Torta (vegana) al Cioccolato con Perle di Zucchero

Must Try

La Panna Cotta al tè matcha

Un dolce gustoso, facile e fresco caratterizzato dall'inconfondibile sapore del tè matcha. Perfetto per un dopo pasto ma anche per accompagnare un tè nero fumante caldo e avvolgente.

Semi di papavero e glassa di limone

Una delle preparazioni più buone mai preparate. Mi è sempre piaciuto moltissimo questo accostamento, quello dei limoni con i semi di papavero. Diversi dolci pasquali polacchi e dell’Est Europa hanno proprio i semi di papavero; anche il cozonac, per esempio, ha diverse volte il ripieno di semi di papavero. Il risultato -ma con una ricetta di Ottolenghi è facile- è sorprendente. Molto profumata, leggera e gustosa.

Tiramisù fragole e basilico e un dolce speciale

Un tiramisù molto profumato e fresco. Stupisce per leggerezza e freschezza questo dolce al cucchiaio di cui tutti sono ghiotti.

Torta alle pesche al profumo di limone

È l'ultimo mese per gustare le pesche e soprattutto per farci le ultime torte, meglio se morbidissime, soffici e profumatissime come questa. È una variazione di Donna Hay e dovresti proprio prenderla in considerazione. L'ho provata anche con le ciliegie e le albicocche e devo dire che il risultato rimane sorprendentemente buono. 
Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

Una Torta Vegana goooooooooooonfissima, sofffffffffffffffffffficccisssima, cioccccolaaaaaaaaaaaatossisssssima., buuuuooooniiiiiiiiiiiiiiissssssssima e. E la smetto, sì. Ma davvero si fa a fatica a credere che non ci  sia latte. Non ci sia burro. Non ci siano Uova. Non ci siano schifezze ma solo farina, zucchero, cacao, olio e acqua. Tu ci credi?

Beh non ci crederei se non l’avessi fatta io. E comunque ho qualche dubbio che una personalità a me sconosciuta in realtà  abbia preso questa meraviglia in pasticceria e l’abbia sostituita (anche perché a Catania, diciamolo, il termine vegano èancoraunpochettolontanonellusocomune. Mi piace essere una Sicula atipica che non elogia  a prescindere la sua Terra ma solo quando è il caso di farlo. Odiatemi, ma con discrezione, integralisti convinti che la Sicilia sia il Centro dell’Universo e Metropoli del Sud. Rispetto ad altri luoghi, sì certo, siamo una “grande Metropoli”. Rispetto a Milano siamo solo venti anni indietro. AMEN. Ad esempio quando ho chiesto “carota viola” venti fruttivendoli su venti mi sono scoppiati a ridere in faccia. Ma forse avevo il rossetto sui denti. Ma io non porto rossetto da almeno due anni. Uhm… vabbè. Ma perché sono finita a parlare di carote viola? Cosa stavo dicendo?Ah sì. Il Rossetto sui denti. Che non si trova roba vegana . Ah sì. Ho dimenticato le patate viola. Sarà la prossima volta. Torna tutto).

Perché si fa davverodavverodavvero fatica a crederlo ma è così. Questo significa che non solo le persone vegane possono cibarsi di roba buona e soprattutto genuina ma che queste ricette vengono in aiuto a chi è in difficoltà per altri motivi.

Questa torta infatti oltre a essere golosa e accattivante in generale, può essere perfetta per chi ha il colesterolo alto o per chi è in un regime ipocalorico controllato ma “qualche volta” ha proprio voglia di affondare i dentoni in qualcosa di gustoso e soprattutto cioccolatoso.

