Home / Vegetariano  / Vellutata pomodoro panna mascarpone: La zuppa del Vampiro

Vellutata pomodoro panna mascarpone: La zuppa del Vampiro

Uhm. Poco tempo. Pochissimo tempo. Ma proprio pochissimo. Devo recuperare giorni, forse settimanemesianni. Allora non ho molto tempo per farmi trovare preparata. E mi dispiace ogni giorno non poter accogliere il Nippo che torna dal lavoro con decoro, apparecchiatura e soprattutto un volto umano e una presentazione quantomeno decorosa. Mi trova sconvolta e frenetica mentre incastro su ICal tutto quello che c’è da fare, cucinare, fotografare, disegnare, appuntare, disdire, organizzare e. E nonloso.

Da un anno ormai conduco questa vita e seppur emozionante, interessante (sì oggi solo da elenco emozioni), stressante e sul filo dell’incoscienza, non nascondo che anche qualche minuto in più per me lo vorrei. Pure il tapis roulant è diventato un incastro su ICal. Non è tanto un momento per me. Ma un momento che mi impongo. Che non ha alcunché di rilassante come tempo fa. Devo farlo. In maniera meccanica. Salgo. Corro. Scarico. Penso. Scendo. Di fretta per giunta. E mi infilo in doccia già agitata e pensando che ho perso tre minuti in più  di quelli stabiliti e no. La seconda passata di balsamo non posso darmela. E neanche fare la mascherita piperita perché poi sporcherei la reflex mentre scatto. 

Dovrei fermarmi certo; ma non ora. Manca poco però. E poi potrò farlo per fissare il soffitto, i piedi e la finestra da cui vedo orrende case (santocielo dipingetele a pois!).

Solo che poi quando asserisco questo so di mentire. E so esattamente che al contrario non potrei più vivere diversamente. E che sono felice. Stanca certo ma immensamente felice.

Per oggi lascio il pranzetto del Nippo che è una semplice vellutata al pomodoro con l’aggiunta di pochissimo mascarpone (ho aggiunto anche un pizzico di origano e il Nippo per poco non piangeva in un angolino. Detesta l’origano quanto il finocchio e il calamaro bollito. Lo avevo dimenticato, ahimè. Presa da un raptus Nandesco. Perché mamma lo infila pure nel ragù, nelle lasagne e nella ciambella con lo yogurt. Fortuna che non fa dolci, ecco. E la ciambella allo yogurt era solo un tristissimo esempio. Per dire che quando fa la pizza. Non è pizza pomodoro e origano ma Origano con un po’ di pizza e pomodoro). L’aggiunta del mascarpone risulta vincente se usato in quantità non troppo generose e i pezzotti di pomodori rimangono un’idea per quelnonsoquelchedicroccante che con la morbidezza si sposa bene. Cerco di ovviare al problema nontihopotutocucinarealtro alleggerendo con adesivi kawaii. Lui sorride, dice “è buonissimo anche se fa schifo”, mi abbraccia e dice:

Coraggio amore.

Ce la stai facendo.

E allora mi dico che. Beh mi dico che. Se ce la faccio ogni giorno a meritare un uomo così. Posso farcela anche in altro che ha meno valore. 

Una che disegna, scrive, cucina e fotografa ma non fa bene nessuna della quattro cose.

Review overview
33 COMMENTS
  • Luci 10/11/2012

    a

    • Luci 10/11/2012

      primaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!1

  • Luci 10/11/2012

    Sono commossa dalla bellezza di questa ciotola… mangerei volentieri questa vellutata, ma anch’io senza origano perchè lo sopporto, ma non lo amo…in ultimo, ma non meno importante: che tu sia felice, questa è la cosa che conta. Quella che – per quell’affetto che provo nei tuoi confronti – rende felice anche me. Che ti so stanca, presa da mille cose, con i minuti contati…ma felice. Quando sarà il momento di fermarsi davvero un pochino lo capirai da sola. Ti abbraccio fortissimo, con me Frugolino, che ti pensa sempre… buon sabato!

