Zombie in tre minuti

Must Try

12 Ricette dolci facili, veloci e divertenti per Halloween

La ciambella dell'assassino, pupazzetti di Halloween, Le mummie con tanto cioccolato, Il tiramigiù di Halloween, Gli immancabili S'more, i ragnetti dolci, i cerotti insanguinati, gli occhi insanguinati, la merenda di Halloween, i tre dolcetti più facili e gustosi e i muffin vegani al cioccolato per un Halloween indimenticabile.

6 (e più) idee facili e veloci per arredare la casa a Halloween

Nella playlist Halloween del mio Canale Youtube trovi sessanta video dedicati ed è in continuo aggiornamento (ricoveratemi, sì). Ho deciso di raggrupparne sei, girati lo scorso anno, per idee velocissime e carine dell'ultimo minuto. Basta davvero pochissimo per rendere l'atmosfera unica e indimenticabile. Ti confesso che non sono ancora riuscita a intagliare una zucca o ad appendere una piccola ragnatela per casa. Il primo anno in assoluto (shhhh non dirlo a nessuno) che non riesco ma. Mai demordere! Entro sera cercherò, tra dita mozzate e dolcetti di ogni tipo e sorta, in qualunque modo di rendere accogliente la mia casetta per tutti gli adorabili mostri e fantasmi che vorranno presentarsi e cenare con noi. Nel frattempo magari faccio un bel ripasso anche io con questi video, che non guasta!

5 drink salutari e buonissimi per Ottobre (e Halloween!)

Ecco cinque bevande salutari, buonissime e facili da preparare per l'Autunno, o più nello specifico per l'imminente notte di Halloween. Purtroppo non sono riuscita...

Graham Cracker (vegano) per fare gli S’more

Di questo libro, regalo prezioso del mio amato amico Stefano, Cioccolato Vegan della Costigan ho parlato così tante volte (anche su youtube) che proprio...
Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

[vimeo http://www.vimeo.com/52163355]

Da un po’ volevo essere più credibile come Zombie. Non mi basta più il mio pallore naturale, i miei cerchi neri sotto le valigie (mica sono borse) e quello stato permanente vampiresco che rende violacee molto zone. Ad Halloween, insomma, faccio sempre un figurone così: nature. Senza troppi trucchi, insomma.

Ma quest’anno è il 2012, santozombieputrido! Mica possiamo non fare le cose in grande, mi sono detta mentre piegavo i calzini del Nippotorinese con un appeal da massaia novantenne. La mia pellevellutatacomepesca(marcia) doveva avere delle escoriazioni!

E allora mi sono decisa a provare la tecnica del fazzolettino di cui tanto si sente parlare nei diversi makeup tutorial per il tubo e non in ultimo nel reality che mi sta conquistando pian piano, dove a darsela di santa ragione non sono mammapapafiglisostata, stilisti, modelle, carcerati, salumieri, cuochi bensì: make up artist a livelli fantasmagorici per intenderci.

E allora ho provato. Non perché non abbia nulla da fare intesi; ma perché avevo voglia di prendermi dodici minuti tutti per me (la tenuta grigia fafreddo-ci sono venti gradi!-scandalosamente casalinga mi si perdonerà? speriamo). Ne sono occorsi molto meno di dodici, in quanto basta davvero pochissimo. E dopo il primo tentativo che credevo sarebbe stato fallimentare posso asserire che no: la tecnica del fazzolettino non solo funziona ma è strepitosamente divertente e credibilissima. Qualora si volesse perdere anche solo due minuti in più si otterranno dei risultati pazzeschi. Giusto per capire vi allego scandaloso video che mi mostra (mostra. in tutti i sensi).

I passaggi sono i seguenti:

– Nel mio caso non è servito schiarire molto la base essendo più bianca di qualsiasi tipo di fondotinta e cerone viso. Ma per gli umani è importante adoperare un fondotinta più chiaro di molti toni. Ho messo una base. Poi sopra il mio fondotinta e per accentuare un po’ il pigmento porcellana di Lush che è l’unico prodotto poi che mi rende più bianca del mio bianco naturale.

Ho fissato con una cipria bianchissima in polvere e ho steso poi alla meno peggio senza badare alle sbavature dell’ombretto nero sugli occhi. Una professionista direbbe sulla palpebra mobile. Anche un po’ sotto (non ho messo il mascara giusto perché si trattava di prova ma ecco. Avrebbe fatto risaltare ancora di più lo sguardo). Ho insanguinato anche un po’ con un ombretto fucsia-rosso i lati delle palpebre. E con lo stesso ombretto ho screpolato le labbra fissandole un po’ sul labbro inferiore e superiore.

