se la meringa è sublimata nel montblanc. col montblanc impazzisco. da sola mhhh. qualche volta da piccola ne mangiavo una, rigorosamente bianca (perché quelle rosa sono più dolci. colpa del colore ovviamente.)

  4. Pigio il pulsante verdebruttoschifosoverdemuffa ma con le orecchie da coniglio, che santocielo non si negano a nessuno!! E mi fanno pure rabbia perchè sono belle, morbide, soffici come pezzi di nuvole ma immangiabili e non si possono nemmeno usare come elementi decorativi perchè diventano appiccicosette! E “i ricordi, i sentimenti e” fanno di questo un posto davvero speciale.

  5. Vabè a me mi ci piacciono, anche se nauseano giusto un po’. Certo è che quando le vedi non puoi far altro che commuoverti e amarle visivamente. Sono davvero le più belle della classe. Mi chiedo solo perchè le nostre siano state in forno tre ore e le tue un’ora sola O.O
    I misteri della vita.

    • anche a me piacciono piacciono.
      le nostre sono state in forno 5 ore. cinque. a fuoco bassimissimo. inutile dire che proveremo anche queste, si?

  6. premo disperatamente le orecchieverdemuffaschifosissimoschifoso.

    non mi piacciono proprio pe gniente le meringhe.

    però c’è da dire che sono bellissime. e questo mi innervosisce ancora di più. perchè devono essere così belle e così cattive? (no ok non sono cattive ma non mi piacciono)

  7. Amo le meringhe, Posso schiacciare il grande pulsante a forma di pistacchio? :)))
    Buon uicchènd sisteruzza bedda!

  8. Io premo sul bottone verdemuffaschifoso.
    Cioè: mi piacerebbero pure. Tendenzialmente ripiene di panna o ricoperte di cioccolato. Ma quanto mi urlano i denti mentre le mangio?! E allora perchè farsi tanto del male?!
    Ma quando avrò la dentiera, allora tutte le meringhe saranno mie.

  9. È la terza volta che cerco di commentare… Spero sia quella buona, è tutto il giorno che mi tormentano… Pulsante verde anche per me, anzi per tutta la famiglia Ingeriminese, qui nessuno le mangia, troppo stucchevoli e leziose. MA … È una ricetta di Santin ed io amo Santin (come Montersino… Inchino!) quindi potrei provare a farle. Al limite le regalo, cosa dici?! Un abbraccio stellina, mi manchi un sacco…

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

Le polpette di melanzane di mamma

La mamma ha sempre ragione anche quando non ce l'ha. In cucina poi non ne parliamo. Se la mamma dice "a occhio" allora tu devi fare "a occhio", fine del discorso.

Il Cantalupo con la feta

Un piatto facile, veloce e strepitoso. La feta con l'anguria, da anni, è una certezza ma con il cantalupo hai mai provato?

Le Ricette di Mamma – Siciliane a base di pesce

Ti racconto alcune delle ricette siciliane che mia mamma prepara da sempre. Delle preparazioni che non sono solo piatti ma scrigni di ricordi, giorni e vita. Un tour tra cuore e tavola.

Le melanzane più buone! Come le fa mamma

Una delle ricette che amo di più e che mangio sin da piccola. Che sa di tradizione, amore e casa.

Crema salata agli arachidi

Una crema strepitosamente buona che ti lascerà senza parole a base di burro d'arachidi e salsa di soia. Perfetta per condire insalate, involtini primavera e vietnamiti con le cialde di riso.

More recipes like this