Home / Iaia in Viaggio  / Diario di Bordo di una Crocierista Costretta

Diario di Bordo di una Crocierista Costretta

(scrivo questa introduzione prima di salpare. Mi riservo quindi il diritto di rimangiarmi ogni singolo pregiudizio e atavico luogo comune)

Quella che seguirà nei prossimi giorni è la triste storia di una Crocierista Costretta; questa inoltre, conscia di quello che a breve la attenderà, naviga nei più atroci e drammatici tormenti psicologici già da giorni. Un diario di bordo verrà redatto meticolosamente come supporto psicologico al fine di trascrivere le memorie nel caso questo Caronte dovesse essere l’ultima tappa della sua esistenza (mi piace essere sempre ottimista e propositiva, è chiaro).

Periodi sintattici sgrammaticati e allucinanti a parte: sì. Sono-Siamo in partenza ( ed io sommersa di cerotti per il tallone, crema rinfrescante per gambe stanche, pensulvit per rossori alla palpebra, fermenti lattici per mal di stomaco feroce e . Pare che stia andando all’ospizio piuttosto che in vancanza). Ho condiviso (leggi “per sopravvivere e avere uno scopo oltre a vedere giocare gli anziani a bocce al ponte 10 e i bambini fare tuffi al ponte 12”),  con voi tutti amici, l’esperienza della mezza crociera e nel caso in cui fortunatamente vi foste persi quel capitolone della mia vita basta cliccare qui. Cliccando  infatti si avrà minimamente idea di quello che penso di questo tipo di viaggio e considerazioni pressoché inutili a fine esperienza. Mai avrei creduto di ripetere l’esperienza ma proprio perché non ci sono più le mezze stagioni e can che abbaia non morde, oggi è la giornata in cui rispolvererei pure:

mai dire mai.

Sinteticamente e senza soffermarmi ulteriormente perché i più sagaci intuiranno i motivi di tale scelta, era per me e noi (papà-mamma-nippotorinese) fondamentale trascorrere del tempo insieme facendo un bel giretto. Non troppo lontano. Non troppo vicino. Non troppo faticoso. Non troppo. Non troppo. Non troppo. Per via della cagionevole situazione salutare del mio Amore Paposo siamo stati costretti a scegliere questa formula perché, per quanto potrò ironizzarci su da qui in avanti (esasperando giusto un po’), rimane comunque una gitarella “simpatica” (solo questo aggettivo posso. Solo questo. E con fatica) dove si hanno diverse chance organizzative; ovvero poter girare qualche città o rimanere a bordo (poco importa se si sono già viste 2348239234892348 volte come nel nostro caso o se a bordo vorresti sparare a vista a tutti i passeggeri urlanti), guardare il mare (potevamo farlo dalla nostra barchetta ma Nanda non si sarebbe potuta scatenare al buffet notturno della pizza al ponte 12) e dormire cullati dalle onde (vomitando per il mare forza nove che è un must in ogni stagione).

Il giro è fantasioso come potrebbe essere lo scoop di Belen in bikini che balla la macarena a Buenos Aires: quello del Mediterraneo. Questo perché avendo deciso esattamente quattro giorni fa per circostanze ben comprensibili c’era ben poco da fare. Fare un salto a Barcellona, fosse anche per la milionesima volta, non è una craniata sulle gengive e mangiare un buon gelato alla playa di Palma di Majorca tanto bruttarello non è. Rimane inspiegabile come una sosta di cinque ore a Barcellona possa essere umanamente concepibile ma è già stato analizzato per bene l’utente x della Razza Crocierista e dilungarsi sarebbe superfluo. Sì, perché il crocierista non vuole vedere (si generalizza ovviamente. Dovesse capitare qui quello 0, 00000001% benvenuto/a amico/a!) la città ma averne semplicemente un souvenir. Ma anche una foto da bordo piscina al ponte dieci al porto può bastare, mi sa.