Con la colla delle ciglia (tutte dicono usate la vinavil o la pritt senza problemi ma io colnanodagiardinochemettocollasulmioviso! Se qualcuno mi dovesse dare un pizzicotto rimarebbe il livido per settimane. Non oso immaginare per togliere la colla. Con un po’ di struccante sono sicura almeno che quella per ciglia finte andrà via sicuramente e se non fa male agli occhi sicuramente non lo farà alla pelle. O almeno spero *disse fissando l’oblio).

Ho messo una parte di colla per ciglia sul volto e poi attaccato il fazzoletto (ho provato solo in una parte ma in più il risultato sarà credibile e spaventoso. Non vedo l’ora di avere altri dodici minuti). Giocato un po’ senza movimenti precisi. Staccando le parti non attaccate.

Con una matita per labbra rosso fuoco ho picchiettato sopra il fazzoletto attaccato e subito dopo ho messo sopra qualche goccia di fondotinta per eliminare il bianco del fazzoletto kleenex ed amalgamarlo per bene alla pelle non cancellando certamente i rossori. Che ho accentuato poi con altro ombretto. Con un gloss liquido color sangue ho fatto il resto. Perché il sangue finto non ce l’avevo e francamente non ho neanche intenzione di comprarlo considerato che mi trucco una volta l’anno e questo bellissimo gloss ha finalmente trovato un impiego. Diverso sì ma decoroso.

E insomma stando più attenti (ed essendo più bravi di me, inciso, che pure un bimbo alle elementari) la tecnica del fazzolettino potrebbe tornarci davvero utile per questo Halloween o sbaglio?
(sbaglio sicuro. Ne ho certezza assoluta)

(mollo tutto e faccio la meikapartist. Ho deciso)

Forse potrebbe interessarti leggere...

19 COMMENTS

  1. sìììììì spaventerò tutte le mamme degli gnomi del parchetto, sì! gli gnomi invece, secondo me, si divertiranno moltissimo! (risata satanica mode on)

  2. e il galbanino???? O_O
    pf fai sempre come te pare però eh. quella aveva detto di attaccarsi il galbanino con la colla pf.
    dillo che è da quel giorno che non ti dai pace, ammettilo.

  3. hihihihihihihi
    fichissimo!!!!!

    Iaia mi chiedevo… ci vai al Lucca Comics and Games?
    A quando una pubblicazione cartacea con i tuoi personaggi??

    • Ciao Cle ❤❤❤come stai ?

      Lucca !!! Il mio sogno ! Ogni anno dico che vado e poi …. Succede sempre qualcosa . Avevo giurato che quest’anno e.

      Ed è successo qualcosa *risata isterica

      Spero tantissimo nel prossimo anno tentando un immotivato ottimismo

      ( lo prendo come un complimento enorme ! Grazie infinite Cle ❤davvero . Lusingata )

      • Complimento meritatissimo!!!!
        Noi abbiamo fatto di tutto per essere a questa Lucca, l’anno prossimo ci sposiamo e poi… chissà… potrei non essere al massimo della forma per un viaggetto… non so se mi spiego! 😉 ma… mai dire mai! Cie vedremo lì, prima o poi ed io farò la fila anche per il tuo autografo! ;D
        baci!

  4. carinissimo il video 🙂 purtroppo ad halloween sarò reduce da una piccola operazione e non potrò mascherarmi, sarà per il prossimo anno 😉

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

Gelato al burro d’arachidi salato

Il gelato viene sempre prima di tutto. È la cosa che mi piace di più in assoluto. Sempre e per sempre. Questo al burro d'arachidi non credevo potesse essere così buono.

Colazione dolce o salata?

Colazione dolce o salata? Un po' come essere o non essere? Che sia dolce o salata la colazione è necessaria per la tua salute.

Il terzo numero di Mag-azine

Il terzo numero di Mag-azine è dedicato ai profumi di Sicilia. Un'isola incredibile che non smette mai di farti sognare.

Crema salata agli arachidi

Una crema strepitosamente buona che ti lascerà senza parole a base di burro d'arachidi e salsa di soia. Perfetta per condire insalate, involtini primavera e vietnamiti con le cialde di riso.

10 Primi piatti siciliani che non puoi perderti

La pasta alla norma e quella col macco. Il riso con l'ennese che profuma di zafferano e l'immancabile pasta al pistacchio senza dimenticare "a muddica". Scopri i dieci primi piatti irrinunciabili che non puoi perderti se sei in Sicilia.

More recipes like this