Halloween a costo zero alle ore 10.10

Must Try

12 Ricette dolci facili, veloci e divertenti per Halloween

La ciambella dell'assassino, pupazzetti di Halloween, Le mummie con tanto cioccolato, Il tiramigiù di Halloween, Gli immancabili S'more, i ragnetti dolci, i cerotti insanguinati, gli occhi insanguinati, la merenda di Halloween, i tre dolcetti più facili e gustosi e i muffin vegani al cioccolato per un Halloween indimenticabile.

6 (e più) idee facili e veloci per arredare la casa a Halloween

Nella playlist Halloween del mio Canale Youtube trovi sessanta video dedicati ed è in continuo aggiornamento (ricoveratemi, sì). Ho deciso di raggrupparne sei, girati lo scorso anno, per idee velocissime e carine dell'ultimo minuto. Basta davvero pochissimo per rendere l'atmosfera unica e indimenticabile. Ti confesso che non sono ancora riuscita a intagliare una zucca o ad appendere una piccola ragnatela per casa. Il primo anno in assoluto (shhhh non dirlo a nessuno) che non riesco ma. Mai demordere! Entro sera cercherò, tra dita mozzate e dolcetti di ogni tipo e sorta, in qualunque modo di rendere accogliente la mia casetta per tutti gli adorabili mostri e fantasmi che vorranno presentarsi e cenare con noi. Nel frattempo magari faccio un bel ripasso anche io con questi video, che non guasta!

5 drink salutari e buonissimi per Ottobre (e Halloween!)

Ecco cinque bevande salutari, buonissime e facili da preparare per l'Autunno, o più nello specifico per l'imminente notte di Halloween. Purtroppo non sono riuscita...

Graham Cracker (vegano) per fare gli S’more

Di questo libro, regalo prezioso del mio amato amico Stefano, Cioccolato Vegan della Costigan ho parlato così tante volte (anche su youtube) che proprio...
Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

In tempo di crisi (che detto da una che ha fatto del consumismo la sua ragione di vita è pure normale che ti venga voglia di spaccare il monitor e lanciarmelo. CALMA! tisana ai mirtilli. Non funziona ma provala. Inspira espira) anche un Halloween a costo zero si può organizzare. Senza rinunciare a meravigliose idiozie quali i pupazzetti.

Credo di averci fatto davvero di tutto con il panno lenci. E la memoria volge al 2005 quando confezionavo MaghettaStreghettaPupazzosa e Nippo (che allora veniva epitetato più Sick) grazie a quegli anni passati con nonna e zia davantialle telenovelas venezuelane (sfruttamento minorile e visioni vietate. Stralci horror della mia infanzia. Piccola cucitrice-ricamatrice sfruttata durante la visione della schiava Isaura che veniva rimpinzata di pizza e scacciata, candidata ordunque all’obesità. Uhhhhhhh che vita affascinate ho condotto?).

Insomma basta.

Per dire che i suddetti pupazzetti sono stati da me disegnati e realizzati da SantaSignoraPina (adesso sono io la NonnaZiaCattiva che costringe una piccola, dolce e innocente creatura a cucire. Solo che non sottopongo SantaSignoraPina alla visione di Leonela, Schiava Isaura, Ancheiricchipiangono ma a MPD Psycho e tutta la maratona horror tra Carpenter, Miike e registiacaso. Pure gli ultimi vergognosi di Argento, a tal proposito una toppppplllesa è in arrivo).

E’ facilissimo realizzare pupazzetti (ancora di più se avete SantaSignoraPina ma siccome è mia gne gne gne gne…) perché basta disegnare un piccolo bozzetto di quello che si vorrebbe ottenere e poi ritagliarlo. Sovrapporlo al panno lenci. Ricavare tutti i pezzetti. Imbottirli di cotone. Cucire. Se si ha la macchina da cucire maghettosa con tanto di adesivo di Hello Kitty rosa fiammante, tutto risulterà più intrigantemente-psicopatico.
Per mancanza di tempo non ho potuto filmarla, come avrei voluto, e non ho neanche realizzato i pdf con le creaturine da me disegnate per metterle in formato scaricabile (su instagram-mail-twitter-facebook-piccioneviaggiatore adorabili psicopatici me lo hanno chiesto. IO VI AMO! invece di picchiarmi continuate ad incitarmi. PERCHE’?). Uff. E mi spiace (sono una sfruttatrice di SanteSignorePina poco generosa).

