Il Pane Orso con un pancino pieno di nuvole soffici

Must Try

Il pancarrè fatto in casa

La ricetta definitiva per un pancarrè buonissimo che si conserva perfettamente. Un pane adatto alla colazione e la merenda ma versatile.

I paninetti alla zucca profumati d’arancia

Perfetti da mangiare semplicemente così senza nulla ma anche per accompagnare il salato e soprattutto i formaggi. Provali con lo stilton, il gorgonzola dolce e morbido ma anche formaggi stagionati particolari. Un bel tagliere di formaggi morbidi e stagionati con questi panini e hai preparato una cena indimenticabile, sai? Poi la forma la decidi tu. Se vuoi fare la treccia te ne vengon fuori due belle grandi. Nel caso dei panini ne vengon fuori sei ma davvero molto grandi; questo per essere credibili come zucchette. Se fai dei panini classici te ne vengon fuori dodici circa ma anche qualcosina in più.

Pane Multicereali con farina di segale e semi di girasole

Come ogni Giovedì è uscito il mio nuovo articolo su RunLovers. Oggi il Pane Multicereali con i semi di girasole che puoi trovare cliccando...

Il Pane con le olive nere e le erbe di Provenza

Una Ricetta facilissima e veloce per ottenere un Pane strepitoso che stupirà. Eccome se stupirà (esistono persone a cui non piace il pane con...
Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.


(Stranamente) non è che abbia avuto moltissimo la passione per la “panificazione” e per i lievitati. Sì, all’epoca ne mangiavo molto di pane ma non ne sono mai stata attratta e se agli occhi degli altri appaio come un’extraterrestre che non mangia pane da più di quattro anni ormai, per me rimane un dettaglio privo di nota. Il Nippotorinese, al contrario, è un estimatore dei lievitati (solo che io lievito senza lievitati e lui no. TIODIONIPPOTIODIO. Inspiro col naso, sì). Si ricorda ancora (vabbè ma quello che me lo ricordo bene anche io) il pane buonissimo integrale con i semi di zucca che sfornavano al Boschetto (tra Coriano e Rimini) e quello delle Befane (Rimini). Cielo, se era buono quel pane. Lo mangiavo volentieri anche io. Il Nippotorinese ama qualsiasi lievitato che contenga  cereali, più ancora se grezzi con i semini come le lavorazioni rustiche. Non apprezza molto il pane siciliano che effettivamente diverso da quello piemontese è. Abbiamo trascorso mesi, agli inizi, a identificare il pane. Qui da noi è famosissima la Mafaldina mentre da lui la Tartaruga. Qui sono famosissimi i Gemellini (due piccoli attaccati) mentre da lui il Musichiere e il Coccodrillo.

Ok mi è venuta voglia di disegnare tutte le forme dei pani italiani e farci un fumetto.

A Torino c’è la Biova e da noi la Scacciatella. A Torino c’è la Rosetta e qui pure ma ha un’altra forma. Il Nippo si è un po’ adattato, insomma, a forza al sapore e alle forme con non troppo entusiasmo. E’ impazzito per il PanePanda, che sfornano poco distante da qui. Il suo animo nipponico ha influito visivamente sul gusto. Ultimamente, complice l’impastatrice in movimento venti ore su ventiquattro e il bimby sempre in azione che agevola alcune operazioni, mi sono dilettata maggiormente nella panificazione; tanto da pensare di voler cominciare seriamente con il lievito madre. Sì, io, quella che è sempre fuggita da questo a gambe levate.

Inizialmente mi sono detta che sarebbe stato carino fargli trovare una sorpresa ed emulare il Pane Panda che tanto l’aveva conquistato (anche se in realtà si tratta di una sorta di “stampato”. Un disegno di panda sulla crosta e non per forma, quindi); poi però in corso d’opera l’orsetto mi è parso più appropriato. Il risultato è stato una felicità incontenibile tanto da farmi ricredere sulla sua stoica serietà.

Davanti a un orsacchiotto tenero, dolce e molto morbido a quanto pare anche un algido cuoricino si scioglie. L’impasto, fatto lievitare al calduccio tra coccole e carezze, è diventato soffice-ma-talmente-soffice che il panciotto era della sostanza di una nuvola. Gli occhietti sono stati fatti con delle nocciole spellate e il nasino lo stesso; solo non spellate per differenziare il colore. Una spennellatina di uovo (anche con pochissimo latte. Tutto sbattuto insieme) renderà tutto più credibile. Soprattutto lasciando le “giunture” più chiare.

Il Pan Orso con un bel fiocchetto di raso rosso credo sia un’ottima idea anche per la Tavola di Natale, vero? Al centro un bell’orsacchiotto renderà magico tutto.


La Ricetta che la lascio a fare? Magari me ne insegnate una voi che è meglio.

Forse potrebbe interessarti leggere...

13 COMMENTS

  1. Il panoroso!!! Lo voglio fare alla mia bimba! Certo, fa un po’ impressione fargli staccare braccia, gambe e testa da una bimba di 20 mesi però… è così tenero! Mi hai convinta(non che ci sia voluto molto) e inizio la panificazione ^^ ah, se vuoi la pasta madre c’è il sito degli spacciatori, io l’ho presa lì ed è davvero un’altra cosa. Ma è anche taaaanto più lenta e più laboriosa. Vedi tu ^^

  2. il Pan Orso, roba da matti…viene voglia di sbranarlo.
    Su, buttati con il lievito madre che è una gran bella cosa. Con quello non lieviti e puoi fare concorrenza al nippo

  3. oddio… io invece mi immagino ad intingerlo nella pentola del pomodoro. niente con la panza che mi ritrovo quest’anno sono il grinch mica l’amorevole Chiari XD

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

Gelato al burro d’arachidi salato

Il gelato viene sempre prima di tutto. È la cosa che mi piace di più in assoluto. Sempre e per sempre. Questo al burro d'arachidi non credevo potesse essere così buono.

Colazione dolce o salata?

Colazione dolce o salata? Un po' come essere o non essere? Che sia dolce o salata la colazione è necessaria per la tua salute.

Il terzo numero di Mag-azine

Il terzo numero di Mag-azine è dedicato ai profumi di Sicilia. Un'isola incredibile che non smette mai di farti sognare.

Crema salata agli arachidi

Una crema strepitosamente buona che ti lascerà senza parole a base di burro d'arachidi e salsa di soia. Perfetta per condire insalate, involtini primavera e vietnamiti con le cialde di riso.

10 Primi piatti siciliani che non puoi perderti

La pasta alla norma e quella col macco. Il riso con l'ennese che profuma di zafferano e l'immancabile pasta al pistacchio senza dimenticare "a muddica". Scopri i dieci primi piatti irrinunciabili che non puoi perderti se sei in Sicilia.

More recipes like this