[youtube=http://youtu.be/wAylI07DKWo]

La VideoRicetta (oltre al fatto che non sappia dire cioccolato nonostante mi impegni e stia seguendo corsi di dizione con il mio nano da giardino) mostra come non occorra assolutamente alcuna cura per la realizzazione (Il Metodo Iaioso, insomma)  e che il tempo impiegato è pari a qualche minuto. Non so come possa venire adoperando le teglie “normali” (in effetti per dei raffronti oggettivi dovrei smetterla di adoperare solo ed esclusivamente il silicone. Ma ho talmente tanti aggeggini che se non fossero impilabili come nel caso del silicone non basterebbe la Reggia di Versailles per contenere neanche un cassetto straripante dei miei. E poi io non sono una Food Blogger, tzè. Adopero il cioccolato bianco, penso che Cracco sia sensuale quanto il coniglio in agrodolce per il mio palato e la mia specialità è: Spaghetti con salsa appallottolati molliscotti da lanciarsi in faccia durante le liti familiari).

Visto che blatero a sufficienza nel Video pare che io possa tacere per iscritto al momento (ma non lo faccio. Quindi cosa sto dicendo?). In realtà con il Video non è che io perda meno tempo. Anzi direi l’esatto contrario.

L’uscita del Libro e la correzione definitiva delle bozze sono alle porte ( sto già lavorando a tanto altro che ho assolutamente dimenticato quello che ho fatto. Incredibilemavero) e  più esaurita che mai non capisco cosa devo fare. cosa devo dire. chi devo essere. che giorno è. se è pasqua o ferragosto e sto sfornando panettoni.  e blablabla.

Dire che sono confusa è un po’ come dire che al Nippo FORSE manca qualche capello. E’ un esempio calzante? c’entra qualcosa? Non lo so. So che è tutto parecchio complicato.

Troppo. A tratti grottesco, paradossale, allucinante e mi piacerebbe controllare tutti i sinonimi su un Dizionario Online a caso ma non ho tempo neanche per quello. Chiedo venia in ginocchio sui ceci a tutte le persone che mi scrivono giornalmente e alle quali non riesco a rispondere.

Dubito fortemente che leggano queste righe e quindi è un chiedere perdono “inutile” e una comunicazione di disservizio superflua. Ma pare che tutti amino comunicare con me che sono al momento la persona meno comunicativa.

Se avessi la fortuna di non essere Iaia, sarebbe l’ultima persona alla quale penserei per comunicare.

Come faccio a non essere Iaia? Ecco. Il quesito del giorno è questo.

Forse potrebbe interessarti leggere...

53 COMMENTS

  1. Avevo anch’io una ricetta simile, ma addirittura senza olio! Superlight e senza alcun senso di colpa!!! Ma ovviamente, odiando o quasi tutto ciò che è trooooppo light, la farcivo sempre con creme, cremine e pezzettoni di cioccolato, vanificando ogni attitudine salutista della torta stessa! 😉

  2. adoro preparare torte vegane anche se non sono vegana perchè detesto le etichette e quella torta lì mi piace un casino e la rifarò, sì la rifarò! buona giornata Iaia

    • Monica non sai quanto mi fai felice.
      E’ proprio vero che non occorre essere qualcosa per volersi bene o deliziarsi con qualcosa di salutare che a prescindere è una coccola per il colpo e l’anima. Se la provi mi fai sapere?
      Un bacio egrazie sempre per la tua preziosa compagnia

  3. Sei troppo bella, simpatica e soprattutto geniale per non poter essere Iaia! 🙂
    Adoro tutto quello che scrivi, dici, fotografi e sei insuperabili nei disegni!
    Ti prego non cambiare…. 🙂

    Milioni di abbracci da una vegana che finalmente potrà fare una ricetta senza sostituire gli ingredienti!!!! 😉

    • ❤ ebbeè ma dopo tutti questi complimenti immeritati scatta il bonifico 😛

      Sei dolcissima .
      Molto.
      E non credo di meritare tanto ma.
      Grazie. Grazie infinite.
      Se la provi e ti piace me lo dici? ma soprattutto se non ti piace così mi prendi a sberle 😀
      ti abbraccio fortissimo
      ( sono svampita perdonami. Ma noi ci siamo conosciute su instagram vero? PERDONAMI sono davvero svampita *_* perché non so se ti seguo lì e se non ti seguo perché non ti seguo? santocielononcelapossofareHOunetààààààààààààààà)

