Insalata di Zucca e Noci Pecan con Roquefort.

Must Try

La carbonara di Avocado

La carbonara è solo una, e siamo tutti d'accordo. Le declinazioni vegetali però sono gustose, ricche e sorprendenti. Questa una variazione che ti promette un successo assicurato.

La carbonara di Asparagi

Una versione vegetariana di uno dei primi più amati in tutto il mondo.

Le lasagne con il ragù (di lenticchia)

Il ragù di lenticchie, food obsession di sette anni fa circa, è tornato in voga più che mai. E io, chiaramente, ne sono felice. Pur non essendo un'appassionata di pasta lo sai -assurdo ma faccio parte della setta del riso- queste lasagne fanno molto gola anche a me. 

Risotto con miele di manuka e yogurt

La Ricetta Facilissima e di ridicola preparazione. Lascio dorare la cipolla nell'olio extra vergine d'oliva e quando è ora metto il riso a tostare. Aggiungo...
Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

Colei che trasformava le ricette di Nigella in light (che la Lawson mi perdoni!)

A me la zucca piace tantissimo. Quante volte l’ho ripetuto? 234823483482234?

La metto, dopo averla tagliata a quadrotti, sulla carta da forno e la lascio lì a 180 circa con un po’ di sale per trenta-quaranta minuti. Dipende sempre dalla grandezza dei miei ritagli. Versatile come il riso che può essere poi base sia per ricette salate che dolci, rimane semplicemente perfetta.

Mamma la trova nauseante e non riesce in nessun modo a farsela piacere. Con il risotto e la salsiccia che naviga nel burro però urla “ecco così sì che mi piace la zucca!” (è una salutista Fernanda. E’ per questo che la amo incommensurabilmente).

Una versione Nigelliana che lascio ugualmente trascritta prevede anche l‘uso del Roquefort che si potrebbe sostituire  con del Gorgonzola fresco, ma nella mia squallidissima versione light deprimente per questo Lunedì non è contemplata questa presenza grassa.

Si tratta al contrario di un gustoso contorno leggerissimo. La zucca è cotta nel forno con pochissimo olio extra vergine di oliva e servita con noci pecan tagliate un po’ grossolanamente. Un po’ di timo fresco sarebbe stato ottimo per finire questa insalatina insolita e gustosa. Se il nano da giardino non mi avesse estirpato la piantina, uff (bene. Comincio a dimenticare di annaffiare le piante la sera, che stress).

 

Insalata di Zucca e Noci Pecan con Roquefort.
Ingredienti: 1 kg di zucca circa, 2 cucchiai di olio extra vergine di oliva, timo fresco, 60 grammi di noci pecan, 60 formaggio (Roquefort o gorgonzola), sale e pepe a piacere.

Riscalda il forno a 220 e nel frattempo pulisci e taglia la zucca a pezzi. Mettila su una placca da forno con l’olio e cospargi con il timo. Cuoci per 30-40 minuti circa fin quando risulta tenera. Fai raffreddare un po’ e dopo averla messa su un piatto aggiungi le noci pecan a pezzi. Sbriciola sopra il formaggio e mescola tutto delicatamente aggiustando di sale e di pepe. Adorna con qualche rametto di timo e servi.

Nigella mi ucciderebbe se sapesse che ho trasformato in light una sua grassissima ricetta. E’ comprensibile. Per quanto la amo provvederei da sola ad autolinciarmi, ma siccome non ne verrà mai a conoscenza credo sopravviverò.

Brutte notizie questo Lunedì, insomma*va via ridacchiando sadicamente*

Forse potrebbe interessarti leggere...

24 COMMENTS

  1. Per quanto riguarda la zucca, condivido la posizione di Nanda (discostandomi comunque per quanto riguarda salsicce che navigano nel burro… chiedo perdono per questo…ma proprio non ce la farei!). Per quanto riguarda la profanazione di Nigella… bhe, vorrà dire che per punizione alla prossima video-ricetta preparerai qualcosa che contenga non meno di 5 kg di burro, chiaramente indossando un bel giacchettino jeans o una vestaglietta verde mela… 😉 Baci stellina!!!!

