Il Pesce spada sta bene con il ribes

Un letto di songino con listarelle di pesce spada affumicato e tanto ma proprio tanto ribes. Pepe rosa e sale rosa ma anche pepe nero e sale normale, per carità. Io devo solo smaltire sempre l’ingente quantità di sale e pepe acquistata da Eataly a Torino. La qualità del pesce spada affumicato farà la differenza perché sì santa pazienza quelli a volte del supermercato non sono pesci ma pezzi di plastica mischiati a qualcosa che vagamente dovrebbe somigliar loro. Si vede proprio dalla consistenza e al tatto. Quando sono troppo dure-secche-santocielo no. Scartavetriamoci le serrande prima di ridipingerle dopo essere state rovinate dal sole.

Nel caso, al contrario, in cui fossero di buona marca il risultato sarà sorprendente. Anche lasciarne marinare un po’ i pezzotti in un succo di lime e limone insieme non potrà che essere un vantaggio per ammorbidire ed aromatizzare il tutto.

Un’insalatina di ridicola presentazione ma sfiziosa per il contrasto del ribes con la dolcezza del songino e il carattere dell’affumicatura del pesce. Uno di quei pranzetti velocissimi dove il Nippotorinese si concede pure una cremina dolce a fine pasto e che non appesantisce le ore pomeridiane lavorative.

La scorza di lime grattugiata sopra rimane sempre un’idea vincente.

Cliccando qui un’altra versione di questa Insalatina al Pesce Spada ma con mais, pachino e olio aromatizzato agli agrumi . Due idee che si possono prendere sicuramente in considerazione per un antipasto gustoso, leggero e sfizioso per il pranzo o cena di Ferragosto, no?

( e se no: mentite santo cielo)

QUESTO POST È STATO PUBBLICATO IL: 

11 COMMENTS

  1. Iaiaa questa ricettina sfiziona non mi pare passata sulla fanpage di facebook, ma visto che sono qui attento come una faina non mi sfuggi! (tu pensavi di aver “preso” me ahahahaha)
    Affumicato. Eh pensi che una birra artigianale adeguata non ci sia? L’ho bevuta proprio questo week end in Puglia, durante la stupenda manifestazione Tribirra, a Triggianello. Con questo piazzo pajura ci sta proprio bene la Why Not del Birrificio Birranova, che è proprio di Triggianello, paese dove si è svolta la manifestazione (e un concordo di pazzi homebrewer, quelli che si fanno la birra in casa, dov’ero giurato).
    Sì perché questa Why Not mi ha lasciato stupito, e con il tonno affumicato secondo me ci va a nozze. E’ una Smoked American IPA, quindi viene prodotta con una piccola parte di malto affumicato i luppoli americani agrumati… affumicato e agrumato del piatto con affumicato e agrumato della birra… che ne dite?
    Buon Ferragosto!

Rispondi a apity Annulla risposta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

Seguimi anche su Runlovers

Tutte le settimane mi trovi con una ricetta nuova dedicata a chi fa sport

MUST TRY