Diciamo che se mi beccano i ragazzi che si occupano del Web Social e riescono a rintracciarmi nella cabina passerò un soggiorno ancor più indimenticabile (rinchiusa nella stiva e imbavagliata). Impavida e coraggiosa però senza paura mostrerò in tempo reale cosa davvero accade in Crociera. Ultimamente sulla rete ho notato poi che sono state offerte diverse crociere a sedicenti web influencer nell’ambito del fashion soprattutto, che hanno decantato meraviglie attraverso foto spettacolari di outfit con sfondo ponte 9- teatro illuminato e mini campo da golf con tanto di simulazione “cipressi al vento”. Quando è tutto pagato e si ha la necessità di lavorare con il web anche il buffet di mezzanotte diventa un sogno irresistibile da assaporare invece che “tutta la frutta e i dolci rimasti a colazione”. Non avendo io nessun tipo di tornaconto (come sempre mi piace aggiungere) direi di inoltrarci nel magico mondo della vita da Crocierista ( io alla sera di gala vado con la maglietta del nano da giardino che ho mostrato su twitter, per dire).

La vostra cavia (io sì) è la tipica persona x che mai si accontenta. Questo potrebbe falsare leggermente (eufemismo) la percezione e l’approccio con la tipologia di viaggio. Proprio perché l’ultima volta sono passata come (a detta del Nippotorinese e amici) “incontentablie-viziata e lamentosa” (evvabbè la verità) ho deciso di passare al contrattacco e puntare al top.

Intendo dire che Mamma e Papà hanno girato il mondo e non certamente con questo genere di viaggio soltanto ma sono veterani delle crociere  da decenni (cosa non si fa per gli amici). Fiordi norvegesi, capitali europee, altrocapodelmondo, qualsiasilochescion, loro le hanno fatte tutte. Il Nippo ha girato il mondo come mai lo girerò ovvero vivendo appieno i paesi e gustando i luoghi. Condividendo esperienze, abitando con ragazzi e ragazze del luogo, pagandosi con lavori i soggiorni e così via. Io ho girato poco rispetto a quello che avrei voluto e potuto e sono avventurosa come potrebbe esserlo un bradipo in autostrada nella corsia di emergenza. Cosa voglio dire? Non lo so neanche io.

No, lo so. Voglio dire che dato che tutti si accontentano e io mai. Dato che tutti si trovano sempre bene negli alloggi e io ho sempre qualcosa da ridire. Dato che. Ho voluto puntare al top del top del top. Tra le pochissime scelte rimaste c’era l’opportunità di trascorrere la crociera all’interno di una Beauty Farm. Sì, in pratica per i clienti antipatici-snob-incontentabili come me si ha la possibilità di trascorrere la crociera in maniera più discreta e appartata. Il ristorante a parte. Angolini a parte. E blablabla. Naturalmente si può interagire e partecipare a qualsiasi attività della crociera insieme agli altri ma esistono delle piccole esclusività (*disse con fare antipatico toccandosi i capelli e sbuffando un po’).

Questo inutile ticchettio non è tanto per sembrare l’ultima Fescionbloggher che si pavoneggia dell’albergo a otto stelle ma una scema (io) che si è detta:

Se proprio dobbiamo patire questo supplizio di samba, bocce, bingo, ingioiellati che giocano a carte e ballano la macarena e se proprio devo lamentarmi e fare una fotografia dell’europa a borda . Ecco allora io.

Io.

Voglio farlo puntando al top. Altrimenti è troppo facile. E le cose facili è chiaro: sono noiose (beh e poi vogliamo perdere l’opportunità di consegnare mamma nelle sapienti mani dell’istruttore di meditazione in modo che ce la riconsegni bella calma infiocchettata e dopata di fiori di Bach?). Sono già stata inutile con la recensione di “te lo dico io come sopravvivere in crociera”, perché mai non potrei essere ancora più inutile recensendo quello che promettono alla voce “top del top”? Sono fiduciosa (non è vero. E’ giusto per delirare) e voglio sperare che questa esperienza partita con sensazioni sbagliate si trasformi in qualcosa di magico ma ho ragionevoli certezze che questa mia speranza sia oggettivamente mal riposta.

