Soba con maiale e verdure croccanti sotto una pioggia di sesamo

Must Try

La carbonara di Asparagi

Una versione vegetariana di uno dei primi più amati in tutto il mondo.

Risotto con miele di manuka e yogurt

La Ricetta Facilissima e di ridicola preparazione. Lascio dorare la cipolla nell'olio extra vergine d'oliva e quando è ora metto il riso a tostare. Aggiungo...

Le Barchette alla Norma

La sacra norma catanese con pochissimi ingredienti ma eccellenti: salsa di pachino, melanzana e un'ottima pasta di Gragnano firmata Pasta Gentile. Un primo che porta con sé storia, tradizione e cultura.

Barchette di melanzane con gnocchi al mascarpone e pistacchio con salmone

Una ricetta improvvisata che si è rivelata semplicemente perfetta! Scenografica ma facile da preparare stupirà e ingolosirà tutti: barchette di melanzana con mascarpone e pistacchio arricchiti da salmone affumicato.
Iaia
Una che disegna, scrive, cucina e fotografa ma non fa bene nessuna della quattro cose.

Qui in casa se non ci fosse il wok potremmo pure buttarci in un angolo e piangere lacrime amare. Ma amare. Tanto amare. Io nel wok ci faccio pure il caffè (nessunodicacheilmiocaffèfaschifo! LO SO!).

Il Nippo sostiene che la carne saltata nel wok acquisti un sapore completamente diverso (poi aggiunge che tanto in Sicilia non fa differenza perché chapeau al pesce ma la carne è un pezzodiplasticainconsistente. Ecco spiegato anche il motivo per cui, oltre a non farne un abuso in generale, preferisce mangiarla altrove. Altrove non fa provincia di Trinacria. In qualunque dei tre vertici dell’isola, per intenderci. I catanesi non gliene vogliano insomma. Si lamenterebbe anche isolette comprese, a Lampedusa ecco.

In effetti però nonostante la carne sicula non siacarnevera (io per spirito di patriottismo dovrei insultare il sapore del pesce a Torino. Non lo farò, amando la terra sabauda a prescindere, e ahimè non potrò in questa vita fare paragoni non avendolo mai mangiato. Applausi a me che comunque da brava integralista della granita mi complimento ugualmente. A dimostrazione del fatto che io sono buonadolcecarina e lui un mostro. Tutto torna no?) l’algido nordico riconosce la cottura e si accorge immediatamente se ho tirato fuori il wok da 23 chili che per lavarlo devo chiamare una squadra di omoni, o no.

(ma dopo quelle parentesi lunghissime voi capite la principale? io no)I soba come già ripetuto più volte (e potrei anche finirla in effetti) non mancano mai. Gli spaghetti diciamolo il nippo non sa neanche cosa sono. Per questo credo di averli preparati nelle varianti pià assurde. Oggi però una classica senza pretesa alcuna. Ho adoperato della salsiccia (sicula, sì. Ohhhh! E non potevo andare a Bra. Avevo giusto due impegni *disse fissando il Nippo con sguardo truce) privata di budello che ho insaporito leggermente con della salsa di soia e lasciato cuocere nel wok. Ho aggiunto pochissimo olio di sesamo e lasciato che una pioggia di semini (sempre di sesamo) cadesse giù.

Non appena il rossore della salsiccia è svanito ho messo da parte e sempre nello stesso wok con un po’ di olio di sesamo ho fatto cuocere per pochissimi minuti delle zucchine e del peperone tagliati a listarelli. Dopo aver cotto i soba con pochissima acqua di cottura ho ributtato tutto insieme e amalgamato per bene. Servito in ciotoline fumanti (si fa per dire perché dopo le foto i soba erano un malloppotto freddo che abbiamo lanciato contro il muro) con tanto di bacchette e tovagliolino ricamato della nonna (non è vero. Perché dopo le foto gli ho sbattuto tutto su un piatto fondo bianco. Gli ho lanciato una forchetta con un tovagliolo di carta e gli ho detto “tiè mangia!”).

Sono delle tristi storie familiari, queste.

Hai detto che la carne in Sicilia non è buona? Ecco. Meriti questo ingrato! Ti abbiamo accolto con carretti e piogge di cannoli! (cosa sto dicendo?)

Mi piace lasciare le alternative (ahem in realtà rispolvero l’archivio e scopro deliri che non ricordavo. E’ proprio vero che scrivo in preda a trance ipnotica) e spero che sia piacevole anche per voi. Oggi ho scelto… uhm… vediamounpo’.

Soba al tè matcha (dove all’interno c’è anche un mio miniminimini raccontino) e devi cliccare qui >>>

Soba alle quattro S con salmone, sesamo e soia. Per la ricetta e il delirio devi cliccare qui >>>

Ed anche se sono udon si possono adoperare anche i soba. Con gamberoni, wakame e sesamo. Per la ricetta clicca qui >>>

Forse potrebbe interessarti leggere...

49 COMMENTS

  1. Ma sai che, alla prima occhiata, avevo letto “Soba maiala” e pensavo fosse una nuova, bellissima imprecazione? Comunque io da ora in poi la userò ogni volta che mi prendo lo spigolo sul mignolo del piede: “Sobamaiala!” urlerò.

  2. Buonissimi!!! Se vi decidete a venire a trovarci, lo portiamo noi il Nippo a mangiare la ciccia buonaaa!!! Siamo un po’ carenti a granita, ma un buon gelato adatto anche agli intolleranti al lattosio lo troviamo, ok? Bacetti ad entrambi!

