E’ tempo di Alberelli di Pistacchi: Albero di Bignè con nevicata di Pistacchio

Must Try

La Panna Cotta al tè matcha

Un dolce gustoso, facile e fresco caratterizzato dall'inconfondibile sapore del tè matcha. Perfetto per un dopo pasto ma anche per accompagnare un tè nero fumante caldo e avvolgente.

Semi di papavero e glassa di limone

Una delle preparazioni più buone mai preparate. Mi è sempre piaciuto moltissimo questo accostamento, quello dei limoni con i semi di papavero. Diversi dolci pasquali polacchi e dell’Est Europa hanno proprio i semi di papavero; anche il cozonac, per esempio, ha diverse volte il ripieno di semi di papavero. Il risultato -ma con una ricetta di Ottolenghi è facile- è sorprendente. Molto profumata, leggera e gustosa.

Tiramisù fragole e basilico e un dolce speciale

Un tiramisù molto profumato e fresco. Stupisce per leggerezza e freschezza questo dolce al cucchiaio di cui tutti sono ghiotti.

A brioscia co zuccuru – La brioche catanese più famosa!

La differenza tra la brioscia co zuccuru e quella col tuppo. È importante e non da sottovalutare.
Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

Il periodo dell’anno dove arrendermi al verde, insomma. Quello in cui faccio una fatica sovraumana ma con le lucette intermittenti sembra tutto meno difficile, dai. E allora visto che la pasta choux (sì la sciù) c’era e pure un bel sacchettino di pistacchi di Bronte sgusciati che Orazio ha portato freschi-freschi, mi sono detta che era proprio il caso di fare una bella colata di crema pistacchiosa. Certo è che il cioccolato bianco, come accade con il tè matcha, si sposa benissimo con un’altra polvere verde; giustappunto quella del pistacchio (quanto mi piace mettere punti e virgola a caso. Ma tutta la punteggiatura, eh). Occorre pertanto capire se si è letteralmente drogati di solo-pistacchio e quindi prediligere un gusto univoco oppure questa abbinata. Sarei indiscutibilmente per la prima ipotesi perché oltre a detestare fortissimamente il cioccolato bianco (come si cambia Signora mia! Ero quella che tifava Biancorì alle elementari) c’è da dire che avere la bocca piena di crema al pistacchio – e basta – senza contaminazioni è una di quelle esperienze che ti riconcilia con il mondo. E pure con gli automobilisti arrabbiati che minano alla tua poca instabilità mentale (solo io sembro la protagonista di The Conjuring sul finale quando ha un lenzuolo in faccia e si agita che manco Linda Blair, al primo suono di clacson?).

Ultimamente sono un po’ nervosetta (risate registrate su nervosetta). Sorrido ai bimbi ma appena si muovono leggermente comincio a sentire una sorta di fastidio epidermico come se il fuoco di Sant’Antonio si stesse impossessando di me. Scruto Amazon come farebbe un predatore nella giungla al primo movimento di foglie, segno che lo shopping compulsivo online è peggio di quello “in movimento”. Poi ho scoperto Ronwe che con le calze di Alice, il copri iphone gatto lampeggiante e i leggings della Gioconda con i dettagli dorati ha fatto il resto. Facendomi sentire un revival trash di Cindy Lauper.

Vaneggio su possibile liste regalo. Sogno di avere un Natale che mi manca e che non ho avuto. Poi mi deprimo. Poi compro due regali. Poi faccio due biscotti. Poi vedo un muro cadere giù e uno alzarsi e poi fisso l’accent (perché si chiama così) dorato sulle mie unghie dorate. E ne manca sempre una. E falangetta, ciao.

E’ tutto veramente snervante. E’ rilassante solo immaginare alberelli di pistacchio, neve verde e creme che imbottiscono come onde in piena. Forse che forse sono davvero un po’ stanca e mi servirebbe un viaggetto. Ma devo attendere un po’.

Poi non torno più.

