Torta Cioccolato e Pistacchi senza Farina (VideoRicetta)

Must Try

La Panna Cotta al tè matcha

Un dolce gustoso, facile e fresco caratterizzato dall'inconfondibile sapore del tè matcha. Perfetto per un dopo pasto ma anche per accompagnare un tè nero fumante caldo e avvolgente.

Semi di papavero e glassa di limone

Una delle preparazioni più buone mai preparate. Mi è sempre piaciuto moltissimo questo accostamento, quello dei limoni con i semi di papavero. Diversi dolci pasquali polacchi e dell’Est Europa hanno proprio i semi di papavero; anche il cozonac, per esempio, ha diverse volte il ripieno di semi di papavero. Il risultato -ma con una ricetta di Ottolenghi è facile- è sorprendente. Molto profumata, leggera e gustosa.

Tiramisù fragole e basilico e un dolce speciale

Un tiramisù molto profumato e fresco. Stupisce per leggerezza e freschezza questo dolce al cucchiaio di cui tutti sono ghiotti.

A brioscia co zuccuru – La brioche catanese più famosa!

La differenza tra la brioscia co zuccuru e quella col tuppo. È importante e non da sottovalutare.
Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

[youtube=http://youtu.be/Z8bF-1y4YCU]

Ho saltato due ricette uff*disse con le mani poggiate sui fianchi, tanti brufoli in faccia e otto chili in più.

Mi sono detta che dovevo pur premiarmi in qualche modo e allora? Abbuffata di Cioccolato fondente (anche al 99 della Lindt che se lo sciogli in bocca e poi ci bevi su il caffè Nespresso alla Nocciola capisci che una forza superiore a forma di Nano da Giardino che ti salverà la vita ESISTE) soprattutto Torinese (ho fatto fuori l’uovo di Pasqua del Nippotorinese, porello. Un pallone granata del peso di un chilo. Tuttoiomelosonomangiata). Come resistere? Da 4 anni a questa parte senza alcun tipo di problema, ma quest’anno complice anche l’appetito del mio papetto mi sono lanciata in un’epocale scorpacciata di cioccolato fondente. Peccato che ora abbia un’intossicazione e dolori lancinanti allo stomaco. Non volevo accumulare ancor di più arretrati e quindi poche righe e una VideoRicetta, che nulla c’entra secondo lo schema bloggereccio perché oggi essendo Giovedì doveva esserci un bel secondo (e c’è ancora in Archivio. E’ solo posticipato). Guarda caso la VideoRicetta in questione contiene cioccolato. Tanto CIOCCOLATO. Volevo postarla in occasione del compleanno di Bea (Bimbografie) ma due-tre  settimane di ritardo sono in perfetto stile Iaioso; direi quasi in anticipo anzichen0.

 

Gli ingredienti per la torta sono:

  • 150 grammi di cioccolato fondente
  • 150 grammi di zucchero semolato
  • 150 grammi di pistacchio (tritato al mixer)
  • 150 grammi di burro
  • 6 uova (tuorli e albumi separati)

pizzico di sale
(teglia imburrata foderata meglio se apribile)

Gli ingredienti per la ganache sono:

  • 150 ml di Panna Fresca
  • 150 grammi di Cioccolato fondente
  • pistacchi per decorare: polvere e interi ( io ne ho adoperati altri 150 grammi per una versione super pistacchiosa ma regolati tu)

Per la copertura va anche bene una colata semplice di cioccolato fondente senza panna.

Forno a 190.  Fondi il cioccolato al micro o a bagnomaria. Frulla tutti i pistacchi . Unisci dapprima  50 grammi di zucchero e 50 grammi di  pistacchi fino a fare una polvere. Unisci burro fuso ma non liquido  e altri 50 di zucchero amalgamando bene con il frustino elettrico. Aggiungi il restante pistacchio. Aggiungi i tuorli uno alla volta e aumenta la velocità pian piano. Aggiungi il cioccolato fuso che deve essersi un po’ raffreddato. Monta gli albumi con un pizzico di sale a parte e sul finale aggiungi gli altri 50 grammi di zucchero agli albumi finché non sarà tutto liscio, setoso e sodo.