Trascorrerò quindi (a me topdeltop fa sempre troppo ridere e mi viene in mente Crozza che dice in Briatore Style “un ssssssoooogno”) una settimana all’interno di una Beauty Farm all’interno di una Crociera (L’ho sempre immaginato così il reparto di igiene mentale sai?). Roba che se vengono i Maya li ringrazio e preparo pure una cena sontuosa ( ma pare ci sia solo tè verde).

La cosa ancor più surreale e divertente poi è che io detesto come poche cose al mondo stare nelle beauty farm (e l’ho detto io che peggio di me non c’è) e che soltanto l’idea di farmi poggiare pietre infuocate sulla schiena per la Stone Therapy mi piace quanto essere travolta da una mandria di cinghiali  ( se fanno la fish Therapy infilo tutti i pescetti in un secchiello. li salvo e li butto a mare, inciso).

Passiamo però in modalità figlia perfetta e non degenere e do quindi la parola all’altra personalità.

Tenterò di rilassarmi con il mio papino e magari sguazzare un po’ nella talassoterapia. All’interno della Beauty farm ho chance in più per menù vegani e tanta frutta, perché a prescindere da tutto il delirio qui sopra i menù organizzati all’interno della beauty farm in questione per gli ospiti di questo “paradiso sul mare” (Alcatraz in movimento sulle onde legati e insalsicciati nella pressoterapia*HO DETTO LA PERSONALITA’ CHE NON SI LAMENTA! DEVE SCRIVERE SOLO LEI !*) sono particolari; hanno pietanze e cibi completamente diversi da quelli che vengono offerti ai passeggeri nel ristorante (in cui puoi a prescindere e comunque cenare o pranzare. Tipo “sette chili in sette giorni”. Mangi una pera alla beauty farm e poi ti siedi al ponte sei e ti sfondi con pizza e patatine).

La nostra prode Nanda ha già minacciato con tanto di indice puntato sia me che Turi che Nippo urlando “ohhhh non vi mettete in testa che mangio verdure e frutta e riso bollito in vacanza eh!!!!?????? A mezzanotte il buffet della pizza non me lo toglie nessuno!”. Io ho già definito quanti nani da giardino portare. Il Nippo vuole vedermi il meno possibile e fuggire con una massaggiatrice thailandese. Turi desidera solo leggere sul terrazzino e guardare il mare senza essere assillato e.

E io voglio solo scrivere. Disegnare. Fissare le onde abbracciata a papà. Sorridere. Fare tanta amicizia e balli di gruppo e.

E basta. Dai basta. Non farò amicizia con nessuno. SONO ANTIPATICA ASOCIALE INCONTENTABILE E LAMENTOSA. Fortuna che ho infilato in valigia anche una nuova fermatempo ( sììììììììì la D5200. Non potevo farmela scappare e fisheye, tilt shift e robastranacosì saranno all’ordine del giorno).

Voglio solo divertirmi trovando quanto di più ridicolo c’è. A partire dai book fotografici (ma ve li ricordate?) sino ad arrivare alle signore ridicolmente abbigliate per la serata di gala ( farò un book e lo pubblicherò. Voglio proprio rischiare la denuncia!) . Perché sono una persona cattiva e non me ne vergogno.

( e voglio scrivere tanti sms a Cri e Ale che mi mancano da impazzire. Commentare ogni singolo movimento con la mia sirena.  Maltrattare bestiabionda e parlare con Max di punta prosciutto, per dire. E recuperare un po’ di quel tempo che ultimamente ho perso inseguendo malvagi malefici, lavori stressanti, muratori canterini e isolamenti forzati masochistici)

Sarò più inflessibile di Bastianich e butterò i piatti urlando “vuoi che io muoro?”. Dirò “BLEAHHHHHHHHHHHH” e sputerò l’ananas (intagliato a pappagallo? scalfito in una lastra di ghiaccio? ) se non è della giusta maturazione come fossi Cannavacciuolo in un puntatone di “Cucine da incubo” e se fanno il giro nelle cucine come previsto mi trasformerò in Gordon Ramsay e passerò le dita su ogni superficie per testare la pulizia.

