Home / Instagram Life  / La vita in una Fermatempo

La vita in una Fermatempo

L’entusiasmo è la parola d’ordine. Entusiasmo e ilarità.


In pieno mood natalizio così quando sarà Natale davvero, che mancano meno di cinquanta giorni, sarò già a Pasqua.

Adorabili servizi scovati in adorabili negozi. Così perché è tutto stramaledettamente adorabile.

E’ una renna ed io ne ho assoluto bisogno per Natale.

Mattine a parlare di Bambole. Diesel. Poltrone anni settanta. Tra architetture, disegni, progetti e case che prendono sorprendentemente forma.

In pratica la mia cabina armadio sarà quanto la mia attuale casa. Ed io metterò solo Nani da Giardino. Tutto chiaro, no?

Nella “stanza bimbo che non c’è” ( la chiamano ormai tutti così) ci piazzo questo idillio sobrio con tanto di poggia piedi tondo. Un corpo di donna, cuoricioso e fumettoso che non potevo certamente farmi scappare per la collezione di poltrone strambe. Che insieme alla Cassina Arancione, alla Hydra Fucsia mi va in perfetto pendant.



Alla fine l’ho fatto. Il dorato nella mia vita era necessario ( sì dai un po’ mi vergogno ma purtroppo poi passa).


Essere ottimista è dire di avere garza in pendant con l’unicorno. Sono una bimba grande ormai.



Il Sabato a guardar case. E poi fare case da guardare.

Cosa si fa nel parcheggio in attesa che il Nippotorinese prenda orridi caffè. Fotografarsi (dall’alto) in controluce con effetto earlybird ( si vede per caso che i miei riflessi ramati stanno prendendo il sopravvento? )




E’ importante questa posizione studiatissima. Tira su gli zigomi e allarga le zampe di gallina. Devo studiarla meglio.

Minion che si tuffano in granite di pistacchio. E si pensa alla mia Alessandra. Tanto. MANCHIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII

Robottini che piacciono a Pani. E quindi piacciono ancor più a me.

I pranzi di Iaia. Eccoli. Qualche volta capita la settimana dei cereali. E ne sono sempre stramaledattemente felice.




Sono tuttietreunaschifezza. Meglio zenzero e limone, ecco. Fatto in casa.

Arte contemporanea culinaria del Sushi vegano







La Robiola avvolta nelle foglie del Cavolo, arrivata dal Piemonte dono della Socia cognatosa e Dottoressa Suocera per il Nippo emigrato, pare che sia una delle ultime passioni del pelato .


E l’ho detto che qui è già Natale inoltrato.

Una che disegna, scrive, cucina e fotografa ma non fa bene nessuna della quattro cose.

Review overview
9 COMMENTS
  • Wish aka Max 11/11/2013

    Non avevo visto il “Quanti bacetti?”
    Non ho potuto fare a meno di cliccare, mandandotene ‘na svaria. Pensavo che potresti classificarli, tipo:
    ‘N pochetto
    ‘N ber po’
    ‘N po’ de ppiù
    ‘Na cifra
    ‘Na svaria.

    😀

    Queste foto mi hanno teletrasportato al 12 ottobre, sono ripiombato dentro casa tua. Sono affogato nel lavoro e mi dibatto in gore oscure. Ma ti penso.

  • pani 11/11/2013

    la robiola incavolata!
    Deve essere un piatto eccezionale. I riflessi ramati, sì! Stai sbiadendo?

  • niCol 11/11/2013

    Alla fine hai ceduto al fascino del melafonino d’oro!!
    Prima o poi lo prenderó pur’io eh!
    (dovró fare una super colletta, prima di spendere quasi 2 stipendi, ma ce la farò!!)
    sei bella anche con i riflessi ramati.
    Bacetti

  • bionutrichef 11/11/2013

    e ti credo che dopo un piatto di lenticchie ti rotoli… troppo pepe, t-r-o-p-p-o p-e-p-e

    • Iaia 11/11/2013

      Buongiorno Monica bellissima e 9842048294820q482948 baci :*

      ecco.
      è che quando non metto il sale ho bisogno di . E ne metto davvero troppo hai ragione!
      *_* santocielononlofacciopiu’.
      Fa male tutto questo pepe, vero?
      *va via a buttarlo

  • tanti bacetti di guarigione per il dito.

    tanta meraviglia per quelle poltrone. non sono poltrone sono personaggi. hanno delle storie da scoprire. quando non le guardi spuntano degli occhi dall’imbottitura e scrutano l’ambiente intorno.

    deve essere così.

    questo Natale lo passiamo insieme noncestannocazzi (ho detto pazzi)
    mi sforzerò di tirare fuori tutto il delirio possibile che c’è in me. voglio un esaurimento dietro l’altro. è preferibile all’abitudine.

    (ti voglio bene. troppobellaseitiraiscoetiportoviapersempre. ecco.)

  • Mariangela 11/11/2013

    Pure io ho preso il the ai frutti e confermo fa cag… Ehm…ha un sapore decisamente meno gradevole della confezione.
    Mi dispiace per la tua unghietta :((

    Un abbraccio forte

    • Mariangela 11/11/2013

      Ps: ho appena pranzato con riso in bianco condito con salsa di soia e wasabi e sto sbavando sulla foto della scatolina con il wasabi in polvere. Ha un’aria più invitante, decisamente più invitante di quello in pasta già pronta! Tu hai provato anche quello in pasta? C’è differenza?
      Grazie Iaia

  • apity 13/11/2013

    Abbiamo gli stessi téééééééééééé! Oddio che emozione! Li sto bevendo in questo periodo. Ma quanto sono buoni?! Quanto?! Tutti devono smettere di bere caffè per bere loro. GOMBLOTTIAMO.

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi