il Maledetto 13 Novembre è arrivato

Must Try

La frolla con i fiori

I fiori si possono ammirare, coltivare, regalare e mangiare. Sì, esistono dei fiori eduli perfetti per zuppe, insalate e dolci sorprendenti.

Il poolish

Il poolish, altrimenti detto biga liquida, serve per consumare pochi grammi di lievito di birra. Un altro modo per consumare meno lievito e ottenere dei...

Torta al cioccolato vegana (la più buona since 2012!)

Era il 2012 quando per la prima volta pubblicavo questa ricetta sul Blog. Ne rimane traccia però solo un vecchio post che non ricordavo....

Organizziamo i pasti per vivere sereni, felici e in salute, soprattutto

Ehhhhh. Sono tornata! E lo dico con voce da Freddy Krueger quando tutti credevano fosse finito a pezzetti nella fornace e invece. Con la...
Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

Sai perché ieri ho parlato di Sushi e questa è la settimana del Sushi? E sai perché finalmente scriverò Sushiland e ho già deciso con chi lo farò per avere meno paura? Perché sei morta quattro anni fa. E io sul profilo Facebook Grazia Guardo ho tolto tutti. E ho lasciato solo te. E leggo i nostri messaggi. Guardo i tuoi commenti alle foto. Passo ore a volte a fissare la bacheca da sola. Ad aspettare che.

E ricordo tutto di te. Dal primo all’ultimo giorno. E so che la cosa che volevi di più. Disperatamente. Era il Sushi. Che avevi mangiato la prima volta con me e che non hai potuto farlo per l’ultima. Perché ti avevano detto che il pesce crudo era pericoloso nelle tue condizioni. Solo che. Non sarebbe stato quello a ucciderti. E nonostante il Sushi abbia sempre avuto un significato univoco legato a Pier, adesso ci sei dentro. Sei il wasabi. Il condimento del ricordo. Sono il chicco di riso, io. Tengo stretta ancorata tutti i miei dolori come quando spingi il riso sulla stuoia e l’alga. Mi arrotolo per non farli vedere e mostrare un’alga insapore, perfetta e stilisticamente inattaccabile.

Non riesco a scrivere di te velocemente. E’ tutto lento, sordo e bianco. Ogni secondo della nostra ultima scena. Ogni parola dei nostri ultimi messaggi. Le nostre promesse di domani. Ci vediamo domani. Domani staremo insieme molto di più di oggi.  E vedo solo me. Buttata per terra; io che adesso per terra non ci sto più e debello microbi per te. Continuo a lavare il giubbotto che avevo come se potesse farti tornare. Faccio il calendario dell’Avvento trenta giorni prima che arrivi questo maledetto tredici Novembre. E ogni mattina apro il cassetto delle malattie, dolori e devastazioni. Mi infliggo colpe e grido il tuo nome. Ti vedo in Ag-nes, la bimba di Despicable Me. Vedo il mio pony rosa che vive nel gazebo nell’unicorno. E mentre mi lavo i denti con Pier dico “la chiamiamo così? Un giorno la nostra bambina? Ag-nes. Ag è come se fosse Agata. Io la chiamavo Ag”. E continuo continuo continuo continuo. E lui mi sorride. Come si sorride alle bimbe quando dicono qualcosa di buffo e privo di senso.

E’ un sushi con la zucca. Perché mi hai portato la torta di zucca l’ultima volta. E pure la zucchetta illuminata. E perché nessun Dottore mai ci potrà dire che ti farà male. Non c’è nessun pesce morto. Nessun batterio. Ho messo i guanti, lo giuro. Ho messo la mascherina, lo giuro. Avevo i calzari, lo giuro. Niente scarpe, lo giuro. Capelli legati, lo giuro.

Mi giuri che torni?

Non passa mai il dolore Agata. Mai. Aumenta ogni anno. Ogni settimana. Ogni

a

t

t

i

m

o

Ma io non crollo. E lo faccio per te. Sto attaccata appiccicata come il riso del Sushi. Mi mostro perfetta come l’alga. Condisco le mie giornate con il tuo piccante doloroso del wasabi.

E mi butto nella salsa di soia. In questo oceano pieno zeppo di soia. Che mi ama e che amo. E porto un po’ di te. Del tuo messaggio e del tuo insegnamento. Affinché mai tu venga dimenticata.

Ciao Patata. Mangia tutto il Sushi di zucca che vuoi, oggi. Io cercherò di non sfaldarmi troppo.

Forse potrebbe interessarti leggere...

23 COMMENTS

  1. Sarò il piccolo sesamo nero allora, che abbraccia delicatamente quel riso che a volte rimane all’esterno. Sarò il piccolo sesamo nero che bacia dolcemente la zucchetta (che non è mai vuota).
    Ti voglio bene, Iaia.

  2. E’ il Tao, Iaia. Ancora una volta. Il bianco e il nero. Cerca nel Tao. Cerca il puntino bianco in questo mare nero. C’è. E’ lì. Lì davanti a te.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

Gelato al burro d’arachidi salato

Il gelato viene sempre prima di tutto. È la cosa che mi piace di più in assoluto. Sempre e per sempre. Questo al burro d'arachidi non credevo potesse essere così buono.

Colazione dolce o salata?

Colazione dolce o salata? Un po' come essere o non essere? Che sia dolce o salata la colazione è necessaria per la tua salute.

Il terzo numero di Mag-azine

Il terzo numero di Mag-azine è dedicato ai profumi di Sicilia. Un'isola incredibile che non smette mai di farti sognare.

Crema salata agli arachidi

Una crema strepitosamente buona che ti lascerà senza parole a base di burro d'arachidi e salsa di soia. Perfetta per condire insalate, involtini primavera e vietnamiti con le cialde di riso.

10 Primi piatti siciliani che non puoi perderti

La pasta alla norma e quella col macco. Il riso con l'ennese che profuma di zafferano e l'immancabile pasta al pistacchio senza dimenticare "a muddica". Scopri i dieci primi piatti irrinunciabili che non puoi perderti se sei in Sicilia.

More recipes like this