Per un’ottima crema pasticcera al pistacchio (le quantità. Eh. Bella storia. Dipende chiaramente dalla quantità di bignè che adoperate e dalla grandezza. Diciamo che queste dosi sono perfette per imbottirne una bella chilata e più – leggi vagonata. Se non sei sicuro procedi per metà ed eventualmente la prepari una seconda volta)

Ingredienti: 6 tuorli, 7.5 dl di latte, 140 grammi di zucchero bianco, 50 grammi di farina, 10 grammi di burro, vaniglia per aromatizzare e 50 grammi di pistacchio tritato ridotto in polvere.

In un pentolino metti il latte e la stecca di vaniglia. Porta ad ebollizione. In un recipiente lavora i tuorli e lo zucchero finché tutto risulterà bianco e spumoso. Unisci la farina setacciata lentamente e continua a mescolare bene. Versa a poco poco il latte fumante e mescola in continuazione senza fermarti. Metti nuovamente il composto sul fuoco e mescola di continuo portando nuovamente a bollore. Togli subito dal fuoco non appena il bollore è stato raggiunto e aggiungi il burro e la pioggia di polvere di pistacchio. Gira per bene e lascia raffreddare (si potrebbe aggiungere davvero di tutto. Dal cioccolato alle nocciole al tè matcha. Indicativamente 10 grammi di prodotto per 100 grammi circa di crema è già una proporzione abbondante).

Ho poi imbottito tutti i bignè con la crema al pistacchio e messo gli uni sopra gli altri dando poi una ricca spolverata ancora di pistacchio e lasciando colare qua e là un po’ di cioccolato bianco fuso a bagnomaria per rendere tutto golosamente appiccicoso.

Forse potrebbe interessarti leggere...

4 COMMENTS

  1. mi rimane sempre difficile incastrare il verde. quando vedo solo rosso rosso bianco volgliolaneve rosso bianchissimo. qualche contorno ce lo metto eh. posso giocare con l’oro e l’argento ma solo nella fantasia perché luccicano troppo. il verde è difficile, ingombrante, non sta mai al suo posto sul foglio, diamine.

    nella realtà invece va a posarsi su cose che. pistacchi broccoli broccoletti menta basilico avocado. e si bilancia da solo su quelle cimette alberose. si sfuma nel contorno di mezzo pistacchio.

    è davvero indisciplinato.

    (bacini per la falangetta. un abbraccio di dodicioreminimosindacale per te.)

  2. non torni più? manoncredoproprio.
    falangetta <3
    e gli alberelli bignè sono belli, e solopistacchio tutta la vita! [e mi ritorna alla mente la scena del cornetto con la marmellata "ma io lo volevo al pistacchio" che ci ha viste terrorizzate spettatrici in quel di Giardini Naxos e tutta la sua sobrietà. ah, che cose meravigliose *_* ]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

Gelato al burro d’arachidi salato

Il gelato viene sempre prima di tutto. È la cosa che mi piace di più in assoluto. Sempre e per sempre. Questo al burro d'arachidi non credevo potesse essere così buono.

Colazione dolce o salata?

Colazione dolce o salata? Un po' come essere o non essere? Che sia dolce o salata la colazione è necessaria per la tua salute.

Il terzo numero di Mag-azine

Il terzo numero di Mag-azine è dedicato ai profumi di Sicilia. Un'isola incredibile che non smette mai di farti sognare.

Crema salata agli arachidi

Una crema strepitosamente buona che ti lascerà senza parole a base di burro d'arachidi e salsa di soia. Perfetta per condire insalate, involtini primavera e vietnamiti con le cialde di riso.

10 Primi piatti siciliani che non puoi perderti

La pasta alla norma e quella col macco. Il riso con l'ennese che profuma di zafferano e l'immancabile pasta al pistacchio senza dimenticare "a muddica". Scopri i dieci primi piatti irrinunciabili che non puoi perderti se sei in Sicilia.

More recipes like this