Solo una parola: Fumettista ( su Glamour)

Must Try

Un gatto nero al Louvre e un mistero tra i capelli adornati di fiori

Quando sono in difficoltà -e non capita troppo di rado- non ho voglia di scrivere e cucinare. Di fotografare sì ma non cibo. Mi...

Un pasticcio al giorno per te

Corri sempre sull'Etna tra lava, neve e cenere.  

Je suis Charlie

Quando la CNN ti scrive perché vuole pubblicare un tuo disegno sono due le cose: o ti viene un colpo o ti viene un colpo. A me è venuto, stranamente, un colpo.

Questo Blog non va mai in vacanza ma ve le augura con tutto il cuore (e pure il fegato e i polmoni)

Koi e io ci faremo un giro giù per i dodici mari tra pesci, meduse, alghe e qualche creatura incantata. Purtroppo viene con noi...
Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

Su Glamour Italia di Giugno si parla di una fumettista su Instagram. Che si chiama Giulia Grazia Guardo (oh mi pare di conoscerla. è quella scema con il fiocco rosso in testa? ) .

Si parla di iphonographer e Instagram dove ieri ho raggiunto gli ottantamila followers (da tachicardia, sì).

Grande onore essere insieme all’amico prezioso Gennaro Varriale, ideatore di pingram.me (social che merita attenzione ideato dal genio di Gennaro e di cui parlerò prestissimo)  che si trova su instagram con il nickname @ironico (seguitelo perché è pazzesco)

Ecco io vorrei giusto soffermarmi sulla parola che mi ha fatto scendere la lacrimuccia,  tralasciando il fatto che come sempre ne sono lusingataonorataemozionatasbalorditaincredulasconvoltaesaurita e altri duemilasettecentoquarantatre stati d’animo che potrei tranquillamente elencare ma che risparmio per non tediare ulteriormente.

Fumettista come illustratrice di biscotti sull’intervista di Libero è il termine in assoluto che mi commuove di più come tutto quello che concerne il visivo dal punto di vista grafico, fotografico e illustrativo e identifica solo una cosa: il sogno. Quello per cui, confesso per non sembrare una super eroina, non dormo. Lotto. E fatico.

Molte volte vi è la curiosità di sapere come faccio a disegnare, fotografare, cucinare, essere social, partecipare a progetti, averne dodici in continua espansione e riuscire pure ad uscire di casa. La risposta è semplicissima ed è uguale a quella che posso  dare quando mi viene allo stesso modo chiesto ” come hai fatto a perdere ottanta chili?”.

Faticando. Rinunciando. Avendo costanza. Sorridendo sempre. Ricordando le fortune e non il contrario. Capendo e credendo  semplicemente che se  vuoi una cosa devi solo prendertela; e lo devi fare esclusivamente per te. Non per dimostrare agli altri e sbatterglielo in faccia; ma per passare davanti allo specchio e vederci riflessa la persona che volevi essere. Attendendo il tempo di avvicinarti al vetro e  sussurrare:

ti voglio bene.

Ecco svelato il mio ultimo sogno. Sussurrarmelo. Ed io nutro la certezza assoluta che realizzerò anche quello . Perché lo voglio. E lo otterrò.

 Grazie infinite a chi giornalmente mi incoraggia, aiuta e sostiene. Ho i vostri nomi scolpiti nel cuore. Uno ad uno. E non vedo l’ora di disegnarvi e raccontare a tutti quante creature magiche e speciali io abbia l’onore di avere nella mia cucina.

Nella nostra cucina.

 

Forse potrebbe interessarti leggere...

28 COMMENTS

    • cognata?
      seilacognatamiaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa?!?!*disse saltandole addosso

      ( ed anche se non sei mia cognata ti salta addosso lo stesso *_* senzaviadiscampo)

      ( e di gamberetto)
      ( ok la smetto uff)

      • so io so ioooooo ahahahahahah non ti mollo mica eeeehhhhhhh!!! cognatissssiiiimaaaaaaaaaa ufffaaaaa emmotivengoatrovare per abbracciarti porpio stasera questa così mi cacci a calci che non ne puoi più!!! ma io tiamoti (come la canzone di tozzi) 😀

  1. credo di essermi commossa. ecco.
    tuttoqqqua. i complimenti non te li faccio che son sempre superflui. so solo che il giorno che saranno settemilioni io potrò vantare di essere fra i primi <3 o giù di lì. mentre berrò caffè schifoso nella tua cucina. e girerò sullo sgabello. (o non li cambiare gli sgabelli eh.)

