Le uova del Drago

Uova cinesi, uova nel tè, uova di drago, uova marmorizzate. Ma quanti nomi hanno?

La prima volta che le ho fatte era il 2008 credo. Assistevo basita ed entusiasta alla preparazione guardando il canale Tv Alice, dedicato completamente al food. Sono diversi e fondamentalmente uno il metodo. Ti lascio due video: uno vecchissimo su YouTube e un altro più recente su Igtv di Instagram. Sostanzialmente devi far cuocere le uova con delle foglie di tè nero (e spezie se vuoi) e rompere il guscio -ma non del tutto come ti mostro nel video- in modo che il colore si insinui e tra le crepe riesca a disegnare le trame. Chiaramente più stanno ammollo le uova, comode comode, più il disegno verrà persistente e visibile. Lo stesso puoi fare con i coloranti alimentari. Di qualsiasi colore tu voglia: perfette per la Pasqua, insomma.

 

Nel tempo al classico tè nero ho aggiunto qualche cucchiaiata di salsa di soia -perché il metodo è riconducibile alla cucina cinese e lo consiglia- e vengono semplicemente perfette! Prova anche aggiungendo pepe, anice stellato e chiodi di garofano. Le uova si insaporiranno tantissimo. Inutile che ti lasci delle indicazioni precise, lo sai già. In alcune preparazioni non ce ne è assoluto bisogno e farsi prendere dal panico è controproducente. Segui il tuo istinto, divertiti e verranno perfettamente!

Il Video su IGTV

QUESTO POST È STATO PUBBLICATO IL: 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

Seguimi anche su Runlovers

Tutte le settimane mi trovi con una ricetta nuova dedicata a chi fa sport

MUST TRY