Unisci una cucchiaiata abbondante degli albumi all’impasto cioccolato-burro-zucchero-pistacchi e fai girare per un po’. Poi fai il contrario, ovvero incorporando l’impasto cioccolato-zucchero-burro-blablabla agli albumi. Lentamente. Con movimenti dal basso verso l’alto.

Versa  nella tortiera bella imburrattttttttisssima (rivestila di carta da forno per sicurezza) e in forno per 20 minuti (a 190) e poi abbassi a 180 per altri 20-25 minuti. Controlla con uno stecchino e se asciutto tira via la torta e fai raffreddare completamente prima di incorporare con la spatola la ganache e ricoprire con pistacchi interi o a pezzi.

Per la Ganache lavora panna e cioccolato fuso insieme con una spatola per dolci.

Forse potrebbe interessarti leggere...

36 COMMENTS

  1. io e nigella diventeremo amiche..me lo sento!!!!
    non vedo l’ora di fare una sua prima ricetta *_*
    non so da dove iniziare!!!!
    bello il tuo angolo in terrazza… il nano sembra stare mezzo nascosto a controllare 😀

  2. Amore mio.
    E’ la prima volta che ti sento pronunciare il mio nome.
    Non so se sono emozionata di più per la dedica o per la torta!
    Non sei in ritardo, semmai in anticipo di 11 mesi e due settimane.
    Grazie!!! Tivvubbì

  3. Dunque. Io la vorrei fare, questa torta. Ma non capisco cosa fare con i 100 grammi residui di pistacchio. Nel senso che si parte con 50 g di pistacchi e 50 g di zucchero. Poi si aggiunge il burro, il cioccolattttto fuso e altri 50g di zucchero. Poi i tuorli e infine gli albumi a neve (nei quali ci sono altri 50g di zucchero). I 100 g di pistacchi che avanzano? Che ce faccio cì? Li damo ar sorcio?

    • ahhhh ma oggggggi mi volete fare tutti piangere *_*

      Airin santocielo ma quanto dolce sei?
      posso abbracciarti 34 ore ?
      (menti benissimo ! brava! il bonifico come pattuito arriva stasera occhei? )

      ( grazie infinite*disse rossa rossa)

    • ahahahaha non mi posso digerire quando lo dico *_*
      e ora ci sto pure attenta ma non ci riescoooooooooooooooooooooooooo

  4. questa la stavo aspettando da quel giorno là
    ecco
    e poi in sottofondo ci sono gli xx e si parla di cioccccccolato e pistacchi. cosa volere di più dalla vita?

  5. eccomi. sono in ritardo? appena appena vero?
    (*arriva fisachiettando con aria innocente*)
    comunque ormai qualsiasi parola inizi per “cioccolat” sarà letta “cioccolattttosa/o” quindi questa è una torta cioccolatttosa coi pistacchi ecco.
    che spettacolo comunque eh!
    mille bacetti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

Gelato al burro d’arachidi salato

Il gelato viene sempre prima di tutto. È la cosa che mi piace di più in assoluto. Sempre e per sempre. Questo al burro d'arachidi non credevo potesse essere così buono.

Colazione dolce o salata?

Colazione dolce o salata? Un po' come essere o non essere? Che sia dolce o salata la colazione è necessaria per la tua salute.

Il terzo numero di Mag-azine

Il terzo numero di Mag-azine è dedicato ai profumi di Sicilia. Un'isola incredibile che non smette mai di farti sognare.

Crema salata agli arachidi

Una crema strepitosamente buona che ti lascerà senza parole a base di burro d'arachidi e salsa di soia. Perfetta per condire insalate, involtini primavera e vietnamiti con le cialde di riso.

10 Primi piatti siciliani che non puoi perderti

La pasta alla norma e quella col macco. Il riso con l'ennese che profuma di zafferano e l'immancabile pasta al pistacchio senza dimenticare "a muddica". Scopri i dieci primi piatti irrinunciabili che non puoi perderti se sei in Sicilia.

More recipes like this