Cheesecake fredda con cioccolato fondente e granella di amaretti

Must Try

La Panna Cotta al tè matcha

Un dolce gustoso, facile e fresco caratterizzato dall'inconfondibile sapore del tè matcha. Perfetto per un dopo pasto ma anche per accompagnare un tè nero fumante caldo e avvolgente.

Semi di papavero e glassa di limone

Una delle preparazioni più buone mai preparate. Mi è sempre piaciuto moltissimo questo accostamento, quello dei limoni con i semi di papavero. Diversi dolci pasquali polacchi e dell’Est Europa hanno proprio i semi di papavero; anche il cozonac, per esempio, ha diverse volte il ripieno di semi di papavero. Il risultato -ma con una ricetta di Ottolenghi è facile- è sorprendente. Molto profumata, leggera e gustosa.

Tiramisù fragole e basilico e un dolce speciale

Un tiramisù molto profumato e fresco. Stupisce per leggerezza e freschezza questo dolce al cucchiaio di cui tutti sono ghiotti.

A brioscia co zuccuru – La brioche catanese più famosa!

La differenza tra la brioscia co zuccuru e quella col tuppo. È importante e non da sottovalutare.
Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

Una cheesecake fredda ? Una base biscottosa con delle paste di meliga che incontra una crema di formaggio fredda dove lasciar colare dell’ottimo cioccolato fondente e degli amaretti sbriciolati?

Una coccola domenicale ( ma anche lunedialè, martediale e occhei la finisco) per lasciarsi cullare dopo le fatiche immani a cui si è miracolosamente sopravvissuti. Una versione fredda nonostante sia inverno inoltrato perché tra tutte queste zuppette, legumi e pasticciotti di carne, seppur intervallati da qualche insalata fruttosa ed inusuale, si sentiva la mancanza un po’ di roba dolce. In realtà la scelta di pubblicare un certo tipo di piatti è dovuto al fatto che con l’arrivo del Natale il Gikitchen si trasformerà in un vero e proprio laboratorio dolciario perché dubito fortemente che compariranno molti piatti salati. Sì qualcosa fotograferò, ovvero quello che riuscirò a cucinare al Nippo in queste giornate frenetiche, ma contando che saranno per lo più piatti come petto di pollo arrostito- tofu con salsa di soia- seitan riscaldato al micro, dubito di poter farli passare per interessanti seppur abbellendo con cucchiaini e tovagliolini.

Ci sarà un’ondata cioccolatosa prima di tutto; proprio perché non ne faccio molte di elaborazioni dolci al cioccolato prediligendo il Nippo roba fruttosa e particolare. Avendo molte cavie a mia disposizione ( ghigno malvagio) soprattutto in questo periodo pre natalizio che si preannuncia scoppiettante ( nel senso che cucinando tantissimo e correndo come un’invasata perderò un braccio dentro il robot da cucina ma non me ne accorgerò e lo infilerò in forno con due patate al rosmarino) ne approfitto !

Un Natale cioccolatoso e soprattutto dedicato alle persone intolleranti; ma un Natale anche con ingredienti per nulla pazzeschi e ricercati anzi! Economici sì ma attenti alle diverse esigenze alimentari. Il motto sarà un po’ questo.

Di cheesecake ne ho preparate un bel po’ qui e vi lascio giusto qualche link:

( una delle prime ricette è stata proprio la Cheesecake realizzata insieme alla mia bellissima Cognata socia Piola)

( e pure una versione brownies cheesecake che puoi trovare qui ! è ottima davvero)

E’ un dolcetto, come ribadito fino allo sfinimento, facilissimo da preparare. Sia nella versione fredda che calda. La versione cioccolatosa coulant che avevo pasticciato è stata la ricetta in assoluto che credo mi sia riuscita meglio ( cliccacliccaclicca)

Una base di biscotti frantumati e tenuti insieme dal burro con sopra una copertura omogenea dolce e compatta di formaggio e yogurt/formaggio soltanto/yogurt di soia ( sìsìsìsì devo mostrarvela amici vegani!) e una copertura infinita. Davvero infinita.