  • Wish aka Max 10/11/2012

    Non ha meno valore. Perché sono due facce della stessa medaglia. Due aspetti che ti riguardano profondamente.

    • Wish aka Max 10/11/2012

      Non voglio sminuire Pier, eh. Ci mancherebbe pure. Pier è il tuo Superenalotto, che vinci ogni giorno. Ma il resto sei tu. E quindi è un altro Superenalotto. Era questo il senso, rileggendo mi sembrava potesse essere mal interpretato. 🙂

      • Iaia 10/11/2012

        noi due dobbiamo parlare.
        e mamma mi ha detto che vieni a catania.
        miiiiiiiiiiiiiiiiiiii
        noncistocapendoniente.

        • Wish aka Max 10/11/2012

          A ci’ er nummero mio è sempre quello! E sì vengo a gennaio, probabilmente 🙂

  • Come si può non amare l’origano???Che affronto!
    Si potrebbe scomporre in termini primi questo post, affrontarlo intero con la lingua strizzata tra i denti e le rughe di impegno in mezzo agli occhi e vederlo piano piano diventare una riga sola e forse anche meno, con lo stesso sollievo che solo la matematica. Tornerebbe tutto.

  • bestiabionda 10/11/2012

    Ce la stai facendo.
    Cazzo se ce la stai facendo!

    • Iaia 10/11/2012

      chi sei?
      sei bionda…
      lo vedo dall’avatar.
      ma.
      chi sei?

      • bestiabionda 10/11/2012

        e che ne so io chi sono.
        non lo so ma oggi è il 10 novembre e sono confusa. pensavo fosse ancora agosto. non ci sto capendo nulla

  • Chemical 10/11/2012

    che meraviglia questo piatto, anche se è semplice, rende tantissimo alla vista e sicuramente anche al palato. vorrei commentare anche sul “meritare un uomo così…” ma non me la sento, ho paura di scrivere parole a sproposito su un argomento troppo delicato, comunque anche lui penso sia davvero fortunato, ti mando un abbraccio 🙂

    • Iaia 10/11/2012

      e io acchiappo l’abbraccio ringraziandoti sempre .
      E ricambio stringendo forte.
      :*

  • milly 10/11/2012

    mmm…vorrei riempirti di dimande…ma dato che non hai tempo spero che prima o poi mi concederai l onore di un faccia a faccia sono troppo curiosa….

    • Iaia 10/11/2012

      Ciao Milly !
      Adoro le domande perché non so mai rispondere a una in maniera normale. Quando hai tempo e voglia fammi tutte quelle che vuoi.
      Un bacione!

  • Bibi 10/11/2012

    non gli piace nemmeno l’origano. segno nella lista dei suoi infiniti difetti, sotto savoiardi.

    • ssandrici 10/11/2012

      preparo savoiardisardi all’origano…:)

      • Iaia 10/11/2012

        aahahhhahahahahahah ti amo !
        Facciamoliiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii ( in versione salata con semi di finocchio. Li odia ! LI ODIA !)

  • Monica 10/11/2012

    eccomi, la Nanda 2!!! io una volta con l’origano mi ci ero fatta anche un decotto 😛

  • pani 10/11/2012

    uhm…detesta l’origano. E prova con la maggiorana!

  • vorrei riuscire a mettermi alla prova. mi immagino fallire nel giro di mezza giornata. ma almeno ci avrei provato. invece di continuare nel tentativo di rendere utili giornate di tempo così denso che non scorre mai. e riesco a sprecarne la maggior parte. ho la pessima impressione di sprecarne la maggior parte. ho la pessima impressione che questo bolo di tempo non va mai via e allo stesso tempo non riesco ad afferrarne nulla. giornate infinite che diventano subito notte. la notte mi apre qualche spiraglio che non posso sfruttare. perché dilata ancora di più il giorno e lo addensa di sonno. un bel circolo vizioso insomma.

    (adesso avrei bisogno di una parafrasi analitica di ciò che ho scritto per capire. puf.)

  • lacinzietta 12/11/2012

    Vellutate, vellutate tutta la vita!!

  • lacinzietta 12/11/2012

    Ma la ricetta? Io la voglio fare B-)

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi