L’Arrosto in mille modi e oggi con gli agrumi

Must Try

Roastbeef con chutney di fichi secchi e cipolle

I chutney sono di bontà rara. Vanno bene per le carni, le verdure e i formaggi. Si preparano in pochi minuti e si conservano anche per mesi ma in realtà nessuno riesce a resistere così tanto. Quello che ti propongo oggi è a base di fichi secchi ed è una vera bontà.

Il Roastbeef (nella slow cooker) con il chutney di Zucca

Sono foto fatte nell'inverno 2017 (credo) che non ho mai pubblicato; sai già che ho un ricchissimo archivio, considerato che fotografo quasi tutto quello...

Le Polpette di feta e melanzane di Donna Hay

Stagioni di Donna Hay è un libro FA-VO-LOOO-SOOO ma con molte più O. Ne ho parlato qui, nel lontano 2012, quando Cecilia e Fabrizio...

Trinca con arancia, albicocche, anice stellato e pepe rosa e il rito della candela

La colf mi ha detto che la trinca è il pezzo migliore. A Catania si dice "ti ha trattato dalla parte della trinca" per...
Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

Ma per caso si è vagamente intuito che in questi giorni qui si è un tantinello esagerato con l’accoppiamento agrumato? Eh?

Perché dopo il merluzzo con olive, pompelmo e lime, i fusilli napoletani con arancia e gamberoni, la tartare di salmone con il pompelmo e la fritturina di calamari e non mi ricordo santo cielo, pare che sia programmato o che insieme a quei famosi quintali di pasta regalatami dal mio papà abbiano scaricato un tir di agrumi nella mia cantina. E invece no. E’ che questi accostamenti fruttosi sono la mia passione. La mia appunto. E c’è chi la subisce ma fortunatamente non mal volentieri ( anche la bionda ferrarese apprezza pesca-pesce spada, kiwi-sgombro, fragoline-calamaro)

Certo non è il momento ideale per il roastbeef proprio perché si deve accendere il forno e patire le pene più tremende, tanto che guardare una puntata di Mistero pare una passeggiata di salute per i neuroni, ma considerato che il Nippotorinese sta buono quasi una settimana con un pezzotto da un chilo e trecento grammi di roastbeef quando ho le mie settimane di riposo, ovvero quelle dove smetto di cucinare come un’invasata e mi dedico totalmente alla scrittura e disegno per lavoro, vado di roastbeef.

Ne preparo un pezzotto, magari di sera. Il forno sembra essere un’esperienza meno drammatica (nei limiti del possibile per quanto concesso dai 34 gradi alle undici di sera e tasso di umidità vergognoso tanto da rendermi vintage il capello con ondulatore che manco Greta Garbo dopo otto ore di casco e una nottata di bigodini). Il pezzotto rigorosamente mantenuto al sangue generalmente lo “chiudo” come si dice in gergo (uhhhh quante arie mi do*disse soffiandosi sulle unghie) con un po’ di olio in padella da tutti i lati prima di buttarlo sulla carta da forno disposta in una teglia e via in forno.

Quel pezzotto che taglio accuratamente solo grazie al coltello magico di ceramica (in altri modi proprio non riesco e no. E’ inutile che mi si dica che i coltelli in ceramica Ikea siano validi. Amo tutto ma no. I coltelli proprio no) viene poi trasferito nei contenitori da frigo Ikea (ecco. questi sono bellibellibelliassai) che chiusi ermeticamente con il sughetto di cottura a parte garantiscono una freschezza settimanale più che consolidata. Glielo rifilo…ahem no. Glielo servo poi pranzo-cena indistintamente condendolo in diversi modi. Ci sono i giorni che viene accompagnato solo dalle varie salsette, soprattutto Maille di cui il Nippotorinese va matto, sino ad arrivare a vere e proprie composte fruttose: magari marmellatine salate fatte in casa. Senza dimenticare la composta salata di cipolle rosse (ricordi?).