E’ pur vero però (orsù! Non demordere mai!) che è davvero semplicissimo ed io rimedierò con tutorial di nanetti e gnometti natalizi (No davvero. E’  incredibile quanto siano richiesti degli pseudo tutorial. Fisso lo schermo chiedendomi “Io? io dovrei spiegare qualcosa?”. Essivedechenonmileggono quelli che richiedono codesto delirio. Se lo facessero capirebbero che per spiegare la cosa più semplice riesco a complicare tutto. E per spiegare la cosa più pazzesca e complessa riesco a semplificare tutto. Risultato? Non si capisce niente come sempre).

Mister Mummy, Mister Frankie, Mister Dracu mi tengono compagnia in quest’alba. (digito alle 4 perché sono una brava psicopatica che ha una scaletta da seguire. Una scaletta che somiglia più a quella per salire al maciupiciu-chesiscrivecosì)

(esiste una scala per salire al maciupiciu, vero?)

Ho letto i commenti riguardanti l’orario per Racconti intorno al fuoco. Alle 17.17. Alle 12.12. Alle 13.13. Alle 14.14. Sono felicissima (e preoccupata) che ormai tutti mi diano appuntamenti del tipo alle 13.13, 15.15 in stile maghettoso perché significa solo una cosa: siete impazziti e nel reparto psichiatrico staremo sicuramente insieme.

Darei la precedenza alla decisione di Max, in quanto caposupremocampionatopazzochemisopportadadiecianni ordunque alle 12.12 verranno pubblicati i Racconti intorno al fuoco. 

Questo implica però una cosa (ovvio no? non sono arrivata a far tutto), ovvero che ci saranno degli aggiornamenti in giornata. Nel senso che lo spazio riservato a Racconti intorno al fuoco sarà in continua evoluzione. In modo che il fuoco non si spenga fino a notte fonda. E chiunque vorrà contribuire al rimpinguamento (penso sempre ai pinguini. E’ normale no?)  del fuoco potrà farlo (basterà lasciare un commento sotto al post delle 12.12 che controllerò a intervalli regolari di 12 minuti per dirmi: “bestiaguardalemail che ti ho mandato una cosa da inserire! “e lo farò).

Insomma alle 12.12 (e il riassunto di Halloween quando lo metto? santocielo quest’anno siamo poco organizzati!) cominciamo a mettere la prima legna. A farci largo. A sistemare un po’…

(volete ridere? Manca il mio racconto! aahahahahha *smette di ridere per finta* Eh? e perché non state ridendo?)

(HO LA GIUSTIFICAZIONE LO GIUROOOOOOOOOOOOOOOOOOO)

(giurocheloscrivo. giuro. Non pranzo. E lo scrivo)

(vi piace l’idea che metta i racconti a poco a poco per creare suspense? eh? riflettiamo. Non voglio prendere alcuna decisione da sola. Il cerchio non è mio. E’ nostro)

(perché continuo a chiudere e aprire parentesi?)

(sono le 4 del mattino ed io già noncelapossofare)

Forse potrebbe interessarti leggere...

23 COMMENTS

  1. santapuzzola stiamo messi male..tutti mi sa!!!!
    Gy io non ho scritto un racconto…come ben sai..picchiami! mi metto nell’angolino in castigo….però ehm..ho la giustificazione anche iooooooooooooo lo ggggggggggggggggggiuro!!!!
    😛
    Halloween a me piace solo per la zucca e per i suoi dolci mi sa …però quest’anno non sono stata molto attiva, forse perchè non la sento festa :/ … invece sento festa il giorno dei defunti…infatti corro a fare le rame di napoliiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii 😛

  2. Un fuoco in continua espansione? Un incendio da qui (non da qui perché alle 12.12 ma ci siamo capiti) a mezzanotte (eallafinemaxcolvocionelaspuntasempre!Mi prendo una vuvuzela, perdindirindina!!!)! Io non vedo l’ora inizi, sinceramente!

