I BiscoRenna – I biscotti Renna

I bsicottini Renna sono di una semplicità che disarmante. La base del biscotto può essere scelta tra milioni-di-milioni di impasti. Una frolla semplice zuccherata o un biscotto vegano, altrimenti senza glutine sino ad arrivare a uno completamente impastato senza zucchero e con farine speciali o addirittura senza alcun tipo di lattosio o albume o. o.o.o.o.

Dopo aver realizzato la base che piace di più, occorrerà soltanto del cioccolato fondente per i decori: occhietti e corna e uno smarties o caramella rigorosamente rossa nel caso in cui voleste omaggiare Rudolph (altrimenti per “una renna a caso senza nome” pure marrone-gialla-a pois-a righe). Per incollare il nasino rosso neanche a dirlo: lo stesso cioccolato fondente. Si conservano benissimo e se preparati per tempo possono essere una deliziosa idea regalo (basterà aggiungere due caramelle, ma anche null’altro, una bella scatolina di biscotti di latta o una confezione di plastica con nastrini e passamenerie o il barattolo di vetro o. o. o. o.)

(oggi mi piace o.o.o.o.o.o.o.o. si è intuito per caso?)

Impasto base biscotti che ho adoperato io: 250 grammi di farina OO, 1 uovo 125 grammi di burro, 125 grammi di zucchero, 1 pizzico di sale, vaniglia o cannella come si preferisce.

A 180 gradi già caldo per 10-15 minuti dipende dalla grandezza e dallo spessore del biscotto.

QUESTO POST È STATO PUBBLICATO IL: 

18 COMMENTS

  1. Voglio un biscottino rennoso!!!! Però nella versione vegana! 😉
    Lo so…. Sono la solta rompina…. 😀
    Eevvvvvvaaaaaiiiiiiii di renneeeeeeeeee

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

Seguimi anche su Runlovers

Tutte le settimane mi trovi con una ricetta nuova dedicata a chi fa sport

MUST TRY