Sarò la vostra inflitrata. La vostra eroina (chestoadì?). Mi immolerò io in questa orrenda esperienza (ok picchiatemi a turno) per salvare l’umanità (forse picchiarmi non basta). Sarò l’inviata speciale. Sarò. Sarò una pazza che delira come al solito e metterò pupazzetti ovunque.

Insieme capiremo quali incredibili segreti si celano nei corridoi delle crociere. Tenterò infatti di seguire le avventure dei crocieristi più meritevoli e degni di nota. Vivrò insomma come in un film di Vanzina “Ferragosto in Crociera” e in memoria di tutti gli imbarazzi causati da queste sceneggiature al popolo italiano vi renderò orgogliosa di me e:

E canterò. Canterò al Karaoke gettando il panico. Preparerò tanti caffè e primi piatti. E ballerò il waka waka.

Se non dovessi sopravvivere perché i diversi web Social della compagnia mi hanno rintracciato: il 17 Settembre esce il libro. Andate voi alla presentazione vi prego.  E piangete più che potete in memoria di me (non per la mia perdita eh. Per il fatto che alla presentazioni si piange. E’ una moda che ho lanciato. Ci tengo particolarmente).

Vi voglio molto bene. Anche se questa settimana vi porterò via con me sulla Caronte perché non ce la faccio a stare senza di voi NONCELAFACCIO! ( quasi quasi faccio pure qualche Vlog. Sì i Video-Blog. Quelle cose “giuovani” che si fanno su youtube. Mi riprendo mentre mi lavo i denti. Mentre il Nippotorinese mangia croissant. Mentre passo i controlli per salire sulla nave e vengo fermata dal personale di bordo perché non si possono imbarcare nani da giardino acquistati al mercato di Barcellona. E . Roba interessante di questo tipo, sì).

(no dai i vlog, no)

Ma l’account Youtube iaia in viaggio (video in giro da iphone)  potrebbe essere rispolverato per l’occasione.

Godetevi le vacanze.  E che una pioggia di sorrisi e felicità vi travolga.

Una che disegna, scrive, cucina e fotografa ma non fa bene nessuna della quattro cose.

Review overview
25 COMMENTS
  • bionutrichef 11/08/2013

    vengo anch’io almeno faremo le due asociali 😀

    • Iaia 11/08/2013

      Magarrriiiiiiiiiiiii ❤

      • bionutrichef 11/08/2013

        fai dirottare la nave sull’Arda e vienimi a prendere 😀

  • niCol 11/08/2013

    Una pioggia di baci e si, devi tenerci aggiornati. Assolutamente.
    Vedrai che riuscirai a sopravvivere!!
    Un abbraccio giganterrimo <3

    • Iaia 11/08/2013

      Ti prego dammi le tue coordinate geografiche che vengo a prenderti!!! Dirotttto la nave .

      ( ma si può dirottare una nave ? Come si dice? Santo cielo compro una vocale !!!)

      ❤❤❤❤❤ buone vacanze meravigliosa Nicol . Ti abbraccio fortissimo

      • niCol 11/08/2013

        si dirottala! Tu inverti la rotta e io mi butteró dallo scoglio più alto di Manarola e mi tufferò direttamente nella piscina della nave!!
        ♥♥♥♥♥

        • Iaia 11/08/2013

          Quando torno ti chiamo ( quindi pregherai che non torno*disse ridendo sadicamente ) e ti spupazzo per bene . Ecco.

          ( accanto a me una signora con la tuta zebrata in giallo . Non aggiungo altro perché . Perché . Non respiro )

  • lacinzietta 11/08/2013

    A me sembra un programma fighissimo e non vedo l’ora di salpare virtualmente con te 🙂

    • Iaia 11/08/2013

      Chiedo se mi portano a Boston ( aiuto . Ci sono coppie che ballano in pendant abbigliati con pantalone e paillleetttes!!!! Ho le fotoooooo!!! Ho le proveeeeee!!!!). Se me la carico metto adesso qui !

      ( ❤ sí vieni con me ti prego )

      • lacinzietta 11/08/2013

        Voglio il top di paillettes!! Mi manca!!!