Gli ingredienti ( per 12 porzioni circa, una classica forma da cheesecake insomma. Occorre la teglia a cerniera di 20-22 cm massimo): 200 grammi di biscotti di meliga, 120 grammi di burro, 450 grammi di formaggio cremoso, 200 grammi di panna fresca da montare, 130 grammi di zucchero a velo, 10 grammo di gelatina in fogli ( agar agar per i vegetariani eh. Che non mangiano la gelatina in fogli), vaniglia bourbon

In un sacchetto ( ma puoi anche frullarli) rendi polvere i biscotti. Sciogli il burro nel microonde o in un pentolino stando ben attendo a non cuocerlo e versalo nei biscotti. Stendi il composto che hai ottenuto sulla base della teglia a cerniera che hai preventivamente imburrato (abbondantemente). Pressa bene tutto il composto aiutandoti con il leccapentola(spatolinacomelachiami) e metti in freezer a rassodare se hai tanta fretta per 15 minuti altrimenti per 30 in frigo ( prediligo sempre la seconda scelta e giuro non perché ho tempo).

Prepara la crema mettendo a bagno la gelatina in acqua ghiacciata. In un recipiente raccogli la crema e 60 grammi di zucchero a velo con la vaniglia ottenuta dal baccello. In un pentolino riscalda tre cucchiai abbondanti di panna e immergi poi la gelatina dopo averla strizzata dall’acqua. Fai leggermente raffreddare la panna e poi aggiungi alla crema di formaggio. Amalgama bene. Con il restante zucchero monta la panna per bene con l’aiuto di uno sbattitore elettrico. Non deve essere fermissima ma abbastanza consistente e dovrà avere preso anche molto volume. Unisci alla crema con movimenti leggeri dal basso verso l’alto e poi versa la crema che hai ottenuto sui biscotti. Tieni in frigo per 6 ore. Arrivati a questo punto potresti metterci su frutti di bosco, fragole, qualsiasi cosa davvero ma se ti piace l’idea degli amaretti e del cioccolato fuso non ti resterà che ridurre in polvere i biscottini e lasciar colare una ricca e generosa porzione di cioccolato fondente.

Una goduria suprema.

Forse potrebbe interessarti leggere...

19 COMMENTS

  1. Allora… tu non puoi mostrarmi ste fettazze meravigliose senza scrivere alla fine del post ” Hariel la tua fetta è messa da parte, quando vuoi passa a prenderla!” ..no. non puoi! Sto a dieta, vado in palestra, mi strappo i capelli disperata all’idea di vestirmi di bianco..ma questa fetta di cheescake la vogliooooooooooooooooooooooo *_*

    .. però sono dovuta andare sul magico google per sapere cosa fossero i biscotti di meliga … mi hai mandato in crisi eh!!!!!!
    ok, vado a lavare i piatti -.-‘

Rispondi a tittisissa Cancel reply

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

Gelato al burro d’arachidi salato

Il gelato viene sempre prima di tutto. È la cosa che mi piace di più in assoluto. Sempre e per sempre. Questo al burro d'arachidi non credevo potesse essere così buono.

Colazione dolce o salata?

Colazione dolce o salata? Un po' come essere o non essere? Che sia dolce o salata la colazione è necessaria per la tua salute.

Il terzo numero di Mag-azine

Il terzo numero di Mag-azine è dedicato ai profumi di Sicilia. Un'isola incredibile che non smette mai di farti sognare.

Crema salata agli arachidi

Una crema strepitosamente buona che ti lascerà senza parole a base di burro d'arachidi e salsa di soia. Perfetta per condire insalate, involtini primavera e vietnamiti con le cialde di riso.

10 Primi piatti siciliani che non puoi perderti

La pasta alla norma e quella col macco. Il riso con l'ennese che profuma di zafferano e l'immancabile pasta al pistacchio senza dimenticare "a muddica". Scopri i dieci primi piatti irrinunciabili che non puoi perderti se sei in Sicilia.

More recipes like this