  2. Ormai lo so, mi preparo fazzolettini e occhiali da sole. Non so mai cosa mi servirà per arrivare alla fine del post. Spesso entrambi. Si parte con un sorriso, poi vuoto nello stomaco, poi lacrimuccia, poi adrenalina. E’ che io sono debole di cuore, eh.

  3. Sono le persone belle come te che mi danno la carica ogni giorno… i tuoi buongiorno, i tuoi piatti fantastici, i tuoi fumetti stupendi… Grazie grazie grazie <3

  4. Sono tornata a casa ora… Altra giornata di corda… Ma non potevo andare a dormire senza prima passare da qui, per bermi in pace la mia tisana insieme a te. Per ascoltarti mentre mi racconti di questo ennesimo, bellissimo traguardo raggiunto, per guardarti con gli occhi lucidi e dirti che sono felice ed orgogliosa, per stringerti forte, qui, in questa magica cucina, tutte spettinate, in pigiama, elettrizzate ed entusiaste. Meriti tutto il bene, il nostro, ma soprattutto il tuo verso te stessa. Buonanotte stellina…fai sogni belli…poi realizzali!

  5. Mi sento quasi come, cioè nella stessa posizione pur non essendola, una madre che guarda la sua figliuola ormai cresciuta e a cui scendono le lacrimucce guardandola mentre sussurra tra sé e sé: “La mia piccola bimba…”. Ecco, uguale, Giuli! La mia piccola bimba che cresce! Ti voglio tanto, tanto, tanto, tanto, tanto, tanto, tanto, tanto, tanto… bene! Anche tu sei nei nostri cuori costantemente. Personalmente penso a te sempre, appena c’è qualcosa che mi conduce a te e questi piccoli segnii non mancano. Tu sei magica. Tu sei una persona stupenda, bellissima. Te l’avrò detto mille altre volte, ma voglio che te lo ricordi e capisci quanto sia importante per me, per noi. Aldilà dell’aspetto fisico e dei pensieri oscuri, sei bella. Bella fuori e dentro. Sei perfetta così. Sarai sempre perfetta per me… Questa è una dichiarazione d’amore! 😀

  6. Ho letto tutto tutto solo stamattina…scusatemiiiii!!!
    Brava Iaia sei sempre meravigliosa. Sempre.
    Buona domenica fumettatrice di biscotti 😉

  7. che poi sarebbe bello anche riuscire a sorprendersi per queste notizie qua. ed invece è come se non potesse non succedere.
    (sull’80mila però mi ci soffermo un attimo. 80mila)

  8. le grandi anime hanno volontà, le piccole solo desideri [proverbio cinese]
    e son sicura che raggiungerai tutti i traguardi che ti porrai.
    un abbraccio

Rispondi a Giulia Cancel reply

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

Gelato al burro d’arachidi salato

Il gelato viene sempre prima di tutto. È la cosa che mi piace di più in assoluto. Sempre e per sempre. Questo al burro d'arachidi non credevo potesse essere così buono.

Colazione dolce o salata?

Colazione dolce o salata? Un po' come essere o non essere? Che sia dolce o salata la colazione è necessaria per la tua salute.

Il terzo numero di Mag-azine

Il terzo numero di Mag-azine è dedicato ai profumi di Sicilia. Un'isola incredibile che non smette mai di farti sognare.

Crema salata agli arachidi

Una crema strepitosamente buona che ti lascerà senza parole a base di burro d'arachidi e salsa di soia. Perfetta per condire insalate, involtini primavera e vietnamiti con le cialde di riso.

10 Primi piatti siciliani che non puoi perderti

La pasta alla norma e quella col macco. Il riso con l'ennese che profuma di zafferano e l'immancabile pasta al pistacchio senza dimenticare "a muddica". Scopri i dieci primi piatti irrinunciabili che non puoi perderti se sei in Sicilia.

More recipes like this