        • Iaia 11/08/2013

          Ma uffa non posso metterli dall’apppp . Ho fatto pure il video !!!

          • lacinzietta 11/08/2013

            Nuooooo corri al pc!!

            • Iaia 11/08/2013

              Massntocielo ti prego scrivimi email vediamo se riesco !!! Maledetto uaaaaaifffaaaaiiiiiiii che non funziona !!!

  • Bea 11/08/2013

    Mi porti un magnete a forma di nano da giardino che mangia pistacchi? E’ per la collezione sul mio frigo.

    Ok scherzi a parte, buon viaggio. A te che se in un modo o in un altro in viaggio lo sei sempre ma… buon viaggio! E rilassati. E divertiti.
    E ti abbraccio!

    • Iaia 11/08/2013

      Ti voglio bene . Appena torno ti mandò nove chili di pistacchi e troverò il magnete .
      E sono sintetica perché il uaifffffffaiiii funziona benissimo *maledettimaledetttiiiiiiiii*

      Se non sopravvivo diccccci all’eletto di continuare il nostro percorso microooondoso ❤

  • rosario 11/08/2013

    buon viaggio, Giulia 😀 divertiti, e raccontaci (io adoro i tuoi diari di viaggio, quasi quanto i tuoi monogatari 😀 )

    • Iaia 11/08/2013

      Rosariooooooo non sopravviverooooooooooo””””” ( sei sempre gentilissimo ❤ grazie !)

  • Chiara Bernardi 11/08/2013

    buttalo ammare il pelato! senza salvaggenti!

  • Bibi 11/08/2013

    io leggerò solo le righe cattivissime saltando a occhi pari (difficile per una strabica eh) tutte le cicciopucciosità
    echecazzo oserei dire (si inizia)

  • pani 11/08/2013

    è meglio essere Crocerista Costretta piuttosto che Crocerossina. Acci…chissà quanta bella gente strampalata che vedrai

  • Wish aka Max 11/08/2013

    Lascia stare Nanda. Sei una brutta persona . Nanda vuole solo mangiare un pezzettino minimo di pizza. Ne avrà diritto? Nanda lo so che mi leggi, quando ero a Punta Prosciutto ti ho pensato! 🙂
    Buona vacanza, dai un abbraccio a Turi per me, per favore?

  • lunaspina 11/08/2013

    Ammmooooore! Sono reduce da 6 giorni di camper e. E sono snob e cattiva, mi hanno detto. Ma io ho sopportato, sono stata silenziosa e ho cercato di adattarmi. e paradossalmente il bagno alla turca del campeggio l’ho trovato più igienico di uno normale perché non avevo alcun contatto con nulla. E avevo apposite infradito per entrare in quei luoghi che rilavavo ogni volta. e mi lavavo i piedi con acqua fresca ogni ora e facevo millemila docce. e sono stata una bravissima camperista costretta. e non ci andrò MAI PIU’! Possono promettermi tutto l’extralusso del mondo dei camper (come hanno fatto), ma non ne ho bisogno: voglio solo spazio, aria, fresco e asetticità. Chiedo troppo? Ok, la smetto. Non sono snob e cattiva vero? 🙁

  • bestiabionda 11/08/2013

    pensa che quando torni mi troverai come un gattinoneroabbandonatoalcaselloditaormina sull’uscio di casa. resta lì fin che puoi u.U

    dettoquesto. io questo diario della crociera lo amo *_* è di un trash spaventoso, già l’anno scorso l’ho amato molto!

  • meravigliosamente orrendo.
    (bè i vlog. diamine. saliresti in cima alle classifiche.)

    ho tanto sonno damorire.
    resto sintonizzata.
    <3 <3 <3

  • tittisissa 12/08/2013

    Sinteticamente. Si. Tu hai il mio stesso dono : la sintesi 😉
    Buone vacanze Iaia, a te e a Nippo. E serene vacanze a Turi e Nanda.
    Piesse: Potendo, ci verrei io con te, cara Nanda, al buffet della pizza di mezzanotte!!

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi