Un’insalata di Radicchio, Tofu e Avocado con Crackers sbriciolati

Cinquanta giorni capisci? Ne mancano tanti al Natale. Ho già il planning pronto e pure il Calendario dell’avvento. Ho già il cavalletto montato per le Rubriche video e  i glitterini. Ieri Alessandro e Seby mi hanno pure trovato le mollette per fare il presepe (sì farò il presepe con le mollette) e moltissime proposte che mi gira anche un po’ la testa, tante sono.

Sono così felice che l’idea della collana di arance sia finita su CasaFacile di Novembre (hai visto?) a dimostrazione del fatto che.

Il passato torna e quello che hai fatto i frutti li dà. E se non li dà è inutile perder tempo a crogiolarsi nei perché. Sono ovvi e semplici. Una cosa stupida come la collana di arance può diventare nel tempo una porta di accesso a meraviglie. Una mancanza, un’assenza e una dimenticanza o la poca voglia di fare può essere il passaporto per l’inferno.

Fortuna che in mano ho chiavi solo per un Natale dove la parola (chiave *tuttotorna) è solo una: Sorrisi. Progetti Nuovi e non dimenticarsi di quello che si può fare.

Per tempo.

Mai dopo.

Visto che oggi è una giornata piena, fitta di impegni e. La faccio breve e lascio questo appunto insalatoso velocissimo.

Un’insalata velocissima che se non ami particolarmente il tofu puoi pure pensare di adoperare la feta. Semplicemente lavando e tagliando radicchio, avocado e sbriciolando il formaggio; che sia vegano o meno. Per gli appassionati di wasabi se ne può aggiungere una puntina alla salsa di soia che condirà il tutto e per i più tradizionalisti si andrà di olio extra vergine d’oliva ricordandosi comunque che l’avocado è già sin troppo grasso (beh a questo punto allora si potrebbe pensare direttamente all’olio di avocado; soprattutto sui capelli che fa miracoli).

Sbriciolare i crackers nell’insalata, come arricchire la zuppetta con i crostini di pane saltati o meno, tanto sistematico non è; eppure i crackers all’interno dell’insalata creano un contrasto, per certi versi inusuale nella sua vergognosa semplicità, che difficilmente riesce a passare inosservato.

A me piace immaginare che nessuno si dimentichi di spruzzare sempre l’avocado con il lime o limone che sia. Ma è sempre bene ricordarlo al fine di non trovarsi nel piatto un avocado nero e ossidato dalle sembianze inquietanti e soprattutto un frutto non esaltante come dovrebbe essere. L’avocado in mix con l’agrume e tanto sale diventa una bomba di sapore idilliaco. A me piace moltissimo mangiarlo anche semplicemente pucciandolo nella salsa di soia, perché in effetti se c’è qualcosa di succulento a mio modestissimo avviso è l’abbinamento:

  • avocado-limone-sale
  • avocado-wasabi in crema-salsa di soia
  • avocado-salsa di soia

E sai che anche con il pompelmo rosa non è mica così brutto l’avocado?

QUESTO POST È STATO PUBBLICATO IL: 

13 COMMENTS

  1. Riuscirò a farmi piacere l’avocado?!
    Tanti sorrisi per questo Natale (manca tantissimoooooooo!!) e tanti bacetti silenziosi.

  2. Scusa la latitanza di questi giorni, ho una settimana piena ed impegnativa. Ma ti penso,eh, sempre. Pensami un po’ anche tu, ne avrò bisogno. E speriamo che quello che arriverà sia davvero un Natale sereno e pieno di luce. Non vedo l’ora di aspettarlo, decorarlo, colorarlo, cucinarlo…viverlo con te. <3<3<3<3<3

  3. sto sbavando.

    (e sto registrando. tutto. perché me lo riprogrammo davvero il cervello, a costo di formattarlo a mazzate e riassemblarlo alla meno peggio con calce di avocadoewasabi che secondo me può pure funzionare bene. non mi serve una un ambiente illuminato a giorno. quest’anno mi basta una candelina. e non la faccio spegnere. porcopazzo.)

    (porcopazzo è una parola preoccupante comunque.)

    (ti voglio bene.)

  4. Mi viene l’angoscia. Odio il Natale, il casino, l’obbligo di andare dai parenti, le indigestioni. Sono il Grinch in questo…

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

Seguimi anche su Runlovers

Tutte le settimane mi trovi con una ricetta nuova dedicata a chi fa sport

MUST TRY