Polpette di Karen Fingerhut e Oliver Rouault

Must Try

Istanbul: Ricette dal cuore della Turchia

Credevo di aver già parlato di Eat Istanbul: Viaggio nel cuore della cucina turca e solo adesso mi sono resa conto che così non...

Cos’è la cucina Nikkei?

  A questa domanda un po' di tempo fa non avrei saputo rispondere nonostante il mio inesauribile interesse per il mondo del food; ed è...

Simple di Diana Henry

La libreria di Iaia, ovvero dove chiacchieriamo insieme di libri di cucina, è una delle rubriche più seguite del Blog da quando esiste; suppongo...

La nuova cucina del Nord

Il binomio "vecchi ingredienti- nuove idee", l'autore Simon Bajada, ribadisce più volte e in varie forma che è esattamente il riassunto della mentalità della...
Iaia
Una che disegna, scrive, cucina e fotografa ma non fa bene nessuna della quattro cose.

Ho più volte parlato all’interno dei post, preparazioni ed elaborazioni di questi libretti editi da Guido Tommasi divisi per gustose e particolari categorie. Con l’avvento della Libreria di Iaia (che se ne poteva fare pure a meno lo so) però posso sistemare tutto in maniera molto più ordinata. E così sia.

Ho deciso di cominciare dal volumetto dedicato alle polpette perché è stratosfericamente bello; e si potrebbe non aggiungere altro. C’è quello sulle Madeleines, Yakitori, Torte di Mele, Tartares e Vellutate e. E faccio sicuramente confusione perché non tutti sono della stessa collana pur avendo formato e tipologia di edizione pressoché identica. Questo graziosissimo volumetto  che si aggira intorno agli 11 euro è una raccolta di ricette polpettose saporite tradizionali ma al tempo stesso innovative ed etniche con quel fusion che non è più così con-fusion. Per tutte le occasioni si potranno propinare polpette. Che sia per un buffet, appetizer, brunch o vero e proprio primo piatto perché no?! sino ad arrivare a secondi e contorni e dolcetti. Perché sì ci sono tantissime elaborazioni di polpettine dolci. Quelle indicate le ho fatte praticamente tutte e confesso che sono diventate muse per altre ed altre ancora. Le dosi sono eccezionali e le spiegazioni semplici e senza fronzoli. E’ un libretto non troppo patinato, esagerato e pretestuoso e ha un formato sorprendentemente comodo perché va detto che in un libro di cucina si apprezza certamente moltissimo la qualità delle foto e spesso i grandi volumi sono meravigliosamente belli ma.

Ma ahimè quando li si deve trascinare tra microonde, forno, cucina e soggiorno, la bellezza viene quasi dimenticata. Comodo con una copertina rigida che grazie al cielo non si sporca (ci si può pure passare una pezza bagnata nel caso succedesse un pasticico come è accaduto a me), conta ben sessanta pagine e qualche consiglio utile per quanto concerne la preparazione base e classica delle polpette.

Queste rassicuranti palline che vanno bene per le più disparate occasioni. Sono dolci e tenere e spesso ispirano simpatia anche ai bimbi più renitenti alla carne o al pesce (ottimo modo per propinarglielo tra l’altro) e comode. Perché ecco quando si ha qualcosa di avanzato tutto si trasforma in polpetta. Mia nonna ad esempio gli avanzi del giorno li ha sempre trasformati in adorabili palline. Credo abbia fatto pure polpette di suppressata e polpette di gnocchi con la ‘nduja ma credo non sia attinente a tutto questo (o forse sì?) .

Il volumetto non è che vale soltanto il prezzo, ma va proprio preso ad occhi chiusi. Fosse solo per la geniale copertina con una varietà polpettosa estetica che ti fan venire voglia di accarezzare le pagine e andarci a dormire abbracciato (del resto quando un libro, e quello che c’è dentro, ti piace davvero tanto si ha sempre voglia di abbracciarlo e di dormirci su per paura di separarsene. Ricordo che la prima volta è successo con Piccole Donne).

Polpette di formggio di capra con i semi di papavero, polpette di riso con la mozzarella, bocconcini di pesce alla noce di cocco, polpette che sembrano crocchette, polpettine con la menta, polpettine di gamberi alla marocchina, polpettine di agnello, polpettine di patate e pancetta, polpettine di carne e cavolo, polpette di polenta, polpette di cioccolato con salsa di arancia, polpette di corn flakes al cioccolato, polpettine di mandorle e pistacchi e davvero molte altre ancora.

Certo per la polpetta basta davvero un po’ di fantasia, nonostante chiunque apprezzi indiscutibilmente anche la versione tradizionale (se non vi capita una Iaia, certo), ma vale davvero la pena possedere questo gioiellino. Il prezzo è basso e la qualità delle foto ottima. Gli impasti sono perfetti e non vi è neanche una consistenza che lasci perplessi. Le ricette si vede che sono davvero provate e riprovate e non gettando a caso ingredienti.

Un lavoro delizioso e un compagno di viaggio fidato. Oltre al pollice in alto pure una piccola ola con tanto di ip ip urrà evviva le polpette!

Forse potrebbe interessarti leggere...

37 COMMENTS

  1. Polpette?!?! Con un Frugolino che mangia con gusto e chiede “Ancora!” solo quando mangia polpette al sugo non posso esimermi dal comprare questo libro… Eh no, deve essere mio! Buona serata stellina!

    • Attento… potremmo prenderti in parola… sono velocissima nel prepararle, chissà che non sia brava anche nel lanciarle… ti immagini che spasso, tutti impiastricciati di sugo?! La gioia di Frugolino… 😉

Rispondi a pani Cancel reply

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

La frolla con i fiori

I fiori si possono ammirare, coltivare, regalare e mangiare. Sì, esistono dei fiori eduli perfetti per zuppe, insalate e dolci sorprendenti.

Il poolish

Il poolish, altrimenti detto biga liquida, serve per consumare pochi grammi di lievito di birra. Un altro modo per consumare meno lievito e ottenere dei...

(Japanese) Tulip Sandwich

Di rara bellezza spicca il Tulip Sandwich, che regala uno splendido tulipano all'apertura. Questo modo tagliare il sandwich è tipico giapponese anche nella versione salata.

Il Latte di mandorla Siciliano

Per noi siciliani è sempre stata la bevanda estiva. Quella che bevi ghiacciata sotto il patio nella bottiglia di vetro. Uno scrigno di ricordi e bontà.

Torta al cioccolato vegana (la più buona since 2012!)

Era il 2012 quando per la prima volta pubblicavo questa ricetta sul Blog. Ne rimane traccia però solo un vecchio post che non ricordavo....

More recipes like this