    • ❤ Grazie Airin.
      Grazie davvero ( sul “grazie al cielo sei iaia” beh dissentirei *segue risata isterica)
      Ma grazie, ecco.
      ho detto grazie?

      uhhhhhhhhhhhh
      maledettadieta!
      ti capisco cucciola ma non demordere e soprattutto non chiederti troppo e non darti obiettivi assurdi. PErdonami per la ramanzina ma.
      Davvero ti capisco.
      E’ una coccola delicata questa. Che se opportunamente inserita in un contesto alimentare corretto saprà essere un fido alleato per quando si vuole staccare dal’odioso pettodipolloinsalatablablabla.
      Spero davvero che possa piacerti.
      Se la provi e hai tempo ti va di dirmi come è andata e se ti è piaciuta? Un bacione e grazie sempre per essere qui

  4. Io ci credo che venga bene questa torta e ci credo anche che sia buona…perchè ne faccio una simile, senza uova nè burro ed è una delle più apprezzate da amici e parenti… proverò sicuramente anche questa versione! Un abbraccio forte forte e la solita riserva di bacetti che Frugolino ha lasciato qui per te stamattina prima di andare all’asilo!

    • ❤ Luci mia quando hai tempo e voglia passamitutteletortechevuoi che io ci faccio un libro ” le torte di Luci”
      sai che penso sempre alla mia zietta Luci quando dico Luci.
      Ed è una sensazione dolce.
      sto vaneggiando sì ma davvero. Questo suono: Luci.
      Così familiare, dolce, accogliente.
      Come te.
      Sarà una prerogativa degli angeli che portano questo nome.
      Un bacione grande.
      A te, Frugoletto e ingeriminese.
      tieni duro !
      non mollare!

  5. Che ho cucinato nel weekend? I soliti pancakes senza latte, senza burro, senza lievito, senza glutine e la solita pizza senza glutine, senza lievito, senza. Ma togli e togli sono venuti buoni lo stesso, peccano di immangiabilità il giorno seguente, però. Cracco l’ho visto una volta e mi è sembrato un dito in un occhio, sporco di sale e peperoncino. È ho fatto i tuoi dolcetti sanvalentiniani vegani: mi sono praticamente esplosi nel forno per quanto sono cresciuti: umbelievable!!!! :0

  6. MERAVIGLIOSA. COME TE BABY.
    TI ASPETTO NEL POMERIGGIO, SONO RIMASTA SENZA ROSSETTO FUCSIA. LO SAI CHE E’ IL COLORE DELL’ESTATE VERO? COSI’ CON LA SCUSA COMPRIAMO ANCHE SMALTO, BLUSH (QUANTO E’ BELLO DIRE BLUSH???) E OMBRETTI.
    AH VISTO CHE SIAMO ANCHE UNA BORSA. NON VORREMMO MAI RIMANERE SENZA UNA BORSA FUCSIA NELL’ARMADIO VERO?
    TI AMO.
    CIAO.

  7. 🙂 BELLISSIMA…IAIA VOLEVO DIRE CHE TI LEGGO…APPENA POSSO TI LEGGO…NON VI HO ABBANDONATI….UN BACIONE A TE, E A TUTTI!!!!

    • PS…IO NON POSSO PIù NE LEGGERE NE PRONUNCIARE CIOCCOLATO/CIOCCOLATA/CIOCCOLATOSO SE NON CON TRE T…I <3 YOU 🙂

  8. Non fa niente se non rispondi, hai le tue priorità e noi siamo qui, ma non ti azzardare e dico NON TI AZZARDARE a non essere piú Iaia. Ecco.
    E oggi dovevo fare la colomba, ma non ho tempo (causa 9 ore di lievitazione + esame di stamattina – ho atteso x 3 ore il mio turno, mortacci! -) e quindi oggi faró sta torta.
    Fine.
    Bacetti,tanti come sempre!

  9. senti se iaia non fosse iaia, ma che tttte lo dico affà.
    io ho cucinato una torta salata radicchiomozzarellapancettazucchine e mmm biscotti rose del deserto °___° buonissimi. ecco. (che nient’altro sono che cookies rotolati nei cornflakes. ho un problema con i cereali, sì.)

  10. vado a cercare altri sinonimi. te li mando via mail
    che leggerai quando i sinonimi non si useranno più
    ciao
    ti amo
    ah e quando non vuoi più essere iaia ci facciamo i passaporti falsi ci ossigeniamo i capelli e partiamo occhei?

  11. Ecco adesso ho capito perchè a me le decorazioni vengono sempre così brutte. Ecco io non avrei mai avuto la costanza di mettere una pallina alla volta…no sarei impazzita molto prima…

    PS: guarda che anche qua a Bologna secondo me il 70% dei fruttivendoli non ha idea di cosa sia una carota viola 🙂

  12. in questi giorni in cui divorerei tutto ciò che di “cioccolattoso” mi passa davanti, mi resta l’acquolina in bocca perché non ho tanto tempo per preparare un bel dolce profumato! ma lo metterò tra le prossime creazioni da sperimentare! maaa..posso chiederti un favooore!? metteresti gli ingredienti anche nel post e non sooolo nella videoriceetta! lo so, sono penosa, ma in questo periodo internet da me è lentissimo! e non sempre riesco a caricare i video ad una velocità decente! 🙂

  13. Ciao! Scusami ma l’acqua serve per la glassa? Non l’ho vista versata insieme agli altri ingredienti nella torta..! (:

    • Elisa ciao ! grazie prima di tutto per essere qui .
      Scusami ! sono sempre la solita imbranata.
      Hai assolutamente ragione . Allora mi spiego meglio ( ci provo) .
      tutti gli ingredienti che vedi sono solo della torta e quindi l’acqua va dentro. La glassa come dico a fine video ( male velocemente e incomprensibilmente) è soltanto cioccolato fuso ( al 85% e quindi non strettamente vegano ) e quindi no. Non va nella glassa.
      quindi se hai voglia di farla ( mi dici caso mai se ti è piaciuta? perché è da giorno che la provano in tantissimi e sta riscuotendo un successo inaspettato e pazzesco. sono troppo felice) butto giu’ dentro -anche l’acqua- e lavorala. Il segreto sta proprio nel lavorarla tantotantotanto con lo sbattitore. Gonfia parecchio.
      POi decidi tu che glassa adoperare. Se preferisci e non sei vegana vai di cioccolato fuso altrimenti puoi fare una semplicissima glassa con zucchero a velo, cacao amaro e acqua. o acqua, zucchero a velo o confetture eo santo cielo quello che preferisci *_*
      (scusa per gli strafalcioni ma sono senza luce e dall’ipad con il touch faccio una confusione pazzesca)
      un bacio e spero a presto !

  14. Grazie mille per tutte le info!
    Complimentoni per il blog!!Mi piace un sacco! Non sono vegana(ma amo tutto ciò che è naturale, senza troppe uova e carne..) e ti ho scoperto oggi, tramite un post di “PACIOCCHI DI FRANCY” (ma ti ho messo già tra i PREFERITI:D)

    PS. sono abbastanza pasticciona più che pasticcera, comunque ti farò sapere..!
    Un bacio e a presto!