Senza dimenticare le senapi al mango e frutti esotici che preparo in casa e di cui non vedo l’ora di poter blaterare. Insomma per dire che una volta che si ha il roastbeef in casa lo sforzo disumano di accendere il forno in estate viene ampiamente ripagato. Se anche voi avete un Nippotorinese in casa amante della carne in qualsiasi forma meglio se al sangue o discretamente cotta senza eccedere, questa potrebbe essere una delle tante soluzioni. Oggi l’ho proposta con pompelmo e arancia giusto per non interrompere questo ciclo agrumato pericolosissimo che si è riversato al Gikitchen. Niente di particolarmente eclatante piuttosto solo un accompagnamento come fosse un’insalatina. Avrei tanto desiderato (ardentemente oserei dire) di inserire il finocchietto e irrorare il tutto con del buonissimo aceto balsamico magari in riduzione o perché no agrumato, ma essendo completamente allergico il nostro eroe non avrebbe gradito. L’olio che ho presentato in tavola era una brocchettina piccolissima dove avevo fatto macerare della buonissima scorza di agrume lavata accuratamente. Esattamente di arancia, pompelmo, cedro, limone e mandarino. Perché il mio Santofruttivendolodifiducia mi ha rifilato pure i mandarini. Come non amarlo? ( un po’ meno per i fichidindia messicani ma è un’altra terribile storia  che non posso, fortuna per l’umanità, raccontare perché io e la bionda ferrarese dobbiamo assolutamente fare l’estrazione del Giveaway. E’ chiaramente colpa sua se l’ho dimenticato sinora. PEDDONO!)

 ( tra l’altro l’estrazione avverrà in concomitanza con un’altra tombolata per anziani Sammeredisciòn) 

Forse potrebbe interessarti leggere...

26 COMMENTS

  1. Qui in casa Ingeriminese l’arrosto è apprezzato in ogni stagione… tanto lo cuocio io!!! Il problema è che – mentre a me questo abbinamento fruttoso piacerebbe assai – non so se avrebbe successo con lui… Sai che faccio? Vi raggiungo lì così assaggio quello preparato da te, ok? Baci a valanga!!!

  2. ecco…la tombola ci manca.
    Ci manchi pure tu per la cronaca eh *_*
    Passeggio sotto casa tua con macchine rosa feeeeeeescion e carrelli a seguito per il tuo shopping.. ma tu fai finta di non sentir il clacson eh? o che per caso stai pure un pochetto sorda??? ehh l’età!!!! ghghgh
    Sappi che al momento c’è un trattore sotto casa tua…sempre rosa eh!
    se non ti sbrighi va via pure quello!!!
    Fine settimana fuori ( forse) …speriamo di rilassarmi un pò.. se il pazzo non mi molla giù sullo stretto torno! mi raccomando non “tombolate” senza di meeeeeeeeeeeeee
    E si…si vede che sei in fase agrumosa 😀

  3. Anche io adoro gli accostamenti agrumosi…sangue siculo non mente! 😉
    E mi piace il roastbeef, ma lo farò più in là…adesso proprio non ci penso ad accendere il forno, vado di insalata alla grande in questo periodo così afoso! 😉
    Baci a bestiabbionda quando la incontri eh! 😀

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

Happy Vegan Christmas

Un libro che racconta un Natale total veg saporito, bello e profumato. Karoline sorprende con semplicità e con una disarmante bellezza.

Christmas Tea Time

La storia del marchio Dammann Frères ce la raccontano i diretti interessati nel sito ufficiale. Si tratta di un’infinita gamma di tè pregiati. Sir...

Mele, uvetta e cipolla

Amo questo contorno. L'ho scoperto un po' di anni fa e da allora è stato amore infinito. Facile, veloce, total veg e perfetto per quando hai voglia di qualcosa di buono e sano.

Chicago Pizza

La Chicago pizza, o deep dish pizza, ha un impasto dai bordi molto alti che viene riempito da mozzarella, salsiccia, parmigiano e salsa marinara.

Le polpette di melanzane

La mamma ha sempre ragione anche quando non ce l'ha. In cucina poi non ne parliamo. Se la mamma dice "a occhio" allora tu devi fare "a occhio", fine del discorso.

More recipes like this