Home / A  / Crostata con Grano Saraceno e Marmellata di Arance Amare

Crostata con Grano Saraceno e Marmellata di Arance Amare

Fatta qualche mese fa questa crostata aveva ricevuto approvazione da parte di molti. Sono particolarmente legata a queste foto perché gli attrezzi adoperati sono tutti ricordi importanti. La tovaglietta è un prezioso ricamo sardo, regalo di Cri e Ale mentre l’alzata un dono speciale della mia bellissima zia Luciana. Il coltello un arnese scovato con il Nippotorinese durante una gita romantica. Quel giorno c’era il sole anche se il momento era particolarmente complicato e difficile e proprio per questo i sorrisi nei volti dopo l’assaggio ha reso tutto speciale.

Ne esiste una versione completamente gluten free che presto pubblicherò (trovassi le foto sarebbe davvero semplice anche farlo adesso). Nonostante alcune torte interamente realizzate con l’uso del grano saraceno possano non essere di gradimento ai più, va detto che ve ne sono altrettante valide e saporite. Lo sforzo di accendere il forno con queste temperature verrà davvero ricompensato al primo morso.

E al primo sorriso.

( qui il forno è acceso da tre settimane. noncelafacciopiù. Sto quasi per finire le foto delsecondolibro. Dove “stoquasiperfinire” significa: mi servono ancora 12 anni. Tutto torna no? Ah. E ho la febbre. Ah. E ho bestiabionda in casa. Ah e sono di cattivo umore. Ah. E ho la sindrome del nonsopportopiulestatevogliolautunno. Ah. E ho sbalzi d’umore. AH e sono emozionataperiillibro. Ah. SONOESAURITAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA)

( ah)

200 grammi di farina 00, 90 grammi di grano saraceno, 1 uovo, 135 grammi di burro a temperatura ambiente, 125 grammi di zucchero  a velo, 50 grammi di cacao amaro,  1 pizzico di lievito per dolci, pizzico di sale.

Setaccia le farine e il lievito. Crea la fontana. Aggiungi lo zucchero e il sale. Versa dentro il burro morbido (non troppo liquido nel caso eh. Fuori dal frigo. No micro) e comincia a lavorare. Prima la sabbiatura picchiettando e poi amalgamando per bene. Aiutati nel caso con un altro po’ di farina se dovesse risultare troppo “liquido” e viceversa con un po’ di burro se troppo “compatto”. Avvolgi in pellicola e lascia riposare per almeno un’ora.

Potresti adoperare anche del cioccolato fondente tritato finemente al posto del cacao. Potrebbe variare la quantità di burro in quel caso. Passato il tempo estrai la frolla dal frigo. Falla riposare un po’ a temperatura ambiente e poi stendila con l’aiuto di un mattarello. Costruiscila come preferisci e ricoprila come la fantasia ti suggerisce (nel mio caso dovevo far fuori una marmellata biologica di arance amare in scadenza).

Perfetta questa frolla anche per essere ricoperta da ricotta lavorata dolce con cioccolato e pistacchi (ma anche mandorle) o per una variante golosa con un’ottima ganache al cioccolato magari aromatizzata al cardamomo, perché no?!

Nulla vieta di tagliare inoltre della frutta freschissima e rendere tutto fresco, leggero e vitamico (per i più golosi con un po’ di panna montata a parte).

Una che disegna, scrive, cucina e fotografa ma non fa bene nessuna della quattro cose.

Review overview
17 COMMENTS
  • valebri 30/08/2013

    amore forzaaaaaaaaa!!!!!!!! dai che ce la possiamo farcela!!!! ti amo, bacia la bionda per me.
    tua, foreva’

  • ssandrici 30/08/2013

    😉

  • Bibi 30/08/2013

    <3
    (sfogati con la bionda, è là apposta no? )

  • tittisissa 30/08/2013

    Usa la bionda come panginboll (che so perfettamente che si scrive così), oppure come parafulmine. Insomma, almeno falle fare qualcosa sennò che è venuta a fare? 🙂

  • manuela e silvia 30/08/2013

    Ciao! è una bellezza! hai utilizzato molti sapori forti e diversi tra loro! bel duo grano saraceno e cacao, poi, secondo noi, la farcia con questa particolare marmellata amarognola è la migliore!
    bravissima, è certo che la proviamo!!
    un bacione

  • Chemical 30/08/2013

    Il libroooooo non vedo l’ora 🙂

  • da piccola l’unica marmellata che riuscivo a mangiare era quella di arance amare. mi piaceva anche a cucchiaini.
    ora se è una buona marmellata (ma temo anche una scadente) posso finirla in un solo round. armata di cucchiaino.
    questa crostata è spettacolare.
    (ti ho mandato un mail, per aggiungere confusione al delirio.)

    aridateme l’autunno.

  • ђคгเєl 30/08/2013

    ma come hai la febbreeeeeeeeeeeeeeeeee???? ohporcapuzzola!!! meno male che c’è la bestia a prendersi cura di te allora 😛

  • Wish aka Max 30/08/2013

    Ah. Fuggiamo.

  • Airin B 30/08/2013

    lo sapevo che bestiabionda era lì.lo sapevo.dalle foto nuvolose 😉
    la febbre no! Porella ♥ ♥ ♥

  • pani 30/08/2013

    scovare coltelli durante passeggiate romantiche è bel passatempo.Voglio provarci anche io.

  • Caterina Giavotto 31/08/2013

    Eh va bbeh… ma se continui così mi viene una fame e una voglia di dolci irrefrenabile… Ottima l’idea del grano saraceno!

  • Serenitudini 01/09/2013

    meravigliaaaaaaaaaaaaa il mio babbo ti abbraccerebbe forte forte lui adora la marmellata di arance…:)

  • Carla castelli 01/09/2013

    Grande idea! Io dovrei cibarmii solo di grano saraceno e nessun altra farina…ma una trasgressione ogni tanto ci vuole! 🙂

  • Rebecca Pascale 31/01/2014

    Volevo chiederti un consiglio, io devo fare la pasta frolla senza burro (uso olio evo) perché sono intollerante ai latticini però non mi viene bene come quella col burro…Mi viene un po’ gnucca hai qualche consiglio o trucco (quella del super non la posso prendere ovviamente sempre a causa burro)?
    Come marmellata d’arance ho usato quella di Rigoni di asiago, perché mi piace il sapore non troppo dolce.
    ciao grazie

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi