Risottino con mascarpone, zucchine al sapore di zenzero e guanciale di Norcia tostato

Must Try

Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

Incosciamente pare che io abbia organizzato la settimana del Mascarpone perché dopo il dolcetto al kiwi di lunedì  e i malloreddus al sapore di menta è la volta di un risotto mantecato proprio con il mascarpone insieme a pezzotti di guanciale di Norcia e zucchine fritte insaporite dallo zenzero. Il tutto servito con una polvere di mandorle e nocciole (come è accaduto con i gamberoni dei fusilli napoletani di giovedì, esattamente sì). Il mascarpone è un ottimo collante e se non adoperato in quantità vergognose riesce a essere un ottimo sostituto anche nelle preparazioni che richiedono l’uso della panna. A tal proposito già da un po’ mi riprometto di fare una sorta di pasta classica con prosciutto e piselli, magari adoperando i tortellini, ma mantecando con questo latticino piuttosto che con la parte grassa liquida del latte. 

Ho cotto le zucchine con abbondante zenzero (non fresco grattugiato ma la classica polvere da dispensa) e ho salato. Non le ho fatte cuocere molto anzi direi l’esatto contrario. Le ho messe da parte facendole asciugare un po’ sulla carta assorbente e nel frattempo in una padella antiaderente ho fatto sciogliere il guanciale nel suo grasso in modo che si tostasse. Ho fatto la base del soffritto classico e quindi carota, sedano e cipolla tagliata sottilissimamente e per il riso ho calcolato due pugni per porzione più uno per la pentola (lo dice sempre il Nippotorinese e a me ormai piace ripeterlo). Ho lasciato tostare il riso come da copione e quando ha cominciato a scurirsi ho aggiunto un po’ del brodo vegetale già preparato precedentemente che stava sobbollendo in un’altra pentola. Quando il riso era quasi cotto e stava per ultimare la cottura ho spento il fuoco e ho speziato con altro zenzero pensando di mettere anche un po’ di curcuma e l’ho fatto. Ma pochissima davvero. Ho aggiungo una cucchiaiata a occhio di mascarpone e ho buttato dentro le zucchine e il guanciale tostato. Ho girato per bene e ho lasciato che ad aggiustare eventualmente di sale fosse il Nippotorinese.

Si vede che sto correndo e che il Nippotorinese mi ha staccato la tastier…….

a..

Forse potrebbe interessarti leggere...

23 COMMENTS

      • sento fortemente di amarti.
        sono gia’ sposata con Cri.
        ho diverse fidanzate
        e .

        ma giuro che posso amarti con intensità e passione.

        vuoi fidanzarti ufficialmente con me? *si getta in ginocchio e le porge un anello a forma di granita al pistacchio.
        pensaci.
        non c’è fretta ( sottotitolo: tanto sarai mia*risata malvagia* è solo questione di tempo)

  1. Falla la prova del classico tortellino piselli e prosciutto con mascarpone perchè – ti assicuro – viene bene! Un po’ mi dispiace se il post è più corto, d’altra parte sono contenta se il Nippo ti fa riposare un po’… Buon weekend!

  2. Sembra piuttosto appetitoso, si. Proverò, proverò…

    Ti riposi eh, cucciola? Ebbravo Pier, ti ha rapita e chiusa in una torre senza porta e tu per essere salvata dovrai calare le trecce e io verrò a salvarti! Ah no, come dici?? Non hai le trecce? E vabbè aspetterò che ti crescano, così ti riposi, nel frattempo! 😉

Rispondi a gluci77 Cancel reply

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

More recipes like this