  3. Ghhhhh…..soba! Proprio in questi giorni sto sitemando le foto del viaggio di nozze in Giappone e sto ripensando a tutte le ghiottonerie che abbiamo mangiato laggiù!
    Ti abbraccio (e la mia amica no, ancora non ha partoritooooooooo)

  4. A me i soba fanno sempre venire in mente dei piccoli omini che piangono, SOB! SOB!
    Eppure dovrebbero essere allegri e spensierati

  5. Io però una cosa devo dirtela.
    Oltre le parentesi, amoramia, non c’è una principale, non c’è. Ma se anche ci fosse chissenefrega, è la parentesi quella che conta, dai retta a me.

  6. Sperando di non fare anche oggi figure obbrobriose come ieri, eccomi qui per un abbinamento birroserrimo.
    ‘Sto maialetto sobato e insaporito con verdurine e sesamo mi fa subito pensare a una birra ambrata, dove il malto caramellato si leghi bene alla dolcezza del piatto. Però mi piacerebbe che la birra mi pulisse la bocca con un po’ di secchezza, così da rendere pronta la bocca per un nuovo boccone. E questa magia può essere realizzata con un’Ambra del birrificio Geco, ovviamente!!! http://www.birrificiogeco.it/wp-content/uploads/2012/01/Scheda_Ambra.pdf

      • No vabbè ieri è stata una giornata epica e ringrazio il Signore perché non mi sia scappato altro… Però scusate!

    • Oggi siamo più tranquilli?!?! 😉 Scusa…neppure io ho resistito…ma è tutto affetto!!! :-*

        • Perdonami Luca leggo solo adesso santapizzetta.
          Sto lavorando come una matta.
          Dimmi tu cosa fare. Vuoi che elimino? ti prego dimmi senza farti alcun tipo di problema e soprattutto .
          Non fartene.
          ( è un nick che se non ti dispiace vorrei adoperare pure io . Anzi sai che ti dico? mi compro pure il dominio *segue risata isterica)
          eniuei.
          Dimmi tu cosa fare e faccio subito.
          Sei adorabile con qualsiasi nick.

          Un bacio !
          Iaia
          ( e grazie sempre per i tuoi strepitosi consigli. Appena ho un attimo di respiro vorrei organizzare un altro post maltodalegare. Mi manca troppo ! anzi me ne scuso proprio ma 🙁 periodaccio!)

        • Non fare così, davvero…siamo tra amici!!! Anzi scusa, non dovevamo sottolinearlo. E poi sai quante volte quella cosa lì la pensiamo pure noi?! È che io non posso dirlo ad alta voce per via di Frugolino!

          • Grazie per la comprensione 🙂
            No non è successo nulla, era solo una giornata no come capita a tutti, per fortuna. No non per fortuna che capita a tutti, ma che era solo una giornata no.
            Vabbè cercherò di stare più attento però eh :-/
            Baci a tutti!!!
            P.s. Iaia quando vuoi sai che sono qui, per qualsiasi idea ti venga in mente, ok? Bacio!

  7. A cì.
    A cì.
    A cìììììììììììììììììììììììììììììììììììììììììììììì ma te pare che te metti a fa i sobaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa?
    Ma se li volemo fà, o nun se li volemo fà, du’ spaghettucci ajo ojo e peperoncino? Magari co’ ‘n ciuffetto de prezzemolo? Senza pommidoro, così in bianco?

    I soba ti ‘i magni te. E quelli da ‘a palazzina tua (er nippo, appunto).

    😆

    Guarda che ci vengo sul serio a Catania, fine gennaio. Devo ancora vedere esattamente quale uichend.

  8. mmmm..io amo il maiale…starei sempre a fare il maiale..maiale ..maiale…
    ehm..sta diventando grottesco questo commento….

  9. E vorrei rispondere singolarmente unoadunounoaduno e intrattenermi.
    Perché sarebbero tante le cose da dire ma.
    Non ce la faccio.
    Ho appena smesso dopo aver cominciato alle 5.30 e la sveglia è alle 5.
    Quindi posso solo abbracciarvi tutti.
    Ringraziarvi.
    dirvi che mi mancate.
    e che spero questo periodo finisca presto.
    Un bacione immenso.
    e sempresempresempre grazie.
    ma sempresempresempre.

Rispondi a Wish aka Max Cancel reply

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

La Food- Disegnoterapia

Puoi concentrarti su di un piatto per impararne bene le forme e prenderci dimistichezza. L'importante è zero stress. Non pensare mai che tu non sia in grado di disegnare. Sai farlo. Ti stupirai.

Pancake vegani con il latte di mandorla

Non sono una fan dei pancake, perché mi piacciono più i waffle ma devo dirti che questi sono in assoluto i pancake più buoni mai provati.

Ti porto nel salone Vittoriano

Ti porto nel mio salone vittoriano per prendere un tè insieme. Ti racconto del progetto e ti mostro qualche angolo inedito.

La Primavera di Fernanda, la mamma

Di questa Primavera ho parlato tantissimo in svariate occasioni, perché mi ricorda mamma ed evoca tanti preziosi ricordi.

La carbonara di fave

Con le zucchine, con gli asparagi, con l'avocado e pure con le fave. La carbonara vegetariana è ricca, buona e sorprendente.

More recipes like this