Le nuvole sanno un po’ di pepe rosa

Must Try

La Panna Cotta al tè matcha

Un dolce gustoso, facile e fresco caratterizzato dall'inconfondibile sapore del tè matcha. Perfetto per un dopo pasto ma anche per accompagnare un tè nero fumante caldo e avvolgente.

Semi di papavero e glassa di limone

Una delle preparazioni più buone mai preparate. Mi è sempre piaciuto moltissimo questo accostamento, quello dei limoni con i semi di papavero. Diversi dolci pasquali polacchi e dell’Est Europa hanno proprio i semi di papavero; anche il cozonac, per esempio, ha diverse volte il ripieno di semi di papavero. Il risultato -ma con una ricetta di Ottolenghi è facile- è sorprendente. Molto profumata, leggera e gustosa.

Tiramisù fragole e basilico e un dolce speciale

Un tiramisù molto profumato e fresco. Stupisce per leggerezza e freschezza questo dolce al cucchiaio di cui tutti sono ghiotti.

A brioscia co zuccuru – La brioche catanese più famosa!

La differenza tra la brioscia co zuccuru e quella col tuppo. È importante e non da sottovalutare.
Iaia
Una che disegna, scrive, cucina e fotografa ma non fa bene nessuna della quattro cose.

[youtube=http://youtu.be/IftCmXG_V7g]


Il Pepe Rosa. Uhm. Quanto mi piace. Il pepe bianco ho capito che no. Non mi piace. Starnutisco. Soffoco anche un po’. Invece queste piccole perline rosa-rosse mi hanno definitivamente conquistato. Pure sul Pachino mi piace. Pure sulle fave fresche lesse. E pure nei biscotti. Però mica lo so perché non li mangio. Però ecco il Nippo ha detto sì (ma in quelli senza glassa; effettivamente coreografie a parte credo sia inaccettabile il sapore della glassa. Solo immaginarne la leziosità in bocca mi provoca ricordi che mi rimandano alla cassata. Mi piaceva solo l’interno della cassata. Che poi a me la ricotta non piaceva quindi come faceva a piacermi impiastricciata con lo zucchero? Sta a vedere che mi potrebbe piacere la glassa. E perché sto continuando a ticchettare nella parentesi più lunga della storia delle parentesi?).

Insomma per dire che sono Biscottini semplici. Si conservano per giorni, giorni e giorni a patto che sia messi dentro una scatola di latta o in luogo fresco e asciutto (pure con la glassa sì). E che non occorre la formina nuvola. Ne ho disegnata una su un pezzo di carta da forno. L’ho ritagliata. L’ho poggiata sull’impasto e via. Con un coltello ho tagliato intorno. Tutto questo aveva un po’ più senso avendo ripreso i vari passaggi.

Peccato che abbia riformattato la scheda di memoria senza rendermi conto di non aver salvato prima. Furbo, no?

A conferma che testa fra le nuvole calza davvero a pennello. E’ un po’ così. Persa nei meandri dei pensieri oscuri mi convinco di non voler fare del male alle persone che amo e che merito l’isolamento. Sto lì. Sulle nuvole. Appoggiata delicatamente guardando su. Giù. E vedo solo tutto estremamente bianco. E tutto estremamente scuro. La punta di rosso non si intravede. L’anima e il sangue. Il reale. E’ tutto rarefatto, freddo, senza tempo e impassibile.


250 grammi di farina OO, 125 grammi di burro freddo a pezzetti, 125 grammi di zucchero a velo, 1 uovo di media grandezza, un pizzico di sale, pepe rosa macinato (un pizzico) 

Glassa e colorante alimentare (proporzione per la glassa 300 grammi di zucchero a velo e 50 grammi di albumi)

Forse potrebbe interessarti leggere...

6 COMMENTS

  1. Devono essere davvero buonissimi! Cerco di immaginarmi il profumo e il leggero gusto del pepe in bocca…

    Ok, è l’ora di pranzo. Ho fame.

    Grazie per farmi venire SEMPRE l’acquolina in bocca. *.*

  2. bisognerebbe che tutti avessimo una testa staccabile e ogni tanto, “launch!”, lanciarla sulle nuvole a farsi un giretto e prendere aria

  3. Evviva evviva! Sono diventata un biscotto!*-* E pure al pepe rosa. Io ci proverei a farli ma a casa c’ho il forno della disgrazia, cuoce tutto meno che i dolci, fa cose tipo, cotto sopra-sotto crudo, cotto dentro-crudo fuori. crudo fuori cotto dentro (le leggi della chimica sono state sfidate tutte a duello e ha vinto lui: il forno). Forse posso affidarmi al forno piccolino…vedrò 🙂

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

La Food- Disegnoterapia

Puoi concentrarti su di un piatto per impararne bene le forme e prenderci dimistichezza. L'importante è zero stress. Non pensare mai che tu non sia in grado di disegnare. Sai farlo. Ti stupirai.

Pancake vegani con il latte di mandorla

Non sono una fan dei pancake, perché mi piacciono più i waffle ma devo dirti che questi sono in assoluto i pancake più buoni mai provati.

Ti porto nel salone Vittoriano

Ti porto nel mio salone vittoriano per prendere un tè insieme. Ti racconto del progetto e ti mostro qualche angolo inedito.

La Primavera di Fernanda, la mamma

Di questa Primavera ho parlato tantissimo in svariate occasioni, perché mi ricorda mamma ed evoca tanti preziosi ricordi.

La carbonara di fave

Con le zucchine, con gli asparagi, con l'avocado e pure con le fave. La carbonara vegetariana è ricca, buona e sorprendente.

More recipes like this