  15. Cara Iaia, allora..per me l’obiettivo principale era: riuscire a sfornare una torta COTTA(ho seri problemi con il forno, infatti anche questa è dovuta stare ben un’ora e mezza dentro..eheh), quindi direi di esserci riuscita alla grande!
    L’impasto in verità era abbastanza “liquido”(dal video non sembrava, eppure l’ho lavorata parecchio..almeno una decina di minuti!!).
    Io ho usato la farina integrale, non ho messo il cacao(mi sono accorta di avere solo la scatola nella dispensa XD), e ho aggiunto l’uvetta-che si è un pò bruciacchiata visto che era in superficie(avrei dovuta metterla nell’impasto prima di versarla nella tortiera in effetti)!
    Insomma GRAZIE!
    Devo assolutamente provarla col cacao e magari farla diventare una Veg-Sacher!

  16. Voglio farla per domani sera. Ma si conserverà? Poi la farcirò con marmellata di pesce e cioccolato per fare tipo una sacher.

    Nel video l’acqua la aggiungi dopo l’olio, vero?

  17. Maghetta questa torta è magnifica! non vedo l’ora di provarla. ho già l’acquolina!! 🙂
    mi spieghi però dove hai trovato la vaniglia in vasetto già tutta con i semini liberi? penso sia assai pratica.

    • Laura ciao ! Grazie prima di tutto di essere qui.
      Non consiglio mai le mie elaborazioni soprattutto se ahimè ci ho messo del mio ma questa è davvero pazzesca e l’hanno provata in tantissimi ( soprattutto in questi giorni).
      La vaniglia la trovo sempre al biologico ed è proprio estratto di vaniglia così oltre a non fare “fatica” ( si fa per dire) con il baccello mi viene davvero semplicissima. Insomma hai ragione è pratica assai.
      Aspetta che mi alzo e controllo marca a tutto tutto……

      eccomi
      Vaniglia bourbon 100% distribuita da Rapunzel in confezione da 15 grammi ( http://www.rapunzel.fr)

      Spero di esserti stata utile.
      Se la fai e hai voglia e tempo mi fai sapere?
      grazie!
      Un bacio

      • grazie mille!!! 🙂 super utile eccome. proverò a guardare da Naturasì.. forse loro ce la potrebbero avere. nel frattempo userò la solita stecca e appena la provo, sicuramente fine settimana, ti farò sapere, ma sono più che certa che sarà una bomba! niente uova, niente burro..leggerezza a volontà..come può non essere ottima?!

  18. Ciao! Posso chiederti perché nel video non viene aggiunta l’acqua? (è solo un taglio di montaggio? è stata una dimenticanza? Perché il mio impasto è venuto notevolmente più liquido del tuo, quindi riguardando il video ho notato questo particolare… e ora la suspense mi sta uccidendo!)
    Complimenti per le ricette, comunque! 🙂

  19. stellaaaaaaa che dici posso usare questa ricetta per fare la torta di san valentino, quella con il cuore dentro??? viene tranquillamente? visto che dicevi che era utile avere un impasto compatto… e questo mi sembra adatto (credo)… 😛
    baci baci iaiachan ♥

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

Le polpette di melanzane di mamma

La mamma ha sempre ragione anche quando non ce l'ha. In cucina poi non ne parliamo. Se la mamma dice "a occhio" allora tu devi fare "a occhio", fine del discorso.

Il Cantalupo con la feta

Un piatto facile, veloce e strepitoso. La feta con l'anguria, da anni, è una certezza ma con il cantalupo hai mai provato?

Le Ricette di Mamma – Siciliane a base di pesce

Ti racconto alcune delle ricette siciliane che mia mamma prepara da sempre. Delle preparazioni che non sono solo piatti ma scrigni di ricordi, giorni e vita. Un tour tra cuore e tavola.

Le melanzane più buone! Come le fa mamma

Una delle ricette che amo di più e che mangio sin da piccola. Che sa di tradizione, amore e casa.

Crema salata agli arachidi

Una crema strepitosamente buona che ti lascerà senza parole a base di burro d'arachidi e salsa di soia. Perfetta per condire insalate, involtini primavera e vietnamiti con le cialde di riso.

More recipes like this