      • Ma scherzi?! Grazie piuttosto per l’interessamento! Qui in riviera non ci sono stati danni nè problemi, solo un po’ di paura. Tra ieri pomeriggio e stanotte si sono avvertite delle piccole scosse di assestamento, ma nulla in confronto a quella delle 04.04 di ieri. Il peggio è nel modenese, lì è davvero successo un macello… Per quanto riguarda il tempo, qui è pessimo, bene o male piove da ieri e comincia pure a fare freddino… insomma sembra novembre piuttosto che fine maggio! Buona giornata!

        • Tesoro, ho seguito la vicenda e so che lì da voi è tutto a posto ma chissà che spavento vi siete presi! Come stai tu? E Frugolino? E l’Ingeriminese? Vi abbraccio tutti…felice di sapere che state bene 🙂

  2. Ottima la zucca, putroppo spesso mi dimentico della sua esistenza (triste ma vero!). Devo dire che spesso ha un sapore un po’ dolciastro che non mi fa stupire se a qualcuno non va a genio. Ma i gnocchi di zucca non possono non piacere, dai!!! 🙂
    Proverò la combinazione con le noci (e SENZA formaggio ;)), mi pare ottima come pietanza estiva, senza troppo lavoro per le pigre come me!!

  3. ti avevo già detto delle mie dodici zucche nate per sbaglio, appollaiate sopra il gazebo? Che storia…erano dodici come gli apostoli, grandi come dischi di curling. Le ho regalate in giro, come è giusto fare.

  4. eeeeeeee primaaaaaaa. maancheno. niente passavo di qui per dirti che. insomma. grazie. per ieri e per. esserci, sempre. così, te l’ho già detto e te lo volevo dire pureqqquà.
    che ti voglio bene iaia.

  5. Questa la farò, loggiùro! Andrò in Ucraina e mi ci porterò 10 zucche, perchè l’arancione va di moda, e un albero di noci! Tuttobio, poi, eh! Zucca, arrivo!

  6. Ti perdono per il light solo perché adoro la zucca. E mi permetto di aggiungere alla modalità che piace a te (solo sale e via in forno) una minuscola variante, che consiste nell’aggiungere un micro-filo di olio e un’abbondante spolverata di pepe.
    Dan Peterson direbbe “Mmmmmmmmm-mm! Finnnnnnominali!!!”
    😀 😀 😀

  7. Ma che bello,compagne di zucca! Anche io la adoro,sia nel dolce che nel salato,e la mangio pure condita con un filo d’olio d’oliva,anche se l’ho sempre cotta al vapore e ancora al forno mai..ma devo dire che anche così ha un’aria interessante!proveremo,proveremo..e con le noci,mmhh…

  8. A me la zucca piace, e adoro anche Nigella ma giuro…non farò la spia! Anzi, la provo così, light questa ricetta perchè adoro più te 😉

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

Gelato al burro d’arachidi salato

Il gelato viene sempre prima di tutto. È la cosa che mi piace di più in assoluto. Sempre e per sempre. Questo al burro d'arachidi non credevo potesse essere così buono.

Colazione dolce o salata?

Colazione dolce o salata? Un po' come essere o non essere? Che sia dolce o salata la colazione è necessaria per la tua salute.

Il terzo numero di Mag-azine

Il terzo numero di Mag-azine è dedicato ai profumi di Sicilia. Un'isola incredibile che non smette mai di farti sognare.

Crema salata agli arachidi

Una crema strepitosamente buona che ti lascerà senza parole a base di burro d'arachidi e salsa di soia. Perfetta per condire insalate, involtini primavera e vietnamiti con le cialde di riso.

10 Primi piatti siciliani che non puoi perderti

La pasta alla norma e quella col macco. Il riso con l'ennese che profuma di zafferano e l'immancabile pasta al pistacchio senza dimenticare "a muddica". Scopri i dieci primi piatti irrinunciabili che non puoi perderti se sei in Sicilia.

More recipes like this