  3. mito, sei un mito!
    sorè dovevi vedere la faccia dell’eletto stamattina quando lho portato all’asilo e ha visto la maestra con un cerchietto di Halloween in testa! era tutto serio e molto, molto perplesso: sembrava volerle dire “ma come ti sei conciata?!!!”
    forse non è ancora pronto…ma l’anno prossimo ci sarà parecchio da divertirsi!!!
    un abbraccio

  4. GIUSTO!! Sono d’accordo per le 12.12 e anche per la continua evoluzione. Meno sul fatto che SantaSignoraPina sia soltanto tua. E non la presteresti un po’ anche a meeee???!! Uff… 🙂

    • e vorrei essere la tua vicina di casa uffff, almeno verrei a guardarti (non posso dire darti una mano perchè sono completamente negata!! però ti sosterrei il morale nei momenti più affannosi questo si!!!) fino a che non mi cqaccerai di casa, il che succederebbe dopo 5nanominuti ovvio!!

  5. Plinplon!
    Nota di servizio.
    L’excel che gestisce le tombole per anziani si sta arrugginendo. Urge tombola ASAP (As Soon As Possible).
    Fine nota di servizio.
    Plonplin!

  6. (e comunque questi pupazzetti sono adorabili, davvero, e io li adorerei solo perché da stringere e sprimacciare, e sì, ok, è chiaro che sono in crisi e non parlo altro che di sprimacciare e spupazzare e strapazzare tutto! Abbattetemi come i cavalli zoppi! Ponete fine alle mie sofferenze per di più imbarazzanti, insomma ridatemi la dignità che mi ostino a gettare via -____-)

  7. il nome Isaura ha risvegliato in me una certa inquietudine e un piccolo brivido di terrore… ecco, sono proprio in clima halloweenesco!!! Aspetto le 12.12… mi sono già sistemata accanto alla legna e ho portato i biscotti pupù!!!

  8. Uff, io il mio non sono riuscita a scriverlo.
    Vorrà dire che mi godrò i vostri. Li leggerò congelando piano piano su questa sedia in ufficio.
    Voglio stare a casa mia! Voglio finire questo maledetto stage!
    E comunque a me ultimamente è stato regalato un té al mirtillo.
    Urliamo insieme: “siamo ugualiiiii!” Come bambine impazzite.

    A pranzo io sarò lì, con il mio piatto di tofu e zucca (ricetta che pubblicherò) a leggere il primo o già il secondo racconto. Finisco di lavorare alle 12.30, quindi probabilmente il primo riuscirò a leggerlo già qui al freddo. Ma fino alle 14.30 starò a casa mia, al calduccio! Yeah!

    Io non sto nella pelle. E quest’immagine potrebbe essere quasi horror e inquietante!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

Gelato al burro d’arachidi salato

Il gelato viene sempre prima di tutto. È la cosa che mi piace di più in assoluto. Sempre e per sempre. Questo al burro d'arachidi non credevo potesse essere così buono.

Colazione dolce o salata?

Colazione dolce o salata? Un po' come essere o non essere? Che sia dolce o salata la colazione è necessaria per la tua salute.

Il terzo numero di Mag-azine

Il terzo numero di Mag-azine è dedicato ai profumi di Sicilia. Un'isola incredibile che non smette mai di farti sognare.

Crema salata agli arachidi

Una crema strepitosamente buona che ti lascerà senza parole a base di burro d'arachidi e salsa di soia. Perfetta per condire insalate, involtini primavera e vietnamiti con le cialde di riso.

10 Primi piatti siciliani che non puoi perderti

La pasta alla norma e quella col macco. Il riso con l'ennese che profuma di zafferano e l'immancabile pasta al pistacchio senza dimenticare "a muddica". Scopri i dieci primi piatti irrinunciabili che non puoi perderti se sei in Sicilia.

More recipes like this